Connettiti con Renovato 21

Scienza

Storia degli orrori commessi in nome della scienza

Pubblicato

il

 

 

«Fidati della scienza» ci dicono in continuazione. Solo la scienza è il deposito della verità. Solo la scienza ha ragione. Solo la scienza va ascoltata. La «scienza» è la cosa migliore per l’essere umano. La scienza deve quindi guidare la società, la scienza è l’unica etica possibile per lo Stato moderno (che, quindi, è uno «Stato etico»…)

 

Un recente libro uscito in America, The Icepick Surgeon: Murder, Fraud, Sabotage, Piracy, and Other Vile Deeds Perpetered in Name of Science («Il chirurgo con il rompighiaccio: omicidio, frode, sabotaggio, pirateria e altri atti vili perpetrati in nome della scienza») ci dà una mano a capire meglio la faccenda, con qualche esempio bello illuminante.

 

William Dampier, un inglese diventato bucaniere (la classe di pirati meno rispettabile). Dampier ha scelto la sua carriera per sostenere il suo insaziabile interesse per la biologia, e le sue note sul campo rivelano un uomo facilmente distratto dall’attività di razziare una città dalla sua gioia nello scoprire pappagalli colorati.

 

Naturalista e rinomato navigatore, la sua ricerca ha gettato le basi per le teorie di Charles Darwin e ha aggiunto più di 1.000 citazioni all’Oxford English Dictionary.

 

Solo la scienza è il deposito della verità. Solo la scienza ha ragione. Solo la scienza va ascoltata. La «scienza» è la cosa migliore per l’essere umano. La scienza deve quindi guidare la società, la scienza è l’unica etica possibile per lo Stato moderno (che, quindi, è uno «Stato etico»…)

Lungo il percorso, ha derubato e ucciso varie persone. Ma rimane scienziato.

 

Burke e Hare erano invece dei tombaroli scozzesi che uccidevano i poveri e i solitari per fornire i corpi dell’anatomista Robert Knox. Il duo nei Paesi anglofoni è rinomato, tuttavia non è noto ai più il contesto della loro attività: nella corsa frenetica per fornire alle università cadaveri freschi, bande rivali si contendevano i corpi durante le impiccagioni pubbliche. Altro particolare che sconvolge i benpensanti:  una recente revisione dei casi ha scoperto che 10 autopsie su 36 sono iniziate su corpi i cui cuori battevano ancora.

 

Beh, qui le cose non sono molto cambiate: lo squartamento a cuor battente non avviene per autopsia ma per quella cosa chiamata «donazione degli organi» (cioè: predazione degli organi), che, come sa il lettore di Renovatio 21, può avvenire praticamente solo a cuor battente, tanto che al «morto» si pratica l’anestesia – provate a venire a capo della storia del curaro fatto ad un cadavere, è difficile come un enigma zen, o come l’idea inscalfibile che i vaccinati devono temere il contagio dai non vaccinati.

 

C’è poi il caso del chirurgo rompighiaccio dal titolo del libro.

 

Walter Freeman ha fatto per le lobotomie quello che Henry Ford ha fatto per le auto: ha semplificato il processo e le ha rese accessibili alle masse. La sua «innovazione»: invece di perforare la parte superiore della testa, infilava semplicemente un rompighiaccio nell’orbita dell’occhio e lo ha fatto oscillare avanti e indietro fino a quando non recideva  il sistema limbico che collega il lobo frontale al resto del cervello. Il metodo era così semplice che la maggior parte poteva essere completata in meno di 20 minuti, con l’unica ferita visibile di due occhi neri. Il Freeman si aggirava per il paese come un evangelista, visitando i manicomi e propagandando le lobotomie come cura miracolosa. Egli arrivava ad eseguire ogni dì più o meno una mezza dozzina di operazioni di lobotomia con rompighiaccio attraverso l’occhio.

