Connettiti con Renovato 21

Spazio

Test di difesa planetaria: la NASA fa schiantare una navicella spaziale contro un asteroide

Pubblicato

il

Il veicolo spaziale Double Asteroid Redirection Test (DART) si è scontrato con l’asteroide Dimorphos per determinare quanto la collisione avrebbe influenzato l’orbita dell’asteroide.

 

Sebbene Dimorphos non rappresenti una minaccia per la Terra, la missione è uno studio per testare una tecnica per deviare il corso di un asteroide che sfreccia verso il nostro pianeta.

 

La navicella spaziale si è schiantata ieri contro Dimorphos alle 23:14 UTC, a circa 6,8 milioni di miglia dalla Terra e viaggiando a quasi 25 mila km/h.

 

L’asteroide ha un diametro di circa 560 piedi, che potrebbe facilmente adattarsi alla parabola da 1.000 piedi dell’Osservatorio di Arecibo.

 

Fa parte di un sistema binario di asteroidi, che ruota attorno al suo vicino più grande, Didymos (in greco «gemello»). Didymos è stato scoperto dal Kitt Peak National Observatory nel 1996 e confermato come un sistema binario dall’Osservatorio di Arecibo nel 2003.

 

 

La navicella DART si è agganciata al bersaglio al momento giusto e la sua telecamera di bordo ha mostrato la visuale mentre accelerava verso l’impatto.

 

Per coloro che hanno assistito all’evento dal vivo, è stato sorprendente vedere chiaramente i massi e le rocce dell’asteroide, pochi minuti prima dell’incidente.

 

Gli scienziati della NASA e della Johns Hopkins University si sono abbracciati e hanno applaudito quando è stato confermato l’impatto di successo di DART con Dimorphos.

 

L’impatto è stato osservabile dalla Terra e ora gli astronomi di tutto il mondo contribuiranno allo studio dei postumi dell’impatto.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Spazio

L’India vuole inserire il proprio sistema di navigazione satellitare negli iPhone

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Si chiama NavIC e il primo ministro Narendra Modi ha chiesto a tutte le grandi aziende hi-tech di inserirlo nei propri smartphone. I colossi tecnologici hanno però lamentato gli alti costi di produzione a cui andrebbero incontro. Nel frattempo l’India ha proposto anche incentivi finanziari per sostituire la Cina come base di produzione.

 

 

 

Apple ha spostato la produzione del nuovo iPhone in India sperando di non avere problemi, ma non aveva fatto i conti con le mire nazionalistiche e da superpotenza del primo ministro Narendra Modi: nei giorni scorsi Delhi ha fatto pressioni sul gigante Usa della tecnologia, Samsung e Xiaomi affinché rendano compatibili i loro smartphone con NavIc, il sistema di navigazione satellitare indiano. I colossi hi-tech però sono restii ad accogliere la richiesta a causa dei costi elevati che richiederebbe la riconversione della produzione.

 

In linea con la spinta all’autosufficienza del premier Modi, dal 2018 l’India ha ampliato l’utilizzo di NavIC (Navigation with Indian Constellation) e limitato l’utilizzo dei sistemi di navigazione stranieri, il più noto dei quali è lo statunitense Global Positioning System (GPS).

 

Anche l’Unione Europea, la Russia e la Cina possiedono i propri sistemi di navigazione satellitare: l’India sta facendo di tutto per essere considerata una superpotenza al pari di queste Nazioni, ma nel caso di NavIC il suo utilizzo al momento è minimo anche a livello interno, essendo obbligatorio solo per lo spostamento dei veicoli pubblici. Solo una ventina di modelli di cellulare lo utilizza.

 

Sono sempre le visioni di grandeur internazionale ad aver spinto l’India ad annunciare un aumento degli incentivi finanziari alle aziende produttrici di di laptop e tablet (Apple in primis) nel tentativo di sostituire la Cina come principale base di produzione. Un piano in realtà già stato proposto l’anno scorso ma che non era riuscito ad attrarre le grandi aziende hi-tech per le dimensioni ridotte dei finanziamenti (900 milioni di dollari).

 

Durante un serie di riunioni tenutesi tra agosto e settembre l’India ha offerto il sostegno dell’agenzia spaziale indiana per modificare l’hardware degli smartphone che saranno venduti a partire da gennaio 2023. Apple, Samsung e Xiaomi hanno declinato la richiesta, ma la questione potrebbe non concludersi qui: Delhi ha sottolineato che il GPS e il russo Glonass sono gestiti dalle agenzie di difesa dei propri Paesi, che potrebbero interromperne la fruizione ai civili da un momento all’altro.

