Connettiti con Renovato 21

Reazioni avverse

L’EMA afferma che il vaccino Novavax deve riportare un avviso per l’infiammazione cardiaca

Pubblicato

il

L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) mercoledì ha raccomandato di aggiungere un avviso per due tipi di infiammazione cardiaca al vaccino COVID-19 di Novavax, commercializzato con i marchi Nuvaxovid e Covovax, sulla base di un piccolo numero di casi segnalati in coloro che hanno ricevuto il vaccino.

 

Secondo una dichiarazione , il comitato di valutazione dei rischi per la farmacovigilanza dell’EMA, responsabile della valutazione e del monitoraggio della sicurezza dei medicinali per uso umano, ha concluso che «la miocardite e la pericardite possono verificarsi in seguito alla vaccinazione con NuvaxovidÅ.

 

«Il comitato raccomanda quindi di elencare miocardite e pericardite come nuovi effetti collaterali nelle informazioni sul prodotto di Nuvaxovid, insieme a un avvertimento per sensibilizzare gli operatori sanitari e le persone che ricevono questo vaccino», afferma la dichiarazione.

 

Il comitato ha anche chiesto al «titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio di Nuvaxovid di fornire dati aggiuntivi sul rischio che si verifichino effetti collaterali».

 

Secondo Reuters, la FDA ha segnalato il rischio di infiammazione cardiaca di Novavax all’inizio di giugno.

 

Tuttavia, il 13 luglio l’agenzia ha concesso la richiesta di Novavax per l’autorizzazione all’uso di emergenza del vaccino per gli adulti di età pari o superiore a 18 anni negli Stati Uniti

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 5 agosto 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Vaccino mRNA, il 27% dei partecipanti ad uno studio saudita ha avuto problemi cardiaci dopo le iniezioni

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

Uno studio dell’Arabia Saudita riportato da TrialSite News ha rilevato che il 27,11% dei partecipanti ha manifestato complicazioni cardiache a seguito della vaccinazione mRNA contro il COVID-19, con insorgenza che varia da un mese a più di un anno dopo.

 

Più di un quarto dei partecipanti a uno studio condotto in Arabia Saudita ha riportato complicazioni cardiache dopo aver ricevuto vaccini mRNA contro il COVID-19 e molti di loro hanno richiesto il ricovero in ospedale o la terapia intensiva.

 

Lo studio, condotto dal microbiologo e immunologo Muazzam M. Sheriff e colleghi dell’Ibn Sina National College for Medical Studies e del King Faisal General Hospital, ha rivelato che il 27,11% degli individui intervistati ha manifestato problemi cardiaci dopo la vaccinazione contro il COVID-19.

 

L’insorgenza di complicanze cardiache variava tra i partecipanti, con il 14,55% che ha manifestato sintomi entro un mese dalla vaccinazione e altri che hanno riportato problemi fino a 12 mesi o più.

 

TrialSite News ha riferito mercoledì dello «studio bomba sull’Arabia Saudita». Il fondatore, Daniel O’Connor, ha dichiarato a The Defender che, sebbene lo studio abbia dei limiti ed è stato progettato per cercare complicazioni cardiache, «il tasso di casi ospedalizzati è stato certamente notevole, soprattutto considerando il segnale cardiaco esistente (miocardite/pericardite) associato ai vaccini».

 

Il cardiologo ed epidemiologo Peter A. McCullough ha affermato che oltre al gran numero di sintomi cardiovascolari che giustificano il ricovero ospedaliero, il 15,8% è finito in un’unità di terapia intensiva (ICU).

 

«Più della metà dei soggetti ha indicato di essere stati influenzati da un professionista sanitario o da un ente governativo per farsi vaccinare», ha detto il dottor McCullough a The Defender. «Mai negli ultimi tempi è stato rilasciato al pubblico un vaccino così cardiotossico».

 

Evidenziando la crescente preoccupazione che circonda i potenziali effetti a lungo termine dei vaccini COVID-19 sulla salute cardiovascolare, O’Connor ha affermato: «nemmeno l’aumento degli incidenti cardiaci nelle notizie negli ultimi due anni non conforta nessuno».

