Connettiti con Renovato 21

Ambiente

Osservatorio contro la Transizione Ecologica: parere sul Piano UE «Fit for 55»

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica questo testo dell’ Osservatorio contro la Transizione Ecologica (OCTE)

 

 

È ormai sotto gli occhi di molti che i continui allarmi climatici, rilanciati di recente anche dai vertici delle agenzie dell’ONU e di altre organizzazioni internazionali, costituiscono il substrato ideologico e politico delle azioni condotte da alcuni Governi nazionali allo scopo di avviare una controversa transizione ecologica: transizione finalizzata, apparentemente, alla riduzione della CO2 antropica e del riscaldamento climatico che da essa deriverebbe, ma in realtà mirante alla riorganizzazione – prima di tutto sul piano culturale – di oltre un secolo di «progresso» fondato sulle fonti energetiche non rinnovabili.

 

Al di là di ogni analisi critica circa la nozione stessa e l’eticità del progresso finora perseguito, è evidente che il catastrofismo climatico di origine antropica resta un concetto molto dibattuto e controverso (1), almeno quanto la sostenibilità socio-economica della cosiddetta transizione ecologica.

 

Come diffusamente rilevato, infatti, i risultati attesi dalle azioni così poste in essere, tutti ancora da dimostrare sul piano scientifico, sembrano destinati a realizzarsi in un futuro così lontano da rendere ineludibili, oggi, analisi costi-benefici ben più articolate e rigorose di quelle finora condotte.

 

A ciò deve aggiungersi che il peso economico e sociale di queste azioni – che prevedono la rapida decarbonizzazione dei cicli produttivi su scala globale – finirà inevitabilmente per colpire, destabilizzandole, famiglie e imprese già impoverite dall’emergenza COVID-19.

 

Tralasciando per il momento fenomeni eclatanti e ben noti al pubblico – come ad esempio l’ipertrofica diffusione delle pale eoliche, che formerà oggetto di un futuro parere dell’OCTE – esempio paradigmatico di questa controversa transizione ecologica è costituito dal piano dell’Unione europea finalizzato all’attuazione del «Green Deal» (2) e denominato «Fit for 55» («Pronti per il 55») (3).

 

Come noto, il «Fit for 55» persegue la riduzione del 55% delle emissioni antropiche di CO2 entro il 2030 – in linea con quanto previsto dall’”Agenda 2030” dell’ONU – quale tappa fondamentale di quella «neutralità climatica» che deriverebbe, secondo alcuni, dal totale azzeramento delle emissioni antropiche di CO2 entro il 2050.

 

È tuttavia agevole rilevare che un piano del genere, fondato su misure a dir poco draconiane, appare non solo di difficile realizzazione, considerata l’assenza di adeguate fonti energetiche alternative e realmente sostenibili dal punto di vista ambientale, ma anche in grado di incidere profondamente sull’economia e sull’occupazione degli Stati europei, nonché di compromettere in modo significativo diritti e libertà individuali costituzionalmente garantiti in alcuni ordinamenti nazionali, tra cui la libertà d’iniziativa economica privata.

 

Ciò nonostante, e forse proprio per questo, le istituzioni dell’Unione europea proseguono imperterrite nella realizzazione del «Fit for 55», elaborato con il fattivo contributo degli stakeholders di settore e quindi in consessi spesso distanti dalle sedi istituzionali della democrazia.

 

Ma anche quando il dibattito sulla transizione ecologica riesce ad approdare nelle aule parlamentari, è facile assistere a forme singolari di suicidio politico da parte di chi, evidentemente teleguidato da una propaganda faziosa e fuorviante in materia di climate change, si sente addirittura più «realista del Re».

 

In tal senso va ricordata la votazione svoltasi l’8 Giugno 2022 al Parlamento europeo, dove il «Fit for 55» elaborato e proposto dalla Commissione europea è stato approvato con il voto favorevole dei partiti che più affermano di difendere diritti, sicurezze e libertà fondamentali, ossia i partiti di sinistra (4).

 

Può quindi apparire singolare che gli emendamenti votati dal Parlamento europeo (5) siano addirittura più stringenti del testo licenziato dalla Commissione, arrivando a chiedere di anticipare al 2022 la prevista riduzione del 55% delle emissioni antropiche di CO2 in linea con i contenuti del «Patto per il clima» adottato a Glasgow nel novembre 2021.