 

Beidou, il sistema cinese, invece, è integrato in oltre il 90% degli smartphone fabbricati in Cina. Il sito web di Apple sostiene che i propri cellulari siano compatibili con tutti i sistemi di navigazione, ragione in più avanzata da Delhi per far inserire anche NavIC.

 

Ma il problema riguarda il costo dei chip dual band che dovrebbero essere installati per rendere gli smartphone compatibili anche il sistema satellitare indiano oltre al Gps: Samsung e Xiaomi – che insieme rappresentano il 38% del mercato indiano degli smartphone e riescono a tenere il prezzo dei loro prodotti a meno di 200 dollari a pezzo in India – sono riluttanti a sborsare costi elevati per piccole componenti aggiuntive che, almeno per ora, non promettono grandi ritorni.

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

Spazio

«Il Concilio è stato un fallimento»: se il New York Times attacca il Vaticano II

Pubblicato

il

Da

Ross Douthat è considerabile come la foglia di fico «conservatrice» del New York Times: egli cioè ricopre il ruolo di editorialista non-liberal in un giornale, che è il principale a livello mondiale, da sempre goscista e divenuto negli ultimi anni addirittura estremista.

 

Il Douthat è un personaggio interessante. Classe 1979, si è laureato nella prestigiosa università di Harvard, prima di dedicarsi al blogging e di sostituire al NYT, come columnist non-di-sinistra, il necon Bill Kristol.

 

Nato protestante, divenuto pentescostale da adolescente, si è convertito assieme a tutta la famiglia al Cattolicesimo in età adulta. Douthat scrive di temi sociali e religiosi, ed è nota la sua tesi secondo la Cristianità negli USA sta attraversando una fase di «decadenza sostenibile». Nemico di Donald Trump (caratteristica che costituirebbe una linea rosse anche per una foglia di fico), il Douthat ha dimostrato enorme coraggio di recente uscendo con una serie di articoli e un libro sulla sua lancinante esperienza con il morbo di Lyme, e con il sollievo che ha ricevuto da tipo di cure non ortodosse come la macchina Rife.

 

Il mondo cattolico anche italiano scoprì Douthat quando nel 2015 scrisse un editoriale in cui di fatto attaccava papa Francesco, considerato a capo di una «trama per cambiare il Cattolicesimo».

 

Ora l’editorialista americano se ne esce con un articolo intitolato «Come i cattolici sono diventati prigionieri del Vaticano II» dove, con la tecnica del «panino» (l’argomento principale messa tra due fette la rendano commestibile) arrivare a scrivere sul giornale più importante del pianeta qualcosa di indicibile: «Il Concilio è stato un fallimento».

 

Tale frase è perfino messa in corsivo nel testo originale inglese. Poco prima, il giornalista aveva scritto che «il Concilio era necessario».

 

«Forse non nella forma esatta che assunse, un concilio ecumenico che convocasse tutti i vescovi di tutto il mondo, ma nel senso che la Chiesa del 1962 aveva bisogno di significativi adattamenti, di un significativo ripensamento e di una riforma» scrive Douthat nella fetta inferiore del panino. «Questi adattamenti dovevano guardare al passato: la morte della politica del trono e dell’altare, l’ascesa del liberalismo moderno e l’orrore dell’Olocausto richiedevano tutte risposte più complete da parte della chiesa. E dovevano anche essere lungimiranti, nel senso che il cattolicesimo dei primi anni Sessanta aveva appena cominciato a fare i conti con la globalizzazione e la decolonizzazione, con l’era dell’informazione e le rivoluzioni sociali provocate dall’invenzione della pillola contraccettiva».

 

Tuttavia «solo perché un momento richiede la reinvenzione non significa che una serie specifica di reinvenzione avrà successo, e ora abbiamo decenni di dati per giustificare una seconda affermazione incapsulante: il Concilio è stato un fallimento». Ecco il companatico, il vero contenuto del pasto.

 

La condanna è netta come nemmeno è possibile leggere in tutte le pubblicazioni del cattolicesimo conservatore di ogni latitudine.

 

Sì: il Concilio Vaticano II ha fallito.

 

«Questa non è un’analisi truculenta o reazionaria. Il Concilio Vaticano II ha fallito nei termini stabiliti dai suoi stessi sostenitori. Doveva rendere la Chiesa più dinamica, più attraente per le persone moderne, più evangelistica, meno chiusa, stantia e autoreferenziale. Non ha fatto nessuna di queste cose. La chiesa declinò ovunque nel mondo sviluppato dopo il Vaticano II, sotto i papi conservatori e liberali allo stesso modo, ma il declino fu più rapido dove l’influenza del Concilio era più forte».

 

«La nuova liturgia avrebbe dovuto impegnare maggiormente i fedeli nella Messa; invece, i fedeli hanno iniziato a dormire la domenica ea rinunciare al cattolicesimo per la quaresima. La Chiesa ha perso gran parte dell’Europa a causa del secolarismo e gran parte dell’America Latina a causa del pentecostalismo: contesti e sfidanti molto diversi, ma risultati sorprendentemente simili».

 

Si tratta di verità conosciute dal mondo tradizionalista, che ricorda l’avvertimento attribuito a papa San Pio X: se spalancate le porte della Chiesa, quelli che stanno dentro usciranno, e quelli che stanno fuori non entreranno. Possiamo dire che lo stiamo vedendo in diretta con il papato dell’argentino.

 

La crisi cattolica è sotto gli occhi di tutti da decenni, e ora più che mai.

 

«Non c’è nessuna intelligente razionalizzazione, nessuna schematica intellettuale, nessuna sentenziosa propaganda vaticana – un tipico documento recente si riferisce al “sostentamento vivificante fornito dal Concilio”, come se fosse l’eucaristia stessa – che può eludere questa fredda realtà» scrive con onestà il columnist., che quindi procede alla fetta di panino superiore, come a cercare di dare digeribilità alla cosa gigantesca che ha appena scritto.  «Nessuno può eludere nemmeno la terza realtà: il Concilio non può essere annullato». Va bene Ross, ma intanto il danno lo hai fatto: hai detto che il re – il papa-re, o il vescovo di Roma-re, il vescovo di Roma-presidente, insomma ci siamo capiti – è ignudo.

 

Continua:

 

«Anche se i cambiamenti del Concilio non hanno alterato ufficialmente la dottrina, riscrivere e rinnovare così tante preghiere e pratiche ha inevitabilmente portato i cattolici ordinari a chiedersi perché un’autorità che improvvisamente si è dichiarata fuorviata su così tanti fronti diversi potesse ancora essere attendibile per parlare a nome di Gesù Cristo stesso».

 

E infine:

 

«La Chiesa deve convivere con il Vaticano II, lottare con esso, risolvere in qualche modo le contraddizioni che ci ha lasciato in eredità, non perché sia ​​stato un trionfo ma proprio perché non lo è stato: il fallimento getta un’ombra più lunga e duratura, a volte, del successo».

 

Che dire, tanta roba davvero.

 

Tuttavia, c’è solo un passaggio che vogliamo commentare ulteriormente. «Il lavoro dello storico francese Guillaume Cuchet, che ha studiato l’impatto del Vaticano II sulla sua Nazione un tempo profondamente cattolica, suggerisce che furono la portata e la velocità delle riforme del Concilio, così come qualsiasi sostanza particolare, a mandare in frantumi la lealtà cattolica e ad accelerare la declino» scrive Douthat.

 

Ebbene, noi crediamo da sempre che il danno del Concilio Vaticano II vada ben oltre il decremento della lealtà alla Chiesa nei Paesi una volta cattolici. Cambiare le preghiere e gli insegnamenti, cambiare la lingua, cambiare soprattutto la liturgia non ha solo modificato il numero di credenti e praticanti della Chiesa cattolica. Ha cambiato, profondamente, il mondo intero.

 

Perché togliendo la religione dall’anima delle persone, giocoforza si è reso il mondo peggiore – si è resa l’umanità più cattiva. Pensate: guerre insensate, dolore e devastazione nelle famiglie, più forse più di un miliardo di esseri umani uccidere prima di nascere, e adesso il treno della riprogrammazione biotecnologica dell’essere umano sul quale il Vaticano bergogliano, tra vaccini mRNA e bioingegneria, è salito subito.

 

Se togli Cristo (o lo annacqui, ne dai una visione distorta) chi credi che venga a prenderne il posto?

 

Vladimir Putin usa dire che il crollo dell’URSS è «la più grande catastrofe geopolitica del Novecento». Il presidente russo, per una volta, si sbaglia di grosso: è il Concilio Vaticano II la più catastrofe del XX secolo, e del XXI, e di sempre.

 

Perché, come nessun altro evento della storia, ha modificato il codice sorgente dello spirito umano, privandolo del timore di Dio, e quindi della saggezza del bene (timor dei est initium sapientiae) e quindi di Dio stesso. Il mondo ora è in guerra – e abbiamo fatto analisi profonde sui motivi di questo – perché, con evidenza, a  il Concilio ha nascosto Dio, ne ha disabilitato la linea di codice nel programma delle mente di un miliardo e passa di persone.

 

Quindi, sì: il Concilio Vaticano II non solo è stato un fallimento. Il Concilio Vaticano II ha liberato l’Inferno sulla terra. Portando, nel mentre, al racconto funzionale per cui appunto l’Inferno non esiste.

 

Si dice: il più grande capolavoro del demonio è quello di far credere agli uomini che non esiste.

 

Quindi, chi è il vero autore del Concilio?

 

E cosa ha ottenuto da esso? Guardatevi intorno e capitelo voi stessi.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

Continua a leggere

Spazio

Scienziato governativo svizzero dice che siamo in procinto di scoprire la vita aliena

Pubblicato

il

Da

Uno scienziato impiegato dal governo svizzero, il dottor Sascha Quanz dell’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia, ha fatto un’audace previsione sulla scoperta della vita aliena e il suo ragionamento sembra piuttosto convincente. Lo riporta Space.com.

 

Il Quanz ha affermato che è probabile che gli esseri umani possano scoprire la vita al di là del nostro pianeta entro i prossimi 25 anni.

 

«Nel 1995, il mio collega [e vincitore del Premio Nobile] Didier Queloz ha scoperto il primo pianeta al di fuori del nostro sistema solare», ha detto Quanz durante l’apertura del nuovo Centro per l’origine e la prevalenza della vita dell’istituto all’inizio di settembre.

 

«Oggi sono conosciuti più di 5.000 esopianeti e li stiamo scoprendo ogni giorno».

 

Di queste migliaia di esopianeti, si ritiene che alcune dozzine siano almeno potenzialmente abitabili, con le giuste condizioni per l’acqua allo stato liquido sulla loro superficie.

 

L’esperto svizzero nota che questo numero di esoplaneti di cui l’umanità ha ora contezza è in continua crescita.

 

«Dobbiamo studiare le atmosfere di questi pianeti», ha dichiarato il professore. «Abbiamo bisogno di un approccio di osservazione che ci permetta di scattare foto di questi pianeti».

 

Sebbene il James Webb Space Telescope abbia già catturato immagini sorprendenti di un gigantesco esopianeta, il suo obiettivo principale sono le immagini delle stelle e, come ha detto Quanz, non è «abbastanza potente» per catturare immagini di esopianeti più piccoli.

 

È qui che arrivano due dei progetti dell’astrofisico; un gigantesco strumento terrestre in fase di sviluppo come aggiunta all’Extremely Large Telescope attualmente in costruzione in Cile e una missione dell’Agenzia spaziale europea per studiare le atmosfere degli esopianeti alla ricerca di segni di vita extraterrestre.

 

Quest’ultima missione, nota come Large Interferometer for Exoplanets (LIFE), concepita nel 2017, è ancora alle fasi preliminari e non ha ancora ricevuto né l’approvazione né il finanziamento dell’ESA, osserva il sito Space.com.

 

Tuttavia, il Quanz ha caratterizzato il programma LIFE come un «candidato per una futura grande missione all’interno del programma scientifico dell’ESA». Di per sé un enorme passo avanti per la ricerca della comunità della vita intelligente (SETI), che ultimamente sta guadagnando sempre più consensi per le sue attività di ricerca. 

 

L’esobiologo elvetico ha inoltre dato alla sua ricerca di vita al di fuori del nostro sistema solare una scadenza di 25 anni, che secondo lui non è «irrealistica».

 

«Non c’è garanzia di successo», ha detto il ricercatore. «Ma impareremo altre cose lungo la strada».

 

Come riportato da Renovatio 21, secondo il capo di Roskosmos (l’Agenzia Spaziale Russa), Dmitry Rogozin, la vita su altri pianeti esiste sicuramente e probabilmente include forme di vita più sviluppate e avanzate di quelle sulla Terra.

 

Il russo non ha escluso che la Terra sia già sotto osservazione extraterrestre e che gli attuali livelli della tecnologia umana e della comprensione della scienza potrebbero semplicemente non essere abbastanza avanzati allo stadio attuale per rendersene conto.

 

«Non siamo gli unici che possono studiare i microbi, ma possiamo essere studiati come i microbi», aveva scherzato, non si sa fino a che punto, il Rogozin, che ora ha cambiato mestiere.

 

Interessante anche il recente paper pubblicato dal ricercatore spagnuolo Alberto Caballero, il quale ha calcolato matematicamente che nella nostra galassia, vi sono almeno quattro civiltà aliene potenzialmente «dannose», cioè razze aliene a noi probabilmente ostili.

 

Come cantava un gruppo brianzolo degli anni Novata, pare che oramai sia «praticamente òvvio / che esistano altre forme di vita».

 

 

Continua a leggere

Più popolari