Sostieni Renovatio 21

Il 9,45% ha avuto bisogno di cure mediche per più di 12 mesi

Lo studio dell’Arabia Saudita, pubblicato sulla rivista medica Cureus, ha utilizzato un disegno trasversale e ha reclutato 804 partecipanti (379 uomini, 425 donne, di età pari o superiore a 18 anni) che avevano ricevuto almeno una dose di un vaccino mRNA contro il COVID-19 (Pfizer -BioNTech, Moderna o entrambi – 58 hanno scelto una marca diversa).

 

Quasi il 40% ha effettuato una sola iniezione.

 

I partecipanti hanno completato un questionario adattato culturalmente che copriva dettagli demografici, storia vaccinale, condizioni di salute e percezioni relative ai vaccini.

 

L’insorgenza di complicanze cardiache per il 27,11% dei partecipanti affetti è variata, con il 14,55% che si è verificato entro un mese dalla vaccinazione, il 6,97% tra uno e tre mesi e altri che hanno manifestato problemi fino a 12 mesi o più dopo aver ricevuto il vaccino.

 

Per il 15,8% ricoverato nelle unità di terapia intensiva e l’11,44% nei reparti dell’ospedale generale, il trattamento ospedaliero è durato da meno di un giorno a diverse settimane, con l’8,33% che ha trascorso tra i quattro e i sette giorni in ospedale.

 

Il trattamento per complicazioni cardiache era in corso per molti partecipanti, con il 9,45% che riceveva cure mediche per più di 12 mesi e il 7,11% era sottoposto a trattamento continuo al momento dell’indagine.

 

Il 65% dei soggetti ha riferito di essere «neutrale», «un po’ non fiducioso» o «non fiducioso del tutto» sulla sicurezza dei vaccini a mRNA, mentre solo il 20% circa ha affermato di ritenere che i propri sintomi cardiaci fossero «fortemente correlati» o «in qualche modo legati» ai vaccini.

 

Lo studio ha anche rilevato tassi elevati di condizioni di salute preesistenti tra i partecipanti, tra cui diabete (48,26%), ipertensione (56,72%), obesità (39,15%) e problemi legati allo stile di vita sedentario (22,14%).

 

Secondo gli autori dello studio, queste comorbilità potrebbero aver contribuito all’aumento del rischio di complicanze cardiache in seguito alla vaccinazione con mRNA.

Aiuta Renovatio 21

«Sembra un tasso terribilmente alto»

«Nonostante la strategia di reclutamento tesa a trovare pazienti con effetti collaterali cardiovascolari dovuti all’mRNA, si tratta di grandi percentuali che richiedono cure ospedaliere e/o in terapia intensiva», ha affermato McCullough.

 

«Sono necessari più dati su questi casi, compresa la diagnosi, il trattamento e gli esiti come ricoveri ricorrenti e morte», ha aggiunto.

 

Gli autori dello studio hanno sottolineato la necessità di ulteriori indagini sugli specifici fattori di rischio e sui meccanismi biologici che possono contribuire allo sviluppo di complicanze cardiache in seguito alla vaccinazione.

 

TrialSite News lo ha definito «uno studio forte per quanto riguarda metodologia, rilevanza e considerazioni etiche», sottolineando che gli autori sembravano «minimizzare l’entità della risposta», nonostante quello che «sembra un tasso terribilmente alto» di complicazioni cardiache.

 

John-Michael Dumais

 

© 4 aprile 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Cicatrici cardiache rilevate oltre 1 anno dopo la vaccinazione COVID-19: studi

Pubblicato

il

Da

Cicatrici cardiache sono state rilevate più di un anno dopo la vaccinazione contro il COVID-19 in alcune persone che avevano sofferto di miocardite a seguito di un’iniezione, hanno riferito i ricercatori in nuovi studi. Lo riporta la testata americana Epoch Times.   La miocardite, come noto, è una forma di infiammazione del cuore, di cui molto si è parlato negli ultimi anni.   Un terzo dei 60 pazienti con imaging cardiaco di follow-up eseguito più di 12 mesi dopo la diagnosi di miocardite presentava un persistente potenziamento tardivo del gadolinio (LGE), che è, nella maggior parte dei casi, riflettente cicatrici cardiache, hanno riferito ricercatori australiani in una prestampa di un nuovo studio pubblicato il 22 marzo.   Il tempo mediano dalla ricezione di un vaccino all’imaging di follow-up è stato di 548 giorni, con l’intervallo più lungo di 603 giorni.

