Trump, Nancy Pelosi lancia l’impeachment

 

 

 

 

 

 

La Speaker della Camera USA Nancy Pelosi ha ancora una volta proferito minacce contro Trump a seguito dell’incontro virtuale del Caucus democratico della Camera di Washington, D.C.

 

«L’Aula manterrà ogni opzione, compreso il 25° emendamento, una mozione di impeachment o una risoluzione privilegiata per l’impeachment»

«Oggi, il Democratic Caucus della Camera ha avuto una conversazione di ore che è stata triste, commovente e patriottica. È stata una conversazione diversa dalle altre, perché ha seguito un’azione diversa dalle altre. È l’auspicio dei deputati che il Presidente si dimetta immediatamente. Ma se non lo fa, ho incaricato il Comitato per le regole di essere pronto a portare avanti la legislazione del 25° emendamento del membro del Congresso Jamie Raskin e una mozione per l’impeachment. Di conseguenza, l’Aula manterrà ogni opzione, compreso il 25° emendamento, una mozione di impeachment o una risoluzione privilegiata per l’impeachment. Con grande rispetto, le nostre deliberazioni continueranno».

 

Poco prima, NBC News aveva riferito di aver ricevuto una bozza degli articoli di impeachment che i Democratici stanno progettando di portare lunedì.

 

Secondo quanto riferito, gli articoli affermano che Trump «si è impegnato in gravi crimini e misfatti incitando all’insurrezione».

 

«Il presidente Trump ha gravemente messo in pericolo la sicurezza degli Stati Uniti e delle sue istituzioni di governo», «si è impegnato in gravi crimini e misfatti incitando all’insurrezione»

«Il presidente Trump ha gravemente messo in pericolo la sicurezza degli Stati Uniti e delle sue istituzioni di governo», si legge nella bozza.

 

«Ha minacciato l’integrità del sistema democratico, ha interferito con la transizione pacifica del potere e messo in pericolo un ramo coordinato del governo. Ha così tradito la sua fiducia come presidente, con evidente danno del popolo degli Stati Uniti».

 

«Pertanto il presidente Trump, con tale condotta, ha dimostrato che rimarrà una minaccia per la sicurezza nazionale, la democrazia e la Costituzione se gli viene permesso di rimanere in carica, e ha agito in modo gravemente incompatibile con l’autogoverno e lo stato di diritto», continua la bozza.

 

«Il presidente Trump, con tale condotta, ha dimostrato che rimarrà una minaccia per la sicurezza nazionale, la democrazia e la Costituzione se gli viene permesso di rimanere in carica

«Il presidente Trump quindi giustifica l’impeachment e il processo, la rimozione dall’incarico e la squalifica per ricoprire e godere di qualsiasi ufficio d’onore, fiducia o profitto sotto gli Stati Uniti».

 

Questi ultimi punti sono in realtà i più importanti: portare Trump all’impeachment significherebbe impedirgli di ritornare presidente tra 4 anni. Si tratta quindi di un’azione strategica che i Democratici (e i Repubblicani…) metterebbero in atto per salvarsi dal ripresentarsi della bionda anomalia nel 2024.

 

Per questa ragione, probabilmente, la Pelosi ha passato le ultime ore a dipingere una situazione di pericolo termonucleare qualora Trump restasse in carica altri 14 giorni (dopo che è vi è stato, senza peraltro dichiarare guerre, per circa 1445 giorni), giustificando questo strambissimo, illogico impeachment in zona Cesarini.

 

La ricchissima deputata di San Francisco ha fatto fuoco e fiamme atomici tirando in ballo anche l’esercito:

«Impedire a un presidente scardinato di usare i codici nucleari (…)impedire a un presidente instabile di avviare ostilità militari o di accedere ai codici di lancio e di ordinare un attacco nucleare. (…) dobbiamo fare tutto il possibile per proteggere il popolo americano dal suo assalto squilibrato al nostro Paese e alla nostra democrazia»

 

«Impedire a un presidente scardinato di usare i codici nucleari: Questa mattina ho parlato con il presidente del Joint Chiefs of Staff Mark Milley per discutere le precauzioni disponibili per impedire a un presidente instabile di avviare ostilità militari o di accedere ai codici di lancio e di ordinare un attacco nucleare. La situazione di questo presidente sconvolto non potrebbe essere più pericolosa, e dobbiamo fare tutto il possibile per proteggere il popolo americano dal suo assalto squilibrato al nostro Paese e alla nostra democrazia»

 

Parole di levità oseremmo dire sublime.

 

Il gioco è quello di evirare ogni ambizione ulteriore di Trump e di coloro che gli resteranno fedeli.

 

La CNN ha già preparato delle liste di proscrizione per gli enabler, termine che la cultura dell’odio del politicamente corretto ha per i supposti «facilitatori» degli abusi.

 

Alcune voci chiedono addirittura programmi di de-radicalizzione di massa per gli elettori trumpisti, magari con una discriminazione aperta (la restrizione delle loro libertà) e magari anche qualche campo di rieducazione

Vari commentatori dicono che tutti coloro che hanno lavorato con Trump dovrebbero mai più trovare lavoro; su Twitter, altre voci chiedono addirittura programmi di de-radicalizzione di massa per gli elettori trumpisti, magari con una discriminazione aperta (la restrizione delle loro libertà) e magari anche qualche campo di rieducazione.

 

Non è fantascienza, questi concetti abissali, degli del nazismo e del maoismo, sono nella testa della gente, persino in quella dei leader. Che la testa, comunque, pare l’abbiano persa definitivamente da un pezzo.