Connettiti con Renovato 21

IVF

Adottato bambino con tre madri

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Un tribunale della Nuova Zelanda ha approvato l’adozione di un ragazzo di nome Kaspar che ha tre madri. La prima è la genitrice committente, una donna che non può avere figli. La seconda è la madre surrogata. Il terzo è una donatrice di ovociti anonimo.

 

«Sempre più, questo modo di nascere sta diventando comune», ha detto il giudice del tribunale della famiglia Alayne Wills concedendo l’ordine di adozione. «Non sarà insolito per Kaspar, all’età di 12 anni, essere uno dei tanti bambini nella stessa situazione». L’ordine di adozione è stato emesso quando Kaspar aveva 14 mesi.

 

La decisione risale al 2021 ma è stata appena pubblicata su un sito del tribunale con nomi fittizi.

 

L’ordine di adozione è stato richiesto da Giselle e Jon Meyer, che hanno portato Kaspar a casa dall’ospedale quando aveva quattro giorni.

 

Jon Meyer è il padre biologico. Un’amica, Abigail Lint, si è offerta come madre surrogata. «Questo è un regalo fatto da lei ai genitori», disse il giudice Wills. L’ovulo del donatore è stato donato da Esme.

 

Il giudice Wills ha affermato che non conoscere la sua madre biologica «probabilmente non era l’ideale» per Kaspar, ma tale questione non poteva essere affrontata senza il consenso di Esme. «Non conosce altri genitori e sta progredendo assolutamente come dovrebbe essere», ha detto il giudice.

 

Secondo la normativa vigente, una madre surrogata e il suo partner, se ne ha uno, sono i genitori legali di un bambino. Ai sensi dell’Adoption Act 1955, gli aspiranti genitori devono adottare legalmente il bambino prima di essere registrati come genitori.

 

L’anno scorso, il governo della Nuova Zelanda ha stimato che circa 50 bambini ogni anno nascono attraverso un accordo di maternità surrogata.

 

 

Michael Cook

 

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

IVF

I bambini in provetta incrementati del 30% in dieci anni. E quanto sono aumentate le chimere umane?

Pubblicato

il

Da

Curioso paradosso: in Italia, Paese che soffre di un calo di nascite considerevole, un numero crescente di bambini viene al mondo grazie alla riproduzione artificiale. Si nasce sempre meno, ma sempre più spesso se si proviene dalla provetta.

 

Secondo uno studio condotto da un gruppo italiano e presentato al 40° congresso della Società Europea di Medicina della Riproduzione ed Embriologia (ESHRE) ad Amsterdam, dal 2010 al 2020, la percentuale è aumentata dal 32% al 42%, con un incremento di circa il 30%. Tra le donne sotto i 38 anni, queste cifre raggiungono addirittura il 70-80%.

 

La ricerca ha analizzato i dati di 6.600 coppie sottoposte a PMA (procreazione medicalmente assistita, cioè riproduzione artificiale) presso un centro di Roma, suddivise in 11 gruppi a seconda dell’anno del primo trattamento (dal 2010 al 2020). Questi gruppi sono stati confrontati per verificare la nascita di un bambino entro 3 anni, l’incidenza di aborti spontanei e parti gemellari, e la prevalenza di parti singoli con più di 2 bambini entro 6 anni.

Iscriviti al canale Telegram

La stimolazione ormonale è stata effettuata con protocolli differenti, e tutti i pazienti sono stati sottoposti a ICSI (cioè l’inseminazione intracitoplasmatica, che prevede l’inserimento di un singolo spermatozoo nell’ovocita maturo). Gli ovociti freschi (si dice così, come per le uova e la verdura) sono stati coltivati fino al secondo-terzo giorno di sviluppo o fino allo stadio di blastocisti (5-7 giorni), con trasferimenti a fresco o dopo il congelamento di tutti gli embrioni (freeze-all), non testati con PGT (un test per analizzare il DNA embrionale e determinare anomalie genetiche) o testati e risultati «cromosomicamente sani» (sic), e trasferimenti di embrioni singoli o multipli.

 

«Nel corso degli ultimi 10 anni, il periodo di tempo che abbiamo preso in considerazione per questo studio» spiega il ginecologo romano primo autore del paper. «l’implementazione e la crescente adozione di questi approcci hanno migliorato i risultati della fecondazione in vitro. L’indicatore principale del successo della fecondazione in vitro è il tasso cumulativo di bambini nati, ma ci sono altri risultati da considerare per una valutazione più approfondita dell’efficacia e dell’efficienza del trattamento, compreso il tempo necessario per arrivare ad avere un bambino, il tasso di aborto spontaneo e la prevalenza di gravidanze gemellari».

 

«Inoltre, la coppia dovrebbe essere sempre messa nelle migliori condizioni per pensare a un progetto di family planning, puntando ad avere più di un bambino, quando possibile(…) I progressi clinici e di laboratorio – hanno migliorato l’efficacia e l’efficienza della fecondazione in vitro nel tempo, soddisfacendo anche il desiderio di pianificazione familiare». Insomma, i bambini sintetici aumentano, così come la cultura della genitorialità pianificata, che in inglese si dice Planned Paranthood, e ci chiediamo dove abbiamo già sentito questa espressione.

 

L’agenzia Adnkronos, che scrive del documento presentato, riporta che il risultato sarebbe stato ottenuto grazie a cinque strategie che avrebbero incrementato i tassi di successo della PMA nell’arco di dieci anni.

 

Il catalogo è, per chi avversa la produzione di esseri umani in laboratorio come pratica antiumana ed apocalittica, impressionante.

 

«Le cinque strategie vincenti sono le terapie ormonali personalizzate e mai uguali da donna a donna, mirate a ridurre rischio di complicanze, come l’iperstimolazione ovarica, senza però compromettere il risultato» riporta l’agenzia, e bisogna ringraziare perché almeno qui si ricorda che ci possono essere tremende complicanze nei procedimenti riprogenetici – abbiamo ricordato, su Renovatio 21, casi di «sindrome da iperstimolazione ovarica» anche mortali.

 

Si aggiunge quindi «la coltura a blastocisti, cioè portare gli embrioni prodotti in laboratorio al quinto-settimo giorno di sviluppo, lo stadio più adatto a facilitare poi l’impianto in utero», e «l’approccio freeze-all, cioè la scelta di congelare i gameti e gli embrioni prima di procedere con il trasferimento, in modo da avere tempo per ottimizzare le condizioni dell’utero materno»: in pratica, la vita passa giocoforza per l’azoto liquido, dove sappiamo che l’embrione potrebbe poi essere parcheggiato indefinitamente.

 

Ancora, ci parlano della strategia del «test genetico pre-impianto che consente di conoscere lo stato di salute degli embrioni prima del transfer»: qui forse è possibile parlare di eugenetica al microscopio? Stanno dicendo, in pratica, che gli embrioni non in salute non vengono impiantati? A quanto pare, davvero pochi, anche nell’ambiente, hanno sentito parlare del fenomeno degli «embrioni a mosaico»: embrioni da scartare perché ritenuti dagli «esperti» non sani, ma che poi, impiantati, si sono trasformati in bambini perfettamente sani. Sì, con grande sorpresa degli scienziati, la vita sa come ripararsi…

 

Non siamo nemmeno sicuri che la selezione pre-impianto sia in linea con la legge (che consideriamo comunque sbagliata, iniqua) 40/2004, tuttavia non rileva: la legge è stata demolita pezzo per pezzo a suon di sentenze di ogni grado, e noi abbiamo l’idea che essa fosse stata scritta proprio con questo intento, lasciando all’interno del testo bombe ad orologeria che l’avrebbero tirata giù in toto: si trattava, per i vescovi e per i loro galoppini democristiani, da scrivere una legge che funzionasse come «resistenza simbolica» all’arrivo del bambino artificiale cattolicamente accettabile, cosa di cui ora la Pontificia Accademia Pontificia per la Vita retta da monsignor Paglia tratta sempre più apertis verbis.

 

Come dire: il 20 settembre 11870, a Porta Pia, il papa mandò qualche soldato a resistere simbolicamente; oggi, con leggi fallite, i prelati hanno messo in scena un teatrino per far finta di opporsi alla breccia da cui non entrano i garibaldini, ma gli umanoidi.

 

Ricordiamo, en passant, un numero: secondo l’Associazione Italiana Ginecologi Ostetrici Cattolici (AIGOC), nel solo 2018 – sei anni fa… – la fecondazione in provetta ha ucciso 171.730 embrioni italiani nel corso di un solo anno. Vale a dire, più bambini morti che con l’aborto di Stato della 194/78. Immaginiamo, nel 2024, quanto questa cifra sia aumentata. E quindi, di quanti embrioni scartati ed eliminati eugeneticamente, di quanti esseri terminati, stiamo parlando? Di un milione? Due? Tre milioni? Ribadiamolo, sì: sono sempre numeri da bomba atomica.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Ma torniamo al documento sulle «strategie» per accrescere il numero di bambini sintetici circolanti in Italia. Apprendiamo che si fa uso anche «della recente adozione dell’approccio multiciclo, cioè la sensibilizzazione della coppia a “non mollare” (…) e a considerare la PMA come un percorso, le cui potenzialità spesso non si concretizzano in un solo tentativo ma, in media, in almeno tre».

 

Che vuol dire: tante punture per la donna, ma soprattutto tanti embrioni che vengono prodotti e scartati. Se una donna si sottopone e tre cicli significa che non solo ha fatto eliminare dagli scienziati quantità di figli prodotti in laboratorio, ma che è passata per la morte anche di vari di loro che, dopo essere stati selezionati eugeneticamente, si sono ritrovati nell’utero ma, come si dice in gergo, non hanno «attecchito».

 

A questo punto, visto che siamo su Renovatio 21, ricordiamo quale può essere il destino di embrioni multipli impiantati nella donna e «attecchiti»: possono finire con il creare quello che si chiama «chimera umana».

 

Ma che cosa è una «chimera umana»?

 

In biologia, una chimera è un organismo o una creatura che presenta due o più popolazioni di cellule geneticamente diverse, ciascuna originata da zigoti differenti. Queste popolazioni cellulari geneticamente distinte di fatto coesistono all’interno dell’organismo

 

Le chimere umane, ovvero individui derivati dalla combinazione di due embrioni, costituiscono una realtà riconosciuta da un numero significativo di anni, benché questa realtà sia spesso ignorata nonostante il notevole incremento dei casi, come riportato da alcuni professionisti medici.

 

Le persone chimeriche, le quali presentano due diversi set di DNA in quanto risultato della fusione di due esseri distinti, effettivamente mostrano disfunzioni che emergono col tempo: il «fratello» che è stato assorbito continua a crescere all’interno del corpo del gemello ospite più sviluppato. È possibile che tessuti come capelli, muscoli e persino occhi si trovino all’interno del corpo di un individuo chimera.

 

In altre situazioni, l’embrione assorbito si sviluppa in modo «coordinato» con l’altro gemello, diventando un organo specifico all’interno del corpo dell’embrione dominante.

 

Il chimerismo ha già giocato brutti scherzi in giro per il mondo.

 

Sono stati riportati casi in cui individui hanno avuto figli, ma non hanno trasmesso il loro proprio DNA ai loro discendenti, poiché gli organi genitali, sia maschili che femminili, erano in realtà derivati dai gemelli assorbiti durante la fase embrionale. Di conseguenza, la loro prole è geneticamente figlia dei fratelli che non hanno mai conosciuto e dei quali non erano nemmeno a conoscenza, ma che esistono nella realtà della genetica: è da capogiro, a pensarci, ma è così.

 

In America, dove i test genetici sono arrivati al consumatore, saltano fuori casi sempre più allucinanti. I servizi sociali tolgono i bambini ad una donna, che viene arrestata dalla polizia dopo un test del DNA: i figli non sono suoi, li ha rapiti – invece li ha partoriti lei, solo che i suoi organi riproduttivi erano in realtà della sorella che condivideva con lei il grembo materno, e che si è fusa con la donna, che quindi, da figlia unica, ha una sorella, ma non la ha mai vista, perché è dentro di lei, ma al contempo è la vera madre dei suoi figli (sì, gira la testa). Prima di risolvere legalmente questo problema, la signora ne ha passate di ogni tipo.

 

Stesso caso per un uomo che si è sentito dire di non essere il padre dei suoi figli, in quanto il vero padre, dissero i medici, era secondo i risultati del DNA un parente stretto, un fratello (vicenda di corna abbastanza classica). E invece, l’uomo era figlio unico – suo fratellino si era sistemato, molto prima di nascere, come organo genitale del fratellone, e ha continuato così, generando così dei figli con la cognata.

 

L’aberrazione biologica qui fa il paio con quella sociale, perché le ramificazioni di distruzione della società, della famiglia, del concetto stesso di identità individuale sono abissali.

Aiuta Renovatio 21

Ora, non può non esserci un aumento dei casi di chimere umane visto l’incremento degli impianti multipli previsti nei procedimenti di riproduzione assistita. Nella PMA, i medici inseriscono nella donna più embrioni con la speranza che almeno uno di essi si sviluppi con successo. Questa pratica può portare non solo a parti gemellari e plurigemellari (che sono, come visibile, tipici della riproduzione artificiale), ma anche, in alcuni casi non sempre riconosciuti, a fenomeni di chimerismo umano.

 

Non ci è chiaro se vi siano studi specifici sull’aumento delle chimere in Italia. Abbiamo sentito in questi anni, tuttavia, racconti aneddotici di operatori sanitari, che ci dicono che negli ospedali continuano a capire casi del genere.

 

Dietro ai paper trionfalistici, e i relativi articoloni sulla stampa, può nascondersi una realtà che è possibile definire, alla lettera, mostruosa.

 

Tornate al pensiero iniziale: sempre meno figli, ma sempre più bambini in provetta. Come non cogliere il messaggio di fondo: il mondo moderno preferisce il bambino programmato, pianificato, artificiale. Il futuro eugenetico della nostra società sta tutto qui.

 

Davvero, dopo aver visto l’apartheid biotica e il green pass, credete che vi lasceranno generare liberamente figli, nel numero che volete, facendo decidere alla natura invece che allo Stato riprogenetico e ai suoi volenterosi gineco-Frankenstein «esperti di fertilità», e le coppie che ora, grazie alla Lorenzin che ha messo la provetta nei LEA, possono cercare di prodursi la prole in laboratorio a spese del contribuente.

 

Passano, previa strage massiva di embrioni, dalla chimera di un figlio al figlio-chimera.

 

Come non vedere che l’Italia si sta trasformando ogni giorno di più in una terra di mostri?

 

Roberto Dal Bosco

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

 

 

Continua a leggere

IVF

I protestanti Southern Baptist USA denunciano formalmente la fecondazione in vitro come contraria alla vita e al matrimonio

Pubblicato

il

Da

Questa settimana la Southern Baptist Convention, una delle più grandi congregazioni protestanti americana, ha votato contro la fecondazione in vitro (IVF), chiedendo al «governo di frenare» il settore.   Il gruppo battista ha condannato la fecondazione in vitro sia a causa della distruzione su vasta scala di vite umane implicata nel processo, sia perché separa la procreazione dall’unione coniugale dei coniugi nel matrimonio, riporta LifeSite.   Con più di 13 milioni di membri negli Stati Uniti, la condanna della fecondazione in vitro da parte della Southern Baptist Church potrebbe avere un effetto di pressione significativa sui politici affinché limitino o eliminino del tutto l’industria della produzione di bambini che uccide milioni di bambini nel nome della «produzione» di esseri umani con mezzi artificiali.

Iscriviti al canale Telegram

La denominazione protestante sostiene fermamente che la personalità inizia al momento del concepimento. Con una coerenza che è mancata ai repubblicani dichiaratamente «pro-vita», i battisti del sud hanno dichiarato, dopo la sentenza della corte dell’Alabama contro la fecondazione in vitro, di essere «contrari alla distruzione volontaria o addirittura alla donazione per la sperimentazione scientifica di embrioni umani non impiantati in modo arbitrario» creato nel tipico processo di IVF.   In un comunicato stampa del 21 maggio, la Baptist Press ha condannato la fecondazione in vitro sia per motivi pro-vita, data la distruzione di embrioni umani che avviene anche quando un embrione è stato impiantato con successo, sia perché la pratica separa la procreazione dall’unione sessuale dei coniugi in il matrimonio, ordinato da Dio come modo proprio e unico morale di generare figli.   La denominazione protestante ha inoltre sostenuto che la pratica della IVF mercifica i bambini in un modo contrario alla loro dignità umana.   «A un livello molto elementare, il modo in cui viene condotta abitualmente la fecondazione in vitro, che include la fecondazione eccessiva di ovuli senza un piano chiaro per l’impianto, il congelamento degli embrioni rimanenti e persino la distruzione di questi embrioni umani una volta che una coppia ha è riuscita a rimanere incinta o non desidera più mantenerla, è estremamente problematico» ha scritto la Baptist Press.« È nella giurisdizione dello Stato promuovere il bene delle famiglie e frenare il male di trattare questi esseri umani come sacrificabili o semplicemente come un mezzo per raggiungere un fine».   Paragonando la distruzione volontaria degli embrioni fecondati all’aborto, la Baptist Press ha continuato sostenendo che «la riduzione selettiva degli embrioni basata sulle possibilità di impianto o di gravidanza fino a termine viola chiaramente la dignità umana e la guida della Scrittura. Anche se non avviene necessariamente nel grembo materno, la distruzione volontaria degli embrioni fecondati condotta nella pratica tipica della fecondazione in vitro non è teologicamente diversa dalle procedure di aborto».   Considerando la fecondazione in vitro ulteriormente in relazione al matrimonio e al modo in cui l’unione sessuale dei coniugi è ordinata verso la procreazione di figli secondo il piano di Dio sulla famiglia, il gruppo dei battisti del Sud ha sostenuto che la IVF «recide» ciò in cui Dio intende essere uniti «il patto matrimoniale».   Lodando il divieto cattolico sulla pratica della contraccezione per mantenere «unificazione tra atto sessuale e procreazione», la Chiesa protestante ha insistito sul fatto che è «teologicamente problematico separare la procreazione dall’unione sessuale dell’uomo e della donna nel patto matrimoniale».   «I cristiani dovrebbero anche valutare se la pratica stessa viola determinati principi teologici. Vale a dire, la questione di separare la procreazione dall’unione sessuale, e la questione antropologica di “fare” i figli come merci piuttosto che “generarli” come doni di Dio» scrive il comunicato della grande organizzazione battista.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

«I cristiani devono prendere sul serio l’orientamento teleologico e biologico della sessualità e della riproduzione. Sebbene la procreazione non sia l’unico bene dell’unione sessuale (tra cui potremmo includere l’intimità, la compagnia, il ripristino relazionale, il piacere, etc.), è chiaro che l’unione sessuale di un uomo e di una donna è teleologicamente orientata alla procreazione».   «Quando Dio comandò ad Adamo ed Eva di essere fecondi e di moltiplicarsi, quel comando comportava la possibilità che potesse realizzarsi, cioè attraverso l’unione sessuale della coppia. Le denominazioni protestanti sono state tipicamente meno inclini di quelle cattoliche a mantenere atto sessuale e procreazione necessariamente unificati».   «È teologicamente problematico separare la procreazione dall’unione sessuale dell’uomo e della donna nel patto matrimoniale».   Mettendo in guardia contro una mentalità che denigra l’umanità e la dignità intrinseca di ogni bambino, i Southern Baptist denunciano il «trattamento dei bambini come meri beni usa e getta» come conseguenza naturale del «trattarli come prodotti da fabbricare» che è alla base della pratica della IVF.   «Una discussione sul processo di fecondazione in vitro crea un nuovo modo di pensare ai bambini delle generazioni precedenti. Il termine “bambino in provetta” riflette questa nuova realtà in quanto il bambino non è stato creato dall’unione sessuale di madre e padre ma da componenti biologici messi insieme in un laboratorio».   «Il trattamento dei bambini come meri beni usa e getta, possibile solo in un contesto in cui sono già svalutati, è un risultato naturale di un processo iniziato con il trattarli come prodotti da fabbricare piuttosto che come persone da generare».   È stato stimato che più di un milione di embrioni vengono congelati negli Stati Uniti dopo la fecondazione in vitro e che ben il 93% di tutti gli embrioni creati attraverso la IVF alla fine vengono distrutti.   La Chiesa cattolica insegna, basandosi sul diritto naturale, che la fecondazione in vitro è gravemente immorale perché separa l’atto sessuale dalla procreazione e viola il diritto del bambino a nascere da un’unione coniugale.

Sostieni Renovatio 21

Il New York Times ha notato che, nonostante il documento di condanna della IVF, i medesimi soggetti hanno votato per respingere un attacco alle congregazioni in cui le donne rivestono ruoli pastorali. L’emendamento respinto avrebbe aggiunto un testo alla costituzione della denominazione affermando che «solo gli uomini» potrebbero essere affermati o impiegati «come qualsiasi tipo di pastore o anziano qualificato dalla Scrittura». Il linguaggio dell’emendamento riecheggia la dichiarazione di fede dei battisti del Sud, ma gli oppositori hanno avvertito che non era necessario e rischiava di alienare e punire le chiese che ampiamente si allineano con i valori del gruppo.   Come riportato da Renovatio 21, il mondo della fecondazione in vitro tutto – e non solo quello – è stato scosso dalla sentenza della Corte Suprema dell’Alabama che considera gli embrioni congelati come bambini.   Si tratta di una sentenza rivoluzionaria che minaccia di cambiare lo status quo dell’industria riproduttiva e non solo, considerando che, solo in America, gli embrioni sotto azoto liquido potrebbero essere milioni.   Nello Stato USA, per precauzionemolte cliniche IVF hanno chiuso i battenti. Alcuni hanno preso a «smaltire» gli embrioni congelati.   Come riportato da Renovatio 21, il mese scorso è emerso che una perdita di embrioni ha fatto chiudere anche una clinica per la fertilità di Londra.   Il mercato mondiale della fecondazione in vitro vale oggi qualcosa come 25 miliardi di dollari. La candidata vicepresidente di Robert F. Kennedy jr., la sinoamericana Nicole Shanahan, è una veemente oppositrice della IVF, per motivi tuttavia non legati a principi filosofico-teologici ma alla salute delle donne.   Un disegno di legge a sostegno dell’industria dell’IVF era stato avanzato al Congresso USA, facendo sortire il dissenso della Conferenza Episcopale Statunitense.   La IVF ha una storia oscura, un presente problematico e prospettive sociali allarmanti (ad esempio il pericolo di incesto fra figli nati da medesimi prolifici donatori).   Tuttavia, alla pratica di produzione artificiale di esseri umani in laboratorio non manca l’appoggio di potenti enti transnazionali che mirano a ridefinire la famiglia come intesa nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo ONU.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di Grace Baptist Church Knoxville via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International
Continua a leggere

IVF

Ecco il bambino surrogato da un milione di dollari

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

Rabbrividisco di vergogna mentre scrivo questo, ma prima di leggere la sua intervista sulla rivista People, non avevo mai sentito parlare di Adrienne Bailon-Houghton. Ecco, l’ho detto. Me lo sono tolto dal petto. Al lavoro.

 

La signora Bailon è un’attrice, cantante, personaggio televisivo e imprenditrice americana di 40 anni. Recentemente ha sposato il musicista Israel Houghton, cantante, cantautore, produttore e leader cristiano ed è diventata matrigna dei suoi sei figli avuti da tre precedenti relazioni. Comprensibilmente voleva un figlio tutto suo.

 

Ci provava da sei anni. Non si rendeva conto che sarebbe stato così difficile. «Penso che come pubblico dovremmo essere sensibili al fatto che non tutte rimangono incinte subito», ha detto in uno show televisivo. «Penso che per quanto mi riguarda pensavo che sarebbe successo così facilmente per me e semplicemente non è successo in questo modo».

 

Ha effettuato otto cicli di fecondazione in vitro e innumerevoli tentativi di inseminazione artificiale.

 

Finalmente, 20 mesi fa, è arrivato un ragazzo, Adam. Con l’aiuto di un «angelo della surrogazione», cioè.

 

Quanto è costato il tutto? A nord di 1 milione di dollari.

 

«E questo non è realistico per la persona media. E lo riconosco», ha detto la signora Bailon a People.

 

Ma, dice, «Vale ogni lacrima, ogni delusione, ogni preghiera ritardata, ogni ciclo di fecondazione in vitro, ogni aborto spontaneo. Qualunque cosa».

 

Chi era la surrogata? Non lo sappiamo. Quanto è stata pagata? Non lo sappiamo. Avrà un ruolo nella vita di Adam? Quasi certamente no.

 

Michael Cook

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Continua a leggere

Più popolari