«Bunny Ebola». La pandemia dei conigli è qui

 

 

Un micidiale virus che colpisce i conigli soprannominato «bunny ebola» si sta diffondendo negli Stati Uniti sudoccidentali, uccidendo migliaia di conigli selvatici e conigli da compagnia.

 

Focolai del raro e altamente contagioso virus sono stati segnalati in sette stati della cintura solare americana, tra cui Arizona, California e Texas.

 

La malattia, nome scientifico RHDV2, è stata denominata «bunny ebola» dai veterinari perché replica il sanguinamento grave e l’insufficienza d’organo che il virus ebola provoca nell’uomo.

 

La malattia, nome scientifico RHDV2, è stata denominata «bunny ebola» dai veterinari perché replica il sanguinamento grave e l’insufficienza d’organo che il virus ebola provoca nell’uomo.

In molti casi il virus viene rilevato solo dopo che un animale muore e il suo naso perde sangue.

 

Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha confermato i casi di RHDV2 in Arizona, California, Colorado, Nevada, New Mexico, Utah e Texas a partire da aprile.

 

È la quarta volta che il virus mortale viene scoperto negli Stati Uniti da quando il primo caso di RHDV2 è stato rilevato per la prima volta in Cina circa 35 anni fa.

 

Tuttavia, questo focolaio rappresenta la prima volta in cui è noto che il virus si è diffuso oltre i conigli domestici fino a conigli selvatici e lepri  in Nord America, suscitando preoccupazione su come i funzionari possano effettivamente contenerlo, scrive Yahoo.com.

 

RHDV2 è stato rilevato per la prima volta in Cina circa 35 anni fa

 

Il primo caso noto americano di virus è stato tra i conigli da compagnia in Ohio nel 2018. Un secondo focolaio è apparso nelle Isole San Juan nello stato di Washington la scorsa estate e in febbraio è stato identificato in una dozzina di conigli in un ospedale veterinario di New York City . I funzionari non sono sicuri della fonte di questo ultimo focolaio.

 

Si pensa che circa 500 animali siano stati infettati nello stato negli ultimi quattro mesi, spingendo i funzionari a introdurre una politica di spopolamento.

 

Non esiste una cura nota del virus e i veterinari negli Stati Uniti devono passare un lungo processo con l’USDA per importare vaccini dall’Europa

Ma i funzionari temono che la natura altamente contagiosa del virus renderà questo focolaio difficile da tenere sotto controllo.

 

Il virus si diffonde facilmente attraverso sangue, urina e feci e il suo periodo di incubazione può durare fino a due giorni. Ha un tasso di mortalità molto elevato, con funzionari del sud-ovest degli Stati Uniti che stimano che il virus si sia rivelato fatale in circa il 90% degli animali infetti.

 

Il piccolo numero di conigli che sopravvive continua a rappresentare una minaccia in quanto può continuare a diffondere il virus per almeno 42 giorni, secondo la House Rabbit Association.

 

Il virus non rappresenta una minaccia per l’uomo ma può essere trasferito ai conigli da capelli, scarpe e vestiti

Il virus non rappresenta una minaccia per l’uomo ma può essere trasferito ai conigli da capelli, scarpe e vestiti. Non esiste una cura nota del virus e i veterinari negli Stati Uniti devono passare un lungo processo con l’USDA per importare vaccini dall’Europa.