Connettiti con Renovato 21

Bioetica

Olanda, eutanasia per i pazienti affetti da demenza

Pubblicato

il

 

 

Distratti dalla catastrofe pandemica, non abbiamo dato il giusto risalto a cià che sta avvenendo in Olanda – il Paese, peraltro, che più si sta battendo per non aiutare Italia, Spagna e Paesi più colpiti dall’epidemia.

 

La Cultura della Morte ha appena compiuto Nei Paesi Bassi un bel passo avanti. Non è una novità: la Neerlandia (così vuole essere chiamata ora secondo una operazione di  «marketing nazionale») è sempre in prima linea per le rivoluzioni della Necrocultura.

 

La Corte Suprema dei Paesi Bassi ha stabilito che i pazienti con demenza avanzata possono essere sottoposti a eutanasia, in una decisione che chiarisce uno degli aspetti più controversi della legge sull’eutanasia del paese.

La Corte Suprema dei Paesi Bassi ha stabilito che i pazienti con demenza avanzata possono essere sottoposti a eutanasia

La settimana passata il tribunale dell’Aja ha stabilito che un medico che aveva eutanizzato nel 2015 un paziente anziano con grave demenza  stava agendo legalmente; la Corte ha altresì detto  che una richiesta di eutanasia scritta previamente è sufficiente per i pazienti che hanno subito un grave declino cognitivo.

 

«Un medico può eseguire preventivamente una richiesta scritta di eutanasia nelle persone con demenza avanzata», ha dichiarato la Corte.

 

In pratica, un medico può uccidere il paziente, se ne ha ricevuto il permesso, però non sul momento, ma tempo (probabilmente anni) prima, quando la mente era ancora lucida.

In pratica, un medico può uccidere il paziente, se ne ha ricevuto il permesso, però non sul momento, ma tempo (probabilmente anni) prima, quando la mente era ancora lucida.

Le stesse regole per l’eutanasia si applicano come in qualsiasi altro caso, ha affermato la corte. I pazienti devono sperimentare «sofferenza insopportabile e senza fine» e almeno due medici devono aver accettato di eseguire la procedura.
Il paziente deve anche aver richiesto l’eutanasia prima di poter «non esprimere più la propria volontà a causa della demenza avanzata».

Il caso era incentrato su una donna di 74 anni che è stata eutanizzata in una casa di cura dopo aver sviluppato una demenza avanzata. La donna aveva redatto un testamento biologico alcuni anni prima del suo ricovero nella struttura per anziani e aveva regolarmente dichiarato che voleva morire.

 

 Il dottore che la ha eutanatizzata ha detto che aveva parlato tre volte alla paziente riguardo al suo desiderio di morire, ma non alle sue volontà perché «non ricordava nulla al riguardo». La memoria a lungo e breve termine della paziente era molto scarsa e non riconosceva più suo marito, ha detto il medico.
Il caso era incentrato su una donna di 74 anni che è stata eutanizzata in una casa di cura dopo aver sviluppato una demenza avanzata

Tuttavia, la sentenza della Corte Suprema è stata accolta con preoccupazione dagli esperti di etica, riporta il sito Bioedge.

 

Il bioeticista Charles Camosy della Fordham University ha affermato che la sentenza faceva parte del «pendìo scivoloso» delle leggi nei Paesi Bassi. Ha avvertito che in alcuni casi i medici avrebbero giudicato male la qualità della vita delle persone affette da demenza: «I medici sono notoriamente cattivi nel giudicare queste cose», ha detto Camosy.

 

«Studio dopo studio si rileva che i [medici] valutano la qualità della vita dei loro pazienti peggio di quanto facciano i pazienti».

 

Un’eutanasia senza neppure il consenso esplicito, presente sul momento, a che cosa assomiglia?

Il bioeticista Wesley J. Smith ha espresso profonda preoccupazione per il fatto che la legge consentirebbe alle persone con demenza di essere eutanizzate contro la loro volontà.

 

Smith ha notato che la donna di 74 anni al centro del caso ha resistito quando il suo medico ha somministrato un’iniezione letale.

 

Chiediamo al lettore: un’eutanasia senza neppure il consenso esplicito, presente sul momento, a che cosa assomiglia?

 

Pensate che non sono cliniche private in paradisi fiscali a perpetrare questa mostruosità, bensì uno Stato al centro dell’Unione Europea

Ecco: e pensate che non sono cliniche private in paradisi fiscali a perpetrare questa mostruosità, bensì uno Stato al centro dell’Unione Europea.

 

Lo stesso che ora guarda i Paesi piegati dalla Pandemia con un senso di schifo evidente, magari con la voglia di eutanatizzarli quando questi ora tutto chiedono meno che di morire.

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Bioeticista rifiuta l’obbligo vaccinale

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

Non tutti i medici – o i bioeticisti – supportano gli obblighi vaccinali.

 

A livello internazionale , la prevalenza dell’esitazione al vaccino contro il COVID-19 negli operatori sanitari varia dal 4,3 al 72%. La media è del 23%. Uno studio in Italia che ha rilevato che il 33% degli operatori sanitari non era sicuro o non aveva intenzione di vaccinarsi.

 

Il mese scorso l’associazione australiana dei medici generici (RACGP) ha emesso una presa di posizione a favore della vaccinazione obbligatoria. Come esempio dello scetticismo con cui alcuni dei suoi membri considerano l’idea, leggetei commenti sotto un articolo nella rivista di notizie RACGP. Un medico ha riassunto le preoccupazioni dei suoi colleghi: «Il RACGP ha improvvisamente buttato nel water la pietra angolare di tutti i principi etici AUTONOMIA».

 

Un bioeticista la pensa più o meno allo stesso modo. All’Università della California Irvine (UCI), Aaron Kheriaty, psichiatra e esperto di etica medica, è stato dimesso dopo essersi rifiutato di farsi vaccinare e aver citato in giudizio l’UCI.

 

Sta documentando il suo caso in un blog Substack, Human Flourishing. L’UCI gli ha vietato di lavorare nel campus o di lavorare da casa.

 

Kheriaty non si oppone alla vaccinazione. Tuttavia, lui e la sua famiglia hanno avuto il COVID e afferma di avere l’immunità naturale. Il suo argomento è che è già immune e che la vaccinazione comporta un piccolo rischio.

 

Scrive: «Come posso continuare a definirmi un esperto di etica medica se non riesco a fare ciò che sono convinto sia moralmente giusto sotto pressione?»

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Bioetica

India, legale l’aborto per povertà

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Con un verdetto controverso i giudici hanno autorizzato l’interruzione di gravidanza alla 26ma settimana per una diciottenne non sposata il cui feto è sano e non presenta rischi fisici per la salute fisica della donna. L’appello: anziché abortire questi bambini siano affidati alle Missionarie della Carità, come chiedeva Madre Teresa.

 

 

Una gravidanza in un contesto sociale difficile può essere considerata «un rischio per la salute mentale di una donna». E dunque è ammissibile un aborto terapeutico anche oltre il limite della 20ma settimana, previsto dalla legge. Lo ha stabilito qualche giorno fa l’Alta Corte di Mumbai con una sentenza controversa che dice quanto anche in India il tema della difesa della vita nascente sia una questione aperta.

 

I giudici si sono pronunciati sul caso di una diciottenne non sposata che vuole abortire alla 26ma settimana di gravidanza, nonostante il feto risulti sano e non vi siano rischi per la salute fisica della donna.

 

«Come diceva Madre Teresa: “Non uccidete il bambino, datelo a noi”. Ci sono migliaia di storie di bambini salvati così e che oggi hanno una vita piena di amore e di gioia»

I medici le avevano riscontrato una forma non grave di depressione, che se adeguatamente curata non avrebbe creato gravi problemi. Ma i giudici hanno obiettato che per una diciottenne di una famiglia povera che sopravvive vendendo verdura e conducendo un rickshaw e in cui sono presenti anche altri figli, la gravidanza potrebbe avere un serio impatto sulla sua futura salute mentale. Per questo la Corte ha autorizzato l’aborto presso il JJ Hospital, un ospedale pubblico della città.

 

Va aggiunto che appena qualche settimana fa l’Alta Corte del Kerala si era espressa in maniera opposta su una petizione per molti versi simile presentata da una donna alla 31ma settimana di gravidanza.

 

La decisione è stata accolta con sconcerto da chi si batte per il diritto alla vita.

 

«La legge sull’aborto – commenta ad AsiaNews il dr. Pascoal Carvalho, membro della Pontificia Accademia per la Vita – fa sembrare ormai che un feto non sia un bambino fino al momento della nascita. Nessuna si preoccupa dei suoi diritti. La colpa è di una società che pretende di risolvere in questo modo la propria incapacità di assistere le madri non sposate. Le Missionarie della Carità, a Mumbai e in tutto il mondo, invece accolgono i bambini e combattono il male dell’aborto con le adozioni. Come diceva Madre Teresa: “Non uccidete il bambino, datelo a noi”. Ci sono migliaia di storie di bambini salvati così e che oggi hanno una vita piena di amore e di gioia».

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di Philippe Put via Flickr pubblica su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0); immagine tagliata.

Continua a leggere

Bioetica

La bioetica rottama i suoi princìpi

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

Secondo un editoriale dell’American Journal of Bioethics, per soddisfare le esigenze delle comunità degli indiani d’America e dei nativi dell’Alaska (AI/AN), i principi di autonomia, beneficenza, non maleficenza e giustizia dovrebbero essere eliminati.

 

Questi principi sono stati creati per le persone orientate all’Occidente senza un forte senso di comunità. Ma le persone di AI/AN sono molto più orientate al processo decisionale comunitario e i principi di Belmont basati sull’autonomia si stanno rivelando inadeguati.

 

Un esempio a cui gli osservatori bioetici tornano più volte è l’abuso di campioni di sangue appartenenti alla tribù Havasupai, in Arizona, da parte di ricercatori dell’Arizona State University nel 1990.

 

I soggetti della ricerca pensavano di donare il sangue per la ricerca sul diabete, ma gli scienziati li hanno usati per studiare la schizofrenia. (I fatti di questa storia sono, tra l’altro, contestati)

 

«Mentre la mancanza di attenzione dedicata alla sovranità tribale o all’oppressione delle persone indigene nel Rapporto Belmont può non sorprendere dato il suo contesto storico, è forse l’attenzione del documento sulle tradizioni morali occidentali e gli impegni per la conservazione dei diritti individuali che è forse più a contrasto con le prospettive indigene sulla ricerca biomedica».

 

«Affermando l’importanza della conoscenza scientifica e della scelta individuale, il Rapporto Belmont rifiuta implicitamente le tradizioni morali non occidentali che celebrano i valori comunitari legati alla solidarietà, alla fratellanza e al beneficio della comunità».

 

«Rottamato» è la parola giusta. Secondo l’editoriale, «è solo attraverso un approccio completamente nuovo che i residui delle tradizioni morali occidentali e delle epistemologie scientifiche possono essere lavati dalla guida e dai regolamenti bioetici che attualmente modellano l’impegno dei ricercatori con le comunità tribali».

 

Ciò che emergerà non è noto, ma gli autori sperano che «si possa sviluppare una serie di linee guida etiche più utili e culturalmente appropriate per quanto riguarda la conduzione della ricerca biomedica che coinvolga le comunità AI/AN».

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Più popolari