Connettiti con Renovato 21

Bizzarria

La Lego avverte la polizia della California di smettere di usare le teste degli omini per nascondere i volti dei criminali

Pubblicato

il

Murrieta, cittadina di 100 mila abitanti della California, ha un tasso di criminalità più alto della media nazionale americana.

 

La possibilità di diventare vittima di un crimine violento o contro il patrimonio a Murrieta è 1 su 65. Sulla base dei dati sulla criminalità dell’FBI, Murrieta non è una delle comunità più sicure d’America. Rispetto alla California, Murrieta ha un tasso di criminalità superiore al 40% delle città e dei paesi di tutte le dimensioni dello stato.

 

In California esiste una legge che dà priorità ai diritti del sospettato rispetto al diritto del pubblico di sapere, richiedendo che i volti di alcuni sospettati siano nascosti.

Sostieni Renovatio 21

A Murietta questa legge è stata portata al livello estremo: la polizia ha iniziato a pubblicare foto dove nasconde i volti dei sospettati con teste di Lego.

 

Il profilo Instagram della polizia della cittadina è qualcosa di semplicemente impressionante.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Murrieta Police Department (@murrietapd)

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Murrieta Police Department (@murrietapd)

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Murrieta Police Department (@murrietapd)

Aiuta Renovatio 21

In molti hanno lamentato che il fenomeno indica con chiarezza la tendenza a minimizzare il crimine, cosa che nelle grandi città della California è indicato dalle scelte dei procuratori distrettuali – talvolta eletti grazie ai finanziamenti dei gruppi legati allo speculatore internazionale George Soros –che rifiutano di perseguire intere categorie di crimini.

 

La pratica di sostituire i volti dei presunti criminali con le teste gialle degli uomini del giuoco di costruzioni danese dovrebbe però essere cessata.

 

«Il Gruppo LEGO ci ha contattato e ci ha rispettosamente chiesto di astenerci dall’utilizzare la loro proprietà intellettuale nei nostri contenuti sui social media, cosa che ovviamente comprendiamo e rispetteremo» ha dichiarato a Fox News il tenente del dipartimento di polizia di Murrieta Jeremy Durrant. «Stiamo attualmente esplorando altri metodi per continuare a pubblicare i nostri contenuti in un modo che sia coinvolgente e interessante per i nostri follower».

 

Con un fatturato che si aggira attorno ai 40 miliardi di dollari per anni la Lego ha costituito una fetta di circa il 10% dell’intera economia danese. Tuttavia ora il prodotto nazionale più remunerativo è l’Ozempic, il farmaco anti-obesità a base di semaglutide prodotto dalla danese Novo-Nordisk, che sta ora di fatto trainando tutta l’economia del Paese nordico.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine da Twitter
 

 

 

 

Continua a leggere

Bizzarria

Incredibile foto mostra il proiettile che passa accanto a Trump

Pubblicato

il

Da

Il New York Times ha pubblicato una foto che sembra mostrare un proiettile che vola oltre la testa di Donald Trump, nel momento in cui è stato preso di mira da un uomo armato durante il comizio in Pennsylvania dove l’ex presidente sembra essere scampato alla morte per pochi millimetri.   L’immagine è stata scattata dal fotografo veterano del NYT Doug Mills all’evento della campagna nella città di Butler, dove il candidato repubblicano alla presidenza stava tenendo un discorso in vista delle elezioni del 5 novembre.   La foto di Mills mostra quello che sembra essere un proiettile che attraversa l’aria alla destra della testa di Trump. Il fotografo, che ha scattato foto dei presidenti degli Stati Uniti per più di quattro decenni, ha descritto la sua esperienza ai colleghi del NYT.  

Iscriviti al canale Telegram

Il signor Mills stava usando una macchina fotografica digitale Sony in grado di catturare immagini fino a 30 fotogrammi al secondo. Ha scattato queste foto con una velocità di otturazione di 1/8.000 di secondo, estremamente veloce per gli standard del settore.   Mills ha detto che l’evento è iniziato come un «raduno molto standard e tipico», con lui e molti altri fotografi in piedi «in quella che viene chiamata l’area cuscinetto a soli due metri dall’ex presidente».   «All’improvviso, ci sono stati quelli che ho pensato fossero tre o quattro forti scoppi. All’inizio ho pensato che fosse un’auto. L’ultima cosa che ho pensato è che fosse un fucile», ha ricordato Mills.   Il fotografo ha quindi continuato a scattare, tuttavia ben presto non è più riuscito a vedere l’ex presidente perché Trump era circondato da agenti dei servizi segreti da ogni parte, mentre sul palco apparivano cecchini.   Nonostante apparisse provocatorio e apparentemente imperturbabile nella foto con il pugno alzato, Trump sembrava «molto, molto scioccato» un attimo dopo, secondo Mills.   Il fotografo ha dichiarato al giornale di «non essersi mai trovato in una scena più orribile» nel corso della sua decennale carriera.   L’agente speciale in pensione dell’FBI Michael Harrigan, che attualmente lavora come consulente nel settore delle armi da fuoco, ha confermato al giornale che la foto di Mills ha molto probabilmente catturato «il percorso del proiettile nell’aria».   «Se l’uomo armato stesse sparando con un fucile in stile AR-15, i proiettili calibro .223 o 5,56 millimetri che usano viaggiano a circa 3.200 piedi [975 metri] al secondo quando escono dalla volata dell’arma», ha detto l’Harrigan. «E con una velocità dell’otturatore di 1/8.000 di secondo, questo consentirebbe al proiettile di viaggiare a circa quattro decimi di piede mentre l’otturatore è aperto».   Sebbene tecnicamente possibile con la macchina fotografica usata da Mills, «catturare un proiettile su una traiettoria laterale come quella che si vede in quella foto sarebbe un’ipotesi su un milione… anche se si sapesse che il proiettile sta arrivando», ha osservato l’ex agente dell’FBI.   «Date le circostanze, se questo non mostra il percorso del proiettile nell’aria, non so cos’altro potrebbe essere», ha affermato.   Un commentatore su X l’ha definita la più pazzesca foto della storia americana. Non si tratta della cosa più pazzesca, per la storia americana e quella dell’umanità, vista durante quegli attimi concitati in Pennsylvania.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine screenshot da Twitter
Continua a leggere

Animali

Arrestato uomo con 100 serpenti nei pantaloni

Pubblicato

il

Da

Doganieri cinesi hanno sorpreso un uomo che cercava di introdurre di nascosto nel paese più di 100 serpenti vivi, nascondendoli nei pantaloni. Lo riportano varie testate locali.

 

L’uomo, descritto come «dall’aspetto sospetto» (e ci mancherebbe), è stato arrestato dalle autorità la scorsa settimana mentre tentava di entrare nel Paese attraverso il canale «nulla da dichiarare» del porto di Futian a Shenzhen, che è un posto di blocco tra Hong Kong e la Cina continentale.

 

Da dichiarare invece il personaggio pare avesse moltissimo.

Iscriviti al canale Telegram

Dopo l’ispezione, gli ufficiali hanno trovato sei sacchetti di plastica infilati nelle tasche dei pantaloni dell’uomo, contenenti un’ampia varietà di serpenti vivi. Il conteggio finale ha rivelato che c’erano 104 rettili nascosti nei suoi pantaloni.

 

Successivamente sono state identificate cinque specie di serpenti: serpenti del latte (Lampropeltis triangulum), serpenti muso di porco occidentali (Heterodon nasicus), serpenti del grano (Pantherophis guttatus), serpenti ratto del Texas (Elaphe obsoleta lindheimeri) e serpenti toro (Pituophis melanoleucus). Quattro delle specie non sono originarie della Cina e pertanto è vietato portarle nel paese senza certificazione.

 


 

L’autorità doganale non ha rivelato il nome del contrabbandiere, né ha detto se l’uomo è stato arrestato. L’agenzia ha tuttavia avvertito che, in conformità con la legislazione cinese sulla biosicurezza e il controllo delle malattie, potrebbe perseguire la responsabilità legale se riterrà che le azioni dell’uomo abbiano violato le normative.

 

L’episodio è così sconcertante che non ci riesce nemmeno a fare delle battute. Tuttavia, è lasciata all’immaginazione dei lettori capire come potessero starci 104 serpenti nei dipressi delle pudenda di un uomo, così come bisogna fare sforzi mentali per cercare di comprenderne le motivazioni. Lo fa per soldi? Vediamo: se ti dicessero «ti metteresti cento bisce sotto i pantaloni per 10 mila euro», voi lo fareste?

 

Il traffico di animali è un fenomeno comune in Cina, nonostante le leggi ne proibiscano la pratica. Il mese scorso, CCTV News ha riferito che un uomo era stato arrestato mentre cercava di contrabbandare un totale di 454 tartarughe, tra cui alcune specie in via di estinzione, da Macao alla Cina continentale.

 

Speriamo solo che la prossima pandemia, invece che dal pangolino venduto per qualche motivo al mercato del pesce di Wuhano, o dal pipistrello suo amico, non decidano di farlo partire dai serpenti mutandari.

