Connettiti con Renovato 21

Big Pharma

Il dottor Montagnier fa luce sul C-19 e sul futuro della medicina (Big Pharma trema)

Pubblicato

il

 

 

All’inizio dello scorso aprile, il dottor Luc Montagnier, virologo vincitore del premio Nobel, noto per aver guidato il team che sequenziò il virus dell’HIV nel 1983, ha suscitato scalpore affermando che il COVID-19 aveva i segni di un organismo creato in laboratorio. Se questo si dimostrerà vero, allora l’intera narrativa per il blocco globale coordinato dell’economia mondiale, la quarantena di massa e i protocolli di vaccinazione promossi dall’OMS e dal Forum economico mondiale non sono solo sbagliati, ma potenzialmente criminali.

 

Nei mesi successivi alla voce del Dr. Montagnier si sono aggiunte quelle di dozzine di eminenti professionisti della salute, virologi e specialisti di armi biologiche, ma le sue osservazioni sono state accolte con grande spregio.

 

Mentre Montagnier è stato disprezzato e ferocemente attaccato come un ciarlatano e un teorico del complotto, il Consiglio Atlantico (think tank connesso alla NATO) ha anche recentemente lanciato un contrattacco etichettando il vincitore del Premio Nobel come un «super divulgatore di teorie del complotto sul COVID-19».

Invece di investire nei vaccini, Montagnier ha spiegato che sarebbe molto più saggio per le nazioni del mondo lanciare un progetto per un approccio molto diverso ai trattamenti virali rispetto di quello attualmente diffuso nella società civile

 

(…)

 

La terapia a onde elettromagnetiche di Luc Montagnier: genio o frode medica?

L’aspetto più potente dell’intervento di Montagnier nella politica mondiale del 16 aprile, a mio avviso, non si trova nel suo sostegno alla teoria delle origini in laboratorio, ma nella proposta, spesso trascurata dello scienziato, di un programma internazionale di emergenza di quella che si chiama terapia a onde elettromagnetiche.

 

Invece di investire nei vaccini, Montagnier ha spiegato che sarebbe molto più saggio per le nazioni del mondo lanciare un progetto per un approccio molto diverso ai trattamenti virali rispetto di quello attualmente diffuso nella società civile.

 

«Penso che possiamo creare onde di interferenza che sono dietro le sequenze di RNA in grado di eliminare quelle sequenze con le onde e, di conseguenza, fermare la pandemia»

«Penso che possiamo creare onde di interferenza che sono dietro le sequenze di RNA in grado di eliminare quelle sequenze con le onde e, di conseguenza, fermare la pandemia».

 

Questi concetti furono approvati alcuni giorni dopo da Trump, che aveva manifestato il suo interesse per l’approccio di Montagnier in un briefing del 23 aprile dicendo ai giornalisti:

 

«Supponiamo di colpire il corpo con una luce tremenda … che sia ultravioletta o solo una luce molto potente. E penso che abbiano detto che non è stato verificato, ma verrà testato… E poi ho detto supponendo che venga portata la luce all’interno del corpo, attraverso la pelle o in qualche altro modo. E penso che abbia detto che sarebbe stato testato».

 

Se Trump è stato attaccato come «non scientifico» per queste affermazioni, è solo a causa della vasta ignoranza delle incredibili scoperte di Montagnier sulle proprietà elettromagnetiche della vita.

 

Se Trump è stato attaccato come «non scientifico» per queste affermazioni, è solo a causa della vasta ignoranza delle incredibili scoperte di Montagnier sulle proprietà elettromagnetiche della vita

Le innovazioni di Montagnier nella «cura a base di disinfettante», a cui Trump ha fatto riferimento nello stesso discorso, sono anche molto più complesse di quanto ipotizzano i detrattori tradizionali e non hanno nulla a che fare con la semplice «iniezione» di disinfettanti nel flusso sanguigno. Queste terapie sono altamente interconnesse con le onde elettromagnetiche emesse da alcuni tipi di batteri che Montagnier ha scoperto essere il meccanismo più probabile di guida di molte delle malattie croniche e acute che affliggono l’umanità.