 

Il Parlamento europeo ha inoltre approvato:

 

1) lo stop alla costruzione e alla vendita, a partire dal 2035, di automobili dotate di motori a benzina e diesel, inclusi quelli ibridi;

 

2) lo stop all’inclusione dei biocarburanti tre le soluzioni alternative all’impiego di combustibili fossili;

 

3) lo stop alla riforma «morbida» del sistema Emissions Trading System (ETS), che finirà per scaricare sul prezzo finale di beni e servizi – e quindi sui consumatori – i costi delle speculazioni finanziarie relative alla compravendita dei permessi di emissione di CO2, che l’Unione europea può cedere alle industrie a più alto impatto climatico.

 

È agevole rilevare che le principali conseguenze dell’applicazione del piano «Fit for 55» sul piano tecnologico, produttivo ed economico consisteranno:

 

– nella creazione, secondo la stessa Commissione europea, di oltre 600.000 disoccupati nel solo settore automotive europeo (di cui circa 70.000 in Italia), senza considerare il numero imprecisato e imprecisabile di disoccupati nei settori a esso collegati, con particolare riferimento alle piccole e medie imprese (PMI);

 

–  nella consegna de facto nelle mani dell’industria cinese dell’intera produzione automobilistica europea, in virtù: i) del monopolio globale che la Cina detiene sulle Terre Rare, ossia sugli elementi chimici necessari alla fabbricazione delle batterie dei motori elettrici; ii) della mole di investimenti che da tempo la Cina promuove nel campo della produzione e della commercializzazione delle auto elettriche;

 

–  nella grave e probabilmente definitiva perdita di competitività e di know how delle industrie dei Paesi europei, con drammatiche conseguenze occupazionali, reddituali e sociali di breve, medio e lungo periodo;

– nell’ulteriore impoverimento dei cittadini europei che saranno costretti a sopportare, tra l’altro, l’incremento delle tariffe di trasporto inevitabilmente conseguente all’aumento dei costi sostenuti dai vettori a causa della citata riforma dell’ETS.

 

Sul piano politico e strategico, inoltre, le conseguenze del «Fit for 55» consisteranno:

 

– nell’ulteriore svuotamento delle prerogative sovrane dei Parlamenti degli Stati membri dell’Unione, coerentemente con le dinamiche globaliste promosse dal capitalismo finanziario transnazionale;

 

– nella cessione delle strategie relative a mobilità e logistica a un Paese, come la Cina, che mostra una singolare concezione della concorrenza e della democrazia.

 

La valutazione di tale epocale autogol è sotto gli occhi e alla portata di chiunque e svela la strategia che si cela dietro il «Fit for 55»: utilizzare o sollecitare evidenze scientifiche controverse o funzionali per pianificare crisi di natura diversa (climatica, energetica, ambientale, strategica, alimentare, sanitaria), ma tutte volte a legittimare l’introduzione e il mantenimento di misure restrittive di diritti e libertà fondamentali, secondo un approccio paternalistico fondato sui principi dell’economia comportamentale.

 

Dopo l’affaire COVID, siffatto «biopandemismo» è in via di realizzazione anche in campo ambientale ed energetico con buona pace dei cittadini europei e di quelli italiani in particolare, tenuto conto delle peculiarità industriali e socio-economiche del nostro Paese.

 

A questo proposito vale la pena di fare un’ultima osservazione.

 

È singolare che una deroga al «Fit for 55» sia prevista per le aziende europee che producono meno di 1.000 veicoli «termici» l’anno, come è il caso, ad esempio, di alcuni marchi storici e prestigiosi (quali, ad esempio, Ferrari e Lamborghini). A meno di non volere ricavare da ciò un’analisi neo-malthusiana, che si innesta sul neo-darwinismo elitario promosso con ogni evidenza dalla CommissioneEuropea, non resta che prendere atto, maliziosamente, della logica sancita dal «Fit for 55»: ossia che il comportamento delle classi più abbienti produce sul clima effetti diversi da quelli prodotti dal comportamento delle classi meno abbienti.

 

Sulla base delle considerazioni esposte, l’OCTE:

 

A) denuncia la tendenza ad applicare diffusamente, tanto a livello nazionale quanto a livello internazionale, l’approccio fondato sulla presunta origine antropica dell’evoluzione climatica globale;

 

B) critica le strategie del Green Deal, in quanto basate su una mono-narrazione che scoraggia ogni dibattito relativo all’evoluzione climatica in corso e alle iniziative da intraprendere in merito;

 

C) stigmatizza l’applicazione del piano «Fit for 55» dell’Unione europea, che non tiene nella dovuta considerazione l’aggravamento della crisi economica ed energetica conseguente al conflitto in Ucraina;

 

D) chiede ai decisori politici europei e nazionali, nonché al mondo accademico, di liberarsi dai diktat imposti da evidenze scientifiche controverse, infondate o strumentali6 per tornare ad assumere il ruolo di effettivi rappresentanti, rispettivamente, della democrazia e del pensiero critico, anche in vista delle complesse scelte politiche che la congiuntura economica imporrà nel prossimo futuro.

