Connettiti con Renovato 21

Scienza

Guadagno di funzione, Oltre 100.000 documenti rivelano dettagli inquietanti su esperimenti ad alto rischio

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

Un rapporto investigativo della collaboratrice di Vanity Fair Katherine Eban, basato su oltre 100.000 documenti dell’EcoHealth Alliance, mostra una realtà inquietante di «contratti di sovvenzione oscuri, supervisione fragile dei NIH e perseguimento di sovvenzioni governative per ricerche globali sempre più rischiose».

 

 

 

In un reportage investigativo del 31 marzo, la collaboratrice di Vanity Fair Katherine Eban ha esaminato il contenuto di oltre 100.000 documenti dell’EcoHealth Alliance, inclusi i verbali delle riunioni, le e-mail interne e i rapporti, la maggior parte dei quali precedenti alla pandemia di COVID-19, mostrando una realtà inquietante di «sovvenzioni oscure accordi, la fragile supervisione del National Institutes of Health (NIH) e il perseguimento di sovvenzioni governative per ricerche globali sempre più rischiose».

 

Il 4 aprile, Eban ha discusso il suo articolo investigativo con i co-conduttori di Rising Ryan Grim e Robby Soave. I vari documenti sono stati rilasciati in conformità con le richieste del Freedom of Information Act (FOIA) da diverse parti, tra cui BuzzFeed, The Intercept, US Right to Know, White Coat Waste, GOP Oversight e altri.

 

Il presidente dell’EcoHealth Alliance Peter Daszak ammette di «coltivare» i legami con il governo per anni partecipando a fantasiosi cocktail party a Washington DC, spesso facendo presentazioni insieme al dottor Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), e la corrispondenza interna rivela la sua ossessione per i finanziamenti, al punto da presentare proposte di ricerca rischiose all’Agenzia per i progetti di ricerca avanzata della difesa (DARPA).

 

 

La sequenza genica mancante

Eban ha iniziato la sua storia con il resoconto di Jesse D. Bloom, Ph.D., virologo computazionale e biologo evoluzionista del Fred Hutchinson Cancer Research Center. Il 18 giugno 2021, Bloom ha inviato la bozza di un articolo di prestampa che aveva scritto a Fauci e al capo di Fauci, il dottor Francis Collins, allora direttore del National Institutes of Health.

 

Secondo Eban, il documento «conteneva rivelazioni sensibili» sul NIH e Bloom voleva che Fauci lo vedesse prima che andasse in stampa e diventasse di dominio pubblico.

 

Eban scrive: «In circostanze normali, il preprint avrebbe potuto innescare un rispettoso scambio di opinioni. Ma questo non era un preprint ordinario e nemmeno il momento era ordinario».

 

L’origine di SARS-CoV-2 era molto contestata a questa epoca, con la maggior parte dei funzionari che insistevano ancora sul fatto che si fosse evoluto naturalmente e avesse saltato le specie, mentre un gruppo crescente di ricercatori indipendenti continuava a indicare discrepanze genetiche che rendevano l’evoluzione naturale altamente improbabile.

 

«Un contingente crescente di studiosi si chiedeva se potesse aver avuto origine all’interno di un vicino laboratorio noto per aver condotto una rischiosa ricerca sul coronavirus finanziata in parte dagli Stati Uniti», scrive Eban, riferendosi al Wuhan Institute of Virology (WIV) a Wuhan, in Cina, dove si è verificata per la prima volta l’epidemia di COVID-19.

 

Eban continua:

 

«Il documento di Bloom era il prodotto del lavoro investigativo che aveva intrapreso dopo aver notato che un certo numero di prime sequenze genomiche SARS-CoV-2 menzionate in un articolo pubblicato dalla Cina erano in qualche modo scomparse senza lasciare traccia».

 

«Le sequenze, che mappano i nucleotidi che conferiscono a un virus la sua identità genetica unica, sono fondamentali per tracciare quando il virus è emerso e come potrebbe essersi evoluto».

 

«Secondo Bloom, la loro scomparsa ha sollevato la possibilità che il governo cinese stia cercando di nascondere le prove sulla diffusione precoce della pandemia. Mettendo insieme gli indizi, Bloom ha stabilito che lo stesso NIH aveva cancellato le sequenze dal proprio archivio su richiesta dei ricercatori di Wuhan».

 

«Ora, sperava che Fauci e il suo capo, il direttore del NIH Francis Collins, potessero aiutarlo a identificare altre sequenze cancellate che avrebbero potuto far luce sul mister».

 

In una breve nota a margine, Epoch Times ha affrontato la presunta cancellazione di sequenze genetiche dal suo database su richiesta di un ricercatore cinese. Amanda Fine, capo della filiale dei media del NIH, ha detto a Epoch Times che le sequenze non sono state effettivamente cancellate; i dati sono stati semplicemente rimossi dall’accesso pubblico, quindi i dati sono ora disponibili solo per coloro che hanno il suo numero di accesso.

 

 

Disaccordi controversi

Collins ha risposto programmando una riunione Zoom per il 20 giugno 2021, alla quale ha invitato Fauci, Kristian Andersen, Ph.D., biologo evoluzionista, e Robert Garry, Ph.D., virologo. Bloom ha invitato il biologo evoluzionista Sergei Pond, Ph.D., e Rasmus Nielsen, Ph.D., un biologo genetico con esperienza negli aspetti statistici e computazionali della teoria evolutiva e della genetica.

 

L’incontro fu controverso e Bloom si turbò così tanto che, sei mesi dopo, ne scrisse un resoconto dettagliato. Dopo che Bloom ha descritto le sue scoperte e le domande che ha sollevato, Andersen è intervenuto, dicendo di aver trovato l’analisi di Bloom «profondamente preoccupante».

 

Eban scrive: «Se gli scienziati cinesi volevano eliminare le loro sequenze dal database, cosa che la politica del NIH autorizzava loro a fare, non era etico per Bloom analizzarle ulteriormente, ha affermato. E non c’era nulla di insolito nelle prime sequenze genomiche a Wuhan.

 

«Immediatamente, Nielsen e Andersen si stavano “urlando a vicenda”, ha scritto Bloom, con Nielsen che insisteva sul fatto che le prime sequenze di Wuhan erano “estremamente sconcertanti e insolite”».

 

«Andersen… ha sollevato una terza obiezione. Andersen, ha scritto Bloom, “aveva bisogno di sicurezza fuori casa, e il mio preprint avrebbe alimentato l’idea cospirativa che la Cina stesse nascondendo i dati e quindi avrebbe portato a più critiche nei confronti di scienziati come lui”».

 

«Fauci ha quindi preso il sopravvento, obiettando alla descrizione del preprint degli scienziati cinesi che hanno cancellato le sequenze “surrettiziament”. Le parola erano pesanti, disse Fauci, e il motivo per cui avevano chiesto le cancellazioni era sconosciuto».

 

«Fu allora che Andersen fece un suggerimento che sorprese Bloom. Ha detto che era uno screener al server di prestampa, che gli ha dato accesso a documenti che non erano ancora pubblici».

 

«Si è quindi offerto di eliminare completamente la prestampa o di rivederla “in un modo che non lasciasse traccia di che ciò fosse stato fatto”. Bloom ha rifiutato, dicendo che dubitava che entrambe le opzioni fossero appropriate, “data la natura controversa della riunione”».

 

“A quel punto, sia Fauci che Collins hanno preso le distanze dall’offerta di Andersen, con Fauci che ha detto, come ha ricordato Bloom, “Solo per la cronaca, voglio essere chiaro che non ti ho mai suggerito di eliminare o rivedere la pre-stampa”. Sembrava sapere che Andersen si era spinto troppo oltre».

 

 

EcoHealth, uno sponsor di ricerche rischiose finanziato dal governo

La chiamata Zoom del 20 giugno 2021 rifletteva «una mentalità d’assedio al NIH», scrive Eban, «la cui causa era molto più grande di Bloom e delle sequenze mancanti». 

 

Il NIH aveva un problema di pubblicità perché stava diventando noto che il NIH/NIAID aveva finanziato la ricerca sul guadagno di funzione (GoF) potenzialmente rischiosa presso la WIV attraverso l’EcoHealth Alliance. 

 

Le domande di Bloom non hanno fatto che aumentare una situazione già delicata.

 

Nel 2014, EcoHealth ha ricevuto una sovvenzione NIAID di 3,7 milioni di dollari per studiare il rischio di emergenza del coronavirus dei pipistrelli e il potenziale di focolai nelle popolazioni umane. Quasi 600.000 di dollari di questi sono andati al WIV, che è stato un collaboratore chiave.

 

(A quel tempo, Daszak aveva già lavorato con Shi Zhengli, il direttore del WIV meglio conosciuto come «batwoman», per nove anni. In tutto, dal 2005, Shi e Daszak hanno collaborato a 17 articoli scientifici.)

 

La borsa di studio del 2014 mette in evidenza la verità di ciò che i critici della ricerca del GoF affermano da anni, ovvero che questo tipo di ricerca non raggiunge mai i suoi obiettivi. Dicono che deve essere fatto per prevenire e/o anticipare le pandemie, ma non una singola pandemia è mai stata evitata e, invece, la ricerca sul GoF potrebbe effettivamente esserne la causa.

