Le madri di bambini danneggiati dal vaccino: le Cassandra dei giorni nostri

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.  Renovatio 21 offre la traduzione di questo pezzo di CHD per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Alcuni giorni mi sento come Cassandra, la donna greca che poteva vedere il futuro, ma non articolarlo in modo da ottenere credibilità.

Anche i genitori di bambini con malattie croniche complesse devono sentirsi come Cassandra

 

Nella tragedia Agamennone, Apollo promise a Cassandra il dono della profezia se fosse stata la sua amante. Accettò il dono, ma respinse Apollo quando desiderava favori sessuali. Apollo si vendicò ordinando che le sue previsioni sarebbero state ignorate. Predisse la battaglia del cavallo di Troia e la morte sanguinosa di Agamennone, ma nessuno le credette.

 

Anche i genitori di bambini con malattie croniche complesse devono sentirsi come Cassandra.

 

Centinaia di volte ho ascoltato le dettagliate storie di genitori i cui bambini apparentemente sani sono stati danneggiati o sono regrediti entro 24-48 ore da un vaccino, finendo spesso al pronto soccorso, solo per sentirsi dire che si trattava di una «coincidenza» e che il vaccino non poteva essere la causa.

 

Centinaia di volte ho ascoltato le dettagliate storie di genitori i cui bambini apparentemente sani sono stati danneggiati o sono regrediti entro 24-48 ore da un vaccino, finendo spesso al pronto soccorso, solo per sentirsi dire che si trattava di una «coincidenza» e che il vaccino non poteva essere la causa

Questo sembra in completa opposizione al normale corso degli eventi quando a un medico si presenta un nuovo sintomo e ci viene insegnato a chiedere eventi, esposizioni o esperienze nuove o diverse. Le preoccupazioni sollevate da genitori intelligenti sul fatto che i loro bambini stiano ricevendo troppi vaccini contemporaneamente vengono in genere respinte.

 

La soglia per ottenere un risarcimento presso il Tribunale per i Vaccini è incredibilmente alta, con restrizioni basate sulle «tabelle delle lesioni da vaccino» originali nonostante una significativa espansione del numero e dei tipi di vaccini introdotti dalla legislazione del 1986 sul Programma Nazionale di Compensazione dei Vaccini. Le lesioni sono spesso permanenti e cambiano completamente il corso della vita familiare.

 

Nel 1997, la mia esperienza con un paziente che ho vaccinato mi ha aperto gli occhi sulla possibilità che i vaccini raccomandati dal CDC stessero causando un danno significativo ad almeno un sottogruppo di bambini che li avevano ricevuti.

Le preoccupazioni sollevate da genitori intelligenti sul fatto che i loro bambini stiano ricevendo troppi vaccini contemporaneamente vengono in genere respinte

 

Cinque anni dopo, ho portato le mie preoccupazioni all’università che mi ha formato, dove mi hanno insegnato le regole di base della pediatria: 1) non fare danni 2) ascoltare la mamma 3) osservare il bambino.

 

Ho consegnato Grand Round pediatrici, condividendo le mie preoccupazioni sui tassi di autismo crescenti in maniera esponenziale e altri disturbi dello sviluppo neurologico, sintomi gastrointestinali dei miei pazienti con autismo tra cui digestione, disbiosi e problemi di enzimi digestivi e dati emergenti che implicano interazioni intestino-cervello.

Le lesioni sono spesso permanenti e cambiano completamente il corso della vita familiare

 

Ho ipotizzato che la rapida espansione del programma vaccinale poteva essere correlata. Era un messaggio che il pubblico della facoltà pediatrica e i residenti non volevano ascoltare.

 

Ironia della sorte, i problemi con gli enzimi digestivi che ho discusso sono stati ora confermati da Buie e Kushak ad Harvard in numerosi studi peer review pubblicati.

Tassi di autismo crescenti in maniera esponenziale e altri disturbi dello sviluppo neurologico, sintomi gastrointestinali dei miei pazienti con autismo tra cui digestione, disbiosi e problemi di enzimi digestivi e dati emergenti che implicano interazioni intestino-cervello: ho ipotizzato che la rapida espansione del programma vaccinale poteva essere correlata

 

Il ruolo dei problemi gastrointestinali nell’autismo e la comprensione della connessione cervello-intestino ora costituiscono la struttura della medicina funzionale e offrono un percorso per migliorare la vita dei bambini con malattie croniche e delle loro famiglie.

 

Articoli sulla comunicazione tra intestino, cervello e sistemi endocrini popolano le riviste mediche più rispettate.

 

Sfortunatamente, i tassi di autismo riportati di 34 su 10.000 nel 2002 e respinti per un migliore riconoscimento e diagnosi (un’altra speculazione non confermata dai dati) hanno continuato ad aumentare esponenzialmente del 6-15% all’anno fino agli attuali tassi di 1 bambino su 54 (185 per 10.000) con autismo e uno su sei con altri problemi di sviluppo o comportamentali.

 

È fondamentale ricordare che l’analisi pubblicata nel marzo 2020 (e ampiamente trascurata dai media nel periodo del COVID) si basava su una gruppo di nati nel 2008 (i bambini di 8 anni sono stati studiati nel 2016 per le statistiche pubblicate 4 anni dopo).

 

Questa settimana, Hooker e Miller hanno pubblicato i dati di tre pratiche pediatriche geograficamente distinte. I dati della vita reale, raccolti in 10 anni, hanno esaminato la relazione tra il numero e l’età di somministrazione dei vaccini e la presenza di malattie croniche, inclusi problemi di sviluppo neurologico, asma, problemi gastrointestinali e infezioni dell’orecchio.

 

I più piccoli e quelli che hanno ricevuto più vaccini hanno presentato il più alto tasso di ritardi nello sviluppo, asma e infezioni alle orecchie. In effetti, per le infezioni alle orecchie suddivise per quartile di numero di vaccini, c’era una relazione direttamente proporzionale tra numero di vaccini e casi di infezioni alle orecchie.

I più piccoli e quelli che hanno ricevuto più vaccini hanno presentato il più alto tasso di ritardi nello sviluppo, asma e infezioni alle orecchie

 

Prevedo che i media mainstream e l’American Academy of Pediatrics proveranno a mettere in dubbio i risultati di questo studio. Sì, ci sono limiti alla ricerca retrospettiva basata sulla pratica, che Hooker articola abbastanza bene.

 

Direi che, se l’AAP o il CDC o il NIH avessero concordato gli studi comparativi su bambini vaccinati rispetto a quelli non vaccinati che i genitori di bambini con malattie croniche chiedono fin dagli albori del secolo in corso, avremmo già studi prospettici e controllati. L’onere non sarebbe ricaduto sui medici impegnati a prendersi cura di malattie croniche complesse per finire come ricercatori clinici non finanziati.

Prevedo che i media mainstream e l’American Academy of Pediatrics proveranno a mettere in dubbio i risultati di questo studio

 

Ciò che rende convincenti questi dati è la ricchezza di informazioni scientifiche che si sono accumulate negli ultimi due decenni sui meccanismi coinvolti nei disturbi dello sviluppo neurologico, disregolazione immunitaria, disfunzione mitocondriale, tossicità ambientale e disordini metabolici. Tale ricerca include, ma non si limita a:

 

 

 

Ciò che rende convincenti questi dati è la ricchezza di informazioni scientifiche che si sono accumulate negli ultimi due decenni sui meccanismi coinvolti nei disturbi dello sviluppo neurologico, disregolazione immunitaria, disfunzione mitocondriale, tossicità ambientale e disordini metabolici

  • La scienza di alto livello di Bob Naviaux sul ruolo cruciale dei mitocondri e gli effetti a valle sulla salute quando i mitocondri passano dal produrre energia ad «abbattere i boccaporti» in risposta al pericolo cellulare.

 

  • ChauhanMcGinnis e numerosi altri articoli pubblicati da scienziati hanno delineato la biochimica e gli effetti cellulari dello stress ossidativo prolungato sui tessuti e sulle malattie umane. 

 

  • Jim Adams e colleghi su carente stato nutrizionale e potenziale valore dei trapianti microbici fecali nei bambini con autismo. 

 

  •  Il corpus di lavori pubblicati da Van de Water e Ashwood sull’attivazione immunitaria materna e l’aumento delle citochine infiammatorie nelle biopsie intestinali di bambini con autismo rispetto ai controlli. 

 

  • Gli studi di MacFabe sul ruolo dell’acido propionico nei disturbi dello sviluppo neurologico. 

 

Dopo i dubbi sul ruolo del vaccino MPR e della malattia infiammatoria intestinale, sono stati condotti 23 diversi studi post-licenza sul vaccino MPR-II: nessun paziente è stato seguito per più di 42 giorni dopo la vaccinazione. Non si può trovare ciò che non si cerca

  • Il lavoro pubblicato da Rossignol e Frye sugli anticorpi del recettore dei folati e la disfunzione mitocondriale nei problemi di sviluppo neurologico. 

 

Molti presumono che gli studi sulla sicurezza dei vaccini debbano essere eccezionalmente ben progettati ed eseguiti, dal momento che vengono somministrati alla popolazione mondiale.

 

Sono scioccati nello scoprire che gli studi sul vaccino contro l’epatite B hanno monitorato gli effetti collaterali per quattro o cinque giorni prima che fosse presa la decisione di vaccinare ogni neonato negli Stati Uniti.

 

Dopo i dubbi sul ruolo del vaccino MPR e della malattia infiammatoria intestinale, sono stati condotti 23 diversi studi post-licenza sul vaccino MPR-II: nessun paziente è stato seguito per più di 42 giorni dopo la vaccinazione. Non si può trovare ciò che non si cerca.

 

L’Institute of Medicine, fiducioso nel formulare raccomandazioni basate sull’evidenza, ha esaminato l’attuale letteratura scientifica e ha trovato prove inadeguate per accettare o rifiutare una relazione causale in 135 delle 158 relazioni tra vaccini ed eventi avversi. Dei 23 eventi avversi rimanenti, 18 sono stati associati alla vaccinazione e cinque no.

 

I dati hanno mostrato che i bambini avevano maggiori probabilità di vedersi diagnosticati ritardi nello sviluppo, asma e infezioni alle orecchie se ricevevano un numero maggiore di vaccini rispetto a quelli che ricevevano un minor numero di vaccinazioni

L’analisi di Hooker ha utilizzato un progetto di studio di coorte con raggruppamenti secondo la pratica medica, l’anno di nascita e il genere. DTP e MPR sono stati conteggiati come un singolo vaccino anche se ciascuno conteneva 3 vaccini in un’unica iniezione.

 

Nella pubblicazione di Hooker, va notato che un paziente che riceve anche solo un vaccino nei primi 380 giorni di vita rientrerebbe nella categoria «vaccinato».

 

I pazienti «non vaccinati» non avevano dosi di vaccino registrate prima del compimento di un anno e quindici giorni.

 

A mio avviso, questo modello rende i dati ancora più convincenti. I dati hanno mostrato che i bambini avevano maggiori probabilità di vedersi diagnosticati ritardi nello sviluppo, asma e infezioni alle orecchie se ricevevano un numero maggiore di vaccini rispetto a quelli che ricevevano un minor numero di vaccinazioni.

 

Come pediatra a cui era stato insegnato poco sui meccanismi di efficacia del vaccino o sugli eventi avversi alla scuola di medicina, mi limitavo a seguire le revisioni al programma CDC/AAP senza fare domande.

Recenti azioni legislative che rimuovono le esenzioni mediche o religiose stanno togliendo la capacità del medico di valutare la somministrazione del vaccino nel contesto del singolo paziente

 

Recenti azioni legislative che rimuovono le esenzioni mediche o religiose stanno togliendo la capacità del medico di valutare la somministrazione del vaccino nel contesto del singolo paziente.

 

È ironico che, in quest’era di medicina personalizzata, integrativa e funzionale in cui le persone indossano dispositivi per raccogliere dati precisi e individualizzati, sembriamo implementare la politica del vaccino «uguale per tutti».

 

Nell’analogia di Cassandra, la medicina tradizionale e i curricula universitari pediatrici sono gli Apollo a cui dovrei la mia fedeltà.

 

È ironico che, in quest’era di medicina personalizzata, integrativa e funzionale in cui le persone indossano dispositivi per raccogliere dati precisi e individualizzati, sembriamo implementare la politica del vaccino «uguale per tutti»

Tuttavia, dico che la mia fedeltà è verso i miei pazienti.

 

Direi che lo scopo della rigorosa scuola di medicina e della formazione non è di insegnarci un mucchio di fatti (che sappiamo cambieranno man mano che la scienza si evolve) ma di insegnarci a essere pensatori analitici.

 

Direi che i miei genitori, i professori universitari e il coach del gruppo di dibattito mi hanno instillato importanti capacità di pensiero critico che sono fondamentali per la mia capacità di prendere decisioni ponderate in collaborazione con i genitori che si fidano di me con i loro figli.

 

Dico che la mia fedeltà è verso i miei pazienti

Se tutto ciò che devo fare per consigliare un vaccino è seguire un programma pubblicato, potrei delegare tutte le decisioni sull’immunizzazione al mio assistente.

 

Mettere in discussione il dogma medico non porta bene per molti di noi, fino a quando non troviamo un significato nella ricerca della verità, che dovrebbe essere l’essenza di ogni sforzo scientifico.

 

 

Mettere in discussione il dogma medico non porta bene per molti di noi, fino a quando non troviamo un significato nella ricerca della verità, che dovrebbe essere l’essenza di ogni sforzo scientifico

Elizabeth Mumper

Medico, FAAP, The Rimland Center

 

 

Traduzione di Alessandra Boni.

 

 

© 2 giugno 2020, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.