 

 

OCTE

 

21 Giugno 2022

 

La versione originale del Parere è pubblicata sul sito: https://www.ecsel.org/octe/

 

 

NOTE

1) In proposito si veda, tra gli altri, R. Graziano, «I lotofagi climatici, il global warming e lo zeitgeist della “modernità”», in Rivista dell’OCTE, 2022, n. 0, https://www.ecsel.org/octe.
2) Cfr. https://ec.europa.eu/commission/presscorner/detail/en/ip_21_3541.
3) Cfr. https://www.eesc.europa.eu/en/our-work/opinions-information-reports/opinions/fit-55-delivering-eus-2030-climate-target-way-climate-neutrality.
4) I voti favorevoli sono stati 339, a fronte di 249 voti contrari e 24 astensioni.
5) Cfr. https.//www.europarl.europa.eu/doceo/document/TA-9-2022-0234_EN.pdf.
6) In tal senso si veda il dossier approvato il 14 giugno 2022 dal Servizio studi del Senato della Repubblica e dall’Ufficio rapporti con l’Unione europea dalla Camera dei Deputati, il cui primo capitolo è dedicato a «Un Green Deal europeo».

 

 

Immagine di woodleywonderworks via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

Continua a leggere

Ambiente

Il Messico bandisce gli esprimenti di geoingegneria

Pubblicato

il

Da

Il Ministero dell’Ambiente e delle Risorse Naturali del Messico ha rilasciato una dichiarazione all’inizio di questo mese che proibisce la sperimentazione con la geoingegneria solare nel Paese.

 

L’annuncio del governo arriva dopo che i media hanno rivelato l’esistenza di una startup con sede in Messico che avrebbe utilizzato mongolfiere per diffondere particelle di zolfo nella stratosfera per combattere il «riscaldamento globale».

 

La società, Make Sunsets, spera di generare entrate vendendo «crediti di raffreddamento» per pagare i voli che spruzzano carichi di particelle di zolfo, che è essenzialmente uno schema di crediti di carbonio lanciato da gruppi globalisti come il World Economic Forum, l’Unione Europea e altri.

 

In uno strano commento al MIT Technology Review, il CEO di Make Sunsets, Luke Iseman, ha dichiarato: «Scherziamo sul taglio, non scherziamo sul fatto che questa è in parte un’azienda e in parte una setta».

 

Il governo messicano ha osservato nel suo comunicato stampa sull’argomento che gli studi mostrano impatti ambientali negativi dovuti al rilascio di questi aerosol e che possono causare squilibri meteorologici.

 

La dichiarazione spiegava anche: «C’è una moratoria internazionale che rimane in vigore contro il dispiegamento della geoingegneria».

 

A causa di questi problemi, il divieto del paese alla geoingegneria solare intende «proteggere le comunità e gli ambienti ambientali».

 

La geoingegneria, per anni guardata come l’ennesima follia complottista, ha mostrato pubblicamente la testa con gli esperimenti finanziati da Bill Gates di oscuramento del Sole.

 

Come riportato da Renovatio 21, lo scienziato che progetta tale operazione di cosiddetta «geoingegneria solare» ha scritto un lungo, incredibile editoriale sul New York Times rivendicandone i pregi, anche qualora spruzzare sostanze chimiche nell’aria potrebbe comportare morti tra la popolazione.

 

Come scritto in un denso articolo di William Engdahl recentemente pubblicato da Renovatio 21, la tecnologia di controllo del clima ha solide radici nella scienza e nella strategia del Novecento.

 

Di tecnologie di questo tipo, da quanto finora noto, dispongono Paesi come Cina e USA.

 

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

Bombe meteorologiche e fiumi atmosferici: qualcuno sta giocando con il tempo?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Negli ultimi mesi il mondo sta sentendo termini insoliti per descrivere eventi meteorologici estremi. Ora termini come bomba meteorologica o fiume atmosferico sono usati nei quotidiani bollettini meteorologici televisivi per descrivere lo scarico di volumi record di pioggia o neve in regioni del mondo in modo estremamente distruttivo. La Mafia Verde afferma, senza uno straccio di prova fattuale, che è tutto a causa dell’eccessiva «impronta di carbonio» dell’uomo. Lo usano come scusa per raddoppiare l’eliminazione graduale di petrolio, gas, carbone e energia nucleare a favore di una «energia verde» impraticabile e sovvenzionata dai contribuenti: eolica o solare inaffidabile. Potrebbe essere che queste strane calamità meteorologiche siano davvero «create dall’uomo», ma non dalle emissioni di CO2?

 

 

Dalla fine di dicembre, in particolare gli Stati Uniti hanno subito gravi eventi meteorologici a causa della tempesta «bomba meteorologica» che ha seppellito gran parte della costa orientale in una neve record da Buffalo fino alla Florida.

 

Allo stesso tempo, la costa occidentale degli Stati Uniti dallo Stato di Washington lungo la costa della California è stata sottoposta a inondazioni estreme a causa di ondate dopo ondate dei cosiddetti fiumi oceanici che trasportano enormi volumi d’acqua dal Pacifico provocando gravi inondazioni.

 

Senza presentare alcuna prova scientifica, gli ideologi verdi hanno affermato che tutto è dovuto al riscaldamento globale causato dall’uomo – ora chiamato «cambiamento climatico» per confondere il problema originale – e sostengono una transizione accelerata verso un mondo distopico senza carbonio.

 

Si può sostenere un caso serio che potrebbe essere stato creato dall’uomo. Ma non a causa delle troppe emissioni di CO2 o di altri gas serra causati dall’uomo. Potrebbe essere dovuto alla manipolazione deliberata e dannosa dei nostri principali modelli meteorologici.

 

 

Geoingegneria?

La tecnologia di manipolazione meteorologica è una delle aree altamente segrete ed è stata tenuta lontana dal dibattito aperto dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Viene spesso chiamata geoingegneria o, più recentemente, il meno minaccioso «intervento sul clima». Qualunque sia il nome, coinvolge l’uomo che scherza con le complessità del clima terrestre, con risultati potenzialmente catastrofici. Cosa sappiamo delle possibilità?

 

A seguito della Conferenza sul clima di Parigi del 2015 e del successivo Accordo di Parigi, Peter Wadhams, professore di fisica oceanica all’Università di Cambridge, insieme ad altri importanti scienziati del riscaldamento globale, ha lanciato un invito aperto alla geoingegneria per «risolvere» la presunta crisi climatica e prevenire il riscaldamento globale sopra 1,5°C sopra i livelli preindustriali, un obiettivo del tutto arbitrario.

 

Quello che affermano gli scienziati post-Parigi è che «abbiamo le spalle al muro e ora dobbiamo iniziare il processo di preparazione per la geoingegneria. Dobbiamo farlo sapendo che le sue possibilità di successo sono scarse e i rischi di implementazione sono grandi».

 

Quello che non dicono è che la manipolazione meteorologica geoingegneristica è stata sviluppata in segreto dalle agenzie militari e di intelligence degli Stati Uniti per decenni.

 

 

«Controllare il tempo nel 2025»

Nel giugno 1996 l’aeronautica americana ha pubblicato un rapporto dal titolo provocatorio Weather as a Force Multiplier: Owning the Weather nel 2025 («Il tempo come moltiplicatore di forza: controllare il tempo nel 2025»).

 

Il rapporto delineava le possibilità della geoingegneria artificiale per, tra le altre cose, aumentare le precipitazioni o le tempeste, negare le precipitazioni (indurre siccità), eliminare la copertura nuvolosa di un nemico e altri eventi. È stato prodotto «per esaminare i concetti, le capacità e le tecnologie che gli Stati Uniti richiederanno per rimanere la forza aerea e spaziale dominante in futuro».

 

Il rapporto osservava all’inizio che «la modifica del tempo può essere suddivisa in due categorie principali: soppressione e intensificazione dei modelli meteorologici. In casi estremi, potrebbe coinvolgere «la creazione di modelli meteorologici completamente nuovi, l’attenuazione o il controllo di forti tempeste o persino l’alterazione del clima globale su vasta scala e/o di lunga durata». (corsivo nostro).

 

Il documento dell’Air Force, che curiosamente è stato cancellato dal suo sito web solo nel 2021, afferma anche che «le enormi capacità militari che potrebbero derivare da questo campo vengono ignorate a nostro rischio e pericolo (…) un’applicazione appropriata della modifica del tempo può fornire il dominio dello spazio di battaglia a un grado mai immaginato prima (…) La tecnologia è lì, in attesa che noi mettiamo tutto insieme».

 

Entro il 2025 affermava: «possiamo possedere il tempo». Il rapporto rileva che nell’era Eisenhower, «nel 1957, il Comitato consultivo del presidente per il controllo meteorologico ha riconosciuto esplicitamente il potenziale militare della modifica del clima, avvertendo nel loro rapporto che potrebbe diventare un’arma più importante della bomba atomica». È stato quasi sette decenni fa.

 

Tornando alla guerra del Vietnam alla fine degli anni ’60, il Segretario di Stato Henry Kissinger e la CIA autorizzarono una geoingegneria top secret, nome in codice Operazione PopEye, dalla Thailandia su Cambogia, Laos e Vietnam. Usando aerei militari WC-130 e jet RF-4, le forze statunitensi hanno spruzzato ioduro d’argento e ioduro di piombo nelle nubi temporalesche dei monsoni stagionali per trasformare le strade di rifornimento del Vietnam del Nord in pozzi di fango impraticabili.

 

La missione era creare abbastanza pioggia per tutto l’anno per mantenere bloccati i sentieri di Ho Chi Minh. L’operazione segreta di geoingegneria è stata resa pubblica dal pluripremiato giornalista Seymour Hersh nel 1972, con conseguenti udienze al Congresso, ma poco più.

 

Pochi anni dopo, nel 1976, fu approvata una legge sdentata che «obbligava» a tutti gli attori a riferire annualmente al NOAA [National Oceanic and Atmospheric Administration, agenzia scientifica e normativa USA che si occupa delle previsioni meteorologiche e del monitoraggio delle condizioni oceaniche e atmosferiche e, ndt] del governo su qualsiasi modifica meteorologica intrapresa. Ditelo alla CIA o al Pentagono.

 

 

Riscaldatori ionosferici e tecnologia della risonanza atmosferica

Dagli anni ’70 il lavoro sulla geoingegneria artificiale è diventato più sofisticato e anche molto più segreto.

 

Il metodo tradizionale di «danza della pioggia», l’inseminazione delle nuvole da parte di aerei che disperdono, tipicamente, particelle di ioduro d’argento su nuvole contenenti goccioline d’acqua per indurre la pioggia è stato utilizzato sin dagli anni Quaranta. Tuttavia, dagli anni Novanta, all’incirca nel periodo in cui la US Air Force ha pubblicato Weather as a Force Multiplier: Owning the Weather nel 2025, sono stati sviluppati nuovi metodi significativi con portata ed effetto molto maggiori, e ben prima del 2025.

 

In particolare, il rapporto dell’aeronautica americana del 1996 affermava che «la modifica della ionosfera è un’area ricca di potenziali applicazioni e ci sono anche probabili applicazioni derivate che devono ancora essere previste».

 

Molta attenzione e preoccupazione internazionale è stata data a un progetto di ricerca ionosferica dell’Aeronautica Militare e dell’Office of Naval Research degli Stati Uniti, HAARP – cioè «programma di ricerca aurorale attiva ad alta frequenza» – a Gakona, in Alaska.

 

Nel gennaio 1999, l’Unione Europea ha definito il progetto una «preoccupazione globale» e ha approvato una risoluzione chiedendo maggiori informazioni sui suoi rischi per la salute e l’ambiente. Washington ha ignorato la chiamata. La maggior parte dei dati della ricerca HAARP è stata secretata per motivi di «sicurezza nazionale», portando a un’ampia speculazione su attività sinistre.

 

Nel 1985, mentre lavorava per la ARCO Oil Company grazie a una sovvenzione della DARPA del Pentagono, un brillante fisico, il dottor Bernard J. Eastlund, depositò un brevetto (US n. 4,686,605), per un «Metodo e apparato per alterare una regione nell’atmosfera terrestre, nella ionosfera e nella magnetosfera».

 

La descrizione del brevetto affermava che uno specifico irraggiamento di potenti onde radio nella ionosfera potrebbe causare il riscaldamento ed «elevare» la ionosfera terrestre. Potrebbe essere usato per controllare il tempo, alterare le correnti a getto, cambiare i tornado o creare o negare la pioggia.

 

La ARCO è stata contattata dall’esercito americano e ha venduto loro i diritti di brevetto dal loro allora dipendente Eastlund. Secondo quanto riferito, l’esercito americano ha poi ceduto i diritti di brevetto da uno dei principali appaltatori militari, Raytheon. Secondo quanto riferito, la Raytheon è anche coinvolta nella costruzione di tutti i principali array di radar per il riscaldamento della ionosfera a livello globale.

 

 

Coincidenza? Un portavoce di HAARP ha negato di aver utilizzato il brevetto di Eastlund in HAARP. Tuttavia, non hanno menzionato nessuno degli altri siti.

 

HAARP è un phased array molto potente di antenne radar puntate sulla ionosfera. A volte viene indicato come un riscaldatore ionico. La ionosfera è uno strato ad alta quota dell’atmosfera con particelle altamente cariche di energia. