Connettiti con Renovato 21

Vaccini

L’opuscolo sui vaccini della Regione Emilia-Romagna realizzato con Butac, il sito sotto sequestro

Pubblicato

il

 

I grandi esperti di truffe hanno sempre insegnato che è necessario leggere attentamente le scritte in piccolo.

 

Questa semplice istruzione va conservata caramente, poiché ci si renderà conto di come essa sia utile in vari domini della vita.

 

Come, ad esempio, quello della sanità.

 

È bene sapere che la Regione Emilia-Romagna ha prodotto, nel maggio 2017 e quindi poco prima della conversione in legge del cosiddetto decreto Lorenzin, un opuscolo ufficiale da inviare a tutte le famiglie con bambini da zero anni in avanti.

 

Addirittura in ospedale, neanche a 24 ore dalla nascita del bambino, i genitori ricevono in mano il manuale pro-vaccinazioni.

 

I grandi esperti di truffe hanno sempre insegnato che è necessario leggere attentamente le scritte in piccolo

 

Potete comodamente leggere il pdf qui.

 

Quaranta pagine di opuscolo con una deliziosa disposizione grafica e dei disegni cattura bambino, composta da diverse raffigurazioni di omini e omine – alcuni medici, altri genitori – intenti a spiegare, punto per punto, i benefici delle vaccinazioni e i rischi di ogni possibile malattia se non si è vaccinati.

 

Non si vuol qui entrare nei contenuti: la solfa è sempre la stessa. Si vuole invece, piuttosto, ricordare quanto sia importante leggere le scritte in piccolo, come dicevamo poc’anzi.
Alla quarantunesima pagina, infatti, come si si vede dall’immagine, vengono dati i i riferimenti della realizzazione e il periodo in cui è stato completato il fascicolo.
Proprio a piè di di pagina si legge: «Realizzato in collaborazione con Usl di Bologna, Bufale Un Tanto Al Chilo, Cooperativa Ossigeno, Minerva associazione di divulgazione scientifica».

 

Ebbene sì, avete letto bene: Bufale Un Tanto Al Chilo, «butac» per gli amici, sito diretto dal fantastico gioielliere di Bologna, ha collaborato alla realizzazione di un opuscolo ufficiale a firma della Regione Emilia-Romagna e del Servizio Sanitario Regionale.
Lo hanno scritto in piccolo, ma hanno avuto davvero il coraggio di scriverlo.

 

 

La Regione Emilia-Romagna sarà sicuramente a conoscenza di aver fatto collaborare alla realizzazione di questo manuale di prevenzione sanitaria un gioielliere bolognese, ma saprà altresì che il gioielliere bolognese, ora, ha il sito sotto sequestro con indagini in corso.

 

Ci rendiamo conto di cosa stiamo parlando?
Quando i genitori andranno al colloquio con le ASL, parlino anche di questo fatto.
L’informazione riguardo la salute dei nostri figli è affidata ad un commerciante di preziosi?

L’informazione riguardo la salute dei nostri figli è affidata ad un commerciante di preziosi?

Alla faccia della competenza…

 

Il sitarello bufaloide, come si può vedere dalla copertina dell’opuscolo, gode anche dell’onore di avere le bufale (in senso stretto!) messe in copertina.

 

Sarà un caso il quel ruminante in mano al pupazzo di Jenner? Ma no, è l’etimo stesso della parola «vaccino», che deriva da vacca:  il primo vaccino veniva prodotto dalle pustole vaiolose di bovidi infettati a tale scopo.

 

Come dire: il vaccinismo nasce davvero con le bufale, per esempio quella per cui i vaccini sono «il farmaco più sicuro che c’è».

 

Ci resta solo un’ultima parola da scrivere: vergogna!

 

Cristiano Lugli 

Continua a leggere

Vaccini

Danno da vaccino COVID distrugge carriera ventennale di un chirurgo

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

In un’intervista a The People’s Testaments di CHD.TV, il dottor Joel Wallskog ha descritto come gli è stata diagnosticata la mielite trasversa dopo aver ricevuto il vaccino Moderna COVID-19 e perché ora dedica il suo tempo ad aiutare gli altri feriti dal vaccino.