Sostieni Renovatio 21

«Abbiamo scoperto che l’incidenza della fibrosi miocardica persistente è elevata, osservata in quasi un terzo dei pazienti a più di 12 mesi dalla diagnosi, il che potrebbe avere implicazioni per la gestione e la prognosi di questo gruppo prevalentemente giovane», scrivono i ricercatori. «Le implicazioni cliniche a lungo termine della LGE in questa condizione sono ancora sconosciute, ma è stato dimostrato che la LGE conferisce una prognosi peggiore nella miocardite non associata al vaccino COVID-19, soprattutto se persiste oltre i sei mesi», hanno aggiunto in seguito, facendo riferimento a diversi documenti precedenti.   I ricercatori in uno degli articoli precedenti, ad esempio, hanno scoperto che l’LGE era un «potente prognostico» di esiti avversi nei pazienti con miocardite.   Prima del nuovo test, nove pazienti erano stati accertati come affetti da miocardite e 58 pazienti erano stati etichettati come probabilmente affetti da miocardite. I risultati di LGE persistente hanno portato a riclassificare 16 casi da miocardite probabile a miocardite certa.   Sono state esclusi i pazienti in gravidanza o allergici agli agenti utilizzati nei test del gadolinio.   Tra un sottogruppo di 20 pazienti sottoposti a imaging subito dopo la vaccinazione, 19 avevano LGE. Nell’imaging di follow-up, LGE non era più visibile in 10 di questi pazienti. In cinque è stato ridotto, ma in quattro è rimasto invariato.   Andrew Taylor, professore alla Central Clinical School della Monash University, e i suoi coautori hanno condotto lo studio reclutando pazienti a cui era stata diagnosticata una miocardite associata alla vaccinazione COVID-19 tra agosto 2021 e marzo 2022. I pazienti sono stati invitati a sottoporsi a imaging presso l’Alfred Ospedale o Royal Children’s Hospital di Melbourne, Australia.   La popolazione dello studio con imaging di follow-up comprendeva 44 adulti e 16 adolescenti. «La maggior parte dei pazienti aveva ricevuto un’iniezione Pfizer-BioNTech. Una minoranza aveva ricevuto una vaccinazione Moderna o AstraZeneca. Le società non hanno risposto alle richieste di commento» scrive Epoch Times.   I limiti del documento, che è stato pubblicato prima della peer review, includevano possibili errori di selezione, poiché la partecipazione allo studio era volontaria. Gli autori non hanno elencato conflitti di interessi o finanziamenti.   In un altro articolo recente, ricercatori canadesi hanno riferito di aver riscontrato che circa la metà dei pazienti sottoposti a imaging a causa di una possibile miocardite post-vaccinazione presentavano LGE persistente nell’imaging di follow-up. Complessivamente, 60 pazienti sono stati inclusi nello studio retrospettivo. Di questi, sette hanno riportato sintomi persistenti.   In un sottogruppo di 21 pazienti per i quali erano disponibili risonanze magnetiche di follow-up, 10 avevano LGE persistente, hanno detto i ricercatori. D’altra parte, la funzione del ventricolo sinistro, che pompa il sangue, si era normalizzata in tutti i pazienti.   La persistente LGE «probabilmente riflette la fibrosi sostitutiva», o cicatrici cardiache, hanno scritto la dottoressa Kate Hanneman, del Dipartimento di imaging medico dell’Università di Toronto, e i suoi coautori, citando alcuni degli stessi articoli del gruppo australiano, incluso lo studio che ha rilevato che i pazienti con LGE persistente avevano un rischio più elevato di esiti avversi, nonché un articolo su ciò che rappresenta quando LGE viene rilevato alla risonanza magnetica in pazienti con miocardite.   «Tuttavia, il significato della LGE è incerto nei pazienti post-miocardite con recupero della normale funzione sistolica ventricolare sinistra», hanno affermato i ricercatori, che hanno quindi richiesto ulteriori studi per valutare i pazienti con LGE persistente e un ventricolo sinistro recuperato.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

