Nessuna giustizia per Brandy

 

 

Passano i mesi, eppure ancora nulla si sa riguardo la morte di Brandy Vaughan.

 

Molti del movimento antivaccinista italiano avevano visto il suo bel sorriso a Roma nel 2017, quando venne a dare man forte nella lotta contro la legge Lorenzin. La Vaughan era un’ex rappresentante della Merck, una delle più grandi Big Pharma del pianeta, che aveva capito quanto danno stava producendo all’umanità, per cui aveva deciso di divenire una whistleblower, un informatore delle nefandezze compiute sulla pelle della gente dal sistema sanitario.

Brandy, 45 anni, fu trovata morta dal figlio di 8 anni il il 7 dicembre 2020. Non aveva alcuna malattia pregressa

 

Brandy, 45 anni, fu trovata morta il il 7 dicembre 2020. La scomparsa è stata improvvisa: non aveva alcuna malattia pregressa.

 

L’ufficio dello sceriffo della contea di Santa Barbara afferma che la morte dell’ex rappresentante della Merck «sia il risultato di cause naturali»; tuttavia la determinazione finale attendeva un rapporto tossicologico. Seguendo disposizioni che aveva avuto modo di dare quando ancora era in vita, anche gli amici di Brandy avevano raccolto fondi per un’autopsia indipendente.

 

Brandy, ex dirigente delle vendite Merck passata a fondare il sito dedicato all’educazione delle persone sui rischi associati ai vaccini learntherisk.org, secondo quanto riferito è stata trovata morta dal figlio di nove anni l’8 dicembre. Le autorità avrebbero riferito che sarebbe morta per «complicazioni alla cistifellea».

 

«Se dovesse succedermi qualcosa, è un gioco scorretto e sai esattamente chi e perché, dato il mio lavoro e la mia missione in questa vita»

Tuttavia, poco dopo aver appreso della sua morte, un’amica di Brandy, Erin Elizabeth, ha condiviso gli screenshot di un post su Facebook che Vaughan aveva scritto nel dicembre del 2019, in cui assicurava ai lettori che non aveva tendenze suicide e che non assumeva farmaci che l’avrebbero fatta morire all’improvviso.

 

«Se dovesse succedermi qualcosa, è un gioco scorretto e sai esattamente chi e perché, dato il mio lavoro e la mia missione in questa vita», aveva scritto Brandy su Facebook alla fine del 2019.

 

Vaughan ha condiviso un video nel 2015 che descriveva le tattiche di intimidazione che venivano usate contro di lei dopo essere tornata da una manifestazione per protestare contro l’SB277, una delle prime vaccinazioni obbligatorie  per l’istruzione negli Stati Uniti.

Vaughan ha condiviso un video nel 2015 che descriveva le tattiche di intimidazione che venivano usate contro di lei

Nel video descriveva come una volta è tornata a casa da Sacramento per trovare una chiave di casa sua, che aveva precedentemente nascosto tra i suoi cespugli, fuori dalla porta di casa. «Quel giorno mi hanno cambiato le serrature e due giorni dopo ho installato un sistema di allarme da 3.000 dollari».

 

In seguito è stata informata dalla sua compagnia di allarme che qualcuno aveva attivato la sua sveglia alle 3:45 del mattino e l’aveva immediatamente disattivata con il codice principale, che Vaughan ha detto che nessuno aveva tranne lei. Chiunque sia entrato ha camminato lungo il suo corridoio, attivando il sensore del monitor e aprendo e chiudendo la finestra della sua sala da pranzo prima di uscire di casa alle 3:49.

 

«Dopo l’incidente ho parlato con alcuni esperti di sicurezza che hanno effettivamente fatto intimidazioni per le aziende e hanno detto che probabilmente stavano controllando casa tua».

 

Brandy descrive come solo giorni dopo, ha trovato il suo computer spostato dal suo nascondiglio sopra il microonde al centro del pavimento della sua cucina. Dopo aver lasciato la città per un paio di settimane, è tornata con un’amica per trovare la sua scala, che aveva tenuto nel suo garage, appena fuori dalla finestra della camera da letto di casa sua, l’unica finestra con le persiane aperte. Un vicino l’ha informata che non aveva visto la scala lì il giorno prima.

«Spero che possiamo continuare questa lotta. Potremmo aver perso la battaglia, ma abbiamo ancora una guerra da vincere»

 

Solo pochi giorni dopo, aveva trovato una figurina di anatra su uno dei suoi tavoli all’aperto. «Quando ho parlato con gli esperti di sicurezza, ho detto, non capisco l’anatra. E poi mi è venuto in mente che ero stato al telefono con molte conversazioni con persone che mi chiedevano, stai a casa tua? Che cosa hai intenzione di fare? E uso ripetutamente il termine: non sto a casa mia. Mi sento una sitting duck («anatra seduta», espressione americana per descrivere un bersaglio facile), perché possono entrare in qualsiasi momento».

 

«Quindi è stato davvero abbastanza inquietante tornare a casa. È solo un messaggio chiaro che, ancora una volta, mi stanno guardando».

 

Fa abbastanza paura. Dopo tutte queste tattiche intimidatorie, è molto difficile sentirsi al sicuro, ma non me ne andrò — voglio dire, non sarò messa a tacere, perché queste sono questioni importanti e dobbiamo esporre cosa sta realmente accadendo dietro le leggi sull’obbligatorietà della vaccinazione».

 

«Spero che possiamo continuare questa lotta. Potremmo aver perso la battaglia, ma abbiamo ancora una guerra da vincere», diceva Brandy.

 

Oggi abbiamo visto le immagini dell’assalto alla fiera di Bologna da parte di migliaia di persone che volevano vaccinarsi ad ogni costo. La battaglia sembra perduta, sì. Ma la guerra è ancora lunga. E non c’è possibilità che la vincano loro

Negli Stati Uniti, «cause naturali» – come afferma l’ufficio dello sceriffo della contea di Santa Barbara che Vaughan è ritenuto essere – si riferisce a quella che viene definita la «modalità di morte», che è principalmente una determinazione legale. Il modo di morte può essere classificato come naturale, incidente, suicidio, omicidio o indeterminato.

 

Un articolo pubblicato nel 2017 su «morte naturale e innaturale» e «come si applica alla certificazione di morte medica» osserva che «le morti che sembrano naturali a medici e patologi possono essere legalmente innaturali e viceversa».

 

Oggi abbiamo visto le immagini dell’assalto alla fiera di Bologna da parte di migliaia di persone che volevano vaccinarsi ad ogni costo. La battaglia sembra perduta, sì. Ma la guerra è ancora lunga. E non c’è possibilità che la vincano loro.