 

Nel settembre 2020, ha detto Wallskog, i membri del personale della clinica a cui ha indirizzato i pazienti hanno iniziato a soffrire di COVID-19.

 

Sebbene Wallskog non si sentisse male, ha ottenuto un test anticorpale ed è risultato positivo.

 

Quando un caro amico si è ammalato di COVID-19 e ha dovuto essere intubato, Wallskog ha deciso che avrebbe dovuto vaccinarsi, nonostante le riserve e avesse già acquisito l’immunità naturale.

 

Circa una settimana dopo aver ricevuto il vaccino, i piedi di Wallskog sono diventati insensibili e ha sviluppato «sensazioni elettriche» lungo le gambe quando ha piegato la testa in avanti.

 

Quando ha iniziato ad avere problemi a stare in piedi, ha ordinato una risonanza magnetica di emergenza e si è scoperto che aveva una lesione al midollo spinale.

 

Un neurologo ha diagnosticato a Wallskog una mielite trasversa, un disturbo causato dall’infiammazione del midollo spinale.

 

Nonostante i vari trattamenti e il riposo, Wallskog soffre di dolore e intorpidimento e non riesce a stare in piedi abbastanza a lungo per eseguire un intervento chirurgico.

 

La sua carriera si è conclusa all’inizio del 2021.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 13 maggio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Vaccini

L’efficacia del Pfizer svanisce rapidamente poche settimane dopo la seconda e la terza dose: studio

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

La seconda e la terza dose del vaccino COVID-19 di Pfizer forniscono protezione contro la variante Omicron solo per poche settimane, secondo una ricerca peer-review pubblicata oggi su JAMA Network Open.

 

«Il nostro studio ha riscontrato un rapido declino dei titoli anticorpali sierici neutralizzanti Omicron solo poche settimane dopo la seconda e la terza dose di [Pfizer-BioNTech] BNT162b2», hanno scritto gli autori della lettera di ricerca.

 

Gli autori hanno affermato che i loro risultati «potrebbero supportare il lancio di ulteriori iniezioni di richiamo per le persone vulnerabili poiché la variante determina un aumento di nuovi casi in tutto il Paese», ha riferito Forbes

 

I ricercatori danesi hanno studiato gli adulti che hanno ricevuto due o tre dosi di BNT162b2 tra gennaio 2021 e ottobre 2021, o che erano stati precedentemente infettati prima di febbraio 2021 e poi vaccinati.

 

Hanno scoperto che dopo un aumento iniziale degli anticorpi specifici per Omicron dopo la seconda iniezione di Pfizer, i livelli sono diminuiti rapidamente, dal 76,2% alla settimana 4, al 53,3% alle settimane 8-10 e al 18,9% alle settimane 12-14.

 

Dopo la terza iniezione, gli anticorpi neutralizzanti contro Omicron sono diminuiti di 5,4 volte tra la settimana 3 e la settimana 8.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 13 maggio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Reumatologo: il 40% dei 3.000 pazienti vaccinati ha riportato danni da vaccino

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il dottor Robert Jackson, un reumatologo che pratica da 35 anni, ha affermato che il 40% dei pazienti vaccinati nel suo studio ha riportato una lesione da vaccino e il 5% è ancora ferito.

 

Jackson ha più di 5.000 pazienti, circa 3.000 dei quali hanno ricevuto un vaccino contro il COVID-19.

 

Jackson ha detto di aver avuto 12 pazienti morti in seguito all’iniezione, mentre normalmente vede uno o due decessi nella sua base di pazienti all’anno.

 

Circa il 5% dei suoi pazienti ha sviluppato una nuova condizione che li rende suscettibili alla coagulazione del sangue.

 

Le osservazioni di Jackson sono coerenti con uno studio pubblicato sul BMJ che ha valutato la sicurezza dei vaccini contro SARS-CoV-2 nelle persone con malattia reumatica e muscoloscheletrica infiammatoria/autoimmune dal registro riportato dai medici EULAR Coronavirus Vaccine (COVAX).

 

Lo studio ha mostrato che il 37% di 5.121 partecipanti ha avuto eventi avversi e il 4,4% dei pazienti ha avuto una riacutizzazione della malattia dopo la vaccinazione.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 13 maggio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

Continua a leggere

Più popolari