Un vescovo USA contro il vaccino COVID-19 fatto con cellule di feto abortito

 

 

 

 

Il vescovo Joseph Strickland di Tyler, Texas, ha dichiarato che «rifiuterà» un potenziale vaccino per il coronavirus se verrà prodotto utilizzando tessuti provenienti da bambini abortiti. Lo riporta Lifesitenews.

 

In un tweet, ha espresso il suo rammarico per il fatto che «anche con il Covid-19 stiamo discutendo dell’uso di tessuti fetali abortiti per la ricerca medica».

 

Un vescovo statunitense «rifiuterà» il vaccino COVID-19 se prodotto con «tessuti di feti abortiti». «Non ucciderò i bambini per vivere», insiste il Vescovo Joseph Strickland.

L’organizzazione pro-vita Children of God for Life, che si concentra sulla questione dei vaccini etici, ha scoperto che molti dei principali sviluppatori del vaccino COVID-19 utilizzano cellule fetali abortite. Renovatio 21 ha pubblicato le grida di allarme lanciate da COG sull’uso di linee cellulari da feto abortito nella ricerca dei vaccini anche per il COVID.

 

Debi Vinnedge, direttore esecutivo di Children of God for Life che fu ospite di Renovatio 21 al convegno di Roma  «Fede, Scienza, Coscienza» di marzo 2019 sull’uso di cellule di feto abortito, ha dichiarato che «il suo cuore si è spezzato quando ha scoperto che la proteina Spike,» che fa parte di un vaccino sviluppato da Moderna, «è stata prodotta utilizzando cellule fetali abortite HEK 293». 

 

Allo stesso modo, uno sviluppatore di vaccini di proprietà di Johnson & Johnson «sta usando la [sua] tecnologia PER C6 Ad5, derivata dal tessuto retinico di un bambino abortito.»

 

Secondo Children of God for Life, durante un’audizione della Food and Drug Administration (FDA), un medico ha rivelato come ha raccolto le cellule fetali.

 

«Così ho isolato la retina da un feto, da un feto sano, per quanto si potesse vedere, di 18 settimane. È stato scritto che il padre era ignoto, e questo era, in effetti, il motivo per cui è stato richiesto l’aborto»

«Così ho isolato la retina da un feto, da un feto sano, per quanto si potesse vedere, di 18 settimane», ha detto Alex van der Eb. «Non c’era nulla di speciale nella storia familiare e la gravidanza era completamente normale fino alle 18 settimane, e si è rivelato essere un aborto volontario, e questo semplicemente perché la donna voleva sbarazzarsi del feto [.]… È stato scritto che il padre era ignoto, e questo era, in effetti, il motivo per cui è stato richiesto l’aborto.»

 

Ha poi ammesso che «PER C6 è stato realizzato solo per la produzione farmaceutica di vettori di adenovirus [.] … E per gli standard dell’industria farmaceutica. Mi rendo conto che questo suona un po’ commerciale, ma le linee PER C6 sono state realizzate per quel particolare scopo.»

 

In un comunicato stampa, Children of God for Life ha spiegato come «nella maggior parte dei vaccini antinfluenzali stagionali, la necessità di produrre rapidamente grandi quantità di vaccini è stata un problema per molti anni poiché le aziende farmaceutiche utilizzavano uova di gallina per coltivare i loro virus. Sono necessari diversi mesi e milioni di uova per produrre i vaccini e così tante aziende hanno iniziato a ricercare altre linee cellulari per una produzione più rapida».

 

Per ora, il vescovo Strickland sembra essere il solo a denunciare l’uso non etico del tessuto fetale abortito nello sviluppo di un vaccino contro il COVID-19.

 

Per ora, il vescovo Strickland sembra essere il solo a denunciare l’uso non etico del tessuto fetale abortito nello sviluppo di un vaccino contro il COVID-19.

Non è la prima volta che Strickland si trova da solo quando si tratta di questioni di principio. Alla fine di marzo, ha rifiutato di firmare una «Dichiarazione sulla scarsità di risorse sanitarie» voluta dalla Conferenza episcopale cattolica del Texas (TCCB) all’inizio della pandemia di COVID-19.

 

Il vescovo ha riconosciuto la difficoltà nel prendere la decisione corretta in situazioni di vita o di morte quando le risorse sono limitate. «Fortunatamente, e giustamente, la legge stessa ha un certo grado di flessibilità che consente ai giudici di essere prudenti e di prendere in considerazione fattori che possono portare a decisioni discutibili non motivate da malizia di nessun tipo ma piuttosto da incauta compassione.»

 

A questo proposito, Strickland ha invitato i giudici, le giurie e il pubblico a essere comprensivi, concedendo il beneficio del dubbio alle persone che lavorano nell’assistenza sanitaria. «Ma sospendere del tutto la legge significa rimuovere un grande incentivo per garantire che venga esercitata la dovuta diligenza in tempi difficili e metterebbe a rischio a rischio i malati, i vulnerabili, i poveri e gli emarginati.»

Allo stesso modo, gli anziani, i disabili e i più vulnerabili «dovrebbero sempre essere protetti e bisognerebbe mostrare un amore preferenziale», in quanto sono «i poveri in mezzo a noi, durante questa pandemia»

 

Il vescovo di Tyler ha ricordato che ci sono alcuni principi di teologia morale che devono sempre essere applicati.

 

«Ad esempio, la famiglia dovrebbe sempre essere consultata e considerata nel prendere decisioni morali vitali come queste». .

 

 

 

 

 Immagine di Peytonlow via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0