Connettiti con Renovato 21

Salute

Cosa succede quando ti strofini gli occhi? Impressionante video a risonanza magnetica

Pubblicato

il

 

 

Daniel Gatinel, un oftalmologo e capo del dipartimento di chirurgia anteriore e refrattiva della Fondazione Rothschild, ha eseguito una risonanza magnetica a un paziente sano che si strofinava gli occhi per vedere se poteva causare determinate condizioni oculari.

 

«Il risultato è stato terrificante» scrive Futurism.

 


 

Il dottor Gatinel ritiene che lo sfregarsi gli occhi influisca negativamente sulla salute oculare

 

Il dottor Gatinel ritiene che lo sfregarsi gli occhi influisca negativamente sulla salute oculare. Sostiene che questo banale atto quotidiano potrebbe essere alla basa del cheratocono, che è un rigonfiamento della cornea verso l’esterno.

 

Il cheratocono può causare visione offuscata e ipersensibilità alla luce. In casi gravi può richiedere un trapianto di cornea.

 

Quindi, caro mondo, smettila di mostrarci ogni giorno realtà tanto assurde da spingerci a stropicciarci gli occhi sperando che si tratti di un’allucinazione

In un mondo dove perfino strofinarsi gli occhi è diventato pericoloso, ad un certo punto bisogna scendere a compromessi – con il mondo stesso.

 

Quindi, caro mondo, smettila di mostrarci ogni giorno realtà tanto assurde da spingerci a stropicciarci gli occhi sperando che si tratti di un’allucinazione. Promettiamo di passare ai pizzicotti, ma solo dinanzi ad una concordata diminuzione delle cose allucinanti che vediamo tutti i giorni, specialmente in questo biennio pandemico, specialmente sugli schermi (strumenti che, peraltro, fanno male agli occhi).

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Vaccini COVID, in aumento le segnalazioni di varicella, fuoco di Sant’Antonio in seguito alle iniezioni

Pubblicato

il

Da

Medici e scienziati stanno assistendo a un aumento della riattivazione del virus varicella-zoster, che causa la varicella, in seguito ai vaccini COVID-19, secondo quanto riportato da Epoch Times.

 

Dopo che una persona ha contratto la varicella, il virus rimane dormiente nel sistema nervoso per tutta la vita e può essere riattivato, presentandosi come fuoco di Sant’Antonio o herpes zoster, più avanti nella vita.

 

Funzionari sanitari federali hanno affermato che non esiste alcuna correlazione tra i vaccini COVID-19 e l’herpes zoster, ma numerosi studi mostrano una maggiore incidenza di fuoco di Sant’Antonio nelle persone che hanno fatto il vaccino.

 

La FDA afferma di non aver rilevato alcun segnale di sicurezza per quanto riguarda l’herpes zoster a seguito di vaccini COVID-19 approvati o autorizzati.

 

Il CDC sostiene che «non c’è alcuna connessione attuale» tra i vaccini COVID-19 e la riattivazione del virus della varicella.

 

Scott Pauley, portavoce del CDC, ha affermato che qualsiasi reazione avversa sperimentata dopo aver ricevuto l’iniezione è «temporanea e un segno positivo che il vaccino sta funzionando».

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 24 giugno 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Lockdown, bambini con tre virus insieme, fuori stagione. Cosa è successo al sistema immunitario?

Pubblicato

il

Da

I bambini si stanno presentando nelle cliniche dei medici infettati da ben tre virus diversi a causa dell’indebolimento del loro sistema immunitario a causa del blocco, è stato rivelato.

 

Summit News riporta le parole di Thomas Murray, esperto di controllo delle infezioni e professore associato di pediatria a Yale, il suo team sta assistendo a casi di bambini con combinazioni di sette virus comuni, tra cui adenovirus, rinovirus, virus respiratorio sinciziale (RSV), metapneumovirus umano, influenza e parainfluenza , così come pure il COVID-19.

 

«Non è tipico per nessun periodo dell’anno e certamente non è tipico di maggio e giugno», ha detto Murray.

 

Tali virus stanno aumentando in quelli che normalmente sarebbero mesi più caldi e virologicamente «morti». La motivazione possibile: i bambini non sono stati esposti a loro durante l’inverno a causa del lockdown.

 

Gli esperti medici hanno anche notato che il rinovirus, che causa il comune raffreddore e normalmente non è abbastanza grave da mandare la gente in ospedale, ora sta avendo questo risultato.

 

Secondo Michael Mina, epidemiologo e Chief Science Officer presso la piattaforma di salute digitale eMed, tali virus possono «superare le barriere stagionali» perché ci sono «molte persone che non hanno l’immunità».

 

Mina ha definito il processo un «enorme esperimento naturale».

 

Come riportato da Renovatio 21, vi è anche un misterioso aumento internazionale dei casi di epatite infantile, spiegabile forse con i sistemi immunitari dei bambini indeboliti dal lockdown.

 

Ancora più enigmatico l’aumento, indagato dalle stesse autorità sanitarie, di neonati morti in Scozia.

 

Di recente sono emersi studi che comprovano il ritardo mentale dei bambini causato dai lockdown, con la mascherina accusata di aver creato una generazione di bambini con problemi nel linguaggio e nelle relazioni.

 

Un altro studio della Royal Society Open Science ha dimostrato che il lockdown ha portato 60 mila bambini britannici alla depressione clinica, cioè alla forma più grave di sindrome depressiva.

 

 

 

 

Continua a leggere

Salute

«Fiori velenosi» nel cervello possono provocare l’Alzheimer

Pubblicato

il

Da

 

 

Alcuni neuroscienziati ipotizzano che i problemi con il sistema di rimozione dei rifiuti del cervello potrebbero essere alla base del morbo di Alzheimer.

 

Si tratta di una teoria in controtendenza rispetto al sentire scientifico dominante sulla malattia neurodegenerativa.

 

Una articolo riguardo uno studio della New York University – pubblicato come pezzo di copertina sulla rivista Nature Neuroscience – sostiene che le radici dell’Alzheimer potrebbero iniziare a formarsi molto prima di quanto si pensasse, e provocare accumuli soprannominati «fiori velenosi».

 

Utilizzando topi allevati per sviluppare la malattia, i ricercatori di neuroscienze ritengono di aver rintracciato la causa della malattia nelle sacche di rimozione dei rifiuti delle cellule cerebrali, note come lisosomi.

 

Non solo queste sacche acide piene di enzimi sono essenziali per «la disgregazione, la rimozione e il riciclaggio di routine dei rifiuti metabolici dalle reazioni cellulari quotidiane», ma sono anche parte integrante della rimozione delle malattie dalle cellule cerebrali e per eliminare i resti delle cellule dopo la loro morte.

 

Osservando i lisosomi di topo mentre i loro enzimi acidi sono impegnati nel loro processo di rimozione dei rifiuti, i ricercatori hanno scoperto che alcuni lisosomi si sono ingranditi dopo che si sono fusi con i rifiuti che dovrebbero rimuovere, formando corpi«simili a fiori» mentre escono dalla cellula che li ospitava per poi impadronirsi del nucleo.

 

All’interno di questi «fiori velenosi», i filamenti di placca amiloide che sono noti come un segno distintivo dell’Alzheimer sono apparsi molto prima di quanto trovato in precedenza riporta Futurism.

 

«In precedenza»  – ha detto il capo ricercatore Ju-Hyun Lee  – «l’ipotesi di lavoro attribuiva principalmente il danno osservato nell’Alzheimer a ciò che si verificava dopo l’accumulo di amiloide al di fuori delle cellule cerebrali, non prima e all’interno dei neuroni».

 

Come sostenuto anche dal suo collega Ralph Nixon, «questa nuova prova cambia la nostra comprensione fondamentale di come progredisce il morbo di Alzheimer».

 

«Spiega anche perché così tante terapie sperimentali progettate per rimuovere le placche amiloidi non sono riuscite a fermare la progressione della malattia», ha aggiunto il Nixon, «perché le cellule cerebrali sono già paralizzate prima che le placche si formino completamente al di fuori della cellula».

 

Sebbene gli studi sulle cellule cerebrali dei topi non abbiano intenzione di ribaltare decenni di ricerca, questi risultati gettano le basi per la replicazione e studi più ampi che potrebbero, a loro volta, portare a farmaci e trattamenti per l’Alzheimer più specifici ed efficaci, o addirittura tentare di prevenire la malattia.

 

Dato che il National Institutes of Health degli Stati Uniti stima che circa sei milioni di americani abbiano la demenza causata dall’Alzheimer, trovare la causa principale della malattia debilitante potrebbe essere una scoperta a dir poco rivoluzionaria, tanto più che un preoccupante rapporto evidenzia il numero crescente di giovani adulti con diagnosi di demenza precoce e morbo di Alzheimer.

 

 

Inoltre, secondo uno scienziato del politecnico bostoniano MIT, con la vaccinazione di massa e indiscriminata contro il COVID-19, potrebbero comparire effetti collaterali che potrebbero causare gravi malattie neurodegenerative.  Lo ha  sostenuto dalla dottoressa Stephanie Seneff, Ph.D., ricercatrice senior presso il MIT Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory, la quale sostiene appunto che somministrare ai giovani vaccini contro il COVID probabilmente causerà un «aumento allarmante di diverse importanti malattie neurodegenerative».

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari