Il bioeticista parla del proprio scontro con le restrizioni di COVID

 

 

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

Un gran numero di persone aveva intorno solo personale medico quando sono morte

 

Numerosi articoli sono stati pubblicati su riviste di bioetica sugli aspetti della pandemia COVID-19. Ma il bioeticista Joseph Meaney, presidente del National Catholic Bioethics Center, parla per esperienza personale. È stato ricoverato in ospedale per quattro giorni con un problema cardiaco quasi fatale e ha dovuto far fronte alle restrizioni del COVID-19 sulle visite. Ha riflettuto sulla sua esperienza con un giornalista di Crux.

 

Gli ospedali dovrebbero riconoscere il diritto a non morire da soli:

Alcuni ospedali e strutture sanitarie, in particolare case di cura per anziani, hanno messo in atto restrizioni draconiane alle visite come reazione alla pandemia COVID-19. Il risultato di queste politiche è stato quello di impedire ai membri della famiglia o al clero di venire al capezzale di molte persone morenti come desideravano.

Per alcuni umanisti laici potrebbe essere vero che non c’è valore più alto che preservare la vita fisica di una persona e non credono nella vita dopo la morte. È loro diritto mantenere questa convinzione, ma non hanno il diritto di imporla agli altri.

 

Un gran numero di persone aveva intorno solo personale medico quando sono morte. Queste erano tragedie prevenibili e particolarmente gravi dal punto di vista spirituale poiché gli ultimi riti possono essere celebrati solo di persona e possono essere essenziali per preparare una persona alla morte e la sua anima alla vita eterna attraverso il perdono dei peccati.

 

 

Molte istituzioni hanno una gerarchia di valori sbagliata.

Quello che credo manchi è una comprensione compassionevole dei diritti umani.

Per i cattolici e molti altri credenti ci sono cose peggiori della morte o più importanti della riduzione del rischio di morte.

 

Per alcuni umanisti laici potrebbe essere vero che non c’è valore più alto che preservare la vita fisica di una persona e non credono nella vita dopo la morte. È loro diritto mantenere questa convinzione, ma non hanno il diritto di imporla agli altri.

 

Per i cattolici e molti altri credenti ci sono cose peggiori della morte o più importanti della riduzione del rischio di morte.

 

 

Le considerazioni utilitaristiche non bastano

Ciò che spaventa è la cecità al dolore e alla sofferenza imposti in modo irragionevole ai pazienti e alle famiglie. L’empatia ci richiede di cercare di comprendere i sentimenti e le convinzioni degli altri. Se quanto richiesto è impossibile o chiaramente dannoso, può essere rifiutato. Se una persona apprezza qualcosa in modo straordinario, dovrebbe ricevere un grande peso.

Nessuno dovrebbe essere costretto a cooperare con il male e violare la propria coscienza ben formata, ma quello che vedo accadere con i morenti è un freddo calcolo. È più economico e più facile negare semplicemente la visita e può ridurre il rischio di contagio.

 

Nessuno dovrebbe essere costretto a cooperare con il male e violare la propria coscienza ben formata, ma quello che vedo accadere con i morenti è un freddo calcolo.

 

È più economico e più facile negare semplicemente la visita e può ridurre il rischio di contagio.

 

 

Michael Cook

Direttore di BioEdge