 

EcoHealth non è riuscito a prevedere, per non parlare di prevenire, la pandemia di COVID-19 e l’epidemia iniziale che si è verificata nelle vicinanze del WIV ha sollevato fin dall’inizio i sospetti di una perdita di laboratorio.

 

Gli ovvi tentativi del NIH/NIAID di nascondere il loro coinvolgimento con la ricerca del GOF sui coronavirus dei pipistrelli al WIV hanno solo peggiorato tali sospetti, così come il rifiuto del governo cinese di condividere i dati grezzi dei pazienti o di partecipare agli sforzi per indagare sull’origine di SARS-CoV-2.

 

Curiosamente, nel settembre 2019, tre mesi prima che il COVID-19 fosse ufficialmente dichiarato pandemia, il WIV ha anche rimosso il suo database dei virus, che all’epoca conteneva circa 22.000 campioni di virus e le loro sequenze genetiche, e ha rifiutato le richieste internazionali di ripristinalo da allora.

 

D’altra parte, in quello che sembra essere stato un atto di benefica reciprocità verso i suoi alleati americani, il WIV ha cancellato dal suo sito web le menzioni della sua collaborazione con il NIAID/NIH e altri partner di ricerca americani nel marzo 2021, dopo che i membri del Senato hanno iniziato a criticare Fauci sul suo finanziamento della ricerca GOF presso il WIV.

 

Allo stesso tempo, hanno anche cancellato un articolo scientifico che discuteva della ricerca genetica sul virus della SARS.

 

 

Il comportamento sospetto di Daszak

Il comportamento di Daszak ha anche alimentato i sospetti di una perdita di laboratorio, potenzialmente di un virus che lui stesso ha contribuito a creare. 

 

Per esempio:

  • In un articolo di Nature dell’ottobre 2015, Daszak ha avvertito che una pandemia globale potrebbe verificarsi a causa di un incidente di laboratorio e che «i rischi erano maggiori con il tipo di ricerca sulla manipolazione dei virus condotta a Wuhan».

 

All’inizio di quell’anno, ha anche tenuto un discorso a un seminario delle National Academies of Science sulla riduzione del rischio di malattie infettive emergenti e tra il materiale che ha presentato c’era un documento intitolato «Assessing Coronavirus Threats», che includeva un esame dello «spillover potenziale» da “studi genetici e sperimentali” sui virus.

 

In particolare, ha evidenziato il pericolo di sperimentare su «topi umanizzati», ovvero topi di laboratorio che sono stati geneticamente modificati per trasportare geni, cellule o tessuti umani. 

 

Eppure, nonostante la sua storia di tali avvertimenti, nel febbraio 2020, Daszak ha scritto una «dichiarazione di consenso scientifico» pubblicato su The Lancet che condannava la teoria delle fughe di laboratorio come nient’altro che una selvaggia teoria della cospirazione.

 

  • EcoHealth ha ricevuto finanziamenti dal programma USAID PREDICT, che è stato coinvolto nell’identificazione di virus con potenziale pandemico. Il direttore di quel programma, Dennis Carroll, è ora sospettato di aver rubato i fondi dei contribuenti utilizzando i fondi PREDICT per pagare le spese relative alla sua stessa organizzazione, il Global Virome Project (GVP).

 

Nell’e-mail di marzo 2019, Daszak ha notato che gli avvocati avevano segnalato questo conflitto di interessi e avevano suggerito modifiche a una lettera del consiglio di amministrazione. Daszak ha scritto: “Mi rendo conto che questo non è il linguaggio che volevi, ma è più sicuro per noi in questo momento delicato in cui riceviamo ancora finanziamenti USAID … per attività relative al GVP”.

 

Il commento sembra confermare che Daszak era consapevole che ciò che Carroll stava facendo era inappropriato e potenzialmente illegale, e ha contribuito a nascondere le scorrettezze di Carroll.

 

  • Nathan Wolfe, laureato Young Global Leader del World Economic Forum, fa parte del comitato editoriale di EcoHealth dal 2004 e nel 2017 ha collaborato alla stesura di uno studio sui coronavirus dei pipistrelli. Wolf è il fondatore di Metabiota, ora implicato nel funzionamento dei biolab finanziati dagli Stati Uniti in Ucraina che la Russia sostiene stiano conducendo ricerche segrete sulle armi biologiche.

 

  • Daszak è anche uno dei 15 coautori dell’articolo del 2015, «SARS-Like Cluster of Circulating Bat Coronavirus Pose Threat for Human Emergence», che l’esperto di guerra biologica Francis Boyle sostiene essere “la pistola fumante” che rivela i colpevoli della pandemia covid.

