Avvocato agrigentino muore poco dopo la seconda dose

 

 

 

V.B., avvocato di 59 anni, è improvvisamente deceduto a Grotte, in provincia di Agrigento, a poca distanza dall’iniezione del vaccino mRNA anti-COVID. Lo riporta Agrigento Notizie.

 

Il procuratore Luigi Patronaggio, toga assai conosciuta anche in ambito nazionale, ha avviato degli accertamenti per indagare sulle cause del decesso.

 

È riportato che il professionista, prima del tragico evento, fosse in ottime condizioni di salute. Il giorno prima aveva ricevuto la seconda dose

I familiari della vittima, professionista molto apprezzato e stimato fra colleghi e operatori della giustizia ad Agrigento, infatti hanno presentato un esposto chiedendo alla Procura di indagare su un’eventuale correlazione con la seconda dose del vaccino Pfizer che gli era stata somministrata il giorno precedente.

 

L’Azienda sanitaria provinciale ha attivato il protocollo che dovrà accertare, in prima battuta, le possibili cause del decesso.

 

È riportato che il professionista, prima del tragico evento, fosse in ottime condizioni di salute.

 

 

 

 

Immagine d’archivio