Connettiti con Renovato 21

IVF

La fecondazione in vitro aumenta del 44% il rischio di cardiopatie congenite nei bambini

Pubblicato

il

I bambini concepiti utilizzando tecniche di fecondazione assistita hanno un più alto rischio di difetti cardiaci congeniti rispetto ai bambini nati attraverso concepimento spontaneo, secondo una ricerca.

Come riporta Bionews, la meta analisi di otto studi ha scoperto che il rischio di cardiopatie congenite aumenta del 44% quando il bambino è stato concepito con fecondazione in vitro o con ICSI (iniezione intracitoplasmica di sperma) rispetto a quelli che sono stati concepiti senza l’utilizzo di tecniche di fecondazione assistita.

 

Le malattie congenite cardiache erano evidenti nell’1,30% e 0,68% rispettivamente nel gruppo di nati viti concepiti attraverso tecniche di fecondazione assistita e nel gruppo di nati vivi concepiti naturalmente, afferma lo studio pubblicato su Ultrasound in Obstetrics & Gynaecology.

Il dottor Paolo Cavoretto, a capo dello studio presso l’IRCCS all’ospedale San Raffaele di Milano, in Italia, ha affermato: «Crediamo che le gravidanze da fecondazione in vitro e ICSI abbiano un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiache congenite come conseguenza di disfunzione precoce della placenta; tuttavia questa ipotesi dovrà essere dimostrata in studi successivi».

Il rischio di cardiopatie congenite aumenta del 44% quando il bambino è stato concepito con fecondazione in vitro

 

Ha poi aggiunto: «Consigliamo un’ecocardiografia fetale in tutte le gravidanze avvenute per fecondazione in vitro e/o ICSI».

Dallo studio emerge che le tecniche di fecondazione assistita non aumentano il rischio di malformazioni cardiache, ma soltanto alcune minori malattie cardiache congenite, come per esempio difetti ventricolari o del setto interatriale, tipologie di «buchi nel cuore».

 

La dottoressa Katie Morris, consulente di medicina fetale materna all’Università di Birmingham, ha notato che le cardiopatie congenite minori non sono sempre individuabili con i regolari controlli specifici al cuore del bambino all’interno dell’utero.

 

La ricerca analizzata nello studio ha usato «le ecografie per cercare le differenze cardiache in modo variabile, per esempio il tempo, l’esperienza della persona che ha effettuato l’ecografia e i dettagli su cui si è soffermata».

La dottoressa dopo aver confermato che «il rischio è maggiore per queste gravidanze», ha concluso che «questi dati non appoggiano la politica del Regno Unito di offrire a tutte le donne che hanno concepito attraverso queste tecniche un esame cardiaco specifico (ecocardiogramma fetale) per i loro bambini», dal momento che molte malattie congenite cardiache minori non sarebbero individuabili altrimenti.

 

Continua a leggere

IVF

Fecondazione in provetta, 38 mila euro alla coppia per il bambino «sbagliato»

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Una coppia spagnola ha vinto una causa in un tribunale belga perché una clinica di fecondazione in vitro ha prodotto gemelli con il corredo genetico sbagliato.

 

Ai genitori sono stati assegnati 38mila euro per «shock» e «impoverimento».

 

Era la prima volta che un tribunale belga rilevava che un bambino sano può essere causa di danno per i genitori.

 

Era la prima volta che un tribunale belga rilevava che un bambino sano può essere causa di danno per i genitori

Il primo figlio nato dai genitori aveva la beta talassemia, una malattia genetica che può essere corretta con un trapianto di midollo osseo. Volevano un altro bambino in grado di fornire midollo osseo sano, un cosiddetto «fratello salvatore».

 

I medici dell’Universitair Ziekenhuis di Bruxelles hanno promesso di eseguire la fecondazione in vitro e la «diagnosi genetica preimpianto» per garantire che il secondo figlio fosse un donatore idoneo.

 

Con sgomento dei genitori, tuttavia, la clinica ha selezionato un embrione che si è rivelato non corrispondere. Peggio ancora, l’embrione ha gemellato.

 

I genitori hanno ripetuto la procedura in un ospedale di Madrid e il quarto figlio si è rivelato compatibile.

 

Quindi i genitori hanno citato con successo l’ospedale belga. Il giudice ha stabilito che la coppia spagnola aveva «voluto due o tre figli nell’ambito del loro progetto familiare, ma in nessun caso quattro».

 

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

IVF

Sconti del Black Friday per i bambini in vitro e surrogati in Ucraina

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Cronache della mercificazione. È Black Friday a Kiev!

 

La clinica ucraina BioTexCom offre il 3% di sconto!!!!! sui suoi pacchetti di maternità surrogata e fertilità. Lo sconto è valido dal 15 novembre al 26 novembre.

 

Un pacchetto di maternità surrogata VIP all-inclusive costerà solo €1.947; un pacchetto di fecondazione in vitro «Perfect Chance» a soli 447€.

 

«Sbrigati a realizzare il tuo sogno di un bambino!», dice il trafiletto promozionale sul sito web.

 

BioTexCom è un grande player nella maternità surrogata internazionale e lavora duramente per commercializzare i suoi prodotti. È attivo su Facebook, Twitter e YouTube (in rumeno, inglese, tedesco, cinese, giapponese, francese, spagnolo, bulgaro. Sponsorizza una squadra di baseball e una squadra di jiujitsu.

 

I clienti possono farsi un tatuaggio con il logo BioTexCom.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Immagine screenshot dal sito di BioTexCom

 

 

Continua a leggere

Fertilità

Fecondazione in vitro, altro pasticcio in una clinica americana

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Due coppie californiane hanno dato alla luce i bambini l’una dell’altra dopo uno scambio in una clinica per la fertilità nel 2019.

 

Entrambi stanno facendo causa al California Center for Reproductive Health (CCRH) di Los Angeles e al suo proprietario, il dottor Eliran Mor, per danni.

 

Daphna ha detto che era sconvolta dal fatto di aver portato in grembo il bambino di un’altra coppia per nove mesi e di aver perso mesi di legame con il proprio figlio

Secondo una causa intentata lunedì a Los Angeles da Daphna e suo marito Alexander Cardinale, il bambino è nato con capelli e carnagione molto più scuri rispetto al suo genitore. Si erano fidati della clinica per la fecondazione in vitro, ma i sospetti sono cresciuti.

 

Alla fine hanno ottenuto un test del DNA che ha mostrato che il bambino doveva appartenere a un’altra coppia.

 

Daphna ha detto a una conferenza stampa organizzata da Adam Wolf, un avvocato specializzato in casi di fertilità, che era sconvolta dal fatto di aver portato in grembo il bambino di un’altra coppia per nove mesi e di aver perso mesi di legame con il proprio figlio.

 

I bambini sono stati scambiati nel gennaio 2020.

 

«Sono stata sopraffatta da sentimenti di paura, tradimento, rabbia e dolore», ha detto Daphna.

 

«Sono stata derubata della capacità di portare in grembo mio figlio. Non ho mai avuto l’opportunità di crescere e legare con lei durante la gravidanza, di sentire i suoi calci».

 

«Sono stata derubata della capacità di portare in grembo mio figlio. Non ho mai avuto l’opportunità di crescere e legare con lei durante la gravidanza, di sentire i suoi calci».

Il signor Wolf rappresenta anche l’altra coppia, che ha preferito rimanere anonima. Hanno anche intenzione di fare causa.

 

«I Cardinale, compresa la loro giovane figlia, si sono innamorati di questa bambina ed erano terrorizzati che sarebbe stata portata via da loro», afferma la denuncia.

 

«Per tutto il tempo, Alexander e Daphna non sapevano dove si trovasse il loro embrione, e quindi erano terrorizzati che un’altra donna fosse incinta del loro bambino – e il loro bambino fosse nel mondo da qualche parte senza di loro».

 

I bambini sono stati scambiati nel gennaio 2020.

«Per tutto il tempo, Alexander e Daphna non sapevano dove si trovasse il loro embrione, e quindi erano terrorizzati che un’altra donna fosse incinta del loro bambino – e il loro bambino fosse nel mondo da qualche parte senza di loro»

 

Errori come questo sono rari, anche se è impossibile sapere con quale frequenza accadono.

 

I genitori normalmente scoprono l’errore quando i bambini hanno un aspetto molto diverso. In caso contrario, è improbabile che controllino la parentela.

 

Nel 2019 una coppia di Glendale, in California, ha fatto causa a una clinica per la fertilità separata, sostenendo che il loro embrione era stato impiantato per errore in una donna di New York, che ha dato alla luce il loro figlio e un secondo figlio appartenente a un’altra coppia.

 

Gli incidenti di fertilità devono essere un grande affare. Lo studio di Wolf, Peiffer Wolf Carr Kane & Conway, ha uffici a New York, Los Angeles, San Francisco, Cleveland, St. Louis, Austin e New Orleans. Oltre a gestire numerosi casi di frode sulla fertilità, Peiffer Wolf ha gestito una moltitudine di casi in cui professionisti e strutture mediche sono stati accusati di aver distrutto o perso ovuli, embrioni e altro materiale genetico.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Più popolari