 

 

Che cos’è la biofisica ottica e cosa ha scoperto Montagnier?

La biofisica ottica è lo studio delle proprietà elettromagnetiche della fisica della vita. Ciò significa prestare attenzione alle emissioni di luce e alle frequenze di assorbimento di cellule, DNA e molecole di materia organica, a come queste si interfacciano con l’acqua (che costituisce oltre il 75% del corpo umano) e sono moderate dalla serie di campi magnetici situati a livello quantico e si estendono fino al livello galattico.

 

Per non sottovalutare la natura biochimica della vita che è egemonica nel regno della scienza della salute, il biofisico ottico chiede: quale di queste cose è primaria nella crescita, replicazione e divisione del lavoro di singole cellule o intere specie di organismi? Sono attributi chimici della materia vivente o proprietà elettromagnetiche?

 

La biofisica ottica è lo studio delle proprietà elettromagnetiche della fisica della vita. Ciò significa prestare attenzione alle emissioni di luce e alle frequenze di assorbimento di cellule, DNA e molecole di materia organica, a come queste si interfacciano con l’acqua (che costituisce oltre il 75% del corpo umano) e sono moderate dalla serie di campi magnetici

Lasciate che spieghi meglio il paradosso.

 

Ci sono circa 40 trilioni di cellule altamente differenziate nel corpo umano medio, ognuna delle quali svolge funzioni molto specifiche e richiede un immenso campo di coerenza e intercomunicazione. Ogni secondo, circa 10 milioni di quelle cellule muoiono, per essere sostituite da 10 milioni di nuove cellule che nascono. Molte di queste cellule sono costituite da batteri e gran parte del DNA e dell’RNA all’interno di quelle cellule è costituito da virus (per lo più dormienti), ma che possono essere attivati/disattivati con una varietà di metodi sia chimici sia elettromagnetici.

 

Ecco la grande domanda:

 

Come potrebbe questo complesso sistema essere mantenuto dai soli processi chimici, nel corso di un giorno, di un mese o di un’intera vita?

 

Dopo aver vinto il premio Nobel nel 2008, il dottor Montagnier ha pubblicato un documento nel 2010, rivoluzionario ma eretico, intitolato «DNA Waves and Water» che ha travolto come un uragano la comunità medica

La semplice fisica del movimento degli enzimi che trasportano le informazioni nel corpo da una posizione all’altra non si avvicina minimamente a considerare il coordinamento delle informazioni richiesto tra tutte le parti. È qui che entra in gioco la ricerca di Montagnier.

 

Dopo aver vinto il premio Nobel nel 2008, il dottor Montagnier ha pubblicato un documento nel 2010, rivoluzionario ma eretico, intitolato «DNA Waves and Water» che ha travolto come un uragano la comunità medica.

 

In questo articolo, Montagnier ha dimostrato come la radiazione elettromagnetica a bassa frequenza all’interno della parte di onde radio dello spettro fosse emessa dal DNA batterico e virale e come tale luce fosse in grado sia di modificare la forma dell’acqua sia di trasmettere informazioni. I risultati dei suoi esperimenti sono stati mostrati meravigliosamente in questo video di 8 minuti.

 

Montagnier ha dimostrato come la radiazione elettromagnetica a bassa frequenza all’interno della parte di onde radio dello spettro fosse emessa dal DNA batterico e virale e come tale luce fosse in grado sia di modificare la forma dell’acqua sia di trasmettere informazioni

Utilizzando un dispositivo di fotoamplificazione inventato dal Dr. Jacques Benveniste negli anni ’80 per catturare le emissioni di luce ultra bassa dalle cellule, Montagnier ha filtrato tutte le particelle di DNA batterico da un tubo d’acqua e ha scoperto che le soluzioni post-filtrate che non contengono particelle di materiale hanno continuato a emettere onde a frequenza ultra bassa.

