Connettiti con Renovato 21

Vaccini

Aumento dell’incidenza del cancro della cervice in Svezia: possibile legame con la vaccinazione HPV

Pubblicato

il

 

 

Pubblichiamo, grazie alla traduzione dei genitori di Cusano e Paderno, l’articolo scientifico di  Lars Andersson (Phd, del dipartimento di farmacologia e fidiologia del prestigioso Karolinska Institutet) relativo all’aumento del cancro alla cervice in correlazione al vaccino papillomavirus, apparso online il 30 aprile 2018 sull’Indian Journal of Medical Ethics.

Sull’articolo, che Renovatio 21 ha pubblicato in lingua italiana per prima, si è aperta una polemica in quanto pare che l’autore sia ricorso ad uno pseudonimo: specifichiamo la nostra posizione, riportando un comunicato della rivista indiana, qui.

 

Abstract

Il Centro per la prevenzione del cancro cervicale in Svezia ha notato nel suo rapporto annuale un sostanziale aumento dell’incidenza di cancro cervicale invasivo, in particolare durante i due anni 2014 e 2015.

 

Ho suddiviso i dati in base all’età, utilizzando lo stesso database statistico del Consiglio nazionale della salute e del benessere, come utilizzato dagli autori del rapporto sopra menzionato. L’aumento dell’incidenza del cancro cervicale è stato dimostrato essere più importante tra le donne di 20-49 anni, mentre nessun aumento apparente è stato osservato tra le donne sopra i 50 anni. Negli studi clinici a cui è stato fatto riferimento per l’autorizzazione all’immissione in commercio, la FDA ha osservato che le donne esposte al virus del papilloma umano (HPV) prima della vaccinazione avevano un aumento delle variazioni delle cellule premaligne rispetto ai controlli placebo.

Discuto la possibilità che la vaccinazione HPV possa svolgere un ruolo nell’aumento dell’incidenza del cancro cervicale causando la malattia nelle donne precedentemente esposte all’HPV, invece di prevenirla.

 

Discuto la possibilità che la vaccinazione HPV possa svolgere un ruolo nell’aumento dell’incidenza del cancro cervicale causando la malattia nelle donne precedentemente esposte all’HPV, invece di prevenirla. Esiste una relazione temporale tra l’inizio della vaccinazione e l’aumento dell’incidenza del cancro cervicale. I vaccini HPV sono stati approvati nel 2006 e 2007, rispettivamente, e la maggior parte delle ragazze ha iniziato a essere vaccinata durante il 2012-2013.

 

Introduzione

Il Centro per la prevenzione del cancro cervicale (NKCx) in Svezia ha preso atto nel suo rapporto annuale del 2017 (1), che include dati fino al 2016, di un aumento sostanziale dell’incidenza del carcinoma cervicale invasivo, specialmente durante gli anni 2014 e 2015. Una traduzione inglese dell’aumento dell’incidenza del cancro cervicale è riportata nella Tabella 1 (1: p 45).

Tabella 1: standardizzata per età (secondo la popolazione svedese standard nel 2000) di carcinoma cervicale invasivo (per 100.000 donne)

«L’incidenza standardizzata per età del cancro cervicale invasivo in Svezia è aumentata notevolmente negli ultimi due anni (20%) e c’è un aumento statisticamente significativo per l’intero periodo 2005- 2015»

Il rapporto afferma:
«L’incidenza standardizzata per età del cancro cervicale invasivo in Svezia è aumentata notevolmente negli ultimi due anni (20%) e c’è un aumento statisticamente significativo per l’intero periodo 2005- 2015. L’incidenza in Svezia per il periodo 2014-2015 è di 11,5 per 100.000 donne. L’aumento negli ultimi due anni può essere visto in tutte le contee tranne Södermanland, Skåne, Jämtland e Västerbotten. Si osservano aumenti sostanziali e statisticamente significativi per Östergötland, Jönköping, Blekinge, Halland, Värmland, Örebro e Dalarna, con un incremento medio annuo del 7% -8%. Le tendenze di aumenti sostanziali si vedono anche per Uppsala, Gotland, Västmanland e Västerbotten con aumenti medi annui del 4% o più».

 

Le informazioni di cui sopra sono state raccolte dal database statistico gestito dal National Board of Health and Welfare in Svezia. L’autore del report suggerisce che è importante monitorare le cause dell’aumento dell’incidenza del cancro cervicale. Tuttavia, non sono state fornite spiegazioni per l’aumento dell’incidenza del cancro cervicale da parte dell’NKCx nella sua relazione annuale 2017 (1).

L’aumento dell’incidenza del cancro cervicale si è dimostrato più importante tra le donne di età compresa tra i 20 e i 49 anni, mentre nessun aumento apparente è stato osservato tra le donne sopra i 50 anni

 

Per l’analisi, ho fornito i dati in base all’età, per il database statistico del Consiglio nazionale della sanità e del benessere utilizzato in riferimento [1]. Inoltre, è stata esaminata la letteratura pertinente per mettere in prospettiva i dati attuali.

 

Risultati

L’aumento dell’incidenza del cancro cervicale si è dimostrato più importante tra le donne di età compresa tra i 20 e i 49 anni, mentre nessun aumento apparente è stato osservato tra le donne sopra i 50 anni (Figura 1). Il numero di casi nel gruppo 20-49 anni è aumentato da 202 casi nel 2006 a 317 casi nel 2015 (un aumento del 50%).

 

Nel 2015 c’erano 1,9 milioni di donne in Svezia tra i 20 ei 49 anni secondo Statistics Sweden (2). L’incidenza del cancro cervicale è quindi dello 0,17% per le donne nel gruppo di 20-49 anni (317 casi per 1,9 milioni di donne). La figura 2 mostra il relativo cambiamento tra il 2006 e il 2015 per ogni gruppo di età di 10 anni, che illustra l’aumento più pronunciato dell’incidenza del cancro tra i gruppi di età più giovani.

 

 

Discussione

Illustro di seguito alcune possibili spiegazioni per l’aumento dell’incidenza del cancro cervicale tra le giovani donne in Svezia.

Un’altra possibilità è che la vaccinazione HPV potrebbe svolgere un ruolo nell’aumento dell’incidenza del cancro cervicale.

 

Un cambiamento nella routine o in altre modifiche tecniche o metodologiche durante il periodo di studio può influenzare l’incidenza riportata di cancro cervicale, a causa di cambiamenti nella sensibilità degli strumenti diagnostici. Il cambiamento riportato dell’incidenza tra le donne più giovani e il fatto che l’aumento è stato notato nella maggior parte delle contee in Svezia va contro questa spiegazione. Né è stata tale spiegazione fornita dal NKCx nel suo rapporto annuale del 2017, con dati fino al 2016 (1). Recentemente, quando i media svedesi hanno discusso l’aumento dell’incidenza del cancro cervicale, le autorità sanitarie non sono state in grado di spiegare l’aumento.

 

Un’altra possibilità è che la vaccinazione HPV potrebbe svolgere un ruolo nell’aumento dell’incidenza del cancro cervicale. Circa il 25% dei tumori cervicali ha una rapida insorgenza di circa 3 anni, inclusa la progressione da cellule normali a cancerogene (3, 4). Pertanto, un aumento può essere visto entro un breve periodo di tempo.

Il Gardasil è stato approvato in Svezia nel 2006. Nel 2010 è iniziata la vaccinazione di un numero considerevole di ragazze. Nel 2010, circa l’80% delle ragazze di 12 anni sono state vaccinate. In combinazione con il 59% delle ragazze di 13-18 anni vaccinate attraverso il programma di recupero nello stesso periodo, è possibile dire che la maggior parte delle ragazze sono state vaccinate. Pertanto, le ragazze più anziane del programma avevano 23 anni nel 2015; e questo è ben all’interno del gruppo di età più giovane mostrato in Fig. 1. Per il gruppo di età superiore rappresentato in Fig. 1, i dati sull’esposizione alle vaccinazioni non sono disponibili. Nel 2012-2013, la maggior parte delle ragazze giovani sono state vaccinate.

Esiste la possibilità che il vaccino funga da facilitatore in un processo di cancro in corso.

 

Il vaccino non ha bisogno di iniziare il processo del cancro. Esiste la possibilità che il vaccino funga da facilitatore in un processo di cancro in corso. Illustrerò di seguito alcuni possibili meccanismi di come il vaccino potrebbe influenzare l’incidenza del cancro cervicale.
L’efficacia dei vaccini HPV è stata valutata studiando i cambiamenti delle cellule premaligne nella cervice chiamate CIN2 / 3 e l’adenocarcinoma cervicale in situ o peggio (5). L’efficacia è stata calcolata per individui che non sono stati esposti a HPV 16 e 18. Questi individui sono chiamati naïve. Il vaccino è efficace solo in individui non precedentemente esposti a HPV 16 e 18 (individui naïve). Se un individuo è già stato esposto a HPV 16 e 18, non vengono prodotti nuovi anticorpi. Pertanto, il vaccino non funzionerà per individui non-naïve.

HPV 16 e 18 sono responsabili per circa il 70% di tutti i tumori del collo dell’utero (5). È quindi fondamentale somministrare il vaccino a individui naïve. Durante la revisione del Gardasil da parte della FDA, l’efficacia del vaccino è stata valutata anche su individui che sono stati esposti ai ceppi di HPV oncogenici prima della vaccinazione, dal momento che anche gli individui non-naïve riceveranno la vaccinazione. È stata sollevata una preoccupazione per l’aumento della malattia (aumento della CIN 2/3, adenocarcinoma cervicale in situ o peggio) in questo sottogruppo (5). In questi individui, l’efficacia era pari a -25,8% (IC 95%: -76,4, 10,1%) (5). Quindi, persone non-naïve che presentavano anticorpi HPV 16/18 prima della vaccinazione con Gardasil, hanno mostrato un livello più elevato di cambiamenti delle cellule premaligne rispetto al placebo. Le statistiche dell’FDA non hanno potuto trarre conclusioni definitive. Nella sua analisi, la FDA ha incluso solo casi con HPV 16/18. Se casi con oncogeni altri di HPV 16/18 fossero stati inclusi nell’analisi, l’efficacia dei dati avrebbe potuto essere ancora più sfavorevole.

 

L’aumento delle variazioni delle cellule premaligne in individui non-naïve, come suggerito dalla FDA, è coerente con la consapevolezza che la vaccinazione può causare la riattivazione di entrambi i virus bersaglio e non bersaglio (6, 7, 8, 9, 10, 11, 12). Per il Gardasil, i tipi HPV 16 e 18 sono chiamati HPV target poiché il vaccino contiene antigeni per questi due tipi di HPV. Altri tipi di HPV per i quali il vaccino non contiene alcun antigene sono definiti non-target per gli HPV.

Per le persone esposte a Gardasil, è stata segnalata evidenza di una riattivazione selettiva e significativa dei tipi di HPV non target oncogeni 52 e 56 nel tratto genitale per tutte le donne (13). Questo articolo ha studiato donne tra 13-22 e 23-40 anni dal 2008 al 2013. I target dell’HPV 16 e 18 sono diminuiti solo nel gruppo di età più giovane, ma gli HPV non target oncogeni sono aumentati in entrambi i gruppi, 20% -40% e 8% -30%, rispettivamente. L’aumento del carico totale di HPV oncogeni non target per gli individui vaccinati può essere coerente con i risultati ottenuti nel rapporto della FDA, in cui l’efficacia del vaccino HPV era meno favorevole per le donne non-naïve rispetto a quelle sul placebo. Un possibile meccanismo per spiegare l’aumentata incidenza del cancro cervicale può quindi essere la riattivazione del virus come descritto sopra.

 

Nella valutazione del Gardasil da parte della FDA, è stato riscontrato che circa il 25% di tutti gli individui non era naïve nello studio registrativo (5). Ci sono più di 200 tipi di HPV, di cui 12 attualmente classificati come tipi di cancro ad alto rischio (14). L’HPV può essere trovato in ragazze non sessualmente attive (15).

 

Esso può essere trasmesso attraverso mezzi non sessuali, da madre a figlio, dal contatto con oggetti infetti, dall’autoinoculazione o da infezione contratta in ospedale (16), o tramite sangue (17, 18). Il virus può trovarsi latente in qualsiasi tessuto e sfuggire al rilevamento mediante tecniche standard (19). Può anche essere ridistribuito sistemicamente durante il ciclo litico in precedenti tessuti liberi da virus (autoinoculazione), ad esempio infettando una cervice precedentemente priva di virus.

Recentemente, è stato dimostrato che in precedenza le donne positive all’HPV con citologia normale rimanevano ad aumentato rischio di pre-neoplasia (CIN3) nonostante due test follow-up negativi all’HPV (20). “Dimostrare che l’HPV è scomparso del tutto è, ovviamente, impossibile”, affermano Brown e Weaver in un editoriale del 2013 (21). Pertanto, le persone non-naïve possono essere trovate tra le femmine a tutte le età. A volte questi individui hanno un HPV qualche volta misurabile e qualche volta no. Tenendo conto di questi risultati, la percentuale di individui non-naïve può essere stata sottostimata negli studi.

 

Poiché il vaccino è raccomandato fino ad un massimo di 45 anni nell’area economica europea, è possibile che la vaccinazione abbia facilitato lo sviluppo di cancro cervicale nuovo o esistente tra le donne che non erano naïf al momento della vaccinazione. La vaccinazione contro l’HPV è iniziata in Svezia durante il periodo di studio.

La vaccinazione HPV potrebbe causare un aumento del carcinoma cervicale invasivo invece di prevenirlo tra le femmine già infette e quindi spiegare l’aumento dell’incidenza del cancro segnalato dall’NKCx in Svezia? L’incidenza aumentata tra le giovani donne, la possibilità di riattivazione del virus dopo la vaccinazione, l’aumento dei cambiamenti delle cellule premaligne mostrati dalla FDA per le donne che erano già state esposte ai tipi di HPV oncogeni e la relazione temporale tra l’inizio della vaccinazione e l’aumento del cancro cervicale in Svezia potrebbero supportare questo punto di vista.

 

Il Gardasil, il vaccino per lo più utilizzato in Svezia, è stato approvato nel settembre 2006. Non ci sono statistiche per l’uso generale di Gardasil in Svezia. Per le ragazze (12-13 anni di età) ci sono programmi speciali per la vaccinazione. Circa il 75% -80% di tutte le ragazze sono vaccinate in questa fascia di età (22). Per le ragazze più grandi ci sono programmi di recupero.

 

Per le ragazze / donne più grandi che saranno vaccinate su richiesta, mancano dati sulla frequenza della vaccinazione. L’aumento dell’incidenza del cancro cervicale tra il 2006 e il 2015 è stato del 50% (corrispondente a 115 casi assoluti). Pertanto, la copertura vaccinale della popolazione svedese non deve essere molto elevata per spiegare un ruolo per il vaccino. I risultati potrebbero essere coerenti con la vaccinazione su richiesta delle donne sopra i 18 anni. In Svezia sono stati effettuati 702.946 screening delle cellule del collo dell’utero in donne di età compresa tra 23 e 60 anni nel 2016 (1).

 

La vaccinazione HPV potrebbe causare un aumento del carcinoma cervicale invasivo invece di prevenirlo tra le femmine già infette e quindi spiegare l’aumento dell’incidenza del cancro segnalato dall’NKCx in Svezia? L’incidenza aumentata tra le giovani donne, la possibilità di riattivazione del virus dopo la vaccinazione, l’aumento dei cambiamenti delle cellule premaligne mostrati dalla FDA per le donne che erano già state esposte ai tipi di HPV oncogeni e la relazione temporale tra l’inizio della vaccinazione e l’aumento del cancro cervicale in Svezia potrebbero supportare questo punto di vista.

 

La risposta a questa domanda è fondamentale per stimare correttamente il rapporto rischio-beneficio di questo vaccino. Più studi focalizzati su individui già infetti da HPV sono necessari per rispondere a questa domanda.

 

Conflitti di interessi: nessuno dichiarato.

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Epidemia da vaccino: il governo britannico ammette che il nuovo focolaio di poliomielite è «probabilmente» causato dal vaccino

Pubblicato

il

Da

Un nuovo focolaio del virus della poliomielite è stato identificato a Londra, in Inghilterra, per la prima volta dal 1984. Lo hanno riportato vari media.

 

Secondo l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA), una versione mutata del virus della poliomielite è stata rintracciata nel sistema fognario di Londra da aprile.

 

Sebbene nessun caso sia stato confermato e nessun individuo sia stato ricoverato in ospedale per paralisi, gli esperti affermano che trovare lo stesso patogeno nell’Est e nel Nord della capitale inglese segnala un focolaio.

 

Nonostante il governo del Regno Unito abbia ammesso che nessun caso è stato confermato, ha emesso un’emergenza nazionale.

 

I funzionari sanitari britannici stanno ora esortando i cittadini a controllare i registri vaccinali dei loro figli per assicurarsi che siano aggiornati.

 

«L’ultimo caso di poliomielite contratto in Gran Bretagna risale al 1984 e il Paese è stato dichiarato libero dalla poliomielite nel 2003. Prima dell’introduzione di un vaccino negli anni ’50, le epidemie avrebbero provocato la paralisi di migliaia di persone ogni anno e centinaia di deceduti» ha scritto il quotidiano Sun riporta»

Tuttavia, secondo l’UKHSA, sarebbe stato stato in primo luogo il vaccino antipolio orale a innescare l’epidemia.

 

L’agenzia ritiene che una persona del Pakistan, dell’Afghanistan o della Nigeria abbia rilasciato il virus attraverso le feci dopo essere stata vaccinata per via orale contro la poliomielite.

 

Un epidemiologo consulente presso l’UKHSA, la dottoressa Vanessa Saliba ha affermato che il rischio per il pubblico è basso e ha riconosciuto che il caso probabilmente deriva da un vaccino contro la poliomielite.

 

«Il poliovirus derivato dal vaccino è raro e il rischio per il pubblico in generale è estremamente basso», ha affermato. «Il poliovirus derivato dal vaccino ha il potenziale per diffondersi, in particolare nelle comunità in cui l’assorbimento del vaccino è inferiore».

 

« In rare occasioni può causare paralisi in persone che non sono completamente vaccinate , quindi se tu o tuo figlio non siete in regola con le vaccinazioni contro la poliomielite è importante contattare il vostro medico di famiglia per recuperare il ritardo o se non siete sicuri controllate il vostro rosso prenotare» ha aggiunto la dottoressa Saliba.

 

Ricapitolando, la narrativa dell’establishment è che il vaccino sta causando l’epidemia, quindi le persone devono fare il vaccino per proteggersi dall’epidemia indotta dallo stesso vaccino.

 

Non una grinza.

 

In un segmento di Sky News caricato su Twitter mercoledì, un analista ha dichiarato: ûÈ probabile che sia successo che qualcuno che ha viaggiato in uno di questi Paesi che è stato vaccinato contro la poliomielite è tornato e quel vaccino è diventato presente nelle loro feci e in qualche modo ha mutato e infettato altre persone».


 

Come riportato da Renovatio 21, nel novembre del 2019, i media globali e la stessa OMS hanno ammesso che i focolai poliomielite indotta da vaccini, con casi più numerosi di quelli da poliomielite selvaggia.

 

Della diffusione della polio da vaccino, quando si vantava l’eradicazione della polio selvaggia, è stata accusata la campagna vaccinale africana di Bill Gates.

 

Il problema epidemiologico causato dal vaccino è tale che tra il 2019 e il 2020 è stata istituita una «Strategia per la risposta al poliovirus derivato da vaccino circolate di tipo 2020-202)» ad opera dell’Iniziativa Globale per l’Eradicazione della Polio (GPEI). Della situazione ha dato notizia anche il ministero della Salute italiano.

 

Children’s Health Defense, il gruppo di Robert F. Kennedy jr., ha pubblicata dettagliate analisi mettendo in questione anche il sistema di diagnosi, che forse mascheravano la vera entità del problema.

 

Su un altro versante, c’è da ricordare come sia stato detto che le campagne di vaccino antipolio in India abbiano provocato 490 mila casi di paralisi.

 

Il vaccino polio ha una storia piuttosto controversa. Invitiamo il lettore a leggerla nell’articolo sul tema pubblicato due anni fa da Renovatio 21.

 

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Vaccini COVID, in aumento le segnalazioni di varicella, fuoco di Sant’Antonio in seguito alle iniezioni

Pubblicato

il

Da

Medici e scienziati stanno assistendo a un aumento della riattivazione del virus varicella-zoster, che causa la varicella, in seguito ai vaccini COVID-19, secondo quanto riportato da Epoch Times.

 

Dopo che una persona ha contratto la varicella, il virus rimane dormiente nel sistema nervoso per tutta la vita e può essere riattivato, presentandosi come fuoco di Sant’Antonio o herpes zoster, più avanti nella vita.

 

Funzionari sanitari federali hanno affermato che non esiste alcuna correlazione tra i vaccini COVID-19 e l’herpes zoster, ma numerosi studi mostrano una maggiore incidenza di fuoco di Sant’Antonio nelle persone che hanno fatto il vaccino.

 

La FDA afferma di non aver rilevato alcun segnale di sicurezza per quanto riguarda l’herpes zoster a seguito di vaccini COVID-19 approvati o autorizzati.

 

Il CDC sostiene che «non c’è alcuna connessione attuale» tra i vaccini COVID-19 e la riattivazione del virus della varicella.

 

Scott Pauley, portavoce del CDC, ha affermato che qualsiasi reazione avversa sperimentata dopo aver ricevuto l’iniezione è «temporanea e un segno positivo che il vaccino sta funzionando».

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 24 giugno 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

Continua a leggere

Controllo delle nascite

Vaccini e infertilità, una storia reale

Pubblicato

il

Da

Vaccini creati per sterilizzare le donne – senza alcun consenso.

 

Miriadi di ragazze africane, divenute d’improvviso infertili, dopo un’iniezione di antitetanica promossa dal governo kenyota e dagli enti sanitari globali. Un incubo, un capitolo scioccante del libro della Necrocultura, dove, molto apertamente, i vaccini si dimostrano strumenti di morte.

 

Sapevamo di questa storia. Renovatio 21, varie volte, ne ha parlato. Però vederla raccontata per la prima volta dai protagonisti mette i brividi. Soprattutto, se pensiamo che si tratta solo della punta dell’iceberg: il programma di vaccinazione per il tetano che in verità segretamente sterilizzava le donne è probabilmente stato ripetuto da altre parti.

 

Di più: è inevitabile pensare che il Terzo Mondo sia solo un laboratorio di cavie umane per qualcosa che sarà implementato in tutti i Paesi, sviluppati o meno – se non lo è già stato…

 

Si resta sgomenti a guardare l’ultima fatica audiovisiva di Andrew Wakefield, Infertilità: un’agenda diabolica. Il film, della durata di mezz’ora, è stato realizzato dal dottore noto per lo scandalo farmaceutico del secolo (il saggio che si azzardava a domandarsi si esistesse mai una correlazione tra autismo e vaccino MPR) per la distribuzione di Children’s Health Defense di Robert F. Kennedy jr. Sul sito è disponibile la trascrizione in lingua italiana.

 

 

Il mediometraggio lascia parlare chi la storia dei vaccini sterilizzanti la ha vissuta, in dialoghi strazianti e sconvolgenti.

 

«In qualità di ginecologo, negli ultimi anni abbiamo visto un drammatico aumento del numero di donne che perdono la gravidanza, del numero di donne che vengono qui con minacce di aborto, con emorragie all’inizio della gravidanza. Vediamo anche molte di giovani coppie con problemi di infertilità» dice un medico kenyota.

 

«Ho visto le lacrime. Hanno perso la loro identità. Si muore dentro».

 

«Ho avuto un percorso difficile con molti aborti spontanei. Nel primo avevo portato avanti la gravidanza per circa tre settimane. Poi sono rimasta di nuovo incinta e ho portato avanti quella gravidanza per circa quattro settimane» dice una ragazza.

 

Questa catastrofe ruota attorno ad una molecola, la gonadotropina corionica umana, detta HCG.

 

L’HCG è il primo segnale che indica alla donna che è incinta. L’HCG dice alle ovaie di produrre un secondo ormone, chiamato progesterone, che sostiene la gravidanza.

 

Se si creano anticorpi contro l’HCG, il nuovo bambino si sta formando nell’utero della donna viene distrutto come se fosse un batterio o un virus, in modo che il segnale venga completamente perso, e quindi le ovaie non producono progesterone. Quindi, se si hanno livelli sufficientemente elevati di anticorpi anti HCG, la donna diventa di fatto sterile.

 

«Ma come fa una donna a sviluppare anticorpi contro l’HCG, una malattia autoimmune in cui il corpo attacca se stesso?» si chiede la narratrice del film.

 

«Questa è la domanda che si sono posti e a cui hanno risposto degli sviluppatori di vaccini che hanno provato a creare un vaccino anti-fertilità per conto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, a partire dall’inizio degli anni ’70. Questo programma di ricerca e sviluppo fu intrapreso in risposta alla percezione di sovrappopolazione».

 

Si tratta di storia, storia reale. Dal ’72 al ’92, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha finanziato la ricerca e lo sviluppo di un vaccino sterilizzante.

 

«Si tratta di fatti indiscutibili. L’OMS, attraverso la sua task force sui vaccini per la regolazione della fertilità, ha sostenuto la ricerca su un vaccino sintetico contro la molecola HCG. Per immunizzare una donna dal rimanere incinta o abortire una gravidanza andata a buon fine, gli scienziati hanno scoperto che bastava combinare la subunità beta dell’HCG con il tossoide tetanico utilizzato nel vaccino antitetanico di routine».

 

Quindi, durante questi programmi di vaccinazione. non solo la donna sviluppava anticorpi contro il tetano, ma anche anticorpi contro l’HCG, compreso quello prodotto dal suo stesso corpo.

 

Apprendiamo che in passato, nonostante l’entusiasmo delle élite del Terzo Mondo, i programmi di questo tipo erano saltati. In molti avevano compreso che come «una campagna di vaccini contro la fertilità potesse essere camuffata come un programma per il vaccino antitetanico».

 

«In particolare, la Lega delle donne cattoliche delle Filippine aveva ottenuto un ordine del tribunale per stoppare il programma dell’UNICEF contro la fertilità che utilizzava il vaccino antitetanico addizionato con HCG».

 

Tuttavia, a metà anni Novanta, ecco che ci riprovano in Kenya:  l’OMS pianifica una campagna di vaccino antitetanico nelle donne keniote in età fertile. Il dottor Karanja, un medico che aveva capito tutto (anche grazie ad un’imbeccata ricevuta ad un convegno a Houston sulla presenza di programmi di sterilizzazione in vari Paesi camuffati da vaccinazioni antitetaniche convince i leader della Chiesa cattolica, un grande fornitore di assistenza sanitaria, a chiedere che i vaccini vengano testati per l’HCG.

 

In risposta, senza fornire spiegazioni, l’OMS  abbandona la campagna.

 

Ma non è finita. D’un tratto, 19 anni dopo, l’OMS riesuma l’operazione. A differenza del caso del 1995, questa volta c’è la benedizione del governo keniota. Nell’ottobre di quell’anno fu avviato un programma contro il tetano neonatale.

 

Ne esce un calendario vaccinale fraudolento fino alla follia.

 

«Il vaccino anticoncezionale può produrre sterilità, ma bisogna fare più iniezioni» dice un esperto sentito da Wakefield. «Ce ne vogliono circa cinque per essere davvero efficaci, distanziate di circa sei mesi. È interessante notare che i vaccini antitetanici possono essere fatti ogni cinque anni, o forse 10 anni. Non è necessaria un’iniezione ogni sei mesi, e di certo non ne servono cinque

 

La Chiesa cattolica, a questo punto, prende in mano la situazione, e ordina dei test su vaccini impiegati nella campagna vaccinale antitetanica 2014..

 

A Nairobi, tre laboratori indipendenti analizzano campioni di fiale del vaccino antitetanico dell’OMS utilizzato nel marzo 2014. VI sono, evidenti, tracce di HCG. A ottobre i medici cattolici analizzano altre sei fiale, in sei diversi laboratori accreditati. La Beta-HCG viene trovata nella metà dei campioni.

 

I vescovi a questo punto chiedono l’immediata sospensione del programma vaccinale. «Chiediamo alla nostra gente di non partecipare, e a non lasciarsi influenzare da ciò che sta accadendo senza una chiara informazione» dice un vescovo in una conferenza pubblica. I prelati kenyoti hanno compreso il gioco satanico dei vaccini, e pure la propaganda infame che li circonda.

 

Il governo del Kenya, imbarazzato dall’eco mondiale della storia, istituisce  un comitato di esperti per testare i vaccini, con tre componenti scelti del governo e tre nominati dai vescovi cattolici. Si decide di testare i nove vaccini già testati. Si decide pure di andare a prendere alcuni campioni dal deposito di vaccini antitetanici del governo.

 

Il governo, a quanto risulta, fa pressioni sui laboratori perché dichiarino i vaccini sicuri. Le fiale che vengono dai magazzini governativi sono immacolate, anche se appartengono magari a lotti dove in precedenza è stata trovata l’HCG. Tutte le fiale già risultate positive, lo sono una seconda volta.

 

«L’OMS era estremamente arrabbiata. Non si va mai, ripeto, non si va mai contro l’OMS qui in Africa» dice un dottore intervistato. La campagna OMS di incoraggiamento delle madri a fare il vaccino per il tetano continua.

 

A questo punto, OMS e UNICEF – pazzesco – accusano la Chiesa cattolica di mentire, di «diffondere disinformazione». Di più: il ministro va in TV e accenna alla possibilità che i cattolici abbiano loro contaminato di HCG le fialette risultate positive.

 

Per i medici che avevano sostenuto la causa, parte la persecuzione. Ecco ordini del tribunale che proibiscono ai medici di parlare di vaccini, in quanto le loro parole «sono un pericolo» per il Paese. Ecco la reazione dell’Ordine dei Medici locale. Cose che oggidì conosciamo bene.

 

Uno di questi medici, il dottor Karanja, il 29 aprile 2021 viene ucciso, ufficialmente dal COVID. La sua storia ricorda non poco Il giardiniere tenace di John LeCarré.

 

Il dottor Karanja aveva un messaggio netto per tutti noi:

 

«Quando avranno finito con l’Africa, verranno a prendere voi. Tenete pronti i vostri figli. Verranno per loro e verranno per voi».

 

Il lettore di Renovatio 21 sa a cosa siamo dinanzi: un programma di spopolamento attuato con ferrea volontà e infinita disponibilità di capitale e di influenza.

 

Il lettore di Renovatio 21 sa bene chi è in grado di esprimere questo rarissimo, impossibile mix di danaro e potenza politica globale.

 

Il nome lo fa il film stesso, dopo i titoli di coda, quando si intervista un dottore americano.

 

«Da tempo sono preoccupato per Bill Gates. Il primo contatto che ho avuto con il suo programma è stato ad una sessione della Società Americana di Ginecologia Pediatrica e dell’Adolescenza. L’ospite d’onore era Malcolm Potts, dell’Università di Berkeley in California. Era il capo della International Planned Parenthood Federation. Era un consulente di Bill Gates. Era al corrente di ciò che Bill Gates stava facendo. Immaginate, eravamo seduti a una sessione di discussione, e lui si vantava del successo del loro programma in Africa».

 

«Organizzavano feste a base di Depo-Provera ogni mese, con ogni sorta di pompon, perline e regali alle ragazze di 12 anni, come occasione per iniettare loro il Depo-Provera, che assicura l’infertilità di quelle giovani donne tribali nonché la fine dei loro normali cicli riproduttivi per tutto il tempo in cui erano sotto Depo-Provera, e, nella maggior parte dei casi, ben oltre».

 

«Ho visto moltissimi casi in cui il Depo-Provera ha causato infertilità permanente».

 

«È difficile credere che queste ragazze africane sapessero cosa stesse accadendo loro, perché molte di loro non avevano neanche avuto cicli riproduttivi abbastanza a lungo da sapere cosa sia la normalità».

 

«Naturalmente, le giovani non sono state messe al corrente del fatto che questo le avrebbe private dei loro cicli riproduttivi e della loro fertilità non solo per mesi, ma per anni, e che avrebbe portato a osteoporosi precoce, obesità, depressione e altre gravi conseguenze. In pratica si sta togliendo la salute riproduttiva a una donna».

 

«Il lavoro che stavano facendo in Africa era sotto l’egida della Fondazione Gates. Col senno di poi, mi ha preoccupato allora, e mi preoccupa ancora di più ora che vediamo quello che è successo con il vaccino Gardasil, e potenzialmente con altri vaccini più recenti».

 

Fast forward ai nostri giorni, l’era della siringa mRNA.

 

Questo sito vi ha parlato dal primo momento dei dubbi su vaccino e fertilità femminile, cosa per cui siamo stati immediatamente fact-checkati ed esposti al pubblico ludibrio persino in siti dell’Università. Ora non sono solo conosciute, e ammesse, le alterazioni al ciclo. Da qualche giorno è divenuto chiaro come l’infertilità da vaccino COVID possa colpire gli uomini.

 

Come siamo arrivati fin qui?

 

Questo sito vi ha parlato del programma di Gates, tra cene con ultramiliardari (Soros, gli immancabili Rockefeller) e finanziamenti-monstre a Planned Parenthood, dipanato nei decenni.

 

L’uomo che parlava solo di sovrappopolazione (con un padre che serviva nel board della multinazionale dell’aborto) improvvisamente si mette a parlare di vaccini…

 

Ora dovrebbe esservi un po’ più chiaro il disegno infernale dietro a tutto questo.

 

È oscuro, è pazzesco, è – come dice il titolo del film – diabolico.

 

Soprattutto, è un piano che stiamo subendo tutti, in cui siamo dentro fino al collo.

 

Il dottor Karanja presumeva che sarebbero passati dall’Africa all’Europa. Ebbene, lo hanno fatto, devastando il vecchio continente più di quanto non abbiano fatto con le donne africane.

 

Non manca molto alla rivelazione. Sarà mostruoso. E si è svolto tutto sotto i nostri occhi.

 

Lo diciamo nella tristezza e nella speranza: per alcuni di noi, per chi ha capito per tempo, per chi ha saputo ascoltare, riflettere, soffrire, mantenere il sangue puro, non è troppo tardi.

 

Questo, credetici, è già tantissimo. È tutto.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

 

Immagine screenshot dal film

 

 

Continua a leggere

Più popolari