 

La tecnica di Freeman ha ucciso un certo numero di persone, ma pazienza: giuste morti sacrificate sull’altare della scienza, come quelli che spirano poco dopo il vaccino

La tecnica di Freeman ha ucciso un certo numero di persone, ma pazienza: giuste morti sacrificate sull’altare della scienza, come quelli che spirano poco dopo il vaccino. Secondo la filosofia utilitarista, divenuta unico vero sistema operativo della politica mondiale, tali morti sono più che accettabili, sono inevitabili, sono il fondamento stesso della società del Progresso e della felicità massimizzata.

 

C’è poi il caso  del professore di Harvard Henry Murray.

 

Murray, un junghiano propenso alla bigamia, aveva progettato un esperimento psicologico deliberatamente crudele che infliggeva brutali abusi verbali ai suoi soggetti volontari: in pratica le cavie dell’esperimento venivano ridicolizzate e offese fino a che la loro psiche non sarebbe crollata. Dietro a questa crudele follia, a quanto pare, c’era il progetto della CIA chiama MK-Ultra, che cercava forme di controllo mentale e di «rottura» delle mente delle spie del blocco sovietico.

 

Uno studente di Harvard, un giovane genio matematico che a 17 anni ha richiesto il permesso dei genitori per partecipare allo studio, ha sopportato più di 200 ore di ridicolo selvaggio e inutile. Il nome del giovane era Theodore Kaczynski, l’uomo che in seguito divenne Unabomber. La storia è dettagliata benissimo nella serie TV sul caso Manhunt: Unabomber.

Secondo la filosofia utilitarista, divenuta unico vero sistema operativo della politica mondiale, tali morti sono più che accettabili, sono inevitabili, sono il fondamento stesso della società del Progresso e della felicità massimizzata

 

L’autore del libro, Sam Kean, ricorda come i medici tedeschi furono tra i primi professionisti ad aderire al partito nazista, e lo fecero in gran numero.

 

Durante la guerra, hanno eseguito innumerevoli esperimenti altamente immorali che hanno portato a conoscenze mediche che ora vengono definite «problematiche» ma che la comunità scientifica oggi ritiene «preziose», come nel caso dell’ipotermia: i medici nazisti semplicemente lasciavano assiderare gli ebrei e ne studiavano poi i corpi.

 

Sappiamo dove finirono alcuni di questi dottori: a Norimberga. Ne impiccarono sette, su ventitré. Nessuno pare realizzarlo davvero oggi che il mondo tutto è divenuto un lager, e che la quasi totalità dei medici è collaborazionista con il più grande esperimento medico mai operato sugli esseri umani.

 

 

 

 

 

PER APPROFONDIRE
Abbiamo parlato di


In affiliazione Amazon

Continua a leggere

Scienza

Immortalità: i super-ricchi della Silicon Valley finanziano un misterioso laboratorio

Pubblicato

il

Da

 

 

Una nuova, misteriosa startup della Silicon Valley dedicata alla ricerca anti-aging sta ottenendo importanti finanziamenti dai super ricchi.

 

Secondo il MIT Technology Review, Altos Labs, una società di «riprogrammazione biologica», starebbe attirando grandi investitori come il CEO di Amazon, Jeff Bezos. Tra coloro che hanno aperto il portafogli vi sarebbe anche l’interessante miliardario russo-israeliano Yuri Milner, già investitore early di startup divenute colossali come Facebook, Zynga, Twitter, Groupon, Xiaomi, Airbnb, Whatsapp e la società di analisi del DNA al consumatore 23andMe.

 

L’azienda sta attualmente attirando alcuni dei migliori scienziati del mondo offrendo loro lauti stipendi e promettendogli campo libero riguardo la ricerca anti-invecchiamento. 

 

Alcuni scienziati che partecipano e si uniscono a questo progetto destano qualche lecita perplessità. 

 

Alcuni scienziati che partecipano e si uniscono a questo progetto destano qualche lecita perplessità.

Juan Carlos Izpisúa Belmonte, biologo del californiano Salk Institute di La Jolla (istituto creato dal pioniere del controverso vaccino antipolio Jonas Salk) è tra i tanti scienziati che faranno parte della Altos.

 

Izpisúa Belmonte ha fatto scrivere i giornali nel 2017 quando ha iniziato la ricerca sulla creazione di una chimera umano-suina.

 

Shinya Yamanaka, studioso delle staminali non embrionali e vincitore del premio Nobel per la sua ricerca sull’inversione dell’invecchiamento nelle cellule, si unirà anche come presidente del comitato consultivo scientifico di Altos. 

 

La «riprogrammazione biologica» è un metodo per ringiovanire le cellule che potrebbe essere la chiave dell’immortalità. Come nota Futurism, sebbene ci siano numerose startup di riprogrammazione, nessuna di esse ha il supporto che Altos Labs può vantare in questo momento. 

 

Il MIT Technology Review riferisce che non ci saranno obiettivi difficili o scadenze per i ricercatori di Altos e l’azienda cercherà di creare una «grande scienza», tipo quella di oggi che pontifica su vaccini miracolosi e che fa sfoggio della sua unidirezionalità di pensiero in ogni salottino televisivo, screditando con ogni mezzo lecito o illecito qualunque illustre scienziato provi a dissentire o a porre ragionevoli dubbi.

 

Nel 2010 uscì la notizia che Berluscono e l’allora patron del San Raffaele Don Verzè stavano lavorando ad un centro di ricerca sull’allungamento della vita

Non sorprende di certo che i super ricchi e potenti del mondo abbiano un notevole interesse nel cercare di vivere il più a lungo possibile: il transumanismo, del resto, è di casa nella Silicon Valley. Il grande venture capitalist Peter Thiel, geniale inventore di PayPal e primo investitore di Facebook nonché fiancheggiatore del primo Trump, non ne ha mai fatto mistero. 

 

Come riportato da Renovatio 21, l’idea della possibilità di ottenere materialmente la vita eterna è un’idea molto diffusa presso i ricchi della Silicon Valley, che hanno sempre i fondi per finanziere ricerche scientifiche di questo tipo. Anche l’Italia aveva una sua via al miliardario immortale: Silvio Berlusconi.

 

Nel 2010 uscì la notizia che l’allora patron del San Raffaele Don Verzè stava lavorando ad un centro di ricerca sull’allungamento della vita. «Al progetto Berlusconi crede fermamente: “Guardate che i 120 anni sono l’età media che tutti potranno raggiungere”» scrisse Il Tempo. L’idea, discussa varie volte da Berlusconi in pubblico, fu ufficializzata durante la festa del compleanno del Don Verzè pre-crash del San Raffaele. 

 

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Ricerche sui feti: università americana assume un investigatore indipendente

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Per mesi l’Università di Pittsburgh è stata messa sotto pressione da gruppi pro-vita per i suoi programmi di ricerca sui tessuti fetali. Ci sono state accuse secondo cui gli scienziati di UPitt hanno prelevato i reni di bambini non ancora nati mentre i loro cuori stavano ancora battendo.

 

L’Università ha negato con fermezza ogni addebito.

 

Ci sono state accuse secondo cui gli scienziati di UPitt hanno prelevato i reni di bambini non ancora nati mentre i loro cuori stavano ancora battendo

«Come abbiamo ripetutamente notato, l’Università di Pittsburgh non esegue procedure mediche e non fa parte del processo di raccolta dei tessuti», ha detto a Fox News ad agosto David Seldin, vice cancelliere di Pitt per la stampa.

 

«Tutta la ricerca dell’Università è strettamente controllata per garantire il rispetto di leggi e regolamenti federali e statali rigorosi e rigorosi».

 

All’inizio di questo mese l’Università ha compiuto l’insolita iniziativa di assumere un investigatore esterno per dimostrare che le sue pratiche di ricerca rientrano nei limiti della legge. Ha assunto  uno studio legale rispettato di Washington DC, Hyman Phelps & McNamara.

 

«La ricerca sui tessuti fetali è soggetta a solidi controlli interni a Pitt e altamente regolamentata a livello statale e federale», ha affermato una dichiarazione dell’UPitt.

 

«L’Università conduce regolarmente revisioni per garantire che le sue attività di ricerca – in tutte le aree di ricerca — siano conformi alle politiche interne e a tutte le leggi federali e statali pertinenti».

Un deputato statale repubblicano ha dichiarato di non voler spendere i soldi dei contribuenti per un’università che commette atrocità «deplorevoli, grottesche e moralmente offensive» in nome della ricerca sui bambini abortiti

 

La ricerca sui tessuti fetali è diventata un parafulmine per le controversie politiche.

 

Secondo il Pittsburgh Post-Gazette, un deputato statale repubblicano ha dichiarato di non voler spendere i soldi dei contribuenti per un’università che commette atrocità «deplorevoli, grottesche e moralmente offensive» in nome della ricerca sui bambini abortiti. La sua reazione ha ricalcato le accuse mosse contro l’Università.

 

«Di fronte a un’implacabile raffica di attacchi senza fondamento, l’Università di Pittsburgh sta combattendo le bugie in malafede con apertura e onestà», ha affermato Dan Frankel, rappresentante del governatore dello stato nel consiglio di amministrazione di UPitt.

 

«Ho piena fiducia che la scuola si dimostrerà ciò che è sempre stata: un campione per la scienza e la ricerca».

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Scienza

6 fatti indiscutibili suggeriscono che il COVID sia fuoriuscito dal laboratorio di Wuhan

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

Il mese scorso, durante l’audizione del sottocomitato per la supervisione e la riforma della Camera sull’emergenza coronavirus, due scienziati hanno presentato prove che inducono a credere che il SARS-CoV-2 sia fuoriuscito da un laboratorio a Wuhan, in Cina.

 

In breve:

  • La testimonianza di due scienziati si aggiunge alle prove che chiariscono l’origine di COVID-19, che ritengono fuoriuscito da un laboratorio di Wuhan, in Cina, a seguito di una controversa ricerca sul guadagno di funzione (GOF).

 

  • Non ci sono prove a sostegno della teoria secondo cui il SARS-CoV-2 sia emerso da un mercato alimentare in Cina e non è stato trovato alcun ospite animale o trasmissione diffusa da animale a uomo.

 

  • Il SARS-CoV-2 ha un innesco unico sulla superficie chiamato sito di clivaggio della furina e un codice univoco nei geni per quel sito chiamato dimero CGG-CGG: questi marcatori non esistono nei coronavirus naturali, ma sono noti per essere stati usati nella ricerca del GOF.

 

  • Il SARS-CoV-2 è stato preadattato per una trasmissione ottimale da uomo a uomo, altro segno della ricerca sul GOF.

 

 

 

Due scienziati sono stati chiamati a testimoniare all’audizione del sottocomitato per la sorveglianza e la riforma della Camera sulla crisi del coronavirus, tenutasi il 29 giugno.

 

La loro testimonianza aggiunge prove che chiariscono l’origine del COVID-19, che ritengono sia fuoriuscito da un laboratorio di Wuhan, in Cina, a seguito di una controversa ricerca sul guadagno di funzione (GOF).

 

Molti hanno affermato che non conosceremo mai veramente l’origine, a meno che la Cina confessi o un informatore si faccia avanti. Ma come Richard Muller, professore emerito di fisica presso l’Università della California, Berkeley, ha dichiarato durante la sua testimonianza, «abbiamo un informatore, il virus stesso».

 

Muller, che ha lavorato a progetti scientifici vincitori di premi Nobel, afferma che il virus, uscito dalla Cina, portava con sé informazioni genetiche sulle sue origini.

 

«Nella mia mente, ci sono cinque serie convincenti di prove scientifiche che ci consentono di giungere a questa conclusione molto forte che, sì, si trattava di una fuga di laboratorio», ha detto Muller.

 

Il dottor Steven Quay, il primo scienziato a testimoniare, è giunto alla stessa conclusione che il COVID-19 ha un’origine di laboratorio, basata su «sei fatti indiscussi che supportano questa ipotesi».

 

Segue un riassunto delle prove, che esaminano in dettaglio nel video sopra, nella speranza che, rivelando la vera origine di COVID-19, possiamo aiutare a prevenire future pandemie e le relative perdite di vite umane.

 

 

«Potrebbero provenire dal nostro laboratorio?»

Quay è un medico e scienziato con un’esperienza impressionante, tra cui centinaia di articoli pubblicati che sono stati citati più di 10.000 volte. Quay detiene 87 brevetti in 22 diversi campi della medicina, ha inventato sette farmaci approvati dalla FDA e crede che il SARS-CoV-2 provenga da un laboratorio in Cina.

 

Di recente ho intervistato il Dr. Quay e pubblicheremo presto l’intervista. Ma nel suo documento di ricerca di 140 pagine, che è più simile a un libro, sostiene con forza che non c’è praticamente alcuna possibilità che il virus SARS-CoV-2 provenga dalla natura.

 

Quanto improbabile? Immagina tutti gli atomi dell’universo e poi immagina di provare a trovare lo stesso atomo due volte. Avresti più probabilità di ritrovare lo stesso atomo due volte che di trovare il SARS-CoV-2 in natura.

 

Già il 30 dicembre 2019 c’erano segnali. Questo è stato il giorno in cui Shi Zhengli, Ph.D., direttrice del Centro per le malattie infettive emergenti dell’Istituto di virologia di Wuhan (WIV), nota anche come «batwoman», è stata informata di un nuovo coronavirus che aveva causato un focolaio di polmonite casi vicini al WIV.

 

«Potrebbero provenire dal nostro laboratorio?» si è domandata Shi, che ha studiato i virus trasmessi dai pipistrelli dal 2004, compresi i coronavirus simili alla SARS. Da allora, hanno continuato ad accumularsi prove secondo cui il COVID-19 è probabilmente emerso da un laboratorio in Cina dopo aver subito una sorta di manipolazione per incoraggiare l’infettività e la patogenicità negli esseri umani, nota come ricerca sul guadagno di funzione (GOF).

 

Secondo Quay:

 

«Negli ultimi 18 mesi abbiamo appreso molto sull’origine della pandemia, ma una delle mie frustrazioni è che i virologi e gli scrittori scientifici di tutto il mondo sembrano voler ignorare ciò che è stato appreso e l’inevitabile conclusione che rivela».

«Per quanto scomode, credo che le prove stabiliscano in modo conclusivo che la pandemia di COVID non sia stata un processo naturale, ma provenga invece da un laboratorio di Wuhan, in Cina, e che abbia le impronte digitali della manipolazione genetica per la ricerca sul guadagno di funzione»

 

«Per quanto scomode, credo che le prove stabiliscano in modo conclusivo che la pandemia di COVID non sia stata un processo naturale, ma provenga invece da un laboratorio di Wuhan, in Cina, e che abbia le impronte digitali della manipolazione genetica per la ricerca sul guadagno di funzione».

 

 

Quay: sei fatti indiscussi suggeriscono che il Covid sia fuoriuscito dal laboratorio

 

Quay ha dichiarato che sei fatti indiscussi supportano l’ipotesi che SARS-CoV-2 sia fuoriuscito da un laboratorio.

 

1) Il COVID non è iniziato in un mercato del pesce

Nei primi giorni dell’epidemia, la Cina aveva detto al mondo che la pandemia di COVID-19 era iniziata al mercato del pesce di Hunan, un mercato umido a Wuhan, perché metà dei casi iniziali erano associati con quella posizione. Ciò ricorda altri focolai di coronavirus, tra cui il SARS-Cov-1 (SARS) e la Sindrome Respiratoria del Medio Oriente (MERS), entrambi iniziati nei mercati degli animali.

 

Tuttavia, «dopo 18 mesi, sappiamo che [il COVID-19] non è iniziato in un mercato di Wuhan per tre motivi», ha detto Quay. Innanzitutto, nessuno dei primi pazienti COVID del mercato dell’Hunan è stato infettato dalla prima versione del virus, il che significa che quando sono arrivati al mercato, erano già infetti.

 

1) Il COVID non è iniziato in un mercato del pesce

«Quattro pazienti con la prima versione del virus avevano una cosa in comune», ha detto Quay. «Nessuno aveva frequentato il mercato».

 

In secondo luogo, nessuno dei campioni ambientali prelevati dal mercato mostrava tracce del primo virus, il che significa che sono anche entrati nel mercato già infetti.

 

«Quattro pazienti con la prima versione del virus avevano una cosa in comune», ha detto Quay. «Nessuno aveva frequentato il mercato».

Inoltre, sono stati testati 457 animali provenienti dal mercato di Hunan e tutti sono risultati negativi al COVID. Sono stati testati altri 616 animali provenienti da fornitori del mercato di Hunan e tutti sono risultati negativi.

 

Anche gli animali selvatici della Cina meridionale, 1.864 dei quali, del tipo trovato nel mercato di Hunan, sono stati testati e sono risultati negativi al virus.

 

 

2) Il virus non è stato trovato nessun animale ospite

Gli scienziati hanno testato 80.000 campioni di 209 specie diverse, ma il virus SARS-CoV-2 non è stato rilevato in nessun esemplare.

 

«Questa probabilità per un’infezione acquisita in comunità è di circa 1 su un milione», ha detto Quay. «Invece è quello che ti aspetteresti da un’infezione derivata da un laboratorio».

 

3) Nessun caso di COVID è stato rilevato nei campioni di sangue prima del 29 dicembre

 Se il virus fosse emerso naturalmente da un animale selvatico, probabilmente un piccolo numero di casi sarebbe già stato in circolazione. Ma, «dopo aver testato 9.952 campioni di sangue umano conservati dagli ospedali di Wuhan prima del 29 dicembre, non c’era un solo caso di COVID in nessun campione», ha detto Quay.

 

«Ci si aspettava che tra 100 e 400 sarebbero stati positivi. Anche la probabilità che ciò avvenga per un’infezione acquisita in comunità è di circa 1 su un milione, ma è quello che ci si aspetta per un’infezione generata in laboratorio».

 

4)Nessuna prova di trasmissioni multiple da animale a uomo

Con precedenti epidemie di coronavirus come SARS e MERS, dal 50% al 90% dei primi casi erano chiaramente collegati a varie infezioni da animale a uomo. Per il SARS-CoV-2, 249 casi iniziali di COVID-19 sono stati esaminati geneticamente ed erano tutti trasmessi da uomo a uomo.

 

Riguardo l’infezione acquisita in comunità, Quay ha affermato: «questa è la probabilità di lanciare una moneta 249 volte e ottenere testa ogni volta. Invece, questo è quello che ci si aspetta da un’infezione derivata da un laboratorio».

 

5) Il SARS-CoV-2 ha due fattori unici che indicano il GOF

Il SARS-CoV-2 ha un trigger unico sulla superficie chiamato sito di clivaggio della furina e un codice univoco nei geni per quel sito chiamato dimero CGG-CGG. «Si tratta di due livelli indipendenti di unicità», ha osservato Quay.

 

La furina è un gene di codifica delle proteine che attiva determinate proteine tagliando sezioni specifiche.

 

Per entrare nelle cellule, il virus deve prima legarsi a un recettore ACE2 o CD147 sulla cellula.

 

Successivamente, la subunità proteica spike S2 deve essere scissa (tagliata) proteoliticamente. Senza questa scissione proteica, il virus si attaccherebbe semplicemente al recettore e non andrebbe oltre.

 

«Il sito della furina è il motivo per cui il virus è così trasmissibile e perché invade il cuore, il cervello e i vasi sanguigni», ha spiegato Quay.

 

Mentre i siti di scissione della furina esistono in altri virus come Ebola, HIV, Zika e febbre gialla, non si trovano naturalmente nei coronavirus, motivo per cui i ricercatori hanno chiamato il sito di scissione della furina la «pistola fumante» che dimostra che il SARS-CoV-2 è stato creato in un laboratorio».

 

L’intero gruppo di coronavirus a cui appartiene SARS-CoV-2 non contiene un singolo esempio di sito di scissione della furina o codice CGG-CGG

L’intero gruppo di coronavirus a cui appartiene SARS-CoV-2 non contiene un singolo esempio di sito di scissione della furina o codice CGG-CGG, ha affermato Quay.

 

L’analisi bayesiana di Quay sulle origini del SARS-CoV-2 ha rivelato che trovare una coppia di codoni CGG-CGG nel sito della furina del SARS-CoV-2 è «un evento altamente improbabile» e questo può essere utilizzato per regolare la probabilità che il SARS-CoV -2 sia di origine zoonotica solo dello 0,5%, mentre la probabilità di origine di laboratorio è del 99,5%.

 

Inoltre, dal 1992, WIV e altri laboratori in tutto il mondo hanno inserito ripetutamente siti di furina nei virus come parte degli esperimenti sul guadagno di funzione.

 

«È l’unico metodo sicuro che funziona sempre e li rende sempre più contagiosi», ha detto Quay. Il WIV era anche noto per l’ampio uso di coppie di codoni CGG-CGG.

 

Quay ha scritto nella sua analisi:

 

«Gli scienziati dell’Istituto di virologia di Wuhan hanno fornito alla comunità scientifica un bollettino tecnico su come realizzare inserti genetici nei coronavirus e hanno proposto di utilizzare lo stesso strumento che avrebbe inserito questo codone CGGCGG».

 

6) Il SARS-CoV-2 ottimizzato per la trasmissione umana

L’ultimo punto di Quay si è incentrato sul fatto che il SARS-CoV-2 sia stato preadattato per la trasmissione da uomo a uomo.

 

«In particolare – ha spiegato – la parte del virus che interagisce con le cellule umane è stata ottimizzata al 99,5%. Quando Sars-1 è saltato per la prima volta negli esseri umani, aveva solo il 17% dei cambiamenti necessari per causare un’epidemia». In che modo al SARS-CoV-2 è stato «insegnato» a infettare gli esseri umani in modo così efficiente in un laboratorio?

 

Un metodo GOF comunemente usato per ottimizzare il SARS-CoV-2, ha spiegato Quay, sarebbe stato il passaggio seriale in un laboratorio su un topo umanizzato per sviluppare una polmonite simile a quella umana.

 

In breve, i ricercatori infettano il topo umanizzato con il virus, aspettano una settimana quindi recuperano il virus dal topo più malato. Quel virus viene quindi utilizzato per infettare più topi e il processo viene ripetuto finché non si ottiene un virus in grado di uccidere tutti i topi

In breve, i ricercatori infettano il topo umanizzato con il virus, aspettano una settimana quindi recuperano il virus dal topo più malato. Quel virus viene quindi utilizzato per infettare più topi e il processo viene ripetuto finché non si ottiene un virus in grado di uccidere tutti i topi.

 

In primo luogo, la sfida è creare i topi umanizzati per iniziare il processo, ma è noto che parte della ricerca sul guadagno di funzione al WIV prevedeva l’utilizzo di topi umanizzati in esperimenti per determinare quali coronavirus potevano infettare gli esseri umani, nonché fare ricerche sui virus che non potevano infettare gli umani e fare in modo che potessero.

 

Altri rapporti sostengono che il WIV stava conducendo ricerche su topi umanizzati con nuovi coronavirus SARS da pipistrello nel 2019, e anni prima è stato rilasciato un video che mostrava gli scienziati WIV che lavoravano con scarso o nessun equipaggiamento protettivo mentre operavano con virus vivi.

 

Inoltre, secondo Quay, il WIV ha riconosciuto di aver lavorato con i topi umanizzati sviluppati da Ralph Baric, Ph.D., presso l’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, a spese dei contribuenti statunitensi.

 

 

Altri cinque segni che indicano un’origine di laboratorio

Muller è in gran parte d’accordo con la testimonianza di Quay e ha aggiunto cinque punti suoi, che consolidano ulteriormente l’alta probabilità che il COVID-19 provenga da un laboratorio.

 

1) Assenza di infezioni prepandemiche

Come Quay, Muller ha ritenuto altamente sospetta l’assenza di infezioni prepandemiche in oltre 9.000 campioni prelevati a Wuhan. «È senza precedenti», ha detto. «Non è successo con MERS o SARS».

 

2)Assenza di un animale ospite

Muller ha citato la lettera di Lancet del febbraio 2020 , in cui un gruppo di 27 scienziati, tra cui Peter Daszak, che ha stretti legami con il WIV, ha condannato le «teorie della cospirazione che suggeriscono che il COVID-19 non abbia un’origine naturale».

 

l’impronta genetica unica del SARS-CoV-2 è diversa da quella di altri coronavirus come MERS e SARS, nonché da quella di altri tipi di virus naturali: «è esattamente quello che ci si aspetta dal guadagno di funzione»

Se leggiamo la lettera di The Lancet, ha detto Muller, affermano che si può ignorare l’origine di laboratorio perché la Cina ha identificato l’animale ospite e si è persino spinta a lodare la Cina per la sua apertura.

 

«Questo documento, The Lancet, non suona bene 16 mesi dopo», ha detto Muller, notando che un animale ospite non è stato trovato.

 

3) Purezza genetica senza precedenti

Facendo eco a Quay, anche Muller ha affermato che l’impronta genetica unica del SARS-CoV-2 è diversa da quella di altri coronavirus come MERS e SARS, nonché da quella di altri tipi di virus naturali. Ma, ha detto, «è esattamente quello che ci si aspetta dal guadagno di funzione».

 

4) Mutazione Spike

Muller ha anche evidenziato le mutazioni uniche nella proteina spike del SARS-CoV-2.

 

«Il fatto che non ci sia un modo noto per arrivare a quella mutazione spike se non l’inserimento di un gene in un laboratorio è un argomento molto potente», ha detto Muller.

 

5)Il virus è stato ottimizzato per attaccare gli esseri umani

Questo è qualcosa che non è mai successo nelle versioni naturali dei virus, ha affermato Muller, «ma succede col guadagno di funzione».

 

Sebbene non ci siano prove a favore di un’origine zoonotica per il SARS-CoV-2, «ognuno di questi argomenti è convincente di per sé», ha detto Muller. «Se avessimo uno qualsiasi dei cinque elementi, dovremmo concludere che le prove favoriscono fortemente l’origine del laboratorio».

 

E non abbiamo solo uno dei cinque, ma tutti. Muller ha anche condiviso un episodio accaduto con un suo collega – una storia che dice essere «orribile e più spaventosa di quasi qualsiasi altra cosa nella mia vita».

 

«Se si scopre che qualcuno nel mio laboratorio sta lavorando a un’ipotesi di fuga dal laboratorio, la Cina ci etichetterà come nemici dello stato e il laboratorio sarà inserito nella lista nera e non saremo più in grado di collaborare. Collaboriamo costantemente con la Cina. Nessuno correrà questo rischio»

Nei primi giorni della pandemia, ha chiamato un amico, esperto virologo, per aiutarlo a rivedere la letteratura che suggeriva che potesse esserci stata una fuga dal laboratorio. L’amico ha rifiutato, quindi ha chiesto se qualcuno nel suo laboratorio potesse farlo. Ma la risposta è stata nuovamente negativa. Muller ha chiesto le ragioni del rifiuto, e l’amico virologo ha risposto:

 

«Se si scopre che qualcuno nel mio laboratorio sta lavorando a un’ipotesi di fuga dal laboratorio, la Cina ci etichetterà come nemici dello stato e il laboratorio sarà inserito nella lista nera e non saremo più in grado di collaborare. Collaboriamo costantemente con la Cina. Nessuno correrà questo rischio».

 

«L’idea che la Cina sia riuscita a interferire, a violare la libertà di espressione, la libertà di indagine e la libertà di pensiero degli Stati Uniti attraverso questa collaborazione è davvero spaventosa», ha detto Muller, definendola «una delle conversazioni più agghiaccianti che ho avuto nella mia vita».

 

Alla fine, tuttavia, la verità prevarrà fintanto che la teoria della fuga dal laboratorio a lungo censurata e le prove a sostegno di essa continueranno fino a diventare mainstream.

 

 

Joseph Mercola

 

Pubblicato originariamente da Mercola.

 

Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle degli autori e non riflettono necessariamente le opinioni di Children’s Health Defense.

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

© 23 luglio 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Continua a leggere

Più popolari