 

Altri coautori e finanziatori di quel documento includono Collins, Fauci e Ralph Baric, Ph.D., che ha condotto ricerche sul coronavirus sui topi umanizzati insieme a Shi – la stessa ricerca che Daszak aveva avvertito potrebbe rappresentare il rischio di pandemia più grave.

 

 

Perché la mancanza di trasparenza da parte di tutti i soggetti coinvolti?

Gli sforzi di Collins, Fauci, Dazak e altri membri della comunità scientifica per soffocare il dibattito sulla genesi del SARS-CoV-2 – la maggior parte dei quali ha chiari collegamenti con la ricerca sul GoF del coronavirus e/o il WIV – solleva ovvi interrogativi sul motivo .

 

«Potrebbe essere stato per proteggere la scienza dai deliri dei teorici della cospirazione?» chiede Eban. «O per proteggersi da una rivelazione che potrebbe rivelarsi fatale per certe ricerche rischiose che ritengono indispensabili? O per proteggere vasti flussi di sovvenzioni da interferenze politiche o regolamenti governativi?…»

 

«Forse più di chiunque altro, Peter Daszak… era in una posizione unica per aiutare il mondo a svelare il mistero dell’origine, non ultimo condividendo ciò che sapeva».

 

«Ma l’anno scorso, il dottor Jeffrey Sachs, l’economista della Columbia University che sovrintende alla commissione COVID-19 di Lancet, ha licenziato Daszak dal timone di una task force che indagava sulla genesi del virus, dopo aver rifiutato categoricamente di condividere i rapporti sui progressi della sua borsa di ricerca contestata».

 

«(… Daszak ha detto che stava “semplicemente seguendo la guida del NIH” quando ha rifiutato la richiesta di Sachs, perché l’agenzia stava trattenendo i rapporti in questione Wfino a quando non avevano giudicato una richiesta FOIAW. I rapporti sono ora disponibili pubblicamente, ha detto)»

 

«”[Daszak] e il NIH si sono comportati male”, ha detto Sachs a Vanity Fair». 

 

«C’è stata una mancanza di trasparenza…»

 

«Ha affermato che il NIH dovrebbe sostenere una”indagine scientifica indipendente” per esaminare il ‘possibile ruolo’ nella pandemia del NIH, dell’EcoHealth Alliance, del Wuhan Institute of Virology e di un laboratorio partner presso l’Università della Carolina del Nord. “Entrambe le ipotesi ci stanno ancora molto a cuore”, ha detto, e “devono essere studiate seriamente e scientificamente”…»

 

 

Il campanello d’allarme è suonato nel 2016

Tornando alla sovvenzione NIAID di 3,7 milioni di dollari ricevuta da EcoHealth nel 2014, Eban racconta come sono suonati i campanelli d’allarme nel 2016, quando EcoHealth era in ritardo nel presentare il suo rapporto annuale sullo stato di avanzamento.

 

«L’agenzia ha minacciato di trattenere i fondi fino a quando non l’ha presentata», scrive, e «il rapporto che alla fine ha presentato ha preoccupato gli specialisti delle sovvenzioni dell’agenzia».

 

Secondo il report, Daszak e i suoi collaboratori stavano cercando di creare un clone infettivo della sindrome respiratoria mediorientale (MERS), un nuovo coronavirus con un tasso di mortalità del 35%.

 

«Il rapporto ha anche chiarito che la sovvenzione del NIH era già stata utilizzata per costruire due coronavirus chimerici simili a quello che ha causato la sindrome respiratoria acuta grave (SARS), che è emersa nel 2002 e ha causato almeno 774 morti in tutto il mondo».

 

«(Un virus chimerico è quello che combina frammenti di virus diversi.) Queste rivelazioni hanno spinto gli specialisti delle sovvenzioni del NIH a porre una domanda fondamentale: il lavoro dovrebbe essere soggetto a una moratoria federale su quella che è stata chiamata ricerca sul guadagno di funzione?» scrive Eban.

 

«Con ciò, la borsa di studio di Daszak si è ingarbugliata in un dibattito lungo anni che aveva diviso la comunità della virologia. Nel 2011, due scienziati hanno annunciato separatamente di aver alterato geneticamente l’influenza aviaria asiatica altamente patogena A (H5N1), il virus dell’influenza aviaria che ha ucciso almeno 456 persone dal 2003».

 

«Gli scienziati hanno dato al virus nuove funzioni, consentendogli di diffondersi in modo efficiente tra i furetti, che sono geneticamente più vicini agli esseri umani rispetto ai topi, come un modo per valutare i suoi rischi per le persone. Entrambi gli studi avevano ricevuto finanziamenti NIH».

 

«La comunità scientifica è esplosa in conflitto su quella che è diventata nota come ricerca sul guadagno di funzione. I fautori hanno affermato che potrebbe aiutare a prevenire le pandemie evidenziando potenziali minacce».

 

«I critici hanno sostenuto che la creazione di agenti patogeni che non esistevano in natura correva il rischio di scatenarli. Mentre la disputa infuriava, Fauci ha lavorato per trovare una via di mezzo, ma alla fine ha sostenuto la ricerca…»

 

Nell’ottobre 2014, l’amministrazione Obama ha imposto una moratoria sui nuovi finanziamenti federali per la ricerca che potrebbero rendere i virus dell’influenza, della MERS o della SARS più virulenti o trasmissibili, mentre si svolgeva una revisione. Ma la moratoria, come scritto, ha lasciato delle scappatoie, che hanno permesso a Daszak di cercare di salvare la ricerca.

 

«L’8 giugno 2016, ha scritto agli specialisti delle sovvenzioni del NIH che le chimere simili alla SARS dell’esperimento completato erano esenti dalla moratoria perché i ceppi utilizzati non erano stati precedentemente noti per infettare gli esseri umani…»

 

 

NIH ha aggirato le regole di moratoria sul guadagno di funzione

Nella sua lettera al NIH, Daszak ha anche fatto riferimento a un documento del 2015 scritto da Shi e Baric, che descriveva in dettaglio un esperimento in cui mescolavano componenti di virus simili alla SARS di specie diverse per creare una nuova chimera in grado di infettare direttamente le cellule umane. Per inciso, questa ricerca è stata finanziata sia dal NIH che da EcoHealth.

 

Secondo Daszak, la chimera prodotta era meno letale della SARS originale, quindi anche la sua chimera sarebbe probabilmente meno letale. Tuttavia, gli specialisti delle sovvenzioni del NIH erano tutt’altro che rassicurati sul fatto che la sua chimera MERS non sarebbe stata pericolosa, poiché Shi e Baric in quel documento del 2015 avevano notato il pericolo di tali esperimenti, sottolineando che «i panel di revisione scientifica potrebbero ritenere studi simili … troppo rischiosi per perseguire».

 

«Se non altro, lo studio MERS proposto da Daszak era ancora più rischioso», scrive Eban. «Così ha lanciato un compromesso al NIH: che se uno qualsiasi dei ceppi ricombinati avesse mostrato una crescita 10 volte maggiore di un virus naturale, “avvrebbero immediatamente”: i)interrotto tutti gli esperimenti con il mutante, ii) informato il responsabile del programma NIAID e l’UNC [Comitato istituzionale per la biosicurezza] di questi risultati e iii) partecipato agli alberi decisionali per decidere percorsi appropriati da seguire”».

 

Il 7 luglio 2016, il NIH ha accettato la proposta di Daszak, che, come osserva Eban, «si basava interamente sulla trasparenza reciproca». Shi sarebbe stato responsabile di informare Daszak se una qualsiasi delle ricombinazioni avesse avuto un tasso di crescita 10 volte superiore a un virus naturale, e Daszak avrebbe informato l’agenzia dei risultati, in modo che potessero decidere il destino dell’esperimento.

 

Jack Nunberg, direttore del Montana Biotechnology Center, ha detto a Eban che consentire che questo tipo di ricerca ad alto rischio fosse perseguito presso il WIV era «semplicemente folle». «Le ragioni sono la mancanza di supervisione, la mancanza di regolamentazione, l’ambiente in Cina … questo è ciò che lo eleva davvero al regno del “No, questo non dovrebbe accadere”».

 

In effetti, nel gennaio 2021, l’intelligence declassificata del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti afferma che scienziati militari cinesi hanno lavorato con il WIV almeno dal 2017, sollevando dubbi sul fatto che la ricerca presso il WIV avesse un duplice scopo.

 

 

Pericolosa proposta alla DARPA

Alla fine di marzo 2018, EcoHealth, di fronte a problemi finanziari, in collaborazione con Shi e Baric, ha presentato una proposta alla DARPA con la speranza di assicurarsi nuovi finanziamenti.

 

Parte della proposta includeva l’esame dei coronavirus di pipistrello simili alla SARS per i siti di scissione della furina, che è ciò che consente al virus di infettare le cellule umane. Hanno anche proposto di inserire un sito di scissione della furina, apparentemente per creare un coronavirus infettivo, e di testarlo su topi con polmoni umanizzati.

 

Il sito di scissione della furina di SARS-CoV-2 è uno dei tratti distintivi curiosi che lo fanno risaltare come potenziale arma biologica prodotta, poiché i coronavirus non hanno questa caratteristica naturalmente, di cui siamo a conoscenza. Hanno quindi proposto di mappare le aree ad alto rischio e di testare varie sostanze nel tentativo di ridurre la diffusione virale tra i pipistrelli.

 

«Per quasi ogni definizione, questa era una ricerca sul guadagno di funzione», ha scritto Eban. «La moratoria federale è stata revocata nel gennaio 2017 e sostituita con un sistema di revisione chiamato HHS P3CO Framework (Potential Pandemic Pathogen Path and Oversight). Ciò ha richiesto una revisione della sicurezza da parte dell’agenzia che finanzia la ricerca».

 

Eppure EcoHealth Alliance, nella sua proposta DARPA, ha insistito sul fatto che la ricerca sarebbe stata esentata dal quadro P3CO. La DARPA ha respinto la proposta e ha detto a Eban che parte del motivo del rifiuto era «a causa dell’orribile mancanza di buon senso».

 

I revisori delle sovvenzioni DARPA hanno visto EcoHealth come un «gruppo disordinato» e il WIV è stato valutato come dotato di standard di sicurezza inferiori alla media. Un ex funzionario della DARPA senza nome che era presente al momento della proposta ha detto a Eban che consentire a EcoHealth Alliance di essere il primo appaltatore per un progetto di ricerca con rischi per la sicurezza nazionale sarebbe come «avere la tua agenzia di auto a noleggio che cerca di gestire un’armata».

 

È importante sottolineare che la domanda di sovvenzione non ha valutato adeguatamente i rischi del GOF e la possibilità che il lavoro costituisca una ricerca preoccupante a duplice uso (DURC). In altre parole, EcoHealth non ha considerato come la ricerca potrebbe essere riproposta come arma biologica o come potrebbe mettere in pericolo la sicurezza nazionale.

 

Simon Wain-Hobson, dopo aver esaminato la proposta DARPA, ha affermato che è «fondamentalmente una tabella di marcia per un virus simile a SARS-CoV-2». Daszak, tuttavia, afferma che la ricerca non è mai stata implementata, non da EcoHealth, Baric o Shi, per quanto ne sappia.

 

Tuttavia, la domanda rimane: la ricerca del GOF pubblicata da Shi e Baric (e finanziata da EcoHealth) nel 2015 ha portato alla creazione di SARS-CoV-2? Mentre Shi e Baric hanno fatto quella ricerca nel laboratorio di Baric a Chapel Hill, Carolina del Nord, Shi o altri potrebbero aver esposto il lavoro al WIV?

 

Daszak non è stato disposto a rilasciare alcune sequenze di coronavirus SARS dal lavoro al WIV, sostenendo di aver bisogno del governo cinese per autorizzarne il rilascio. Ma questa spiegazione sembra «minare l’intera logica per cui il governo degli Stati Uniti aiuta a finanziare una collaborazione globale sull’emergenza del virus», osserva Eban, aggiungendo:

 

«Wain-Hobson ha la sua ipotesi su ciò che sta accadendo: il gruppo di scienziati che spinge l’affermazione sull’origine naturale, dice, “vuole dimostrare che la virologia non è responsabile [di aver causato la pandemia]. Questa è la loro agenda”»

 

 

Joseph Mercola

 

 

Pubblicato originariamente da Mercola.

 

© 11 aprile 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Animali

Misterioso organismo chiamato «blue goo» trovato in fondo all’oceano

Pubblicato

il

Da

Esplorando i fondali dei Caraibi hanno alcuni scienziati hanno incontrato diversi organismi mai prima veduti, ora chiamati «blue goo», che significa «sostanza viscida blu».

 

Mentre i blue goo riposano immobili sul fondo dell’oceano, i cervelloni si interrogano su di essi, poiché non sono del tutto sicuri di cosa siano.

 

Essi appaiono all’esterno come macchie irregolari e globulari. Alcuni dicono che queste bestie subacquee non ancora identificate ricordano forme e sembianze di una morbida spugna da bagno atta al massaggio delle schiene e al detergere gli arti.

 

Dal maggio di quest’anno, gli scienziati a bordo della nave ammiraglia esplorativa della NOAA Okeanos Explorer, hanno sondato le profondità in gran parte inesplorate del Nord Atlantico, come parte di una spedizione in corso chiamata «Voyage to the Ridge 2022».

 

Individuato da una telecamera a bordo del veicolo telecomandato (ROV), un video dal livestream ufficiale della spedizione ha immortalato sia la creatura appiccicosa blu che le reazioni perplesse degli scienziati.

 

 

«Beh, posso dire che non è una roccia», ha ammesso scherzosamente uno scienziato. «L’ho chiamato blue goo».

 

Secondo i ricercatori, il misterioso blob appiccicoso blu potrebbe essere una specie di spugna o un corallo molle o persino un corallo tunicato. Ma in realtà non c’è modo per loro di scoprirlo con esattezza fino a quando un campione non viene raccolto ed esaminato, o fino a quando un altro esperto non sarà in grado di identificarli solo dalle immagini.

 

«Contatterò sicuramente uno dei miei colleghi qui nei Caraibi», ha detto uno degli scienziati nel video.
E, come nota un membro della troupe nella stessa clip, fa tutto parte del divertimento.

 

«Penso che in realtà sia una delle cose più entusiasmanti delle spedizioni degli esploratori di Okeanos», hanno detto. «C’è sempre almeno una cosa che ti sconcerta».

 

Siamo dinanzi all’ennesimo esempio di quanto il nostro pianeta – quello di cui dovremo sapere ogni cosa, grazie alla scienza – sia inesplorato. Chiedete al celacanto: il pesce preistorico che ci assicuravano essere estinto ma che poi ha fatto capolinea in una rete di pescatori sudafricani nel 1938.

 

E, al di là delle bestiole, pensate a quanto ha fallito la scienza in questi anni, e che follia sia lo scientismo.

 

Del resto, per capirlo, vi basta accendere il televisore e vedere le facce dei virologi, la declinazione pandemica dello scientismo, che non poco ruolo hanno avuto nell’accelerazione della società verso la biotecnocrazia che abbiamo imparato a conoscere.

 

Verrebbe voglia di dire, per ischerzo, che invece che pomodori e uova marce, agli spettacoli dei buffoni dello scientismo ad un certo punto andrebbero tirati, ceste intere di blue goo, la sostanza apiccicosa che dimostra la crassa ignoranza dei sapientoni che non hanno mai meditato le parole di Amleto:

 

«Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante tu ne possa sognare nella tua filosofia».

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

 

Continua a leggere

Animali

Verso l’immortalità: scienziati trovano i geni nelle meduse. Che dicono i transumanisti?

Pubblicato

il

Da

Il segreto dell’immortalità potrebbe essere contenuto in una medusa più piccola di un’unghia umana; gli scienziati hanno trascorso gli ultimi decenni cercando di svelare i segreti della Turritopsis dohrnii, più comunemente chiamata la medusa immortale.

 

Recentemente i ricercatori dell’Universidad de Oviedo in Spagna hanno pubblicato una nuova ricerca sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) che potrebbe aiutare a risolvere questo mistero. In buona sostanza la medusa immortale sembra avere il doppio delle copie dei geni associati alla riparazione e alla protezione rispetto alla sua parente, ma mortale cugina, la medusa cremisi nota come Turritopsis rubra.

 

«Mentre l’invecchiamento colpisce la maggior parte degli organismi viventi, l’idrozoo Turritopsis dohrnii è l’unica specie in grado di ringiovanire ripetutamente dopo la riproduzione sessuale, diventando biologicamente immortale», hanno scritto gli autori nel documento. «Abbiamo identificato varianti ed espansioni di geni associati alla replicazione, alla riparazione del DNA, al mantenimento dei telomeri, all’ambiente redox, alla popolazione di cellule staminali e alla comunicazione intercellulare».

 

La riparazione del DNA e i telomeri sono particolarmente importanti per la creatura. Quando i tempi sono difficili o la gelatina sta morendo di fame, riassorbe i propri tentacoli e affonda sul fondo del mare, dove diventa ancora una volta un polipo bambino e sputa fuori altre gelatine che alla fine matureranno in meduse.

 

I telomeri della gelatina agiscono come piccoli elmetti di DNA, proteggendo le estremità dei filamenti cromosomici mentre si riproducono. Normalmente i telomeri si accorciano e vengono «esauriti» durante questo processo, ma questo non è il caso di Turritopsis dohrnii.

 

Non è dato sapere ancora come Turritopsis dohrnii modifichi le sue cellule così facilmente e, a livello filosofico, non è chiaro se le meduse risultanti siano o meno lo stesso individuo.

 

Tuttavia i ricercatori hanno motivo di essere entusiasti: uno dei migliori video esplicativi del web su questa speciale gelatina descrive come imparare a sostituire le cellule cerebrali e potrebbe in un futuro far scoprire nuovi trattamenti per malattie che gli esseri umani non sono ancora stati in grado di curare, come il Parkinson o l’Alzheimer.

 

In una dichiarazione l’autore dello studio e professore dell’Universidad de Oviedo ha confermato che il team spera di scoprire come aiutare gli esseri umani a vivere più a lungo.

 

«Da questa conoscenza speriamo di trovare risposte migliori alle molte malattie associate all’invecchiamento che ci sopraffanno oggi», ha detto Carlos López-Otín.

 

La questione che si pone Renovatio 21 è invece quanto tempo ci impiegheranno i transumanisti – sia quelli aperti rispetto alla propria intenzione di vivere per sempre che quelli che più o meno segretamente invece ci investono milioni – a cominciare a parlare di ibridazione genetica uomo-medusa immortale.

 

Considerando poi che questa si rigenera dopo l’accoppiamento, immaginate quanti magnati corrotti e senza Dio potrebbero prendere due piccioni con una fava – anzi scusate cambiamo espressione: quanti gioirebbero per questa unione di utile e dilettevole.

 

La verità è che, meduse immortali o meno, il progetto, che ha profonde radici storiche, è già molto avanti. E ci tocca tutti. Anzi, come ha scritto Renovatio 21: la guerra transumanista è già iniziata.

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Lievito «umano» creato geneticamente in laboratorio

Pubblicato

il

Da

Un team di scienziati dell’Università di Delft, nei Paesi Bassi, è riuscito a inserire per la prima volta geni dei muscoli umani nel lievito di birra.

 

I geni umani in questione esprimono un percorso metabolico che prevede la scomposizione degli zuccheri per produrre energia, lo stesso meccanismo che fa parte di molti disturbi comuni (tra cui, tra gli altri, il cancro), scrive Futurism.

 

Ciò significa che, secondo gli scienziati, tale «lievito umanizzato» via bioingegneria potrebbe aprire molte porte nei campi dello screening dei farmaci e della ricerca sul cancro.

 

«Sembra strano dal momento che il lievito vive come cellule singole e gli esseri umani sono costituiti da un sistema sostanzialmente più complesso, ma le cellule funzionano in un modo molto simile», ha affermato Pascale Daran-Lapujade, ricercatore TU Delft e autore principale di un nuovo studio pubblicato su la rivista Cell Reports.

 

«Rispetto alle cellule o ai tessuti umani, il lievito è un organismo fantastico per la sua semplicità di crescita e per la sua accessibilità genetica: il suo DNA può essere facilmente modificato per rispondere a domande fondamentali», ha aggiunto.

 

«Molte scoperte fondamentali come il ciclo di divisione cellulare, sono state chiarite grazie al lievito».

 

La ricerca dimostra anche il potere dell’editing genetico: «non abbiamo solo trapiantato i geni umani nel lievito, abbiamo anche rimosso i geni corrispondenti del lievito e li abbiamo completamente sostituiti con i geni del muscolo umano», dice Daran-Lapujade.

 

«Potreste pensare di non poter scambiare la versione del lievito con quella umana, perché è un processo così specifico e strettamente regolato sia nelle cellule umane che in quelle di lievito. Ma funziona come un incantesimo!».

 

In effetti, il Daran-Lapujade e i suoi colleghi sono rimasti sbalorditi nello scoprire che gli enzimi prodotti dai geni umani nel lievito fossero sorprendentemente simili a quelli nelle cellule umane.

 

E l’equipe non vuole fermarsi qui: «possiamo umanizzare ulteriormente il lievito e, passo dopo passo, creare un ambiente umano più complesso nel lievito», afferma il biotecnologo.

 

I processi di fusione tra uomo e materiale organico non si fermano al lievito di birra, tanto che già da qualche tempo.

 

In pratica, il DNA umano sta venendo miscelato con quello di altri organismi: c’è il lievito, ci sono i maiali (come nel caso del primo trapianto di cuore suino geneticamente modificato con geni umani al mondo), ci sono anche i topo umanizzati, il cui DNA, cioè, è stato innestato con quello umano. Alcuni topi sono «umanizzati», invece, tramite organi di bambino (cioè, «tessuti fetali») ottenuti con gli aborti: l’amministrazione Biden, appena salita al potere, si peritò a ridare linfa a queste pratiche.

 

Nessuna vera discussione bioetica sull’argomento è stata vista in politica o sui giornali.

 

I topo umanizzati parrebbero aver avuto un loro ruolo anche nelle ricerche del famoso laboratorio di Wuhan da cui pare essere «scappato» il virus SARS-nCoV-2 responsabile del COVID.

 

 

 

 

Immagine di Rosser1954 via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari