Connettiti con Renovato 21

Gender

«Stato di diritto», dietro la sfida di Viktor Orban a Bruxelles

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo su concessione di William F. Engdahl.

 

 

 

All’interno dell’Unione europea nelle ultime settimane i governi di Ungheria e Polonia sono stati sottoposti a massicce pressioni dalla Commissione UE a Bruxelles per la loro minaccia di porre il veto allo straordinario bilancio dell’UE da 1,8 trilioni di euro in base al fatto che contiene disposizioni relative alle quote obbligatorie per immigrati o rifugiati in ciascun paese deve accettare.

 

Sia l’Ungheria che la Polonia sono accusate di violare qualcosa che viene chiamato «Stato di diritto». Tuttavia, quando guardiamo più da vicino a varie leggi dell’UE, diventa chiaro che la frase è usata come un’altra manipolazione neuro-linguistica

Sia l’Ungheria che la Polonia sono accusate di violare qualcosa che viene chiamato «Stato di diritto». Tuttavia, quando guardiamo più da vicino a varie leggi dell’UE, diventa chiaro che la frase è usata come un’altra manipolazione neuro-linguistica, proprio come la precedente «Responsibility to Protect» che è stata usata dall’amministrazione Obama per bombardare selvaggiamente la Libia.

 

 

 

Il 26 novembre a Budapest il primo ministro polacco Mateus Morawiecki e il primo ministro Viktor Orbán, in una conferenza stampa congiunta sul veto ungherese-polacco sul quadro finanziario pluriennale dell’Unione europea e sul fondo di ripresa di nuova generazione, hanno annunciato di aver firmato una posizione comune porre il veto al bilancio dell’UE a meno che non venga eliminata una sezione che imponga agli Stati membri di aderire a qualcosa che Bruxelles chiama «Stato di diritto».

 

Facendo riferimento al vertice dell’UE di luglio in cui la Germania ha iniziato la sua rotazione di sei mesi come presidente del Consiglio dell’Unione europea, Orban ha osservato che nonostante i molteplici sforzi per separare la sezione sullo Stato di diritto del pacchetto finanziario dalle parti finanziarie, la Germania, sotto la pesante mano del Cancelliere Merkel, ha rifiutato di muoversi. Il 21 novembre il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che «è altrettanto importante per il futuro dell’Unione europea disporre di un bilancio e dello Stato di diritto».

 

«La proposta rimane sul tavolo, che legherebbe i fondi di crisi ai criteri dello Stato di diritto, e questo non è legale, ma di natura politica; e questa proposta, dalla posizione dell’Ungheria, non è accettabile»

«La proposta rimane sul tavolo, che legherebbe i fondi di crisi ai criteri dello Stato di diritto, e questo non è legale, ma di natura politica; e questa proposta, dalla posizione dell’Ungheria, non è accettabile», ha detto il primo ministro Orbán.

 

Egli ha sottolineato che il veto è uno strumento legale legittimo fornito dai Trattati dell’UE: «Nel caso in cui uno stato membro ritiene che i suoi interessi essenziali siano danneggiati in una particolare questione, consente l’uso del veto».

 

Solo minacciando di porre il veto al bilancio, che è consentito, può esercitare pressioni sull’Unione Europea per colpire la sezione Stato di diritto. La maggior parte dei media mainstream dell’UE trascura il fatto che alcune decisioni vitali dei paesi dell’UE non sono decise dalla complessa procedura della «maggioranza qualificata», ma sono soggette a veto anche da un singolo membro se si ritiene che danneggino gli interessi sovrani vitali di un stato.

 

In questo caso, Orban e il governo polacco hanno respinto l’idea che le quote obbligatorie di immigrazione o di rifugiati vengano decise da Bruxelles per tutti gli Stati membri dell’UE sotto la copertura di un vago Stato di diritto definito da Bruxelles.

Orban e il governo polacco hanno respinto l’idea che le quote obbligatorie di immigrazione o di rifugiati vengano decise da Bruxelles per tutti gli Stati membri dell’UE sotto la copertura di un vago Stato di diritto definito da Bruxelles

 

 

Stato di diritto ribaltato?

L’uso del termine Stato di diritto da parte della Commissione europea a Bruxelles è una pericolosa manipolazione di qualsiasi residuo di sovranità nazionale dei 27 paesi membri dell’UE. È un tentativo intelligente di derubare ciò che resta della sovranità nazionale implicando che la Commissione UE non eletta ha il potere di decidere ogni aspetto della vita nazionale degli Stati membri, una delle ragioni principali per cui i cittadini britannici hanno votato per la Brexit.

 

L’uso del termine Stato di diritto è promosso da professori di diritto della Central European University, un’università finanziata e fondata dal finanziere George Soros e dalla sua Open Society Foundations. Nell’aprile 2016, molto prima della crisi di bilancio del coronavirus, due professori di diritto collegati all’Università dell’Europa centrale di Soros, hanno scritto un documento intitolato «Un meccanismo dell’UE sulla democrazia, lo Stato di diritto e i diritti fondamentali».

L’uso del termine Stato di diritto da parte della Commissione europea a Bruxelles è una pericolosa manipolazione di qualsiasi residuo di sovranità nazionale dei 27 paesi membri dell’UE. È un tentativo intelligente di derubare ciò che resta della sovranità nazionale implicando che la Commissione UE non eletta ha il potere di decidere ogni aspetto della vita nazionale degli Stati membri

 

Qui gli autori, Dimitry Kochenov, e Petra Bard, dell’Università Centrale Europea di Soros, scrissero che la Polonia e l’Ungheria erano colpevoli della bizzarra accusa di «sviamento dello Stato di diritto», una formulazione orwelliana per non dire altro.

 

Ciò era in riferimento alle loro richieste di resistenza da parte della Commissione Europea di accettare un numero stabilito di nuovi rifugiati dopo l’invasione letterale di oltre un milione di rifugiati dalla Siria, Libia e persino Afghanistan nel 2015.

 

All’epoca, George Soros faceva apertamente pressioni affinché i paesi dell’UE accettassero un minimo di un milione di rifugiati all’anno. Il governo Orban ha persino sottoposto la questione a un referendum popolare che ha vinto in modo schiacciante, non un segno di un regime autoritario. La Germania vieta qualsiasi referendum popolare.

 

 

Soros attacca la sovranità ungherese

Nell’aprile 2020 Philippe Dam di Human Rights Watch, una delle innumerevoli ONG finanziate da Soros, ha scritto un feroce attacco al governo di Orban per quella che Dam ha definito «la presa di potere autoritaria» di Orban. Egli faceva riferimento al Parlamento ungherese che ha approvato una serie di leggi di emergenza per far fronte alla situazione straordinaria del coronavirus.

L’uso del termine Stato di diritto è promosso da professori di diritto della Central European University, un’università finanziata e fondata dal finanziere George Soros e dalla sua Open Society Foundations

 

Dam affermò mentendo che Orban aveva approvato leggi che lo rendevano leader a vita e altre disposizioni atroci. A differenza della Germania, dove la coalizione Merkel non si è preoccupata di consultare l’approvazione parlamentare, Orban ha cercato e ottenuto la maggioranza del Parlamento. Le misure sono state rimosse a giugno con il consenso anche del Parlamento, in quanto i test sul coronavirus non hanno mostrato più livelli di emergenza.

 

Il 18 novembre, in risposta al veto ungherese e polacco del pacchetto finanziario di 1,8 trilioni di euro, lo stesso Gorge Soros ha scritto una feroce invettiva contro il suo acerrimo nemico, Orban, e il governo polacco: «L’UE non può permettersi di scendere a compromessi le disposizioni dello Stato di diritto. Il modo in cui risponderà alla sfida posta da Orbán e Kaczyński determinerà se sopravviverà come società aperta fedele ai valori su cui è stata fondata».

 

George Soros ha fatto apertamente pressioni affinché i paesi dell’UE accettassero un minimo di un milione di rifugiati all’anno. Il governo Orban ha persino sottoposto la questione a un referendum popolare che ha vinto in modo schiacciante, non un segno di un regime autoritario. La Germania vieta qualsiasi referendum popolare.

Soros ha aggiunto che «La questione è se l’UE, con il cancelliere tedesco Angela Merkel forse in prima linea, possa raccogliere la volontà politica».

 

Soros, le cui ONG finanziate dall’Open Society, così come la sua Budapest Central European University, hanno ripetutamente attaccato Viktor Orban per le esplicite critiche di Orban all’interferenza di Soros negli affari interni ungheresi, accusa il Primo Ministro ungherese di «corruzione personale e politica», ma senza alcuna prova presentata.

 

Soros interpreta astutamente la vittima ebrea, osservando: «Essendo di origine ebraica ungherese, sono particolarmente preoccupato per la situazione in Ungheria»…

 

Soros trascura di dire che durante la guerra, per sua stessa ammissione, ottenne documenti falsi che si spacciavano per un gentile e ha lavorato con il regime filo-tedesco per aiutare a identificare le proprietà delle famiglie ebree esportate nei campi di concentramento. Lo ha ammesso in TV. Il programma statunitense, 60 Minutes, riportava nel 2006: «Mentre centinaia di migliaia di ebrei ungheresi venivano spediti nei campi di sterminio, George Soros accompagnò il suo falso padrino nei suoi turni designati, confiscando le proprietà agli ebrei».

 

Orban: «La rete Soros, che si è tessuta attraverso la burocrazia europea e la sua élite politica, lavora da anni per fare dell’Europa un continente di immigrati. Oggi la rete Soros, che promuove una società globale aperta e cerca di abolire i quadri nazionali, è la più grande minaccia affrontata dagli stati dell’Unione Europea»

Orban ha risposto alla diatriba Soros: «La rete Soros, che si è tessuta attraverso la burocrazia europea e la sua élite politica, lavora da anni per fare dell’Europa un continente di immigrati. Oggi la rete Soros, che promuove una società globale aperta e cerca di abolire i quadri nazionali, è la più grande minaccia affrontata dagli stati dell’Unione Europea. Gli obiettivi della rete sono evidenti: creare società aperte multietniche e multiculturali accelerando la migrazione e smantellare il processo decisionale nazionale, mettendolo nelle mani dell’élite globale».

 

Il primo ministro ungherese ha elaborato l’agenda di Soros: «Molti burocrati di alto rango dell’UE stanno lavorando con la rete di Soros per creare un impero unificato. Vogliono costruire un sistema istituzionale che, sotto l’egida della società aperta, cerchi di imporre un modo di pensare unificato, una cultura unificata e un modello sociale unificato alle nazioni libere e indipendenti dell’Europa. Cercano di revocare il diritto di ogni popolo di decidere il proprio destino. Questo è anche lo scopo della loro proposta di “Stato di diritto”, che in realtà non riconosce lo Stato di diritto, ma della forza. Sarebbe più onesto chiamarlo la “regola della maggioranza».

 

 

Cos’è lo Stato di diritto?

Orban: «Gli obiettivi della rete sono evidenti: creare società aperte multietniche e multiculturali accelerando la migrazione e smantellare il processo decisionale nazionale, mettendolo nelle mani dell’élite globale»

Sempre più spesso, i burocrati della Commissione Europea stanno usando il termine neuro-linguistico «Stato di diritto» per imporre un governo totalitario dall’alto verso il basso sugli Stati membri. Ciò, indipendentemente dal fatto che lo stato in questione, come l’Ungheria o la Polonia, abbia eletto democraticamente il proprio governo ei governi rispettino il proprio stato di diritto nazionale.

 

Nel maggio 2018, in una sessione plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo, il presidente della Commissione Juncker ha annunciato che nel bilancio dell’UE per il periodo 2021-2027 la Commissione Europea ha proposto di legare l’accesso ai pagamenti a una serie di criteri sullo Stato di diritto. In un acceso dibattito di luglio 2020 sul budget della Commissione UE 2021-27 di € 1,8 trilioni, i membri deliberatamente non hanno incluso la disposizione sullo Stato di diritto a causa delle obiezioni dell’Ungheria e di altri paesi.

 

Nonostante ciò, il cancelliere tedesco Angela Merkel ha affermato che la Presidenza tedesca dell’UE si assicurerà di concludere la procedura dell’articolo 7 sullo Stato di diritto contro l’Ungheria. Lo ha fatto.

 

L’UE di Bruxelles non è uno stato-nazione paragonabile, diciamo, agli Stati Uniti, che hanno una costituzione nazionale ratificata e che definisce in quel documento i principi su cui poggia lo Stato di diritto statunitense. Non ci sono veri «Stati Uniti d’Europa». Non ci sono elezioni democratiche dei commissari dell’UE. Le decisioni nell’UE sono tipicamente prese da una coalizione di uomini forti franco-tedeschi a cui sono poi costretti gli Stati più piccoli. Orban è raro in quanto rifiuta giustamente di accettare tale controllo dall’alto verso il basso.

 

Orban: «Molti burocrati di alto rango dell’UE stanno lavorando con la rete di Soros per creare un impero unificato. Vogliono costruire un sistema istituzionale che, sotto l’egida della società aperta, cerchi di imporre un modo di pensare unificato, una cultura unificata e un modello sociale unificato alle nazioni libere e indipendenti dell’Europa»

Il termine Stato di diritto è uno di quei termini sfuggenti che possono essere usati per nascondere una moltitudine di crimini. Non c’è niente che possiamo chiamare «Legge» come la Carta dei diritti degli Stati Uniti che è stata accettata da tutti gli Stati membri. Quale legge ha violato Orban nell’esercizio del veto consentito?

 

L’Ungheria e la Polonia si sono offerte di approvare il bilancio se l’UE separa la richiesta politica per lo Stato di diritto dal pacchetto, cosa che la Merkel rifiuta.

 

Bruxelles di solito collega il termine Stato di diritto con qualcosa che chiamano «valori fondamentali» dell’UE. Ogni nazione che rifiuta la sua definizione di Stato di diritto viene automaticamente etichettata come uno stato paria antidemocratico che non condivide i valori dell’UE.

 

Parte della strategia dell’UE consiste nell’ampliare l’elenco dei «crimini dell’UE» ai sensi dell’articolo 83, paragrafo 1, del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE) per coprire i crimini d’odio e l’incitamento all’odio, anche se rivolti alle persone LGBTIQ.

 

Chi definisce i valori fondamentali?

 

Orban: «Cercano di revocare il diritto di ogni popolo di decidere il proprio destino. Questo è anche lo scopo della loro proposta di “Stato di diritto”, che in realtà non riconosce lo Stato di diritto, ma della forza»

Esiste una Carta dei diritti per l’Unione europea debitamente votata?

 

L’UE non ha nemmeno una banca centrale comune, poiché molti stati rifiutano i confini della BCE. L’Europa non è a questo punto una nazione, e lo Stato di diritto usato da Bruxelles o dalle reti di Soros significa semplicemente un controllo totalitario dall’alto verso il basso sugli Stati sovrani.

 

 

William Engdahl

 

 

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

Continua a leggere

Gender

Utero in affitto, uomo di affari gay vuole diventare il padre «surrogato» più anziano della Gran Bretagna

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Un uomo d’affari omosessuale di 66 anni nel Regno Unito progetta di diventare padre di un bambino da una madre surrogata.

 

Ha detto con aria di sfida al Mail di domenica : «Non penso di fare nulla di sbagliato».

 

«Non penso di fare nulla di sbagliato»

L’uomo e il suo compagno di 40 anni sono attualmente alla ricerca di una madre surrogata. In caso di successo, sarà probabilmente l’uomo più anziano della Gran Bretagna ad avere un figlio attraverso la maternità surrogata.

 

«La gente mi chiamerà egoista – ha detto al giornale – ma ho un partner più giovane che si prenderà cura del bambino. È anche quello che puoi dare al bambino. Sono finanziariamente sicuro ora e posso impartire saggezza. Posso anche salire le scale a due a due».

 

L’uomo anonimo afferma che il suo partner aveva suggerito la maternità surrogata l’anno scorso durante il blocco del Regno Unito e avevano deciso che era preferibile all’adozione.

 

«La gente mi chiamerà egoista, ma ho un partner più giovane che si prenderà cura del bambino. È anche quello che puoi dare al bambino. Sono finanziariamente sicuro ora e posso impartire saggezza. Posso anche salire le scale a due a due»

«Lo sto facendo per lui, per amore – ha detto – Ho chiesto quando me l’ha suggerito per la prima volta se era sicuro. Ho un sacco di nipoti, quindi per me non fa differenza, ma volevo farlo per lui. Il mio compagno ha 40 anni. Vuole essere biologicamente connesso al bambino e questo lo posso capire».

 

L’uomo ha ammesso che ci saranno difficoltà.

 

Avrà circa 70 anni quando il figlio della coppia andrà alla scuola secondaria.

 

«Sono preoccupato per l’imbarazzo per il bambino ai cancelli della scuola e per i bambini che chiedono: “Quello è tuo nonno?” I bambini possono essere crudeli e non voglio che questo influenzi il bambino».

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Gender

La Bioetica a favore delle gravidanze trans

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Le donne transgender (cioè gli individui nati maschi) hanno il diritto di vivere una gravidanza? Due medici italiani dell’Università di Roma Sapienza sostengono in Acta Biomedica che la tecnologia sta avanzando così velocemente che dobbiamo affrontare questa domanda.

 

Al momento i trapianti uterini (UTx) sono rari e spesso senza successo. Ma man mano che i chirurghi migliorano le loro tecniche, potrebbe essere possibile che un nato maschio partorisca.

 

«Una tale opzione segnerà un punto in cui l’insieme dei precetti morali ed etici che adottiamo potrebbe presto diventare obsoleto» scrivono.

Il ragionamento è semplice: se la chirurgia è eticamente necessaria per alleviare la disforia di genere, anche il trapianto di utero x deve essere etico

 

I sondaggi mostrano, affermano, che le donne trans credono che «avere un utero e una vagina trapiantati e funzionanti andrebbe a beneficio della loro vita sessuale e del senso percepito di femminilità, migliorando la qualità della vita in generale».

 

Il ragionamento è semplice: se la chirurgia è eticamente necessaria per alleviare la disforia di genere, anche l’UTx deve essere etico:

 

«Non è irragionevole presumere che nelle donne transgender, UTx possa fare molto per il raggiungimento delle aspirazioni riproduttive, beneficiare della qualità della vita in generale ed essere efficace nell’alleviare i sintomi disforici… Se UTx diventa mainstream, sicuro ed efficace per le donne biologiche con [infertilità assoluta del fattore uterino], ci sarebbero motivi moralmente sostenibili per cui alle donne transgender dovrebbe essere negata una tale opportunità di gestazione?»

 

«Immaginate i potenziali problemi di avere una gestazione maschile biologica, con i requisiti degli ormoni necessari e altri contributi essenziali della madre per una gestazione sana forniti per lo più artificialmente»

Lo scrittore di bioetica Wesley J. Smith ha notato nella National Review che gli autori non menzionano nulla sul benessere del bambino.

 

«Immaginate i potenziali problemi di avere una gestazione maschile biologica, con i requisiti degli ormoni necessari e altri contributi essenziali della madre per una gestazione sana forniti per lo più artificialmente. Perché, è come se il problema non esistesse».

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Immagine di North Dakota National Guard via Flickr pubblicato su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

Continua a leggere

Gender

Passaporti con sesso «non-binario»: ora anche in USA

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Gli Stati Uniti hanno iniziato a rilasciare passaporti per le persone di genere non-conforme.

 

Il primo passaporto contrassegnato con una «X» come sesso è stato rilasciato questa settimana a Dana Zzyym, un’attivista intersessuale del Colorado.

 

Dal 2015, Zzyym ha combattuto contro il Dipartimento di Stato per ottenere un passaporto che non richiedesse a Zzyym di mentire sul genere selezionando maschio o femmina.

 

«Le persone intersessuali, non binarie e transgender hanno bisogno di documenti di identità che riflettano accuratamente chi siamo, e avere documenti non corrispondenti può creare problemi di sicurezza e visibilità», ha affermato un portavoce di GLAAD, un gruppo di lobby LGBTQ.

 

«Voglio ribadire, in occasione di questo rilascio del passaporto, l’impegno del Dipartimento di Stato a promuovere la libertà, la dignità e l’uguaglianza di tutte le persone, comprese le persone LGBTQI+», ha affermato il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price.

 

«Non vediamo l’ora di offrire questa opzione a tutti i richiedenti di passaporto di routine una volta completato il sistema richiesto e gli aggiornamenti dei moduli all’inizio del 2022».

 

Alcuni paesi consentono alle persone di mostrare un identificatore di genere non binario o di terzo genere sul passaporto, tra cui Argentina, Austria, Australia, Canada, Colombia, Danimarca, Germania, Islanda, Irlanda, Malta, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Pakistan, India e Nepal.

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Più popolari