La Brexit fagocitata dai mondialisti?

 

 

Il 13 novembre il primo ministro del Regno Unito Boris Johnson ha scaricato il suo consigliere capo Dominic Cummings, di fatto la persona responsabile della vittoria del referendum del 2016 per la Gran Bretagna per lasciare l’UE – la Brexit.

 

Cummings, che è stato ritratto dall’attore Benedict Cumberbatch nel film HBO Brexit: The Uncivil War, era divenuto per Johnson anche un  chiave nell’orientamento scientifico e infrastrutturale di Johnson all’inizio della sua amministrazione.

 

Si dice che il licenziamento di Cummings abbia seguito il suo tentativo di nominare Lee Cain – persona vicina a Cummings – come capo dello staff del Primo Ministro, ma si dice che la fidanzata di Johnson, Carrie Symonds, abbia bloccato lo sforzo.

Cummings in questi anni è stato sotto costante attacco da parte dei media e di ambo i maggiori partiti del Parlamento britannico.

 

Originariamente lo stratega doveva lasciare all’inizio del nuovo anno, ma le cose ovviamente sono cambiate. Sir Edward Lister, il principale consigliere strategico di Johnson, diventerà capo del personale ad interim fino a quando non ci sarà una nomina permanente, ha detto l’ufficio del primo ministro, secondo il Guardian. Cummings econtinuerà a lavorare per 10 Downing Street fino a metà dicembre, lavorando da casa per sei settimane.

 

L’amministrazione Johnson sta affrontando una scadenza per un accordo con l’UE sulla Brexit alla fine dell’anno, e c’è ancora molto da fare se sperano di evitare una rottura «no-deal», «senza accordo».

Il padre di Carrie Symonds, la compagna di Johnson, è stato il co-fondatore di The Independent e giornalista finanziario per The Economist. Attualmente è direttore esecutivo della Larry Ellison Foundation. Il suo capo, Larry Ellison è il co-fondatore, presidente esecutivo e Chief Technology Officer di Oracle Corporation, e l’undicesimo uomo più ricco del mondo

 

Si dice che il licenziamento di Cummings abbia seguito il suo tentativo di nominare Lee Cain – persona vicina a Cummings – come capo dello staff del Primo Ministro, ma si dice che la fidanzata di Johnson, Carrie Symonds, abbia bloccato lo sforzo.

 

Il padre di Carrie Symonds, Mathew Symonds, è stato il co-fondatore di The Independent e giornalista finanziario per The Economist. Attualmente è direttore esecutivo della Larry Ellison Foundation. Il suo capo, Larry Ellison è il co-fondatore, presidente esecutivo e Chief Technology Officer di Oracle Corporation, e l’undicesimo uomo più ricco del mondo.

 

Nel 2018 Symonds è stata responsabile delle comunicazioni del Partito Conservatore, che ha lasciato per lavorare alle pubbliche relazioni per la fondazione ambientalista internazionale Oceana, creata dal Rockefeller Brothers Fund, Pew Charitable Trusts e altri.

 

Oceana, che ha raccolto 57 milioni di dollari lo scorso anno, è una delle principali organizzazioni non profit di «difesa degli oceani», con una campagna contro la plastica.

 

C’è da considerare, in questi mesi, la brusca svolta effettuata da Boris Johnson e da tutta la società del Regno Unito, entrata in un nuovo lockdown persino prima dell’Italia.

C’è da considerare, in questi mesi, la brusca svolta effettuata da Boris Johnson e da tutta la società del Regno Unito, entrata in un nuovo lockdown persino prima dell’Italia.

 

Dapprima, il premier aveva affrontato gagliardamente la pandemia, annunciando ai cittadini che a differenza degli altri Paesi non vi sarebbe stato alcun lockdown. Fece un annuncio shock: «preparatevi a perdere i vostri cari». A prima vista una sparata utilitarista – Londra è la patria filosofica e morale dell’utilitarismo sociale che tollera la morte di una minoranza a favore della felicità della maggioranza – la frase in realtà, forse grazie agli studi classici di Boris,  evocava anche idee antiche di responsabilità e di tragedia catartica.

 

Sappiamo come è andata a finire: Johnson, e con lui l’intero Regno, furono «normalizzati». Furono sottomessi al COVID.

 

Il premier, a seguito di un tampone, si ammalò gravemente e fu portato in terapia intensiva.  Alla politica «svedese» di rifiuto della clausura, venne sostituito un lockdown draconiano che non fa  che peggiorare ogni mese, con passaporti vaccinali e minacce di retate in casa per chi fa festicciole.

La cloche del controllo sulla pandemia passò a Neil Ferguson, uomo dell’Imperial College e dei programmi di Bill Gates

 

La cloche del controllo sulla pandemia passò a Neil Ferguson, uomo dell’Imperial College e dei programmi di Bill Gates – leggete quanto scriveva Renovatio 21 qualche mese fa – che propose modelli rivelatisi sballati totalmente, ma al momento impressionanti davvero: si parlava di mezzo milione di vittime della pandemia.

 

Come noto, il Ferguson fu beccato con la patta calata: letteralmente, e in clausura. Venne pizzicato mentre violava il lockdown per andare a trovare l’amante, sposata anche lei e dipendente della nota ONG Aavaz, no profit recipiente dei finanziamenti di George Soros.

 

Ora la Gran Bretagna sarà il primo Paese a testare il vaccino – e forse a renderlo obbligatorio – nonostante comincino i campanelli di allarme rispetto, ad esempio, ai rischi sulla fertilità delle donne.

Ora la Gran Bretagna sarà il primo Paese a testare il vaccino – e forse a renderlo obbligatorio – nonostante comincino i campanelli di allarme rispetto, ad esempio, ai rischi sulla fertilità delle donne.

 

Il mondialismo si è mangiato completamente  la Brexit?