Connettiti con Renovato 21

Bizzarria

Biden dice di aver armato la Russia prima che la Russia attaccasse (soluzione: è ancora un po’ confuso)

Pubblicato

il

Il presidente americano Joe Biden ha dichiarato pubblicamente che gli USA, prima che la Russia attaccasse, ha fornito missili anticarro javelin alla… Russia.

 

Siamo alle solite: oramai non c’è apparizione pubblica di Biden che non finisca nel ridicolo e nel  grottesco.

 

Durante l’incontro avrebbe poi confuso l’Ucraina con l’Ungheria – qualcosa che è successo anche alla speaker della Camera Nancy Pelosi, anche lei oramai anzianotta.

 

 

 

Non si tratta della prima volta che da Biden escono parole «false e aberranti» (copyright Mario Draghi) sulla Russia.

 

Sono sketch divertenti, riproposti da Renovatio 21, quelli in cui Biden dichiara che Putin ha invaso la Russia, o quello in cui prometta la difesa ad oltranza degli Uranian, gli abitanti di Urano – termine che un anglofono d’un tempo poteva intendere come un riferimento agli omosessuali.

 

 

 

Biden oramai dà i numeri. Ma sul serio.

 

 

In realtà non c’è niente da ridere.

 

La stampa occidentale tenta l’ipnosi di massa su Putin, cercando di convincere il popolo della pazzia di Putin e quindi della pericolosità della superpotenza termonucleare a sua disposizione.

 

Ben pochi qui stanno parlando della demenza senile di Biden, che era ben evidente già in campagna elettorale.

 

Sapendo che egli solo ha il controllo della football, cioè della valigetta con i codici di lancio per gli attacchi atomici, dovremmo essere davvero preoccupati, e non parlare d’altro.

 

La Russia, di contro, per un lancio nucleare necessità dell’approvazione di tre soggetti diversi: presidente, ministro della Difesa, Capo di Stato Maggiore Interforze.

 

Chi vi fa più paura?

 

 

Continua a leggere

Bizzarria

Il film Disney che fa gli auguri a Satana non fa molto ridere

Pubblicato

il

Da

Un nuovo film natalizio Disney mostra un gruppo di bambini che tengono in mano cartelli che recitano «WE LOVE YOU SATAN», cioè «TI AMO SATANA». Si tratta di un equivoco che dovrebbe far ridere: «Satan» è l’anagramma di «Santa», cioè Santa Claus, Babbo Natale, quindi nella pellicola i bambini si sono sbagliati, del resto basta invertire due lettere.

 

L’incidente sa(n)tanico è visibile nella serie Santa Clauses, uno spin-off della piattaforma di streaming Disney + che parte dai film natalizi di Tim Allen, popolarissimi in USA ma sconosciuti in Italia.

 

Guardate la scena: ogni bambino mostra una lettera, in un collettivo che dovrebbe scrivere «WE LOVE YOU SANTA», ma un paio di bambini finiscono nella posizione sbagliata ed ecco che puf salta fuori la dichiarazione d’amore dei bimbi al demonio.

 

 

Diciamo che, visto certi segni emersi di recente, non è che si abbia molta voglia di scherzare su bambini e satanismo.

 

La Disney ha fatto altre cose che hanno alienato non solo lo Stato della Florida e il suo governatore De Santis, che ora farà pagare certe tasse al megaparco Disneyworld che ne era esente, ma anche tante famiglie americane, che ritengono che si stia indottrinando i bambini all’ideologia perversa del mondo moderno.

 

Forse per ricucire questi strappi Disney ha richiamato al ruolo di CEO Bob Iger, amministratore delegato dei recenti momenti migliori del gruppo.

 

Di recente, la cancel culture della Disney in mano agli zeloti del gender e del politicamente corretto si era abbattuta sull’attrice e lottatrice Gina Carano, licenziata per le sue opinioni personali non allineate.