 

Ciò è diventato ancora più affascinante quando Montagnier ha dimostrato che in condizioni specifiche di un campo di fondo di 7 Hz (la stessa della risonanza di Schumann che si verifica naturalmente tra la superficie terrestre e la ionosfera), il tubo dell’acqua non emittente che non aveva mai ricevuto materiale organico poteva essere indotto a emettere frequenze quando posto in stretta vicinanza con il tubo emittente.

 

Ancora più interessante è che quando proteine di base, nucleotidi e polimeri (elementi costitutivi del DNA) sono stati immessi nell’acqua pura, si sono formati cloni quasi perfetti del DNA originale!

 

Il dottor Montagnier e il suo team hanno ipotizzato che l’unico modo perché ciò accadesse era che l’impronta del DNA fosse in qualche modo impressa nella struttura stessa dell’acqua stessa, risultando in una forma di «memoria dell’acqua» che era stata precedentemente sperimentata da Jacques Benveniste, i risultati di cui sono presentati in questo incredibile documentario del 2014, Water Memory.

 

Proprio come Benveniste subì una delle peggiori cacce alle streghe dei tempi moderni (condotta in larga misura da Nature Magazine nel 1988), il premio Nobel ottenuto da Montagnier non lo ha protetto da un destino simile, poiché negli ultimi dieci anni ha affrontato una campagna diffamatoria internazionale.

 

Il dottor Montagnier e il suo team hanno ipotizzato che l’unico modo perché ciò accadesse era che l’impronta del DNA fosse in qualche modo impressa nella struttura stessa dell’acqua stessa, risultando in una forma di «memoria dell’acqua»

Quasi 40 vincitori di premi Nobel hanno firmato una petizione che denunciava Montagnier per la sua eresia e il grande scienziato è stato costretto persino a lasciare l’Europa e fuggire a quella che ha definito una cultura del «terrore intellettuale». In risposta a questa calunnia, Montagnier ha affermato alla rivista LaCroix«Sono abituato agli attacchi di questi accademici che sono solo burocrati in pensione, fuori da ogni innovazione. Ho le prove scientifiche di quello che dico».

 

Descrivendo le maggiori sfide per portare avanti questa ricerca, Montagnier ha spiegato:

 

«Abbiamo scelto di lavorare con il settore privato perché nessun finanziamento poteva arrivare dalle istituzioni pubbliche. Il caso Benveniste ha fatto sì che chiunque si interessi alla memoria dell’acqua sia considerato… Voglio dire, odora di zolfo. È l’inferno».

 

 

Portare la ricerca di Montagnier sotto una nuova luce

In un’intervista del 2011, il dottor Montagnier ha ricapitolato le conseguenze delle sue scoperte:

«Sono abituato agli attacchi di questi accademici che sono solo burocrati in pensione, fuori da ogni innovazione. Ho le prove scientifiche di quello che dico»

 

«L’esistenza di un segnale armonico proveniente dal DNA può aiutare a risolvere interrogativi di vecchia data sullo sviluppo cellulare, ad esempio come l’embrione è in grado di compiere le sue molteplici trasformazioni, come se fosse guidato da un campo esterno. Se il DNA può comunicare le sue informazioni essenziali all’acqua tramite radiofrequenza, allora le strutture non materiali esisteranno nell’ambiente acquoso dell’organismo vivente, alcune delle quali nascondono i segnali della malattia e altre coinvolte nel sano sviluppo dell’organismo».

 

Con queste intuizioni in mente, Montagnier ha scoperto che molte delle frequenze delle emissioni elettromagnetiche da un’ampia varietà di DNA microbico si trovano anche nei plasma sanguigni di pazienti affetti da influenza A, epatite C e anche molte malattie neurologiche non comunemente considerate come influenzate da batteri come Parkinson, sclerosi multipla, artrite reumatoide e Alzheimer. Negli ultimi anni, i team di Montagnier hanno persino trovato alcuni segnali nei plasma sanguigni di persone con autismo e diverse varietà di tumori.

 

Più di una dozzina di medici francesi hanno preso sul serio le idee di Montagnier abbastanza da prescrivere antibiotici per curare l’autismo nel corso di sei anni e, in opposizione alle teorie convenzionali, hanno scoperto che tra 240 pazienti trattati, 4 su 5 hanno visto i loro sintomi regredire in modo evidente o scomparire del tutto.

«L’esistenza di un segnale armonico proveniente dal DNA può aiutare a risolvere interrogativi di vecchia data sullo sviluppo cellulare, ad esempio come l’embrione è in grado di compiere le sue molteplici trasformazioni, come se fosse guidato da un campo esterno. Se il DNA può comunicare le sue informazioni essenziali all’acqua tramite radiofrequenza, allora le strutture non materiali esisteranno nell’ambiente acquoso dell’organismo vivente, alcune delle quali nascondono i segnali della malattia e altre coinvolte nel sano sviluppo dell’organismo».

 

Questi risultati implicano ancora una volta che alcune specie di microbi emettitori di luce difficili da rilevare sono più simili alla causa di questi mali di quanto la moderna industria farmaceutica vorrebbe ammettere.

 

 

Un nuovo dominio del pensiero: perché Big Pharma dovrebbe avere paura

Come ha dimostrato l’esperimento filmato del 2014, Montagnier è andato anche oltre per dimostrare che le frequenze delle emissioni di onde all’interno di un filtrato situato in un laboratorio francese possono essere registrate e inviate via e-mail a un altro laboratorio in Italia dove quella stessa registrazione armonica viene infusa in tubi di non emissione facendo sì che i tubi italiani inizino lentamente a emettere segnali.

 

Queste frequenze di DNA sono state quindi in grado di strutturare i tubi dell’acqua italiani dalla sorgente madre a mille miglia di distanza, ottenendo una replica del DNA identica al 98%.

 

A questo punto, all’apice di così tante eccitanti scoperte nella scienza medica, dovremmo chiederci: cosa potrebbero significare questi risultati per il multimiliardario complesso dell’industria farmaceutica che si basa sul mantenere il mondo bloccato nelle pratiche di farmaci e vaccini chimici?

 

Parlando a questo proposito, Montagnier ha dichiarato:

 

Montagnier ha scoperto che molte delle frequenze delle emissioni elettromagnetiche da un’ampia varietà di DNA microbico si trovano anche nei plasma sanguigni di pazienti affetti da influenza A, epatite C e anche molte malattie neurologiche non comunemente considerate come influenzate da batteri come Parkinson, sclerosi multipla, artrite reumatoide e Alzheimer

«Il giorno in cui ammetteremo che i segnali possono avere effetti tangibili, li useremo. Da quel momento in poi saremo in grado di curare i pazienti con le onde. Si tratta di un nuovo campo della medicina che le persone temono, ovviamente. Soprattutto l’industria farmaceutica… un giorno saremo in grado di curare i tumori utilizzando le onde di frequenza».

 

L’amico e collaboratore di Montagnier, Marc Henry, professore di Chimica e Meccanica Quantistica all’Università di Strasburgo, ha dichiarato:

 

«Se curiamo con frequenze e non con farmaci diventa estremamente conveniente per quanto riguarda la quantità di denaro speso. Spendiamo un sacco di soldi per trovare le frequenze ma, una volta trovate, trattarle non costa nulla».

 

Che sia prodotta in un laboratorio come afferma Montagnier o sia apparsa naturalmente come afferma Nature Magazine, resta il fatto che l’attuale pandemia di coronavirus ha accelerato il collasso del sistema finanziario mondiale e costretto i leader del mondo a discutere la realtà di un nuovo paradigma necessario e nuovo ordine economico mondiale.

 

Resta da vedere se quel nuovo sistema sarà guidato dai cartelli farmaceutici e dai banchieri sociopatici che gestiscono la politica sanitaria globale per un’élite tecnocratica di ingegneri sociali o se sarà guidato dagli stati nazionali che modelleranno i termini di quel nuovo sistema attorno ai bisogni umani.

«Il giorno in cui ammetteremo che i segnali possono avere effetti tangibili, li useremo. Da quel momento in poi saremo in grado di curare i pazienti con le onde. Si tratta di un nuovo campo della medicina che le persone temono, ovviamente. Soprattutto l’industria farmaceutica… un giorno saremo in grado di curare i tumori utilizzando le onde di frequenza».

 

Se gli Stati-nazione riescono a rimanere al posto di guida di questo nuovo sistema, allora dovrà essere guidato da alcuni principi fondamentali dell’assistenza sanitaria per tutti, la riforma della pratica scientifica e una più ampia riforma politico/economica in cui la sacralità della vita umana è al di sopra delle considerazioni sul profitto monetario.

 

In questa luce, tali programmi per progetti a lungo termine nella scienza spaziale, nella difesa dagli asteroidi e nello sviluppo di missioni sulla Luna e su Marte saranno necessari nel dominio astrofisico quanto i programmi per l’energia di fusione lo saranno nel settore atomico.

 

Unendo entrambi i mondi, è il dominio delle scienze della vita che interseca le proprietà elettromagnetiche di atomi, cellule e DNA con le proprietà elettromagnetiche su larga scala della Terra, del Sole e della galassia nel loro insieme.

 

 

Matthew Ehret

 

 

 

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

 

Articolo previamente apparso su Canadian Patriot, tradotto e ripubblicato per gentile concessione dell’autore.

 

 

 

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Big Pharma

«30 milioni di dosi nella spazzatura»: il CEO di Moderna si lamenta al WEF dei vaccini buttati «perché nessuno li vuole»

Pubblicato

il

Da

Il CEO di Moderna Stéphane Bancel si lamenta di dover «buttare via» 30 milioni di dosi di vaccino contro il COVID-19 perché «nessuno le vuole».

 

«È triste dire che sto buttando 30 milioni di dosi nella spazzatura perché nessuno le vuole. Abbiamo un grosso problema con la domanda», ha detto Bancel a un pubblico al World Economic Forum di Davos ora in corso, aggiungendo che i tentativi di contattare vari governi vedere se qualcuno vuole recuperare i lotti sono stati un totale fallimento.

 

«In questo momento ci sono governi che abbiamo cercato di contattare … attraverso le ambasciate a Washington. Ogni Paese… e nessuno vuole prenderseli».

 

«Il problema in molti Paesi è che le persone non vogliono i vaccini».

 

I commenti di Bancel arrivano pochi giorni dopo che Bloomberg ha riferito che i funzionari sanitari dell’UE vogliono modificare i contratti con Pfizer e altri produttori di vaccini al fine di ridurre le forniture.

 

In una lettera congiunta della Commissione UE è possibile leggere che «alcuni paesi stanno cercando di modificare i cosiddetti accordi di acquisto anticipato firmati con i produttori, poiché la domanda di vaccini diminuisce e i budget sono messi a dura prova dalle ricadute della guerra in Ucraina e dai costi di accoglienza dei rifugiati».

 

«L’adeguamento degli accordi con i fornitori potrebbe garantire agli Stati membri il diritto di “riprogrammare, sospendere o annullare del tutto le consegne di vaccini con una breve durata”, hanno scritto i primi ministri di Estonia, Lettonia e Lituania in una lettera congiunta alla presidente della Commissione Ursula Von Der Leyen alla fine del mese scorso» scrive la testata economica di Nuova York.

 

Nel frattempo, in una lettera separata il ministero della salute della Bulgaria ha chiesto un «dialogo aperto» con la commissione e le aziende farmaceutiche, sostenendo che l’attuale accordo costringe gli Stati membri ad «acquistare quantità di vaccini di cui non hanno bisogno».

 

Come riportato da Renovatio 21, già dai primi mesi della campagna globale era divenuto chiaro come ad esempio i Paesi africani rifiutassero la vaccinazione COVID. Può darsi che le élite locali spingessero per l’immunizzazione, ma non di certo la popolazione africana, come dimostrano le quantità di dosi donate da Paesi stranieri e programmi vaccinali vari dei Gates rimaste inutilizzate.

 

Prima di Moderna, Stéphane Bancel fu CEO della società francese BioMérieux, posseduta da Alain Merieux, considerato amico personale di Xi Jinping, che visità il laboratorio BSLM4 di BioMerieux a Lione nel 2014.

 

Secondo quanto appreso, i cinesi avrebbero contattato i francesi per la costruzione del laboratorio di Wuhan, il primo BSL4 del Paese, nel 2004.

 

Il suo progetto, iniziato nel 2003, è stato realizzato in collaborazione con la Francia. Parte del personale dei biolab di Wuhano ha ricevuto una formazione presso il laboratorio P4 Jean Mérieux a Lione. Nel febbraio 2017, il primo ministro francese Bernard Cazeneuve, accompagnato dal ministro francese degli Affari sociali e della salute Marisol Touraine, e Yves Lévy, presidente dell’INSERM, hanno preso parte alla cerimonia di accreditamento del laboratorio a Wuhan.

 

Su un documento datato 2014 della Fondazione Mérieux ancora visibile in rete della Fondazione Merieux è possibile leggere che la crisi dell’Ebola, insieme «alla visita presidenziale cinese a Lione ha reso possibile di accelerare il completamento del laboratorio BSL4 in Cina come parte di una cooperazione sino-francese senza precedenti».

 

Nel 2011, dopo aver lavorato in BioMerieux, il Bancel divenne CEO di Moderna, di cui possiede il 9% delle azioni, che oggi valgono almeno un miliardo.

 

La carriera di Bancel è insomma segnata dal coronavirus: prima nella società che aiuterà i cinesi a costruire il laboratorio di Wuhano, poi nel Massachusetts nella società che per il virus di Wuhano, in teoria, dovrebbe aver trovato il vaccino.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Il capo di Pfizer: «microchip biologici dentro ai farmaci». Ecco il Grande Reset

Pubblicato

il

Da

Il CEO di Pfizer al World Economic Forum di Davos parla di farmaci dotati di microchip ingeribili.

 

Albert Bourla, l’oramai notissimo veterinario greco-ebreo-americano a capo del colosso farmaceutico del vaccino COVID mRNA, ha annunziato al consesso organizzato in questi giorni dal guru del Grande Reset Klaus Schwab questa innovazione biomedica.

 

Si tratterebbe, al momento, di un farmaco che segnalerebbe ai sistemi informatici di essere stato assunto dal cittadino.

 

 

«Imagine the compliance», dice il Bourla: immaginate l’obbedienza. Chiaramente, parlando di obbedienza, egli lascia capire che il suo cliente non è il paziente, ma lo Stato moderno che ha reso ogni suo cittadino un paziente, se non una cavia obbligata a farmaci sperimentali sconosciuti.

 

C’è poco da aggiungere, se non ricordare che al WEF di Davos, il regno di Klaus Schwabbo e del Grande Reset, questa solfa in realtà è stata già ascoltata.

 

Basta riportare alla mente le parole di una delle figure più gettonate del «partito di Davos», il filosofo Yuval Harari.

 

«Ciò che abbiamo visto finora è che aziende e governi raccolgono dati su dove andiamo, chi incontriamo, quali film guardiamo» teorizza il pensatore gay israeliano. «La fase successiva è la sorveglianza sotto la nostra pelle».

 

 

«In precedenza, la sorveglianza era principalmente sopra la pelle. Ora sta andando sotto la pelle. I governi vogliono sapere non solo dove andiamo o chi incontriamo. Vogliono soprattutto sapere cosa sta succedendo sotto la nostra pelle».