 

Per questo tipo di storie, bisogna dire, siamo oramai vaccinati.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

 

 

 

Continua a leggere

Bizzarria

Elezioni a Tokyo, ecco l’eccezionale catalogo dei candidati

Pubblicato

il

Da

Nelle scorse settimane un costoso e contestato videomapping ha fatto sì che, tra le altre cose, un colossale Godzilla venisse proiettato sulla facciata del palazzo del governo metropolitano di Tokyo.   Il kaiju (cioè titanico mostro marino distruttore) veniva proiettato sul palazzo mentre devastava il contesto urbano destra e a manca comme d’habitude.   Tuttavia sulla capitale nipponica grava una minaccia assai più terribile del celeberrimo kaiju dal respiro atomico.   Incombono le elezioni del governatore di Tokyo e i candidati che tenteranno di scalzare dal potere l’odiosa arpia covidica Yuriko Koike sono ben più fantascientifici del rettilone nucleare e di ogni possibile godzilleria cinematografica o videomappata.  

Iscriviti al canale Telegram

Ho trovato nella buca della lettera la lista dei 56 candidati e stentavo a credere ai miei occhi. Per candidarsi a governatore bisogna versare una cauzione di 3.000 yen (circa 18.000 euro), che viene restituita in caso il candidato riceva una quota sufficiente di voti: questa misura è prevista per scoraggiare chi vuole usare le elezioni solo a scopo pubblicitario, oltre che perditempo e svitati vari. Con ogni evidenza, ciò non è in alcun modo sufficiente. E i risultati si vedono.   Ecco dunque che direttamente dalla capitale del Giappone Renovatio 21 vi propone un’antologia dei più incredibili candidati edochiani (aggettivo italiano con cui potete dire «do Tokyo»).   Doctor Nakamatsu – candidato indipendente Inventore di una certa notorietà (tra le altre cose avrebbe a suo tempo inventato il floppy disk). Uno degli slogan recita: «Siccome ho 96 anni, ho una lunghissima esperienza e grandissime capacità cerebrali». In una recente intervista il Nakamatsu ha dichiarato che conta di vivere fino a 144 anni, quindi crediamo che con lui la città sarebbe in buone mani a lungo.   Kuwahara Mariko – Partito per l’eradicazione della Soka Gakkai Nel nome del partito sembrerebbe essere già compreso il suo programma: la setta buddhista Soka Gakkai (nota in Italia per avere tra i suoi affiliati Roberto Baggio e Serena Guzzanti) e la sua emanazione politica, il partito Komeito, sono malvisti da molti giapponesi per la loro influenza sulla politica nazionale. Il Komeito sostiene anche l’attuale governatore Koike, oltre che la coalizione di governo. Buona fortuna alla nostra Kuwahara.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Ozeki Ayumi – Partito del poker  Sul serio. Secondo la candidata Ozeki la diffusione del poker aumenterebbe la competitività dei giapponesi e l’economia ne trarrebbe beneficio, o qualcosa del genere. Se lo dice lei…   Komatsu Ken – Partito del golf Golf nel senso dello sport, non del maglione. Il signor Komatsu sostiene che creare agevolazioni ai megaricchi ed attirarne quanti più possibile a Tokyo avrebbe effetti benefici per l’economia, in una sorta di trickle-down economy in salsa shoyu. Inoltre la diffusione del golf è prevedibilmente ritenuta molto importante dal candidato in questione.   Akinori Shogun miman – Partito del neo-bakufu di Akinori   Il nome del candidato si traduce come Akinori shogun mancato e il neo-bakufu (cioè, «neo-shogunato») sarebbe la rinascita del governo dei samurai. Vabbè questo è chiaramente un guitto in cerca di pubblicità: si esprime nel giapponese dei samurai dei telefilmoni storici che sono un caposaldo della televisione locale e la sua retorica pseudo-patriottica è parte del personaggio che interpreta. La cosa che mi manda in sollucchero però è la grafica abominevole del suo annuncio (riportato qui sopra): uno spixellamento primi anni 90 che fa male agli occhi e al cuore. Se l’ha scelta volutamente, ha tutta la nostra stima.   Kato Kenichiro – candidato indipendente Il medico 74enne Kato Kenichiro non può certo dirsi l’uomo più fotogenico del Giappone e anche il nome scritto a pennarello nero non fa proprio una bella figura, ma il suo programma dimostra una mente poliedrica. Qui sotto alcuni punti:
  • Convertire i pachinko (equivalente locale delle sale slot) in casinò dove i giovani possano lavorare come camerieri e intrattenitori. Da qui in avanti il Giappone non potrà vivere solo di produzione industriale.
  • Istituire un centro che protegga la popolazione dalle armi dei servizi segreti come nel caso della cosidetta sindrome dell’Avana e e dei gas nervini.
  • Introdurre una mancia del 10% per i ristoranti di lusso.
  • Le donne dovrebbero lavorare nella prostituzione solo dai 45 anni in avanti.

Aiuta Renovatio 21

AI Mayor – candidato indipendente Dal momento che nessun uomo politico è onnisciente, si potrebbe istruire un’intelligenza artificiale con le minute di tutte le sessioni del Parlamento e affidare ad essa le decisioni politiche riguardo al governo della città. Le persone dietro a questo candidato sostengono questo o qualche altra boiata simile. In realtà parlare di intelligenza artificiale va di moda e qualcuno ha pensato bene di racimolare voti così.   

Sostieni Renovatio 21

Kawai Yuusuke – Gruppo aumentiamo l’afflusso alle urne dell’onorevole Joker Questo candidato si presenta truccato come il Joker o come Jim Carrey in The Mask. Gli è già riuscito di farsi eleggere al consiglio comunale della città di Soka, nella prefettura di Saitama e ora punta alla capitale. Ha fatto subito parlare di sé con un manifesto elettorale con una ragazza seminuda, a causa del quale è stato attenzionato dalla polizia.   Ha sfruttato lo spazio televisivo a cui candidati hanno diritto per presentarsi travestito dal governatore Koike (con tanto di gonna corta e mutande in vista) prendendola in giro ferocemente in maniera esilarante. Praticamente sta trollando la campagna elettorale puntando al voto di protesta, potrebbe anche andargli bene.      In questo manifesto sostiene l’introduzione della poligamia in Giappone per contrastare il calo della popolazione.     Qui fa la sua proposta per modificare il controverso articolo 9 della costituzione: invece che «rifiuto del diritto alla belligeranza» (che impedisce al Giappone di avere un vero e proprio esercito), bisognerebbe scrivere «contraccezione per gli studenti delle superiori». Le due frasi in giapponese suonano in maniera simile.  

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Sasuke –Partito proteggiamo i cittadini dalla NHK  Il partito che protegge i cittadini dalla televisione nazionale è la creatura di Takashi Tachibana, geniale filibustiere della politica giapponese che in passato è addirittura riuscito ad entrare in Parlamento. Il canone in Giappone viene riscosso porta a porta da incaricati della NHK che in genere hanno un atteggiamento aggressivo ed intimidatorio e sono quindi odiati dalla popolazione. Tachibana (ex dipendente della NHK!) ha fiutato la possibilità di usare il malcontento generale in politica e ci è riuscito alla grande. È leggendaria una sua apparizione sulla stessa NHK in cui usava lo spazio televisivo concessogli ripetendo il suo slogan «Distruggerò la NHK!» con un sorriso raggiante, fermandosi ogni tanto per dire al personale dello studio “Niente di personale verso chi lavora qui, sia chiaro”. Il cane Sasuke in realtà non è uno dei 24 candidati (24 su un totale di 56!) che Tachibana ha portato a queste elezioni, è il risultato di un’iniziativa per cui i manifesti del partito sono a disposizione di chiunque, quindi qualcuno (crediamo previo pagamento) ha pensato bene di mettere un cane sui manifesti elettorali. Bellissimo.    Il numero sproporzionato di candidati del partito è una tecnica di Tachibana per saturare lo spazio destinato alle affissioni elettorali e si potrebbe dire che sta funzionando.    

Iscriviti al canale Telegram

Goto Teruki – partito peace&love Se alcuni candidati sembrano trollare la campagna elettorale per guadagnarci, Goto Teruki sembra farlo per motivazioni non immediatamente comprensibili. Candidato 17 volte in giro per il Giappone e mai eletto. Prima del partito peace&love, si è presentato con il partito transumanista, il partito del metaverso, il partito SDGs e altri ancora che probabilmente contavano un solo membro.   Il candidato è uso sfruttare i 6 minuti di spazio televisivo concessi a ogni candidato per seminare il panico in studio.     Le sua passate performance si trovano su Youtube (il nostro ha anche un suo canale) e sono incredibili. Il Goto parla a raffica con la sua vocetta da spiritato e si produce in deliri zeppi di volgarità, perlopiù a sfondo sessuale, agitandosi fortemente.   Quest’anno si è dato una notevole calmata, non ha detto nemmeno una parolaccia e si è limitato a sragionare senza freni, ma due anni fa si è spogliato rimanendo con indosso solo un pannolone con una grossa macchia marrone sul retro.    Nei manifesti elettorali sembra essere più propenso al cosplay e meno spiritato. Non è detto che la sua sia la protesta più stramba offerta dalla tornata elettorale.   Taro Negishi Corrispondente di Renovatio 21 da Tokyo

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine screenshot da YouTube
Continua a leggere

Più popolari