Connettiti con Renovato 21

Farmaci

Il banco cripto fallito FTX ha finanziato gli studi contro ivermectina e idrossiclorochina?

Pubblicato

il

Gli studi clinici determinavano che i farmaci terapeutici ivermectina e idrossiclorochina erano inefficaci nel trattamento del COVID sono stati finanziati dal defunto scambio di criptovalute FTX, recentemente andato in bancarotta. Come sta emergendo, il suo amministratore delegato era il secondo donatore del Partito Democratico USA (dopo George Soros), con l’azienda implicata anche in operazioni cripto con l’Ucraina in guerra.

 

Nel mezzo della pandemia COVID, la FTX Foundation, guidata dal CEO di FTX Sam Bankman-Fried, ha finanziato un gruppo di studio sulla sperimentazione clinica noto come Together, che avrebbe condotto studi che presumibilmente miravano a «identificare terapie efficaci riproposte per prevenire la progressione della malattia di COVID-19».

 

Secondo il sito, Together si chiedeva se «possiamo utilizzare i farmaci esistenti per trattare le persone con diagnosi precoce di COVID-19?». Il gruppo, quindi, studiava diversi farmaci che venivano pubblicizzati come possibili rimedi a basso costo per il COVID 19. Fra di essi, vi era il farmaco antiparassitario ivermectina e l’idrossiclorochina, indicata subito nel protocollo fatto uscire dal dottor Rouault, virologo francese considerato tra i primi al mondo.

 

Uno di questi studi multi-autore su larga scala pubblicato da Together nel New England Journal of Medicine esaminava se l’ivermectina potesse essere efficace nel prevenire il ricovero in ospedale per COVID-19, concludendo che «il trattamento con ivermectina non ha comportato una minore incidenza di ricoveri medici in ospedale a causa della progressione del COVID-19 o di prolungata osservazione del pronto soccorso tra i pazienti ambulatoriali con diagnosi precoce del COVID-19».

 

I risultati dello studio sull’ivermectina di Together sono stati citati all’inizio di quest’anno dai media mainstream, come il New York Times, con articoli che indicavano che il farmaco «non riduce il rischio di ricovero per COVID». Discutendo i risultati dello studio in un’intervista con il NYT, il ricercatore David Boulware ha dichiarato che riguardo al farmaco «non c’è davvero alcun segno di alcun beneficio». «Ora che le persone possono immergersi nei dettagli e nei dati, si spera che ciò allontanerà la maggior parte dei medici dall’ivermectina verso altre terapie», ha sentenziato il dottor Boulware.

 

L’articolo del quotidiano di Nuova York citava anche il direttore clinico del Brigham and Women’s Hospital, il dottor Paul Sax, ansioso di mettere la parola fine su questa storia dei farmaci anti-COVID: «ad un certo punto diventerà uno spreco di risorse continuare a studiare un approccio poco promettente».

 

Lo studio di Together fu attaccato dal Cato Institute che notava possibili errori di studio. Un grafico degli interventi studiati fornito da Together mostra che gli studi sulla possibile efficacia dell’idrossiclorochina e dell’ivermectina sono stati «fermati anzitempo per futilità».

 

Sia l’idrossiclorochina che l’ivermectina sono state promosse come terapie alternative poco costose ma efficaci che hanno trattato con successo le infezioni da Covid-19 per molti medici durante i primi protocolli di trattamento.

 

La FTX Foundation ha anche notato di aver investito in «vaccini contro il coronavirus di nuova generazione».

 

L’impegno per la creazione di strumenti pandemici era in realtà, diciamo così, una questione di famiglia.

Come riportato da Renovatio 21, il fratello di San Bankman Fried, Gabriel Bankman-Fried, è uno dei fondatori di un ente chiamato Guarding against Pandemics («Guardia contro la Pandemia»), abbreviato in GAP.

 

Il sito scrive che GAP «sostiene gli investimenti pubblici per prevenire la prossima pandemia» e «sta spingendo il Congresso USA a includere un investimento di 30 miliardi di dollari nell’imminente disegno di legge sulla riconciliazione del bilancio – meno dell’1% del costo totale del disegno di legge – per prevenire la prossima pandemia».

 

Sembrerebbe trattarsi, insomma, di una grande operazione di lobbyismo pandemico.

 

Tuttavia, la pagina del sito di GAP con la biografia del fratello di Bankman, Fried, Gabriel detto Gabe, risulta ora scomparsa anche quella: «404 Page Not Found».

 

Anche il World Economic Forum ha fatto sparire la pagina di promozione di FTX, che tuttavia è ancora visibile negli archivi dell’internet.

 

È emerso che nei libri contabili di FTX – che secondo il curatore fallimentare di Enron sono al di là di ogni immaginazione – vi era una voce che si chiamava «Trump perde».

 

In pratica, FTX, tra danari alla campagna Biden, alle midterm democratiche, all’Ucraina e perfino contro i farmaci per il trattamento precoce del COVID si rivela essere una sorta di cassaforte del goscismo globale – in criptovalute, ossia la forma di moneta più opaca che ci sia.

 

 

 

 

Continua a leggere

Farmaci

Nuovo antibiotico «risparmia» il microbioma

Pubblicato

il

Da

Un nuovo antibiotico utilizza un meccanismo inedito per colpire direttamente le infezioni difficili da trattare, lasciando intatti i microbi benefici. Lo riporta Medscape.

 

Tale innovazione potrebbe portare a una nuova classe di antibiotici che attaccano i batteri pericolosi in un modo nuovo e potente, superando l’attuale resistenza ai farmaci e risparmiando il microbioma intestinale, che è considerato sempre più fondamentale per la salute dell’organismo.

 

«L’aspetto più importante è la componente doppia-selettiva», ha affermato la co-autrice principale Kristen A. Muñoz, PhD, che ha eseguito la ricerca come studentessa di dottorato presso l’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign (UIUC). «Siamo stati in grado di sviluppare un farmaco che non solo prende di mira gli agenti patogeni problematici, ma poiché è selettivo solo per questi agenti patogeni, possiamo risparmiare i batteri buoni e preservare l’integrità del microbioma».

 

Il farmaco colpisce i batteri Gram-negativi, agenti patogeni responsabili di infezioni debilitanti e persino fatali come gastroenterite, infezioni del tratto urinario, polmonite, sepsi e colera. L’arsenale degli antibiotici contro tali batteri è vecchio e dal 1968 non sono arrivate sul mercato nuovi farmaci specificatamente mirati.

 

Molti di questi patogeni sono diventati resistenti a uno o più antibiotici, con conseguenze mortali. A loro volta, i farmaci antibiotici possono anche spazzare via i batteri intestinali benefici, consentendo lo sviluppo di gravi infezioni secondarie.

Iscriviti al canale Telegram

In uno studio pubblicato il 29 maggio su Nature, il farmaco lolamicina ha eliminato o ridotto 130 ceppi di batteri Gram-negativi resistenti agli antibiotici in colture cellulari. Ha anche trattato con successo infezioni del sangue resistenti ai farmaci e polmonite nei topi, risparmiando il loro microbioma intestinale.

 

Con i microbiomi intatti, i topi hanno poi combattuto l’infezione secondaria da Clostridioides difficile (una delle principali cause di infezioni opportunistiche e talvolta fatali nelle strutture sanitarie), mentre i topi trattati con altri composti che hanno danneggiato il loro microbioma sono morti.

 

I ricercatori dell’UIUC hanno notato che la lolamicina ha uno svantaggio: i batteri spesso sviluppano resistenza ad essa. Ma nel lavoro futuro, potrebbe essere modificato, combinato con altri antibiotici o utilizzato come modello per trovare altri aggressori del sistema Lol, hanno detto i ricercatori.