«Lo studio ha incluso pazienti adulti che sono stati indirizzati a una rete ospedaliera con sospetta miocardite e che presentavano nuovi sintomi cardiaci come dolore toracico entro 14 giorni dalla vaccinazione COVID-19» scrive il giornale americano. «Tutti i pazienti hanno ricevuto l’iniezione Pfizer o Moderna».   I limiti dello studio, pubblicato dal Journal of Cardiovascular Magnetic Resonance, includevano la mancanza di miocardite confermata dalla biopsia.   Gli autori non hanno dichiarato alcun finanziamento e hanno elencato solo un interesse in competizione, ovvero che un autore è un editore associato della rivista.   Gli autori corrispondenti dei due articoli non hanno risposto alle richieste di commento.   «La mia preoccupazione nel leggere questi due studi è che il danno miocardico e le cicatrici sono presenti in un numero significativo di individui feriti da vaccino COVID fino a 18 mesi dopo la vaccinazione. Ciò suggerisce un potenziale danno cardiaco permanente derivante dai vaccini», ha dichiarato in una e-mail a Epoch Times la dottoressa Danice Hertz, responsabile della ricerca per il gruppo statunitense React19. «Le implicazioni a lungo termine non sono ancora note ma devono essere studiate attentamente».   I nuovi documenti si aggiungono a studi precedenti, che avevano scoperto che l’LGE persiste per mesi in alcune persone dopo un’iniezione di COVID-19.   Ricercatori nello stato di Washington hanno riferito nel 2022 che l’LGE persisteva nei bambini fino a otto mesi dopo la vaccinazione. Nello stesso anno, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno affermato che più della metà dei 151 pazienti sottoposti a imaging di follow-up presentavano LGE residuo, che è stato descritto come «suggestivo di cicatrici miocardiche».   Ricercatori di Hong Kong nel 2023 avevano riferito di aver scoperto che circa la metà dei 40 pazienti sottoposti a risonanza magnetica di follow-up mesi dopo la vaccinazione avevano LGE.   I sintomi sono persistiti anche in alcuni pazienti con miocardite post-vaccinazione.   Il CDC, descrivendo i risultati preliminari aggiornati del suo studio a lungo termine, ha affermato all’inizio del 2023 che c’erano pazienti che soffrivano ancora di sintomi più di un anno dopo l’iniezione.   Ricercatori in Australia alla fine del 2023 hanno affermato che i sintomi persistevano almeno sei mesi dopo un’iniezione nella maggior parte dei pazienti seguiti.

Aiuta Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, i dati dell’esercito americano confermano il picco di infiammazioni cardiache con l’introduzione del siero COVID. Già due anni fa uno studio sull’esercito americano confermava l’infiammazione cardiaca legata ai vaccini COVID. I dati tratti Defense Medical Epidemiology Database (DMED) pubblicati a marzo indicavano che le diagnosi della forma di infiammazione del cuore erano aumentate del 130,5% nel 2021 rispetto alla media degli anni dal 2016 al 2020.   La miocardite, che alcuni ritengono che in forma migliore può essere causata anche dall’infezione di COVID-19, è una malattia che può portare alla morte. Casi certificati di morti per miocardite da vaccino mRNA si sono avuti sia tra giovani che tra bambini piccoli.   La consapevolezza del ruolo del vaccino nella possibile manifestazione di questa malattia cardiaca, specie nei giovaniè diffusa presso praticamente tutte le istituzioni sanitarie dei Paesi del mondo.   Disturbo fino a poco fa abbastanza raro, abbiamo visto incredibili tentativi di normalizzare la miocardite infantile con spot a cartoni animati.   Alcuni casi suggeriscono che, anche anni dopo, persone affette da miocardite post-vaccinale non sono ancora guarite.   Come riportato da Renovatio 21, la miocardite nello sport è oramai un fenomeno impossibile da ignorare.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
   
Continua a leggere

Reazioni avverse

Medico parla di vaccini COVID e morti in eccesso durante l’Assemblea dell’Ordine a Brescia

Pubblicato

il

Da

Sta circolando in rete un video di una decine di minuti dove, con un telefonino tra la folla, qualcuno riprende l’intervento del dottor Paolo Schicchi, medico chirurgo presso l’ICRS di Brescia durante l’Assemblea dell’Ordine dei medici della città.

 

Nel suo discorso, che il medico annuncia essere polemico, il medico racconta la sua esperienza, «sospeso nell’agosto con procedura d’urgenza, mi sono sentito Vallanzasca» e rientrato nell’ottobre dell’anno successivo «grazie ai due mesi di sconto pena che ci ha offerto il governo Meloni appena insediato».

 

«Abbiamo attraversato uno dei periodi più bui della storia della medicina e mi dispiace dirlo, gli ordini hanno avuto un ruolo assolutamente negativo nella gestione della pandemia».

 

«Si è aderito totalmente a quelli che erano i diktat politici, dimenticando quella che è l’arte medica da decenni, culminata la follia vaccinale nel vaccinare donne in gravidanza, nel vaccinare i bambini e nel vaccinare, con l’obbligo comunque che ci ha purtroppo investito come categoria per primi».

 

«Se fossimo noi stati un pochino più energici nel dire ‘no’, perché so che tantissimi colleghi hanno dovuto chinare la testa e accettare questo diktat, probabilmente le cose sarebbero andate diverse», dice il medico, citando quindi il catastrofico caso della Talidomide.

 

Il dottor Schicchi ha avuto il coraggio di parlare del grande tabù dei nostri tempi, l’elefante nella stanza che occupa le cronache dei giornali senza poter essere nominato: il tema delle morti in eccesso: «sono sotto gli occhi di tutti, non possiamo negare la realtà, non possiamo negare che ci sia un esubero di morti improvvise, soprattutto nelle fasce di età».

 

A questo punto partono i fischi e gli schiamazzi, che pare vogliano interrompere il discorso del medico, ma il presidente dell’ordine prende la parola per farlo parlare.

 

Sostieni Renovatio 21

«Volevo solo dirvi che negli Stati Uniti, quelle che sono state le morti sicuramente accertate, in cui c’è un nesso di causalità per l’assunzione del farmaco, io non lo chiamo vaccino, è chiaro che non è non è un vaccino, si discosta totalmente da tutti i vaccini impiegati fino adesso» dice il dottor Schicchi citando i dati del database di eventi avversi dei vaccini in America, il famoso VAERS, secondo cui «I deceduti sicuramente sono 37.100, quindi poi ci sono tutti gli effetti collaterali, 21.000 infarti 214.000 patologie gravi, 242.000 ricoveri ospedalieri… Ci sono delle cifre veramente drammatiche».

 

«I deceduti sicuramente sono 37.100, quindi poi ci sono tutti gli effetti collaterali, 21.000 infarti 214.000 patologie gravi, 242.000 ricoveri ospedalieri… Ci sono delle cifre veramente drammatiche, però non so non è successo niente, anzi ancora qui in Europa andiamo avanti con la vaccinazione e migliaia, milioni di dosi vengono buttate e viene buttato così del denaro pubblico, denaro nostro».

 

Poi il medico tenta il calcolo dell’esorbitante costo della campagna vaccinale COVID: «non ci sono soldi in sanità, ma iniziamo a spendere bene quei pochi che ci sono, sapete quanto è costata in Italia così a occhio e croce questa folle campagna vaccinale? 10 miliardi di euro. Questo perché dai dati pubblicati dalla Germania, facendo la proporzione fra la popolazione nostra e la loro viene fuori una cifra del genere, quindi 10 miliardi di euro che potevano essere destinati in tutt’altra maniera».

 

Le affermazioni del dottor Schicchi, durante la pandemia erano stato definite dal presidente dell’Ordine «note argomentazioni delle campagne No-Vax».

 

Ora, tuttavia, il medico sospeso, che aveva scelto di non venire vaccinato, rivendica la bontà delle sue posizioni, parlando di «falsità ormai riconosciute smascherate dai vari organi di controllo come EMA, AIFA, Istituto superiore di sanità… sono sotto gli occhi di tutti, non possiamo negare la realtà».

 

«Ho pagato con 15 mesi di sospensione, un danno professionale, economico, morale perché dopo 41 anni di laurea sentirsi dire che non sei più in grado di fare il medico perché è un’idea che nel tempo si dimostra giusta, giusta, inutile negarlo».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Più popolari