L’etica dei Super-spreader

 

 

 

 Un tossicodipendente dello Sri Lanka è stato accusato di aver infettato 1.100 persone, quasi la metà dei casi di coronavirus del Paese.

 

Prasad Dinesh, 33 anni, è stato arrestato mentre rubava per sostenere la sua dipendenza dalla droga. Sembra che abbia infettato alcuni amici e la polizia locale che lo avevano arrestato.

 

I marinai della Marina sono stati inviati per aiutare a contenere la diffusione e 900 di loro furono infettati a loro volta. Rivelato come un «super-spreader – cioè un individuo untore capace di diffondere un morbo in modo molto superiore alla media – il Dinesh ora sta trovando difficoltà a trovare lavoro.

Il ritorno della dinamica del capro espiatorio è sotto gli occhi di tutti

 

Un bioeticista dell’Università di Sydney ha avvertito che etichettare qualcuno come super-spargitore è stigmatizzante.

 

«Abbiamo questa tendenza a far da capro espiatorio a una popolazione o individui», ha affermato il dott. Diego Silva. «Perché sia ​​così, che si tratti di paura o ignoranza, non sono del tutto sicuro, ma certamente nel caso dei politici, lo stanno usando per promuovere i loro programmi. Lo stiamo sicuramente vedendo nel contesto di COVID-19».

Il ritorno del sacrificio umano pure sta affiorando, tra test medici del vaccino direttamente sugli esseri umani e il fenomeno sempreverde dei vaccini fatti con linee cellulari di feti abortiti

 

Il ritorno della dinamica del capro espiatorio è sotto gli occhi di tutti.

 

Il ritorno della sua conseguenza principale – il sacrificio umano – pure sta affiorando, tra test medici del vaccino direttamente sugli esseri umani e il fenomeno sempreverde dei vaccini fatti con linee cellulari di feti abortiti.

 

Il coronavirus è esso stesso un super-diffusore di una malattia che può portare la Civiltà alla tomba: la Cultura della Morte.