Per portare un farmaco del genere sul mercato, dalla scoperta all’approvazione della Food and Drug Administration, potrebbero volerci più di dieci anni scrivi Medscape citando un esperto sentito sul tema. E sono assolutamente necessari nuovi agenti, soprattutto per i batteri Gram-negativi, che se divengono resistenti ai farmaci rendono difficile il trattamento di infezioni gravi come la sepsi e la polmonite in ambito sanitario.

 

Secondo dati USA, le infezioni del sangue causate da Klebsiella pneumoniae resistente ai farmaci hanno un tasso di mortalità del 40%. Il danno al microbioma causato dagli antibiotici è diffuso e mortale: spazzando via comunità di batteri intestinali utili e protettivi contribuisce a oltre la metà delle infezioni da C difficile che colpiscono 500.000 persone e ne uccidono 30.000 all’anno nei soli Stati Uniti.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Continua a leggere

Epidemie

Morto l’attivista gay che si scontrò con Fauci per le cure all’AIDS

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.   «John [Lauritsen] era divertente, freddamente intelligente, distaccato e allo stesso tempo appassionato, uno scrittore e giornalista brillante che ha saputo superare le illusioni che ruotavano intorno all’epidemia di AIDS fin dall’inizio». Lauritsen, autore di Poison by Prescription: The AZT Story, è morto il 5 marzo a Dorchester, Massachusetts.   John Lauritsen – autore, studioso, storico gay e critico dell’impero HIV/AIDS del dottor Anthony Fauci – è morto. Si ritiene che sia morto il giorno del suo compleanno, il 5 marzo, nella sua casa di Dorchester, nel Massachusetts, all’età di 83 anni.   Era in buona salute e la sua morte è stata inaspettata.   «Ai miei tempi sono stato un attivista contro la guerra, un liberazionista gay, un dissidente contro l’AIDS, un editore e un libero pensatore a tutto tondo», ha scritto Lauritsen alla Pagan Press, la casa editrice da lui fondata nel 1982.   «Ho parlato apertamente quando le persone dotate di buon senso tenevano la bocca chiusa. Ho smascherato frodi, smascherato le fantasie di gruppo e fatto il blasfemo contro le superstizioni prevalenti».

