Bambini abortiti, cuoio capelluto e schiena innestati su roditori

 

 

Renovatio 21 pubblica la traduzione di questo testo per gentile concessione di Children of God for Life.

 

 

Nel settembre del 2020, i ricercatori dell’Università di Pittsburgh del Dipartimento di malattie infettive e microbiologia e del Dipartimento di microbiologia e genetica molecolare hanno pubblicato il loro lavoro sullo sviluppo di topi e ratti umanizzati con «pelle umana a tutto spessore».

 

La pelle umana protegge un individuo dalle infezioni. Non c’è modo di studiare gli effetti dei patogeni sugli individui senza sottoporli a malattie. Quindi, i ricercatori hanno usato bambini abortiti

La pelle umana protegge un individuo dalle infezioni. Non c’è modo di studiare gli effetti dei patogeni sugli individui senza sottoporli a malattie. Quindi, i ricercatori hanno usato bambini abortiti.

 

La pelle umana a tutto spessore di bambini abortiti è stata quindi  innestata su roditori da laboratorio.

 

Contemporaneamente gli scienziati hanno co-innestato i tessuti linfoidi dello stesso bambino e le cellule staminali ematopoietiche dal fegato. I modelli di roditore sono stati umanizzati in modo autologo innestando la pelle e gli organi dello stesso bambino sullo stesso roditore. Questi modelli di topo e ratto «umanizzati della pelle e del sistema immunitario (hSIS)» aiutano lo studio dell’immunopatogenesi indotta da infezione attraverso l’infezione della pelle.

 

L’articolo sulla rivista Nature afferma che per realizzare i modelli di roditori umanizzati con hSIS i ricercatori hanno utilizzato la pelle fetale a tutto spessore di esseri umani abortiti all’età gestazionale di 18-20 settimane di gravidanza presso il Magee-Women’s Hospital dell’Università di Pittsburgh Medical Center e l’Università di Pittsburgh Health Sciences Tissue Bank.

I ricercatori hanno utilizzato la pelle fetale a tutto spessore di esseri umani abortiti all’età gestazionale di 18-20 settimane di gravidanza

 

Le madri hanno fornito il consenso scritto per donare i loro figli alla ricerca.

 

Un venditore ha fornito topi e ratti geneticamente modificati e resi gravemente immunodeficienti. Gli scienziati hanno trapiantato il timo, il fegato, la milza, dai bambini ai roditori. Quindi hanno innestato la pelle a tutto spessore dallo stesso cuoio capelluto o dal dorso dei bambini abortiti sui roditori e hanno permesso ai roditori di crescere.

 

Gli scienziati hanno quindi esposto i roditori umanizzati a batteri Staphylococcus aureus resistenti alla meticillina (CA-MRSA) associati alla comunità e hanno infettato la pelle per studiare come gli organi interni hanno risposto all’infezione da stafilococco.

Gli scienziati hanno trapiantato il timo, il fegato, la milza, dai bambini ai roditori

 

Gli scienziati hanno prelevato la pelle umana dal cuoio capelluto e dalla schiena dei feti in modo che gli innesti con e senza capelli potessero essere confrontati nel modello di roditore. Hanno rimosso i tessuti adiposi in eccesso attaccati allo strato sottocutaneo della pelle fetale. Quindi hanno innestato la pelle fetale sulla gabbia toracica del topo.

 

Entro due settimane le ferite stavano guarendo, con gli innesti che duravano fino a dieci settimane dopo il trapianto. Più strati di cheratinociti umani e fibroblasti si sono formati negli innesti e la pelle umana è cresciuta nei vasi sanguigni e nelle cellule immunitarie.

Peluria umana era evidente entro 12 settimane ma solo negli innesti prelevati dal cuoio capelluto fetale

 

Peluria umana era evidente entro 12 settimane ma solo negli innesti prelevati dal cuoio capelluto fetale.

 

La figura 1 del rapporto scientifico mostra le fotografie dei roditori umanizzati a 0, 2, 4, 10 e 12 settimane dopo il trapianto. Negli innesti del cuoio capelluto, capelli umani fini crescono lunghi e scuri circondati dai corti peli bianchi del topo.

 

Le immagini mostrano letteralmente una chiazza di peli del bambino che cresce sulla schiena di un topo.

Le immagini mostrano letteralmente una chiazza di peli del bambino che cresce sulla schiena di un topo

 

Il National Institute of Health (NIH) e il National Institutes of Health (NIH) – National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) hanno finanziato e sostenuto questo lavoro.

 

 

 

 

Riferimenti

Y. Agarwal et al., «Development of humanized mouse and rat models with full-thickness human skin and autologous immune cells», Scientific Reports Vol. 10, 14598 (3 settembre 2020), doi: 10.1038 / s41598-020-71548-z.