Vaccini e allergia alle noccioline: quale correlazione?

 

 

 

 

Perché l’allergia alle arachidi è un’epidemia che interessare solo culture occidentali? Oltre quattro milioni di persone negli Stati Uniti sono affette da allergie alle arachidi, mentre in India sono pochi i casi segnalati, un paese in cui l’arachide è l’ingrediente principale di molti alimenti per l’infanzia. Da dove proviene questa allergia, e la medicina gioca qualche ruolo nel fenomeno? Dopo che la sua bambina ebbe una reazione anafilattica al burro di arachidi, la storica Heather Fraser decise di dare delle risposte a queste domande.

 

 

 

Nel 2012, ben il 2,3% dei bambini canadesi sotto i 18 anni e il 2% e il 3% dei bambini negli Stati Uniti, Regno Unito e Australia erano allergici alle arachidi. . E poiché i bambini nati durante la prima ondata dell’epidemia nei primi anni ’90 sono invecchiati, la statistica degli adulti con allergia alle arachidi sta aumentando. Nel 2008, circa l’1% della popolazione statunitense era allergico a questo alimento, circa 3 milioni di persone. Quattro anni dopo, nel 2012, tale numero è salito a circa 4 milioni di persone vivendo con un’allergia alle arachidi che minaccia la vita.

Nel 2012, ben il 2,3% dei bambini canadesi sotto i 18 anni e il 2% e il 3% dei bambini negli Stati Uniti,  Regno Unito e Australia erano allergici alle arachidi

 

L’allergia alle arachidi è iniziata come un fenomeno che colpisce in larga misura i bambini che vivono nei paesi occidentali, negli Stati Uniti, in Canada, in Australia e nel Regno Unito. L’allarme suonò per gli americani quando tra il 1997 e il 2002 il numero di bambini allergici alle arachidi raddoppiarono e poi triplicarono raggiungendo un sorprendente milione nel 2008. Nel 2010 uno studio mise quel numero al 2%, altri 500.000 bambini in soli due anni. Con lo svolgersi di questo libro, sarà evidente che esiste un modello nel modo in cui è emersa l’allergia alle arachidi nei paesi occidentali e non occidentali: i livelli epidemici di allergia alle arachidi nei bambini sono ora documentati anche nella Cina continentale, a Hong Kong, Singapore, Israele e parti dell’Africa.

 

Mentre i numeri esatti sono una questione di dibattito, è chiaro attraverso statistiche, indagini scientifiche e semplici prove aneddotiche (il ritornello parentale “nessuno aveva un’allergia alle arachidi quando ero a scuola”) che la prevalenza dell’allergia tra i bambini è aumentata ad un ritmo allarmante.1 Questo sviluppo ha alterato il tessuto delle società ora costrette ad accogliere allergie potenzialmente letali ai cibi comuni.

La prevalenza dell’allergia tra i bambini è aumentata ad un ritmo allarmante

 

Le famiglie con bambini allergici alle arachidi (o altri alimenti allergenici di qualità superiore, noci, pesce, crostacei, frumento, soia, latticini, uova)2 vivono in uno stato di tensione costante. Se queste famiglie mangiano nei ristoranti, lo fanno con estrema cautela. Non conoscendo la gravità dell’allergia, i genitori sono attenti alle macchie di burro di arachidi lasciate sui tavoli o sulle maniglie del carrello della spesa. Tracce sulla pelle o sulle labbra o persino il profumo del cibo potrebbero scatenare una reazione. I genitori, il bambino, gli educatori e gli insegnanti hanno paura.

 

I bambini sono segregati nelle mense scolastiche, ai tavoli designati o lasciati fuori dal gioco perché gli amici hanno il burro di arachidi in casa. Ogni scuola ora affronta la questione dell’arachide, sia che proibisca i panini con burro di arachidi e come istruire il personale e gli studenti sulla natura mortale di questo alimento infantile onnipresente.

I bambini sono segregati nelle mense scolastiche, ai tavoli designati o lasciati fuori dal gioco perché gli amici hanno il burro di arachidi in cas

 

La consapevolezza pubblica sugli arachidi e altre gravi allergie alimentari ha avuto un impatto sui sistemi educativi e sulle norme sociali, ha provocato riforme legali e fatto miliardi di dollari per coloro che operano nel settore delle allergie alimentari. L’infrastruttura di questa industria consiste di molti gruppi di sovrapposizione di consapevolezza alle allergie, associazioni internazionali di allergia, ricercatori medici, ditte farmaceutiche, medici allergologi, produttori di cibo “free from” e dai controllori di governo, che sostengono o sono sostenuti dalle legioni crescenti di bambini allergici agli alimenti.

 

L’inerzia inerente di questo leviatano industrioso, tuttavia, ha spinto le questioni salienti in secondo piano: come si è sviluppata l’epidemia di allergia alle arachidi e perché continua?

 

È difficile accettare lo sbalorditivo aumento delle allergie alle arachidi nei bambini negli ultimi vent’anni come una coincidenza o come un caso genetico. La sfida per ogni professionista medico interessato è stata quella di scoprire il meccanismo pratico e preciso di sensibilizzazione comune di questi bambini – come sono diventati sensibili agli arachidi in primo luogo? E mentre ci sono un numero limitato di modi provati di “come” rendere qualcuno anafilattico – ingestione, inalazione, attraverso la pelle, iniezione – nessuna ipotesi di sensibilizzazione di massa ha ancora collegato nessuno di questi meccanismi funzionali a tutte le caratteristiche specifiche dell’epidemica allergia agli arachidi.

 

I ricercatori hanno preso in considerazione le creme per la pelle che contengono olio di arachidi, consumo di arachidi, carico parassitario e altro senza spiegare in modo soddisfacente perché c’è stata un aumento dell’allergia nei bambini. Perché le noccioline? Perché è successo così all’improvviso, e perché solo in alcuni paesi, la maggior parte di loro è occidentale?

Perché le noccioline? Perché è successo così all’improvviso, e perché solo in alcuni paesi, la maggior parte di loro è occidentale?

 

I fattori di rischio per lo sviluppo dell’allergia sono stati esplorati senza conclusione. Questi includono i seguenti: età materna, modalità di consegna, livelli di flora intestinale, ereditarietà e persino mese di nascita e stato socioeconomico. Confondere ulteriormente le questioni è un dibattito sul concetto base di allergia: l’allergia è il risultato di una predisposizione genetica casuale, o l’allergia è una difesa immunitaria voluta, innata?

 

Una distinzione importante e chiara deve essere fatta tra sensibilizzare qualcuno agli arachidi e il lancio della reazione allergica. Si ritiene che la sensibilizzazione si verifichi quando una proteina aggira il processo disintossicante del sistema digestivo e si lega con il siero del sangue. Questo induce cellule specifiche del sangue a creare anticorpi che vengono poi programmati per riconoscere la proteina pericolosa – in questo caso, la proteina di arachidi. Il lancio di una reazione allergica, d’altra parte, si verifica quando il corpo viene successivamente esposto alla proteina e gli anticorpi attivano gli attori biochimici nella reazione allergica. La mancanza di una definizione standardizzata di anafilassi ha ostacolato alcuni studi in cui categorie di anafilassi “vera” mediata da anticorpi Ig sono confrontate con anafilassi non Ig. Questo è meno di una preoccupazione per l’allergia alle arachidi, dove il consenso evidente è che è quasi sempre mediata da Ig.

 

Le immunoglobuline epsilon (chiamate IgE) sono sentinelle del corpo. Il compito delle IgE è di pattugliare le mura della fortezza – le mucose – alla ricerca di intrusi della proteina ​​di arachidi. Quando rilevano uno dei tanti epitopi della proteina di arachidi (stringhe di amminoacidi numerati da 1 a 8 e tutti chiamati Ara h dopo Arachis hypogea, in latino per arachide) 3 allertano il corpo, che a sua volta lascia perdere l’esercito – il sistema immunitario del corpo. Una cascata biochimica  che è dannosa e potenzialmente pericolosa. È tipicamente caratterizzato da tosse, mancanza di respiro, prurito della pelle, fuoriuscita sistemica dei vasi sanguigni che causa gonfiore e potenziale asfissia, vomito e diarrea. Nelle reazioni gravi, la pressione sanguigna scende, drenando gli organi vitali e facendo fermare il cuore.

Gli scienziati hanno mostrato che la condizione anafilattica in tutti i mammiferi può avvenire inalando la proteina di arachidi se è combinata con un additivo tossico

 

Gli scienziati hanno mostrato che la condizione anafilattica in tutti i mammiferi può avvenire inalando la proteina di arachidi se è combinata con un additivo tossico. Ad esempio, i medici hanno creato anafilassi in animali da laboratorio che hanno inalato una miscela di arachidi e colera.(4) I batteri tossici agiscono come un adiuvante, un additivo che eccita il sistema immunitario a formare anticorpi. Di conseguenza la tossina e il cibo benigno possano in questo modo unirsi ed essere entrambi ricordati dal sistema immunitario.(5) Ci si domanda quindi sull’idea di un’allergia ai batteri e alle tossine prodotte da loro. L’allergia alle tossine batteriche è stata riconosciuta da molti anni e può provocare infiammazione delle tonsille e delle adenoidi e anafilassi.

 

I ricercatori non hanno esplorato il ruolo degli adiuvanti nella sensibilizzazione alle arachidi. Hanno preferito concentrarsi solo sulle proteine ​​di arachidi, sulla loro allergenicità e sulla loro ingestione come gli elementi più ovvi nella sensibilizzazione. Sembravano pensare che se potessero semplicemente individuare l’esposizione orale iniziale a queste proteine, avrebbero potuto fermare l’epidemia. A tal fine, hanno preso in considerazione i modi in cui sono preparate le arachidi (bollite o arrostite), l’età in cui vengono introdotte nella dieta del bambino, la dieta e il latte materno, e persino l’olio di arachidi usato nelle creme per i capezzoli. Sebbene sia possibile creare la condizione attraverso l’ingestione semplice, è difficile. Un sistema digestivo sano neutralizzerà qualsiasi proteina potenzialmente sensibilizzante.

Uno studio del 2006-2007 affermava che non importava se le madri mangiassero noccioline o no – la stessa percentuale di bambini sviluppava l’allergia

 

In effetti, uno studio del 2006-2007 affermava che non importava se le madri mangiassero noccioline o no – la stessa percentuale di bambini sviluppava l’allergia. Alcuni bambini le cui madri non mangiavano noccioline prima, durante o dopo la gravidanza sviluppavano ancora un’allergia alle arachidi. I bambini che non erano mai stati esposti alle arachidi manifestavano anafilassi al loro primo o secondo assaggio – suggerendo che erano già sensibilizzati o alle proteine ​​di arachidi o alle proteine ​​simili a loro che portavano a reattività crociata. In aggiunta al mistero delle allergie è il fatto che la Svezia, che ha un basso livello di consumo di arachidi, ha una maggiore prevalenza dell’allergia rispetto agli Stati Uniti. Israele, che ha un alto livello di consumo di arachidi, ha una bassa prevalenza di allergia alle noccioline nei bambini ebrei a 0,6% nel 2012 (ma un’alta prevalenza di allergia al sesamo) e un’alta prevalenza di allergia alle arachidi nei bambini arabi (2,6%) vivendo nello stesso paese.

La Svezia, che ha un basso livello di consumo di arachidi, ha una maggiore prevalenza dell’allergia rispetto agli Stati Uniti. Un’altra caratteristica sconcertante dell’epidemia è l’improvvisa comparsa di allergia alle arachidi nei paesi non occidentali come il Ghana, la Cina e Singapore

 

Un’altra caratteristica sconcertante dell’epidemia è l’improvvisa comparsa di allergia alle arachidi nei paesi non occidentali come il Ghana, la Cina e Singapore. È stato suggerito in precedenza da Sampson ed altri nel 2001 che i bambini che vivono in Cina non hanno allergia alle arachidi perché le loro arachidi sono bollite cosa che parzialmente distrugge e riduce le proteine sensibilizzanti delle arachidi. Tuttavia, l’improvvisa e crescente prevalenza di allergia alimentare nei bambini che vivono nella Cina continentale e l’allergia alle arachidi, Hong Kong ribalta questa teoria e approfondisce l’apparente mistero di questa allergia.

 

Oggi migliaia di articoli di ricerca di medici sulla biologia della reazione allergica, osservazioni cliniche e gestione delle allergie sono disponibili in periodici prestigiosi. Da questa quantità di informazioni, i medici hanno sviluppato e tendono a favorire due spiegazioni per l’attuale epidemia di bambini sensibilizzati alle arachidi. Sono l’ipotesi dell’elminto e l’ipotesi dell’igiene.

 

Gli elminti sono vermi che vivono nel tratto intestinale umano. Ha sorpreso i ricercatori negli anni ’80 a scoprire che le persone fortemente infettate dai vermi avevano poche allergie. Uno studio ha confermato che la maggior parte degli indiani venezuelani che vivevano nella foresta pluviale aveva vermi ma nessuna allergia mentre pochissimi dei ricchi venezuelani che vivevano nelle città avevano infezioni da vermi, ma molti avevano allergie.

Ha sorpreso i ricercatori negli anni ’80 a scoprire che le persone fortemente infettate dai vermi avevano poche allergie

 

Da questa osservazione, i ricercatori hanno sviluppato una spiegazione per tutte le allergie: poiché i parassiti e gli umani si sono coevoluti, hanno un’apparente relazione simbiotica in cui i parassiti sopprimono le reazioni allergiche mentre si godono il corpo umano che li ospita. Senza vermi, afferma la teoria, gli esseri umani non sono in grado di raggiungere l’omeostasi. In altre parole, la disfunzione immunitaria si verifica a causa della mancanza di vermi.

 

Come spiegazione per l’allergia alle arachidi, l’ipotesi dell’elminto è inadeguata. Non può spiegare perché ci sia stato un aumento di allergia alle arachidi solo nei bambini. E dato che i paesi occidentali sono stati in gran parte alleggeriti da importanti infezioni da elminti per decenni, non spiega l’improvviso aumento dell’allergia alimentare che ha scioccato i sistemi scolastici nei primi anni ’90.

Un’altra spiegazione comune per l’aumento delle allergie infantili è cresciuta da un’apparente correlazione tra questo aumento e il declino generale delle dimensioni della famiglia

 

Un’altra spiegazione comune per l’aumento delle allergie infantili è cresciuta da un’apparente correlazione tra questo aumento e il declino generale delle dimensioni della famiglia. È stato proposto che il contatto non igienico in famiglie numerose – molti fratelli che portano la malattia a casa da scuola – fosse importante per lo sviluppo di un sistema immunitario sano. L’ipotesi di igiene ampiamente diffusa e propagandata suggerisce che l’eccessiva pulizia, i prodotti che uccidono i germi, l’acqua clorata, gli antibiotici (la vaccinazione è specificamente evitata dai ricercatori) hanno “protetto” i bambini occidentali in modo innaturale. Di conseguenza, il sistema immunitario dei bambini del Primo Mondo, in particolare, è protetto da un carico microbico naturale. Il loro sistema immunitario immaturo è sottostimolato, disregolato e quindi soggetto a sensibilizzazione allergica casuale. Questo malfunzionamento è un prodotto di uno stile di vita sregolato.

 

L’ipotesi dell’igiene è problematica nello spiegare l’allergia alle arachidi. Non considera la possibilità che il sistema immunitario di questi bambini non sia sottostimato ma piuttosto sovrastimato da approcci occidentalizzati a sostanze chimiche tossiche, droghe e vaccinazioni. Inoltre, la teoria non indica un meccanismo pratico di sensibilizzazione di massa che spiegherebbe il forte aumento delle allergie alimentari solo nei bambini che è stato notato per la prima volta nei primi anni ’90 in paesi specifici quando un’ondata di bambini colpiti è arrivata all’asilo. Questo è un indizio principale di causalità che i ricercatori hanno mancato o ignorato del tutto.

Queste due spiegazioni favorevoli per l’epidemia presuppongono che l’allergia sia una disfunzione, che il corpo abbia commesso un errore nell’attaccare una sostanza benigna. Eppure, potrebbe essere vero il contrario

 

Inoltre, queste due spiegazioni favorevoli per l’epidemia presuppongono che l’allergia sia una disfunzione, che il corpo abbia commesso un errore nell’attaccare una sostanza benigna. Eppure, potrebbe essere vero il contrario. Alcuni suggeriscono che l’allergia ha uno scopo evolutivo visto prima del ventesimo secolo, ma provocato sempre più oggi da droghe e sostanze inquinanti nocive nella nostra aria, acqua e cibo.

 

I ricercatori americani Rachel Carson (1907-1964) e Theron G. Randolph (1906-1995) e la biologa evolutiva Margie Profet (1958) hanno proposto che l’allergia sia una risposta protettiva evolutiva. Nel 1991, Profet ha dichiarato in The Function of Allergy che l’allergia è una difesa naturale finale e spesso rischiosa contro le tossine legate a sostanze benigne. L’anticorpo IgE non è, come è generalmente indicato nella letteratura medica, un fattore immune canaglia. È più simile a un eroe provocato da tossine che il corpo ha considerato una minaccia mortale. Il prurito, il vomito, la diarrea e gli starnuti sono tentativi disperati di espellere una tossina il più velocemente possibile. È una reazione rischiosa, ma il corpo è programmato per scatenarsi come un ultimo sforzo per proteggersi. Questo evento si verifica quando le difese generali non sono state sufficienti a impedire a una specifica tossina di accedere al flusso sanguigno per la seconda volta.

Sebbene la comprovata allergenicità dei vaccini sia ampiamente riconosciuta, la letteratura medica evita attentamente la questione di quali tipi di allergie i vaccini possono creare tramite le sostanze che sono per coincidenza o successivamente inalate, ingerite o iniettate

 

Questo è un concetto provocatorio. Tuttavia, poiché è stato sviluppato prima dell’aumento dell’allergia alle arachidi, manca di specificità, ancora una volta, perché l’arachide e perché l’improvviso aumento della prevalenza nei bambini?

 

Evidente, per la sua assenza dalle teorie correnti, è l’unico meccanismo che ha una storia reale, cioè la creazione di  di massa dell’allergia per iniezione. L’iniezione è esaminata in questo libro in dettaglio, poiché era il mezzo con cui il fondatore di anafilassi, il dottor Charles Richet, inciampò nell’anafilassi alimentare (cibo) negli uomini e negli animali oltre cento anni fa. Richet concluse nel 1913 che l’anafilassi alimentare era una risposta alle proteine ​​che avevano eluso le modificazioni dal sistema digestivo. Usando un ago ipodermico, è stato in grado di creare la condizione in una varietà di animali – mammiferi e anfibi – dimostrando che la reazione non era solo universale, ma anche prevedibile utilizzando il metodo d’iniezione seguito dal consumo o da un’altra iniezione.

Allergia alle arachidi

 

Ci sono due linee di pensiero nella letteratura medica riguardanti l’iniezione come meccanismo di sensibilizzazione. Il primo è che l’iniezione, sotto forma di vaccinazione o altre iniezioni come la profilassi neonatale della vitamina K1, semplicemente smaschera le predisposizioni genetiche o le tendenze alle malattie allergiche. In breve, c’è qualcosa di sbagliato con il bambino e non l’iniezione.

 

La seconda linea di pensiero è che esiste una relazione causale tra gli ingredienti iniettati e l’allergia – e sebbene la comprovata allergenicità dei vaccini sia ampiamente riconosciuta, la letteratura medica evita attentamente la questione di quali tipi di allergie i vaccini possono creare tramite le sostanze che sono per coincidenza o successivamente inalate, ingerite o iniettate. Un’eccezione a questa regola non scritta è stata un’insolita ammissione da parte dei medici giapponesi che un focolaio di allergia alla gelatina nei bambini a partire dal 1988 e che continuava fino agli anni ’90 era causato dalla vaccinazione pediatrica. In quell’anno, le modifiche al programma di vaccinazione in Giappone significarono che il DTP fu sostituito da una versione acellulare contenente gelatina, l’età alla quale fu somministrata ai bambini fu anticipata da due anni a tre mesi e questo nuovo vaccino fu somministrato prima del vaccino MMR virus vivo che conteneva anche questa gelatina. Quando i bambini hanno iniziato a reagire con anafilassi al vaccino MMR e cibi contenenti gelatina (yogurt, Jell-O, ecc.), i medici hanno studiato il fenomeno, concludendo infine che l’adiuvante di alluminio nel DTaP aveva favorito a sensibilizzare i bambini alle “quantità minime” di proteine ​​nella gelatina raffinata contenuta nel vaccino. La rimozione della gelatina dai vaccini DTaP è stata “una soluzione definitiva per l’allergia alla gelatina correlata al vaccino”. Successivamente, sono diminuiti nuovi casi di allergia alla gelatina nei bambini giapponesi.

Il fatto che l’olio di arachidi raffinato fosse un ingrediente vaccinale documentato in passato è un argomento preoccupante

 

Le quantità e le qualità degli adiuvanti e di altri ingredienti di vaccini iniettati nei bambini sono cambiate radicalmente tra il 1989 e il 1994 nei “mercati maturi” per i vaccini tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Australia. Durante quegli anni, almeno cinque nuove formulazioni di vaccino per gli stessi batteri, Haemophilus influenzae di tipo B (Hib) furono introdotte in un programma di vaccinazione esteso e intenso. Come l’allergia alla gelatina emersa da un programma modificato d’iniezioni pediatriche, c’era un mix di ingredienti che conteneva potenti additivi di alluminio nel nuovo programma occidentale che stava sensibilizzando i bambini alle arachidi? Il fatto che l’olio di arachidi raffinato fosse un ingrediente vaccinale documentato in passato è un argomento preoccupante pari al potenziale di sensibilizzazione dei tessuti corporei o persino alla “cross-reattività” tra arachidi alimentari e proteine ​​iniettate omologhe. Queste proteine ​​“cross-reattive” possono includere quelle nella membrana cellulare Hib o l’olio di legumi di una marca popolare della profilassi della vitamina K1. La “cross-reattività” spiega perché una persona che è allergica alle arachidi, ai legumi come la soia e ai semi di ricino, può anche reagire ai semi di noci o di agrumi, che appartengono a diverse famiglie di piante – le loro proteine ​​hanno pesi molecolari e strutture simili.

Pochi genitori si rendono conto che il progetto di immunizzazione provoca allo stesso tempo sia la risposta immunitaria desiderata sia l’allergia

 

Man mano che gli ingredienti cambiavano, il numero di punture aumentava per i bambini nei loro primi diciotto mesi di vita da dieci a ben ventinove. L’aumento comportava disagi per i genitori che avrebbero dovuto fare più viaggi dal medico e disagio ai bambini che avrebbero dovuto fare più iniezioni. Per superare questi ostacoli in conformità al nuovo programma, i vaccini per difterite, pertosse e tetano (DPT); polio (OPV); e H. influenzae b (Hib) sono stati somministrati ai bambini in una singola visita con due iniezioni e una dose di polio orale a partire dal 1988. Dal 1994, a partire dal Canada, questi cinque sono stati inseriti in un’unica siringa. Pochi genitori si rendono conto che il progetto di immunizzazione provoca allo stesso tempo sia la risposta immunitaria desiderata sia l’allergia. Queste difese naturali sono inseparabili e più potente è il vaccino, più potenti sono le due risposte. Questo è un risultato della vaccinazione che la comunità medica ha compreso almeno da quando Charles Richet ha vinto il premio Nobel (1913) per la sua ricerca sull’anafilassi. L’anafilassi, osserva Richet, è uno dei tre esiti della vaccinazione.

 

Paul Offit, capo delle malattie infettive all’ospedale pediatrico di Filadelfia nel 2008, ha smentito le preoccupazioni sul fatto che il programma di vaccinazione sia stato schiacciante per i bambini. Per Offit, questa non era  buona scienza. Altri dottori non erano d’accordo. In autorevoli riviste mediche come The Journal of American Medical Association e Allergy: European Journal of Allergy e Clinical Immunology, i medici hanno espresso preoccupazione per gli effetti a lungo termine delle vaccinazioni precoci. Alcuni medici affermano che la vaccinazione eccessiva è inefficace e pericolosa.

Le arachidi e altre allergie alimentari sono diventate estremamente redditizie. È così tanto che un analista di mercato ha suggerito che un “indice autoimmune” sarebbe un ottimo strumento per gli investitori

 

Ma la vaccinazione è un argomento complesso e il suo ruolo nell’epidemia di allergia alimentare è difficile da affrontare a causa delle accresciute implicazioni politiche, sociali ed economiche. È un soggetto che i medici evitano. E così, nonostante la continua intensa attenzione data all’allergia alle arachidi nei bambini, non è stata ancora trovata una risposta alla sua causa. Ciò che è emerso, invece, è una solida economia di tasse mediche, alimenti senza noccioline, ricerche mediche in corso e vendite farmaceutiche. Le arachidi e altre allergie alimentari sono diventate estremamente redditizie. È così tanto che un analista di mercato ha suggerito che un “indice autoimmune” sarebbe un ottimo strumento per gli investitori. Questo indice, etichettato come “salva i bambini e fai soldi”, monitorerebbe la redditività dei titoli farmaceutici in relazione al continuo aumento dell’allergia alle arachidi e di altre epidemie infantili.

 

L’allergia alle arachidi iniziò come una semplice idiosincrasia dopo la seconda guerra mondiale. Oggi, le sue proporzioni epidemiche contribuiscono ad alimentare una multimiliardaria industria dell’allergia alimentare.

 

Heather Fraser

 

Heather Fraser è un’autrice, relatrice e professionista della salute naturale canadese. È madre di un bambino che soffre di allergie alle arachidi. La signora Fraser vive a Toronto, in Canada.

 

Estratto  di The Peanut Allergy Epidemic: What’s Causing It e How to Stop It

Ripubblicato con il permesso della Skyhorse Publishing, Inc. Copyright 2018 di Skyhorse Publishing, Inc.

Traduzione di Giacomo Mascolo