Sostieni Renovatio 21

Sebbene abbia scritto libri su una vasta gamma di argomenti esoterici, Lauritsen era meglio conosciuto per le sue opere che demolivano il farmaco contro l’AIDS azidotimidina (AZT), tra cui «Veleno su prescrizione».   I collegamenti a molti articoli e documenti dell’AZT di John possono essere trovati qui.   Dirigente di ricerche di mercato, analista e membro di Mensa, laureato ad Harvard, Lauritsen è cresciuto nel Nebraska. Suo padre, un avvocato, gli aveva instillato una profonda avversione alla frode che sarebbe andata contro la narrativa dell’HIV/AIDS, sulla quale non si dovevano fare domande.   Lauritsen ha detto riguardo ai suoi libri sull’HIV/AIDS:   «Voglio che difendano la verità, in modo che nessuno, quando la verità alla fine prevarrà, possa fingere che non ci siano stati critici dell’AIDS, o che non abbiamo parlato apertamente».   «La terribile sofferenza, la perdita di vite umane, la propaganda, la censura, le voci, l’isteria, il profitto, lo spionaggio e il sabotaggio…. Io sostengo che i reporter sull’AIDS dovrebbero essere considerati corrispondenti di guerra… e che le caratteristiche salienti della copertura della guerra sono anche quelle della copertura dell’AIDS».   Lauritsen ha dedicato la sua borsa di studio ad aspetti della storia gay, ma non ha mai seguito i dettami rivoluzionari introdotti da ACT UP di Larry Kramer negli anni ’80, a cominciare dalla richiesta di Kramer che la Food and Drug Administration (FDA) statunitense approvasse un farmaco per curare rapidamente l’AIDS, senza alcuna preoccupazione per gli studi sulla sicurezza o sull’efficacia.   Lauritsen ha documentato, meticolosamente e con una voce ironica e distintiva, il fondamento della frode che ha dato origine alla fulminea ascesa dell’AZT alla fine degli anni ’80. Non ha usato mezzi termini.   «Non penso che “omicidio” sia una parola troppo forte da usare quando si ha un farmaco come l’AZT, approvato sulla base di ricerche fraudolente», aveva detto in un’intervista.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Riguardo all’ACT UP di Kramer, diceva semplicemente: «il gruppo nel suo insieme era un complice di Big Pharma».   Le brucianti denunce di Lauritsen sull’HIV/AIDS e sull’AZT apparvero spesso come storie di copertina su The New York Native, un periodico gay bisettimanale fondato da Charles Ortleb nel 1980 che pubblicò più di 50 dei suoi articoli.   Il New York Native fu il primo periodico al mondo a riferire sull’allora nuova malattia chiamata AIDS, nel 1981, mesi prima del New York Times.   Fu anche il primo a pubblicare un’intervista (di Lauritsen) del virologo Peter Duesberg, Ph.D., dell’Università della California, a Berkeley, già nel luglio del 1987 – lo stesso anno in cui il controverso articolo di Duesberg venne pubblicato su Cancer Research sull’HIV come causa dell’AIDS e i retrovirus come causa del cancro.   Il New York Native fu anche il primo a pubblicare la storica invettiva di Larry Kramer del 1983, 1,112 and Counting , nello stesso periodo in cui Lauritsen pubblicava i suoi primi avvertimenti alla comunità gay sulla tossicità potenzialmente letale dei nitriti di amile, o «popper».   Lauritsen ha documentato in modo convincente il ruolo chiave svolto dai popper nell’eziologia del sarcoma di Kaposi e del collasso immunitario tra gli uomini gay, e il ruolo nefasto svolto da Fauci nel minimizzare questa associazione.   Il principale produttore di popper era il distributore AZT Burroughs Wellcome, la società che, con l’aiuto di Fauci, divenne uno dei principali beneficiari della crisi dell’AIDS.   Lauritsen e Kramer avrebbero assunto posizioni diametralmente opposte sulla mappa politica gay post-AIDS.   Lauritsen era molto più attrezzato per analizzare e valutare il campo crescente e assolutamente disfunzionale della ricerca e delle terapie sull’HIV, tuttavia Kramer fu colui che, nonostante il suo carattere estremo, si guadagnò un’immensa e iconica reputazione, portando alla formazione del Gay Men’s Health Crisis e ACT UP.   La comunità gay dominante, con fiocco rosso e adesione all’AZT, divenne sempre più furiosa con il New York Native, soprattutto per la «negazione dell’HIV» di Lauritsen e le critiche all’AZT.   Sollecitarono un boicottaggio del giornale a livello comunitario, che portò alla sua chiusura il 13 gennaio 1997.   La crociata dell’AZT divenne così la collina su cui morirono Ortleb, Lauritsen e il New York Native, molti anni prima che fosse chiamata «cancel culture».   «”Cultura dell’annullamento” è un termine troppo blando», ha detto Lauritsen in un’intervista. «Questi selvaggi ipocriti sono distruttori di culture».

Aiuta Renovatio 21

La tragica ironia è questa: in tutto ciò che Lauritsen ha scritto sull’AZT, è stato confermato e dimostrato che aveva ragione, come documentato in The Real Anthony Fauci: Bill Gates, Big Pharma, and the Global War on Democracy and Public Health, di Robert F. Kennedy Jr.   Si stima che circa 300.000 uomini gay siano morti direttamente a causa dell’esposizione ad alte dosi di AZT alle dosi iniziali elevate somministrate, ovunque tra 1200 mg e 1800 mg.   In un’intervista con Tony Brown su PBS, Lauritsen ha detto:   «Ciò che fanno questi farmaci – ACT, DDI e d4T – è davvero terribile. Prendono quella che viene chiamata sintesi del DNA, che è un processo che il corpo attraversa ogni volta che si forma una nuova cellula o quando le cellule crescono».   «È fondamentalmente il processo della vita. E questi farmaci lo interrompono. In altre parole, credono che interrompendo il processo vitale si impedirà all’HIV di replicarsi. E infatti l’HIV non si replica, no. Quindi la teoria alla base è folle e le tossicità sono mortali».   Definiva l’AIDS stesso come un «costrutto fasullo» e disperava dell’uso della parola «queer» per descrivere gli uomini gay.   «John era divertente, freddamente intelligente, distaccato e allo stesso tempo appassionato, uno scrittore e giornalista brillante che ha visto attraverso le illusioni che ruotavano attorno all’epidemia di AIDS fin dall’inizio», Neville Hodgkinson, ex redattore scientifico del Sunday Times di Londra e veterano critico della scienza dell’HIV, ha detto a The Defender.   Oggi è impossibile descrivere l’atto di coraggio e nervi d’acciaio necessari a Lauritsen per pubblicare critiche così dure all’AZT durante quegli anni febbrili in cui veniva pubblicizzato e inteso come un farmaco salvavita – un farmaco che conferiva santità su ACT UP e il ruolo che ha svolto nella rapidissima approvazione della FDA.   Il team di documentari britannico Meditel, sotto gli auspici di Joan Shenton, ha intervistato Lauritsen molte volte nel corso degli anni, in diversi Paesi. Tali interviste possono essere viste presso la Immunity Resource Foundation.   Ed ecco un recente video tributo realizzato da Jamie Dlux, poche settimane prima della morte di Lauritsen:
Lauritsen ha recentemente riflettuto, su Facebook, sulla storia che si ripete:   «Rileggendo la copia digitale di The AIDS War, sono rimasto colpito dagli orrori dell’era dell’AIDS che abbiamo vissuto – la spietatezza e la disonestà dell’establishment dell’AIDS – i paragoni con gli orrori del COVID-19 che stiamo vivendo fino ad ora. Possa la verità finalmente prevalere!»   Celia Farber   © 26 aprile 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.
Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.  

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
  Immagine screenshot da Rumble
Continua a leggere

Farmaci

L’FDA, portata in tribunale, rimuove il post contro l’ivermectina

Pubblicato

il

Da

Secondo un accordo datato 21 marzo, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha accettato di rimuovere post e pagine web sui social media che invitavano le persone a interrompere l’assunzione di ivermectina per curare il COVID-19. Lo riporta Epoch Times.

 

La FDA ha già rimosso una pagina che diceva: «devo prendere l’ivermectina per prevenire o curare il COVID-19? NO».

 

Entro 21 giorni, la FDA rimuoverà un’altra pagina intitolata «perché non dovresti usare l’ivermectina per trattare o prevenire il COVID-19», secondo l’annuncio della transazione, che è stato depositato presso il tribunale federale nel sud del Texas.

 

«La FDA non ha autorizzato o approvato l’ivermectina per l’uso nella prevenzione o nel trattamento del COVID-19 negli esseri umani o negli animali», si legge attualmente nella pagina. Dice anche che i dati non mostrano che l’ivermectina sia efficace contro COVID-19, nonostante alcuni studi citati dimostrino che l’ivermectina è efficace contro la malattia.

Sostieni Renovatio 21

La FDA nell’accordo ha inoltre accettato di eliminare diversi post sui social media che si sono espressi fortemente contro l’ivermectina, incluso uno che affermava: «non sei un cavallo. Non sei una mucca. Sul serio, voi tutti. Smettila».

 

In cambio, i medici che hanno fatto causa all’agenzia respingono le loro richieste, si legge nel documento.

 

«La FDA perde la sua guerra contro l’ivermectina e accetta di rimuovere tutti i post sui social media e le direttive dei consumatori riguardanti ivermectina e COVID, incluso il suo tweet più popolare nella storia della FDA», ha detto in una nota la dottoressa Mary Talley Bowden, uno dei medici. «Questo caso fondamentale costituisce un importante precedente nel limitare l’intervento eccessivo della FDA nel rapporto medico-paziente».

 

«Siamo estremamente soddisfatti del risultato dell’accordo in quanto è una vittoria per ogni medico e paziente negli Stati Uniti», ha aggiunto il dottor Paul Marik, direttore scientifico della FLCCC Alliance e un altro querelante. «La FDA ha interferito nella pratica medica con il suo linguaggio irresponsabile e con i suoi post sull’ivermectina. Non sapremo mai quante vite sono state colpite dal fatto che ai pazienti è stato negato l’accesso a un trattamento salvavita perché il loro medico “stava semplicemente seguendo le indicazioni della FDA».

 

L’ivermectina è stata approvata dalla FDA nel 1996 per il trattamento di diverse condizioni, tra cui l’oncocercosi, una malattia tropicale causata da un verme parassita.

 

Negli Stati Uniti, è prassi comune che i medici prescrivano medicinali off-label, cioè per uno scopo diverso da quello per cui il medicinale è approvato.

 

Dopo che alcuni medici hanno iniziato a prescrivere l’ivermectina per il COVID-19, la FDA ha intensificato la sua campagna, incluso il post del 21 agosto 2021 su Twitter.

 

Il dottor Bowden e altri due medici hanno citato in giudizio la FDA, sostenendo che le azioni dell’agenzia andavano oltre la sua autorità, conferitale dal Congresso.

 

Il giudice distrettuale statunitense Jeffrey Brown ha archiviato il caso nel 2022, stabilendo che la FDA non ha agito al di fuori dell’autorità. Ma una corte d’appello nel 2023 si è pronunciata a favore dei medici, ritenendo che l’agenzia «non ha identificato alcuna autorità che le consenta di raccomandare ai consumatori di “smettere” di prendere medicine».

 

Tra il momento della sentenza e l’accordo, la FDA ha rifiutato di modificare qualsiasi delle sue dichiarazioni sull’ivermectina e ha chiesto un nuovo archiviazione della causa.

 

I dottori Robert Apter, Bowden e Marik hanno portato avanti il ​​caso nel 2022. Hanno affermato di aver subito ripercussioni dopo aver prescritto ivermectina a pazienti affetti da COVID-19 e che la colpa era della FDA.

 

«Questo rifiuto ritarda i suoi pazienti nell’ottenere il trattamento prescritto – quando l’intervento precoce è fondamentale – mentre cercano una farmacia per compilare la loro prescrizione, se riescono a trovarne una», si legge nella causa.

Aiuta Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, vi sono stati vari casi in cui strutture sanitarie sono state denunciate per aver rifiutato di somministrare l’ivermectina.

 

L’efficacia dell’ivermectina nell’impedire la morte da COVID è stata dichiarata, secondo uno studio, del 92%.

 

In un bizzarro risvolto della storia del crack del banco di criptovalute FTX, è emerso che il mega-bancarottiere recentemente condannato Sam Bankman-Fried, secondo grande donatore del Partito Democratico USA dopo George Soros, potrebbe aver finanziato studi contro ivermectina e idrossiclorochina.

 

Per capire la magnitudine dell’insabbiamento riguardo l’ivermectinaRenovatio 21 ha condiviso un breve video inglese sottotitolato in italiano, di cui consigliamo la visione.

 

La censura sull’ivermectina ha colpito anche il popolarissimo podcaster Joe Rogan, accusato dalla CNN di aver utilizzato, una volta malato di COVID, uno «sverminatore per cavalli».

 

Tuttavia, giudici e senati di stati americani hanno portato per legge la sanità alla possibilità di somministrare il farmaco ai pazienti.

 

Tutto questo mentre si registravano casi come quello di città del Messico, dove le morti per COVID sono crollate dopo la somministrazione massiva di ivermectina alla popolazione.

 

Come ha avuto a dire il dottor McCullough su vaccinazioni obbligatorie e proibizione dell’ivermectina, potrebbe trattarsi di una «collusione globale» per «causare tutti i danni e le morti possibili».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Continua a leggere

Più popolari