 

Importante l’ammissione per cui «Il COVID è fondamentale perché questo è ciò convince le persone. ad accettare, a legittimare la sorveglianza biometrica totaleSe vogliamo fermare questa epidemia, non dobbiamo solo monitorare le persone. Dobbiamo monitorare cosa sta succedendo sotto la pelle».

 

Come riportato da Renovatio 21, lo stesso Schwab ha parlato di «Quarta Rivoluzione Industriale» come «fusione della nostra identità fisica, digitale e biologica» ottenibile con l’impianto di chip cerebrali con cui controllare l’animo del pubblico, e ridefinire il controllo ad esempio dei viaggi internazionali grazie a «scansioni» cerebrali per i passeggeri in aeroporto: «anche attraversare un confine nazionale potrebbe un giorno richiedere una scansione cerebrale dettagliata per valutare il rischio per la sicurezza di un individuo

 

 

In pratica, si tratta di discussioni su nuovi strumenti di sottomissione.

 

E mica si vergognano a parlarne pubblicamente, anzi.

 

Come riportato da Renovatio 21, Bourla – il cui peso politico gli permette incontri secretati con il capo della UE e con il papa –  ha recentemente dichiarato di ricevere brief da CIA e FBI sulle forze contrarie alla vaccinazione. I «no vax» sono stati definiti da Bourla come criminali.

 

In realtà, si tratta solamente persone che non offrono la loco compliance, cioè la loro obbedienza. Cittadini di tutto il mondo che non vogliono essere né cavie, né schiavi, né bestie chippate.

 

 

 

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

La FDA limita l’uso del vaccino J&J per un raro disturbo della coagulazione del sangue

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Giovedì la FDA ha imposto limiti rigorosi all’uso del vaccino COVID-19 Johnson & Johnson (J&J) , citando il rischio di una condizione di coagulazione del sangue che l’agenzia ha descritto come «rara e potenzialmente pericolosa per la vita».

 

In una dichiarazione giovedì, la FDA ha affermato che il rischio che i destinatari del vaccino sviluppino trombosi con sindrome da trombocitopenia (TTS) dopo aver ricevuto il vaccino «garantisce la limitazione dell’uso autorizzato del vaccino».

 

L’agenzia ha descritto la TTS come «una sindrome di coaguli di sangue rari e potenzialmente pericolosi per la vita in combinazione con bassi livelli di piastrine nel sangue con insorgenza di sintomi circa una o due settimane dopo la somministrazione del vaccino Janssen [J&J] COVID-19».

 

Peter Marks, MD, Ph.D., direttore del Center for Biologics Evaluation and Research della FDA, ha affermato che limitare l’uso autorizzato del vaccino Janssen «dimostra la solidità dei nostri sistemi di sorveglianza della sicurezza e il nostro impegno nel garantire che la scienza e i dati guidino il nostro decisioni».

 

Tuttavia, Brian Hooker, Ph.D., PE, Chief Scientific Officer di Children’s Health Defense e professore di biologia alla Simpson University, avrebbe una visione diversa della notizia.

 

«Sembra che la FDA renda omaggio al fatto che la proteina spike può causare la coagulazione e alle diffuse segnalazioni di coagulazione, punendo Janssen, che è diventato il “capro espiatorio” dei produttori di vaccini COVID-19 durante la pandemia», ha detto Hooker.

 

La decisione arriva circa cinque mesi dopo che il CDC ha raccomandato i vaccini mRNA Moderna e Pfizer rispetto a J&J per le dosi di richiamo.

 

Nell’aprile 2021, le agenzie sanitarie federali hanno sospeso la distribuzione del vaccino di J&J per indagare sui casi segnalati di disturbi della coagulazione del sangue che si verificano in coloro che hanno ricevuto l’iniezione. Ma le autorità di regolamentazione hanno revocato la pausa 10 giorni dopo e hanno aggiunto un avviso alle istruzioni per il suo utilizzo.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 6 maggio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari