Vaccino C-19, Johnson & Johnson sospende le sperimentazioni dopo una «malattia inspiegabile»

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

 

Johnson & Johnson ha temporaneamente sospeso gli studi clinici di Fase 3 del suo vaccino COVID-19 lunedì dopo che un partecipante ha sperimentato quella che la società ha definito «una malattia inspiegabile».

 

Johnson & Johnson ha temporaneamente sospeso gli studi clinici sul suo vaccino COVID-19 dopo che un partecipante ha sperimentato quella che la società ha definito «una malattia inspiegabile»

Il produttore multinazionale di beni di consumo confezionati, dispositivi medici e prodotti farmaceutici ha rifiutato di fornire dettagli sulla reazione o sulla malattia, lasciando all’oscuro il pubblico e migliaia di altri partecipanti alla sperimentazione.

 

In un comunicato stampa , la società ha affermato che la sua decisione di nascondere i dettagli è stata presa per rispetto della privacy del partecipante al processo. Ma la società ha anche affermato che la malattia «potrebbe essere correlata a un vaccino».

 

Secondo le linee guida degli studi clinici di Johnson & Johnson , gli studi vengono sospesi solo se i partecipanti sperimentano un evento avverso correlato al vaccino. Lo studio di fase 3 è iniziato il 23 settembre con i ricercatori che intendono arruolare 60.000 partecipanti negli Stati Uniti e in altri paesi.

 

La società ha affermato che la malattia «potrebbe essere correlata a un vaccino»

Inoltre, lo studio Johnson & Johnson utilizza una soluzione di cloruro di sodio (soluzione salina) come placebo. Le iniezioni saline, considerate innocue dalla comunità scientifica , sono ampiamente accettate come un valido controllo del placebo negli studi sui vaccini.

 

A settembre, il direttore del National Institutes for Health, Francis Collins, ha detto ai giornalisti che i test sui vaccini che si svolgono come parte dell’«Operazione Warp Speed» sono più ampi e rigorosi che mai.

 

Tuttavia, lo studio Johnson & Johnson non include alcuna donna incinta, il che rende impossibile sapere se il vaccino sviluppato dall’azienda potrebbe danneggiare loro oi loro figli. Tutte le partecipanti alla sperimentazione di sesso femminile «potenzialmente fertili» sono tenute a praticare “un metodo contraccettivo efficace accettabile” fino a tre mesi dopo aver ricevuto il vaccino sperimentale.

Lo studio Johnson & Johnson non include alcuna donna incinta, il che rende impossibile sapere se il vaccino sviluppato dall’azienda potrebbe danneggiare loro oi loro figli

 

Il Data and Safety Monitoring Board , composto da un gruppo di scienziati e biostatistici le cui identità non sono note pubblicamente, indagherà e deciderà se le sperimentazioni Johnson & Johnson possono continuare o meno.

 

Il governo degli Stati Uniti ha già un accordo con Johnson & Johnson per acquistare 100 milioni di dosi del suo vaccino sperimentale per 1 miliardo di dollari.

 

Questa non è la prima volta nella storia recente che Johnson & Johnson ha dovuto affrontare il controllo pubblico riguardo alla sicurezza dei suoi prodotti.

 

Il governo degli Stati Uniti ha già un accordo con Johnson & Johnson per acquistare 100 milioni di dosi del suo vaccino sperimentale per 1 miliardo di dollari.

Nel luglio 2018, una giuria di St. Louis ha assegnato quasi $ 4,7 miliardi di danni a 22 donne e alle loro famiglie che hanno affermato che l’amianto cancerogeno contenuto nel borotalco Johnson & Johnson ha causato il cancro alle ovaie. All’inizio di questo mese, Johnson & Johnson ha accettato di pagare più di $ 100 milioni per risolvere più di 1.000 cause legali che incolpavano il suo borotalco per aver causato il cancro.

 

Ma la società non dovrà affrontare un destino simile se immetterà sul mercato un vaccino COVID-19 che successivamente si scoprirà causare malattie o lesioni. Questo perché nel marzo 2020, il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti ha emesso una dichiarazione ai sensi del Public Readiness and Emergency Preparedness Act o PREP Act che fornisce immunità «contro qualsiasi richiesta di perdita causata da, derivante da, relativa o derivante da la produzione, distribuzione, somministrazione o uso di contromisure mediche», compresi i vaccini.

 

La dichiarazione indennizza Johnson & Johnson e altri produttori di vaccini dalle azioni legali, indipendentemente dal fatto che i loro nuovi vaccini producano effetti dannosi.

 Public Readiness and Emergency Preparedness Act (PREP Act) del marzo 2020  indennizza Johnson & Johnson e altri produttori di vaccini dalle azioni legali, indipendentemente dal fatto che i loro nuovi vaccini producano effetti dannosi.

 

Johnson & Johnson è il terzo partecipante di  «Operation Warp Speed» a segnalare possibili reazioni avverse. A maggio, il vaccino di Moderna ha dimostrato di avere un tasso di lesioni «gravi» del 20% nel suo gruppo ad alto dosaggio – un partecipante al processo Moderna ha dichiarato di essere diventato «malato come mai nella vita» dopo aver fatto il vaccino.

 

A settembre, AstraZeneca ha sospeso la sperimentazione sul vaccino dopo che un partecipante ha sofferto di sintomi compatibili con la mielite trasversa, un disturbo neurologico che può provocare debolezza degli arti, problemi di svuotamento della vescica e paralisi.

 

Da allora AstraZeneca ha ripreso gli studi clinici nel Regno Unito, Brasile, India e Sud Africa. Ma i processi rimangono in sospeso negli Stati Uniti.

 

 

Jeremy Loffredo 

 

 

 

© 14 ottobre 2020, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.