 

Come riportato da Renovatio 21, a Disneyworld tre mesi fa il Pentagono ha premiato, per mano del comico ebreo Jon Stewart con a fianco un signore vestito da Topolino, un veterano del Battaglione Azov divenuto atleta militare paralimpico.

 

Disneyland in California, invece, è divenuta sito di vaccinazione di massa. Tuttavia, cose divertenti vi avvengono ancora: per esempio l’eccezionale rissa della scorsa estate.

 

 

 

 

 

Immagine screenshot da Twitter

 

 

 

Continua a leggere

Animali

Misterioso organismo chiamato «blue goo» trovato in fondo all’oceano

Pubblicato

il

Da

Esplorando i fondali dei Caraibi hanno alcuni scienziati hanno incontrato diversi organismi mai prima veduti, ora chiamati «blue goo», che significa «sostanza viscida blu».

 

Mentre i blue goo riposano immobili sul fondo dell’oceano, i cervelloni si interrogano su di essi, poiché non sono del tutto sicuri di cosa siano.

 

Essi appaiono all’esterno come macchie irregolari e globulari. Alcuni dicono che queste bestie subacquee non ancora identificate ricordano forme e sembianze di una morbida spugna da bagno atta al massaggio delle schiene e al detergere gli arti.

 

Dal maggio di quest’anno, gli scienziati a bordo della nave ammiraglia esplorativa della NOAA Okeanos Explorer, hanno sondato le profondità in gran parte inesplorate del Nord Atlantico, come parte di una spedizione in corso chiamata «Voyage to the Ridge 2022».

 

Individuato da una telecamera a bordo del veicolo telecomandato (ROV), un video dal livestream ufficiale della spedizione ha immortalato sia la creatura appiccicosa blu che le reazioni perplesse degli scienziati.

 

 

«Beh, posso dire che non è una roccia», ha ammesso scherzosamente uno scienziato. «L’ho chiamato blue goo».

 

Secondo i ricercatori, il misterioso blob appiccicoso blu potrebbe essere una specie di spugna o un corallo molle o persino un corallo tunicato. Ma in realtà non c’è modo per loro di scoprirlo con esattezza fino a quando un campione non viene raccolto ed esaminato, o fino a quando un altro esperto non sarà in grado di identificarli solo dalle immagini.

 

«Contatterò sicuramente uno dei miei colleghi qui nei Caraibi», ha detto uno degli scienziati nel video.
E, come nota un membro della troupe nella stessa clip, fa tutto parte del divertimento.

 

«Penso che in realtà sia una delle cose più entusiasmanti delle spedizioni degli esploratori di Okeanos», hanno detto. «C’è sempre almeno una cosa che ti sconcerta».

 

Siamo dinanzi all’ennesimo esempio di quanto il nostro pianeta – quello di cui dovremo sapere ogni cosa, grazie alla scienza – sia inesplorato. Chiedete al celacanto: il pesce preistorico che ci assicuravano essere estinto ma che poi ha fatto capolinea in una rete di pescatori sudafricani nel 1938.

 

E, al di là delle bestiole, pensate a quanto ha fallito la scienza in questi anni, e che follia sia lo scientismo.

 

Del resto, per capirlo, vi basta accendere il televisore e vedere le facce dei virologi, la declinazione pandemica dello scientismo, che non poco ruolo hanno avuto nell’accelerazione della società verso la biotecnocrazia che abbiamo imparato a conoscere.

 

Verrebbe voglia di dire, per ischerzo, che invece che pomodori e uova marce, agli spettacoli dei buffoni dello scientismo ad un certo punto andrebbero tirati, ceste intere di blue goo, la sostanza apiccicosa che dimostra la crassa ignoranza dei sapientoni che non hanno mai meditato le parole di Amleto:

 

«Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante tu ne possa sognare nella tua filosofia».

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

 

Continua a leggere

Armi biologiche

Osama Bin Laden testava armi chimiche sui miei cani, dice il figlio. La nipote è Ultra-MAGA

Pubblicato

il

Da

Omar bin Laden, figlio maggiore del fondatore ed emiro generale di Al Qaeda Osama Bin Laden, in un’intervista con i media britannici ha rivelato i dettagli della sua infanzia traumatica.

 

Bin Laden jr. lamenta un’educazione includeva percosse regolari; più in linea con il personaggio, ecco che spunta fuori la storia di papà Osama testava armi chimiche sui suoi cuccioli.

 

Quando la sua famiglia è fuggita in Sudan, suo padre avrebbe vietato tutto ciò che era americano, dall’aria condizionata agli inalatori per l’asma, nonostante i suoi figli soffrissero di questa condizione.

 

Lo sceicco saudita li avrebbe quindi costretti a sottoporsi a un duro addestramento di sopravvivenza nel deserto dove non avevano praticamente cibo né acqua e dovevano dormire in buche nel terreno.

 

Quando l’Omar aveva 15 anni, suo padre lo scelse per raggiungerlo in Afghanistan e lo nominò suo erede. Lo ha portato al campo dove addestravano i futuri terroristi.

 

Qui Omar avrebbe scoperto che i suoi cani da compagnia erano stati usati per testare armi chimiche ed è morto in agonia. Il figlio di Osama avrebbe pianificato la fuga quando suo padre emanò l’ordine che gli altri suoi figli diventassero attentatori suicidi. «Odiava i suoi nemici più di quanto amasse i suoi figli» ha dichiarato il Bin Laden junior ai media britannici. Scappò nell’aprile 2001, meno di sei mesi prima dell’11 settembre.

 

L’uomo, che afferma di non aver mai più parlato con il padre da allora, ora soffre di disturbo bipolare e dice che sentiva persino la voce di suo padre nella sua testa.

 

Quando gli è stato chiesto perché suo padre lo avesse scelto come suo erede, Omar ha suggerito che era perché era «più intelligente» dei suoi fratelli, motivo per cui probabilmente è «vivo oggi».

 

Un altro membro della famiglia Bin Laden si sta facendo invece conoscere negli USA. Noor Bin Laden, una delle (tante) nipoti di Osama, si presenta al pubblico americano come alfiere dell’Ultra MAGA, e afferma di far parte di una «maggioranza silenziosa» che si sta levando contro le élite globali.

 

 

«È per questo che il presidente Trump è stato una così grande spina nel fianco e l’intero movimento Ultra MAGA è una spina nel fianco così grande per loro», ha detto la Noor Bin Laden, che risiede per lo più in Svizzera, nel podcast di Steve Bannon War Room. «Lo penso giudicando l’intensificarsi dell’attacco e il palese, palese furto farsesco delle elezioni del 2020 e tutti i diversi sforzi”.

 

Nella sua prima apparizione il mese scorso, la 35enne ereditiera del casato Bin Laden (il nonno, padre di Osama, partito da facchino all’hotel divenne un ricchissimo appaltatore ed ebbe 54 figli) ha difeso i partecipanti all’insurrezione del 6 gennaio 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti, definendoli «prigionieri politici» ed elogiando quei legislatori che li hanno difesi.

 

«Possiamo essere davvero grati per i rappresentanti Marjorie Taylor Greene, [Matt] Gaetz, il senatore Ron Johnson… [sono] tra i pochi che difendono, si alzano e parlano di questi prigionieri politici».

 

A undici anni dall’assassinio (presunto) di Osama da parte delle forze speciali USA, la famiglia Bin Laden, numerosa e complicata com’è, non smette mica di stupire. Del resto, diceva Leone Tolstoj, «Tutte le famiglie felici sono uguali, ogni famiglia infelice è infelice a modo suo»

 

 

 

 

 

Immagine di Hamid Mir via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari