Connettiti con Renovato 21

Politica

Campidoglio USA, sostenitore di Trump trovato morto in casa

Pubblicato

il

 

 

 

Un uomo della Georgia arrestato durante il violento assedio di Capitol Hill a Washington DC la scorsa settimana è stato trovato morto in casa. Lo riporta il giornale britannico Daily Mail.

 

Christopher Stanton Georgia, 53 anni, è stato rinvenuto cadavere nella sua casa di Alpharetta sabato scorso. Il corpo presentava una ferita da arma da fuoco al petto.

 

Christopher Stanton Georgia, 53 anni, è stato rinvenuto cadavere nella sua casa di Alpharetta sabato scorso. Il corpo presentava una ferita da arma da fuoco al petto

Per il coroner della contea di Fulton Stanton Georgia sarebbe morto suicida, ha detto il Fulton.

 

Secondo i documenti ottenuti  dal Daily Mail la moglie di Georgia avrebbe chiamato i servizi di emergenza sabato mattina, dicendo alle autorità che c’era «sangue ovunque».

 

Il cadavere del supporter di Trump è stato trovato nel seminterrato della casa. I membri della famiglia sulla scena sono stati descritti in un rapporto della polizia come «estremamente angosciati». Gli ufficiali hanno anche rimosso due fucili SKS semiautomatici dalla casa di Georgia, ha detto il dipartimento.

«Le circostanze che circondano la morte della Georgia rimangono poco chiare»

 

Secondo i documenti della Corte Superiore di Washington DC, il Georgia era stato accusato di aver tentato di «entrare in determinate proprietà, cioè i terreni del Campidoglio degli Stati Uniti, contro la volontà della Polizia del Campidoglio degli Stati Uniti».

 

L’ingresso illegale è un’accusa per reato minore che comporta una pena massima fino a 180 giorni di carcere e multe fino a $ 1.000: non si tratterebbe insomma di pene tali da gettare nella disperazioni un’uomo di più di cinquantanni.

 

Finora, almeno 82 persone sono state arrestate e più di 55 sono state incriminate per l’insurrezione. Altre centinaia sono braccate dalle autorità ma devono ancora essere trovate, comprese 25 persone che sono indagate con accuse di terrorismo.

«Le circostanze che circondano la morte della Georgia rimangono poco chiare» scrive il Daily Mail.

 

Non si tratterebbe dell’unico bizzarro suicidio del dopo-protesta di Capitol Hill finito sulle cronache. Un membro della polizia del Campidoglio, Howard Liebengood, era in servizio mercoledì ed è morto suicida sabato.

 

Finora, almeno 82 persone sono state arrestate e più di 55 sono state incriminate per l’insurrezione. Altre centinaia sono braccate dalle autorità ma devono ancora essere trovate, comprese 25 persone che sono indagate con accuse di terrorismo.

 

Sui media americani circola l’orrida cifra di circa 40.000 delazioni da parte di conoscenti nei confronti di persone visibili nei filmati del Campidoglio, con tristi casi di figli che denunciano i genitori e viceversa. Un fatto rivoltante, degno di Stalin, della Rivoluzione Culturale di Mao e della Cambogia di Pol Pot.

Sui media americani circola l’orrida cifra di circa 40.000 delazioni da parte di conoscenti nei confronti di persone visibili nei filmati del Campidoglio, con tristi casi di figli che denunciano i genitori e viceversa. Un fatto rivoltante, degno di Stalin, della Rivoluzione Culturale di Mao e della Cambogia di Pol Pot.

 

È emerso che molti che hanno partecipato alla protesta in Campidoglio erano membri delle forze dell’ordine o soldati volati da tutta l’America. Alcuni pare abbiano addirittura esibito il distintivo ai colleghi che teoricamente difendevano l’edificio dei Parlamenti.

 

I dipartimenti di polizia di tutto il paese, inclusi Texas, Stato di Washington, New Hampshire, Pennsylvania e California, hanno aperto indagini per stabilire se qualcuno dei propri ufficiali avesse preso parte all’assedio del Campidoglio. Finora, diversi agenti e almeno un capo della polizia rischiano il potenziale licenziamento o sospensione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagine di Brett Davis via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic (CC BY-NC 2.0)

Continua a leggere

Politica

La Commissione Europea rifiuta di pubblicare i messaggi tra Ursula von der Leyen e il capo di Pfizer

Pubblicato

il

Da

La Commissione Europea ha rifiutato di rendere pubblici i messaggi tra la presidente Ursula von der Leyen e il CEO del colosso farmaceutico Pfizer Albert Bourla. Il caso è stato dapprima riportato dal sito Politico.

 

Un articolo del New York Times dello scorso aprile dava notizia di un rapporto tra Ursula e Bourla che sarebbe avvenuto per via telefonica e per messaggi di testo.

 

Ora la Commissione Europea sostiene di non aver traccia dei messaggi, perché «di breve durata» e quindi esclusi dal processo di archiviazione.

 

La Commissione Europea sostiene di non aver traccia dei messaggi, perché «di breve durata» e quindi esclusi dal processo di archiviazione

Sul caso si è espresso l’Ombudsman (cioè, il «difensore civico») della UE Emily O’Reilly, che ha chiesto chiarezza sulla questione dei messaggi, e in una lettera scrive che è «necessario» che una sua squadra di inquirenti incontri i funzionari per sentire le motivazioni dietro alla «politica della Commissione sulla tenuta dei registri dei messaggi di testo e su come questa politica venga attuata».

 

La Von der Leyen nel 2019 fu al centro di un caso che ebbe molta eco in Germania: Ursula, che era stata ministro della Difesa, fu sommersa di critiche perché un cellulare, ritenuto prova importante all’interno di uno scandalo di appalti alla Difesa tedesca, fu «ripulito».

 

Mesi fa, la trasmissione RAI Report aveva cercato di fare delle domande riguardo ai contratti sui vaccini, ma il Commissario non si era fermata a rispondere al giornalista.

 

La Von der Leyen nel 2019 fu al centro di un caso che ebbe molta eco in Germania: Ursula, che era stata ministro della Difesa, fu sommersa di critiche perché un cellulare, ritenuto prova importante all’interno di uno scandalo di appalti alla Difesa tedesca, fu «ripulito».

Ora con lo specioso caso riemergono anche questioni, già riportate da Renovatio 21, sul marito di Von der Leyen, Heiko von der Leyen, che lavora come direttore medico presso Orgenesis, un’azienda di biotecnologie specializzata in terapie geniche: una filiera analoga a quella del vaccino Pfizer, che di fatto, più che un vaccino, è una terapia genica.

 

Non si tratterebbe del primo contatto un po’ oscuro tra il CEO di Pfizer e importanti figure internazionali. Come riportato da Renovatio 21, il papa avrebbe incontrato in segreto per ben due volte il Bourla.

 

Parimenti, i giornali israeliani hanno parlato di un «patto segreto» tra il governo di Tel Aviv e il colosso farmaceutico. All’interno dell’accordo vi sarebbe la condivisione di dati sanitari dei cittadini israeliani a Pfizer.

 

In realtà, i contratti poco trasparenti tra le varie nazioni e Pfizer sarebbero molti di più.

 

Pfizer ha formalizzato 73 accordi per il suo vaccino contro il coronavirus. Secondo Transparency International, un gruppo di difesa con sede a Londra, solo cinque contratti sono stati formalmente pubblicati dai governi e questi con “censure significative”»

Scrive un articolo del Washington Post che «Pfizer ha formalizzato 73 accordi per il suo vaccino contro il coronavirus. Secondo Transparency International, un gruppo di difesa con sede a Londra, solo cinque contratti sono stati formalmente pubblicati dai governi e questi con “censure significative”».

 

«Gran parte di ciò che si sa sui contratti di Pfizer è trapelato, spesso attraverso il giornalismo di testate locali o internazionali, incluso il Bureau of Investigative Journalism» scrive il giornale della capitale USA. «Il contratto stipulato con il Brasile vieta al governo di fare “qualsiasi annuncio pubblico riguardante l’esistenza, l’oggetto o i termini dell'[accordo]” o di commentare il suo rapporto con Pfizer senza il previo consenso scritto della società».

 

«Pfizer ha incluso anche clausole nei contratti con Albania, Brasile e Colombia che potrebbero modificare unilateralmente i programmi di consegna in caso di carenze».

 

«Nei contratti con Brasile, Cile, Colombia, Repubblica Dominicana e Perù, i governi dovevano firmare un documento in cui si affermava che ciascuno “rinuncia espressamente e irrevocabilmente a qualsiasi diritto di immunità che esso o i suoi beni potrebbero avere o acquisire in futuro”. Anche i primi quattro [Paesi] sono stati tenuti a rinunciare all’immunità contro il sequestro “precauzionale” dei loro beni» scrive il WaPo.

 

«Pfizer ha incluso anche clausole nei contratti con Albania, Brasile e Colombia che potrebbero modificare unilateralmente i programmi di consegna in caso di carenze»

Ma torniamo a Bruxelles. Vogliamo, infine, ricordare brevemente le circostanze dell’elezione della Von der Leyen, che terminarono – appunto – con un SMS.

 

È bene non dimenticare Ursula ha ottenuto lo scranno più alto della UE grazie ad una manciata di voti grillini. Secondo alcune rivelazioni scritte sul blog del senatore Bagnai, Matteo Salvini avrebbe manovrato con estrema perizia per impedirne l’elezione facendo credere ai socialisti che la Lega avrebbe votato la von der Leyen, così da ingenerarne una pavloviana ripulsa. Accadde invece che gli eurogrillini la votarono assegnandole la Presidenza della Commissione UE.

 

Secondo varie ricostruzioni, la manovra potrebbe essere passata attraverso Elisabetta Trenta, che come ex ministro della Difesa aveva conosciuto Ursula, anche lei donna a capo del dicastero delle forze armate del suo Paese. Le due si sarebbero conosciute ai vertici NATO di Bruxelles.

 

Secondo Dagospia, la von der Leyen avrebbe perfino mandato un SMS di ringraziamento alla Trenta: «You did that, I will remember. Tnks» («È merito tuo, me ne ricorderò, grazie»).

 

Non è dato di sapere da dove arrivi la notizia di questo SMS tra ex ministri della Difesa, né se sia vera. Tuttavia, è già molto di più di quello che succede con i messaggi del capo di Pfizer.

 

Messaggi che a questo punto immaginiamo siano stati ancora più brevi di questo gentile ringraziamento.

 

 

 

 

 

Immagine di European People’s Party via  Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

Continua a leggere

Politica

Sondaggio USA: metà degli elettori democratici vuole i lager per i non vaccinati

Pubblicato

il

Da

 

 

Un sondaggio americano su territorio nazionale ha rilevato che il 45% dei probabili elettori del Partito Democratico USA sarebbe d’accordo con un governo «che richiede ai cittadini di vivere temporaneamente in strutture o luoghi designati se si rifiutano di fare il vaccino COVID-19».

 

La cifra è stata riportata da Rasmussen Reports e dall’Heartland Institute, che hanno anche rilevato come «il 59% degli elettori democratici sarebbe favorevole a una politica del governo che richiedesse che i cittadini rimangano sempre confinati nelle loro case, tranne che in caso di emergenza, se rifiutano di fare il vaccino contro il COVID-19».

 

Il 45% dei probabili elettori del Partito Democratico USA sarebbe d’accordo con un governo «che richiede ai cittadini di vivere temporaneamente in strutture o luoghi designati se si rifiutano di fare il vaccino COVID-19»

Il sondaggio ha anche rilevato che il 48% degli elettori democratici «pensa che i governi federali e statali dovrebbero essere in grado di multare o incarcerare individui che mettono pubblicamente in dubbio l’efficacia dei vaccini COVID-19 esistenti sui social media, televisione, radio o in pubblicazioni online o digitali».

 

 

Il 48% degli elettori democratici «pensa che i governi federali e statali dovrebbero essere in grado di multare o incarcerare individui che mettono pubblicamente in dubbio l’efficacia dei vaccini COVID-19

 

 

Il sondaggio ha trovato altre percentuali sorprendenti.

 

Rasmussen osserva che «il 47% dei democratici è favorevole a un programma di monitoraggio del governo per coloro che non faranno il vaccino COVID-19».

 

«Il 47% dei democratici è favorevole a un programma di monitoraggio del governo per coloro che non faranno il vaccino COVID-19»

I sondaggisti aggiungono che «il 29%  degli elettori democratici sosterrebbe la rimozione temporanea della custodia dei figli da parte dei genitori se i genitori si rifiutano di fare il vaccino contro il COVID-19».

 

Era stato riportato quattro mesi fa che «campi di quarantena» sarebbero in preparazione negli USA. A parlarne è stato lo stesso Centro di controllo per le malattie infettive, il potente CDC.

 

Come oramai noto, i campi di concentramento COVID sono realtà in Australia, dove stanno continuando a costruire strutture di internamento e dove le persone posso essere trasferite dall’esercito.

 

«Il 29%  degli elettori democratici sosterrebbe la rimozione temporanea della custodia dei figli da parte dei genitori se i genitori si rifiutano di fare il vaccino contro il COVID-19»

Un giornale scozzese il mese scorso ha chiesto ai suoi lettori se fossero d’accordo con l’idea di aver lager all’australiana anche in Iscozia.

 

Notizie di progetti di campi di concentramento pandemici si sono susseguite in questi mesi in vari Paesi come Canada, Germania, Nuova Zelanda.

 

L’Austria nella nuova legge in cui prevede il carcere per i non vaccinati che non pagano la multa ha indicato che la loro detenzione va considerata in luoghi diversi dai criminali comuni.

Con evidenza, come dimostra anche il sondaggio americano, alcune idee del totalitarismo più buio e crudele sono diventata, improvvisamente, patrimonio della sensibilità goscista

 

A Lucca pochi giorni fa è apparsa una misteriosa affissione legata ad una tragica memoria dei campi di sterminio: «Zyklon B ai no vax». Per chi non lo sapesse, lo Zyklon B era il gas tossico utilizzato per sterminare gli ospiti dei lager. Essendo che a tutte le latitudini hanno spiegato che i no vax sono di estrema destra, ci chiediamo: chi ha attaccato quel cartello?

 

Con evidenza, come dimostra anche il sondaggio americano, alcune idee del totalitarismo più buio e crudele sono diventata, improvvisamente, patrimonio della sensibilità goscista.

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Politica

La Corte Suprema USA blocca l’obbligo vaccinale di Biden

Pubblicato

il

Da

La Corte Suprema USA ha impedito all’amministrazione Biden di far rispettare l’obbligo di vaccinazione o test per i grandi datori di lavoro, assestando un duro colpo a un elemento chiave del piano pandemico della Casa Bianca.

 

Tuttavia, i giudici hanno autorizzato l’obbligo di  vaccinazione per gli operatori sanitari presso le strutture che ricevono denaro federale.

 

Il voto nel caso dellobbligo del datore di lavoro è stato di 6 a 3, con i giudici liberali in dissenso. Il voto nel caso sanitario è stato di 5 a 4, con il giudice capo John G. Roberts Jr. e il giudice Brett M. Kavanaugh che si sono uniti ai giudici liberali per formare la maggioranza.

 

Parti dell’obbligo riguardanti la tenuta dei registri e le mascherine avrebbero dovuto entrare in vigore lunedì. L’amministrazione aveva affermato che non avrebbe imposto l’obbligo di test fino al 9 febbraio.

 

Durante le discussioni orali in una sessione speciale di venerdì, i membri della maggioranza conservatrice della corte sembravano dubbiosi sul fatto che l’amministrazione avesse l’autorizzazione del Congresso a imporre i requisiti.

 

La Corte Suprema aveva ripetutamente confermato gli obblighi vaccinali dei vari Stati in una varietà di contesti contro le sfide costituzionali. I nuovi casi sono diversi, poiché pongono principalmente la questione se il Congresso abbia autorizzato il ramo esecutivo a istituire i requisiti.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari