La pandemia potrebbe portare a povertà estrema e carestia

 

 

 

Con la pandemia di coronavirus che fa deragliare la crescita economica ovunque, cresce la preoccupazione in tutto il mondo per la fame e la malnutrizione e per il catastrofico impoverimento delle popolazioni.

 

La Banca Mondiale prevede  che entro il 2022 ci saranno 150 milioni di persone in più che vivranno in condizioni di povertà estrema. Si prevede che la proporzione della popolazione mondiale che vive con meno di 1,9 dollari al giorno aumenterà, soprattutto nei paesi con livelli di povertà già elevati.

 

La Banca Mondiale prevede  che entro il 2022 ci saranno 150 milioni di persone in più che vivranno in condizioni di povertà estrema

Secondo il presidente della Banca mondiale David Malpass, la Banca mondiale ha già fornito assistenza in caso di pandemia a più di 100 nazioni che rappresentano il 70% della popolazione mondiale e si è impegnata per ulteriori 160 miliardi di dollari in sovvenzioni, prestiti e investimenti ai Paesi in via di sviluppo entro 15 mesi per affrontare gli effetti della pandemia di coronavirus.

 

Ancora prima, nella sua dichiarazione, Malpass aveva  invitato i paesi creditori ad aderire all’iniziativa del G20, che ha annunciato una moratoria sul pagamento del debito da parte di un certo numero di Paesi in via di sviluppo.

 

L’obiettivo di eliminare la povertà estrema entro il 2030 è stato fissato dalle Nazioni Unite come condizione per lo sviluppo sostenibile. Ma la Banca mondiale, che fornisce prestiti ai paesi in via di sviluppo, ha affermato che senza un’azione rapida e seria non ci sono possibilità di raggiungere questo obiettivo.

 

Il relatore speciale delle Nazioni Unite su povertà estrema e diritti umani, Philip Alston, recentemente dimesso, sostiene che la lotta contro la povertà globale è fallita

Il relatore speciale delle Nazioni Unite su povertà estrema e diritti umani, Philip Alston, recentemente dimesso, sostiene che la lotta contro la povertà globale è fallita. Ci sono ancora più persone che vivono in povertà oggi rispetto a due decenni fa. «Abbiamo sperperato un decennio nella lotta contro la povertà, con un trionfalismo mal riposto che ha bloccato le stesse riforme che avrebbero potuto prevenire gli impatti peggiori della pandemia», ha detto Alston nel suo ultimo rapporto.

 

Anche prima della pandemia in Europa, dove i Paesi sono famosi per i loro sistemi avanzati di sicurezza sociale, c’erano molte persone sull’orlo della povertà, hanno riferito i media statunitensi. Secondo un rapporto di Eurostat, nel 2019 92,4 milioni di persone nell’UE erano sull’orlo della povertà e dell’esclusione sociale, il 21,1% della popolazione totale. Ma il coronavirus ha aggravato gravemente il problema, e ora ancora più europei sono vulnerabili, dovendosi sempre più rivolgere ai banchi alimentari per chiedere aiuto.

 

Per la prima volta nei suoi 70 anni di storia, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia – UNICEF – ha annunciato che avrebbe fornito cibo ai bambini affamati in Gran Bretagna, dato che il loro numero cresceva costantemente.

 

La pandemia ha allargato ulteriormente il divario tra poveri e ricchi. Nel luglio 2020, il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato  che il coronavirus aveva «smascherato» il problema della disuguaglianza che esisteva da diversi decenni; intere regioni che avevano dimostrato progressi nell’eliminazione della povertà sono state arretrate.

Secondo un rapporto di Eurostat, nel 2019 92,4 milioni di persone nell’UE erano sull’orlo della povertà e dell’esclusione sociale, il 21,1% della popolazione totale

 

Anche in Germania, forza trainante dell’Europa, si parla sempre più di impoverimento. Ad esempio, la rivista tedesca Der Spiegel sottolinea che il problema della povertà in Germania è cambiato di fronte alla pandemia di coronavirus: secondo un rapporto statistico pubblicato ogni due anni, i cittadini che una volta erano scesi al di sotto della soglia di povertà ora rimangono al di sotto di essa sempre più a lungo.

 

Dall’inizio degli anni ’90, il divario tra ricchi e poveri in questo paese si è ampliato e alla fine è cresciuto in modo sostanziale: nel 2018, quasi un residente su sei (15,8%) faceva parte di un gruppo che si avvicinava alla soglia di povertà.

 

Anche la struttura della povertà è cambiata: il più alto rischio di povertà si riscontra tra madri e padri single, al 41%. È alto anche per le persone con un diploma di scuola superiore e senza formazione professionale aggiuntiva (35%) e per i migranti di prima generazione (29%).

 

Per la prima volta nei suoi 70 anni di storia, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia – UNICEF – ha annunciato che avrebbe fornito cibo ai bambini affamati in Gran Bretagna, dato che il loro numero cresceva costantemente

È emerso che i migranti (15%) incontrano difficoltà finanziarie quasi il doppio delle persone senza un background migratorio (8%). Un rischio maggiore di povertà si riscontra nelle regioni occidentali strutturalmente sottosviluppate e, anche 30 anni dopo l’unificazione, nella Germania orientale.

 

Inoltre, gli effetti dell’epidemia di coronavirus hanno esacerbato il senso di ingiusta disparità di reddito: metà dei cittadini ritiene che il proprio salario non corrisponda alle proprie capacità professionali.

 

Un altro importante effetto negativo sull’economia mondiale e sulle condizioni di vita in molti Paesi è stato il forte aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, come notato dagli esperti.

 

Prospettive incerte di ripresa del mercato, misure protezionistiche da parte dei governi, fluttuazioni valutarie e una serie di altri fattori stanno facendo aumentare il costo del cibo. Sebbene finora l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) non sia incline ad esagerare la gravità della situazione, tuttavia non nega la reale possibilità di ulteriori aumenti dei prezzi alimentari globali. Sarà particolarmente difficile per i Paesi più poveri del mondo, che dovranno importare molto cibo.

«Le persone dovranno abituarsi a dover pagare di più per il cibo. La situazione non farà che peggiorare»

 

Come sottolineato da Bloomberg, l’inflazione alimentare è sempre un fattore negativo e la sua nuova ondata sarà particolarmente grave. Poiché la pandemia di coronavirus ha fatto deragliare la crescita dell’economia globale, sono emerse nuove preoccupazioni su fame e malnutrizione, anche nei Paesi più ricchi del mondo.

 

Sylvain Charlebois, capo dell’Agri-Food Analytics Lab della Dalhousie University in Canada, ha osservato a questo proposito: «Le persone dovranno abituarsi a dover pagare di più per il cibo. La situazione non farà che peggiorare».

 

L’indice complessivo dei prezzi alimentari a gennaio è aumentato del 4,3% su base annua, l’indicatore è aumentato per l’ottavo mese consecutivo e ha raggiunto il massimo da luglio 2014, secondo un comunicato stampa dell’ONU FAO.

 

Gli esperti riferiscono che lo scorso anno il numero di persone cronicamente malnutrite è aumentato da 130 milioni a oltre 800 milioni, circa otto volte il numero totale di casi di COVID-19 segnalati fino ad oggi.

Gli esperti riferiscono che lo scorso anno il numero di persone cronicamente malnutrite è aumentato da 130 milioni a oltre 800 milioni, circa otto volte il numero totale di casi di COVID-19 segnalati fino ad oggi

 

Lo spettro dell’imminente carestia è arrivato proprio nel momento in cui i bilanci del governo sono stati sovraccaricati da misure per proteggere la popolazione e l’economia da una pandemia. Per evitare una crisi, il fondo speciale della Banca Mondiale per i Paesi più poveri, l’Associazione internazionale per lo sviluppo (IDA), ha stanziato 5,3 miliardi di dollari per migliorare la sicurezza alimentare nei sei mesi da aprile a ottobre 2020. Questo importo include sia una serie di brevi misure a lungo termine per combattere il COVID-19 e investimenti per affrontare le cause a lungo termine della carenza di cibo.

 

Secondo il sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari Mark Lowcock e l’amministratore delegato delle operazioni della Banca mondiale Axel van Trotsenburg, l’attenzione deve ora concentrarsi sul monitoraggio dei rischi e sui fattori aggravanti dagli effetti negativi della pandemia di coronavirus. Solo lavorando insieme per salvare vite umane possiamo liberare le persone più vulnerabili del mondo dalla fame e dai pericoli paralizzanti e gettare le basi per un futuro migliore per tutti.

 

 

Valery Kulikov

 

 

 

 

 

Valery Kulikov, esperto di politica, in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook.

 

 

 

Pubblicato su New Eastern Outlolook il 23 marzo 2021 con il titolo «The Pandemic Could Lead to Extreme Poverty and Famine».

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.