Alluminio, silicio e disturbi neurologici e della motricità dei bambini

 

 

Il dottor Tullio Grassi, del dipartimento di Fisica dell’Università del Maryland (USA) ci invia questo suo contributo scientifico: «Childhood neuro-motor disorders treated with silica-rich mineral water: A case report».

 

L’articolo è apparso nell’edizione dello scorso giugno del Journal of Preventive Medicine and Holistic Health, pubblicato ogni due anni in India.

 

L’articolo descrive il caso di un bambino di 4 anni e mezzo, affetto da vari sintomi neurologici e della motricità, che è migliorato notevolmente in un periodo di meno di un anno, durante il quale il bambino ha bevuto acqua minerale ricca di silicio.

Nel caso in questione il bambino beveva un’acqua minerale con un contenuto di 32mg/L di SiO2.

 

Altre pubblicazioni scientifiche suggeriscono che dei  benefici neurologici possono derivare da qualunque acqua minerale con contenuto di SiO2 superiore ai 30 mg/L , o in maniera equivalente superiore ai 14 mg/L di silicio.

Le cause possono essere molteplici, e l’articolo nota in particolare certi vaccini e un uso prolungato negli anni di latte in polvere

 

In Italia, n commercio ne esistono alcune decine. Il possibile aiuto offerto da queste acque in caso di Alzheimer è stato discusso anche nel nostro Paese.

 

Il meccanismo suggerito è che tale acqua aiuta ad eliminare l’alluminio, che è una sostanza tossica in particolare per il sistema neurologico. Nel caso in questione le analisi delle urine hanno mostrato che il bambino espelleva alluminio nei primi mesi in cui ha bevuto l’acqua minerale, confermando che una certa quantità di alluminio era presente nell’organismo.

 

Infine l’articolo discute le possibili cause che hanno portato il bambino ad essere intossicato con alluminio.
Le cause possono essere molteplici, e l’articolo nota in particolare certi vaccini e un uso prolungato negli anni di latte in polvere, che da un lato contiene alluminio, dall’altro sazia il bambino che cosi mangia meno alimenti naturali.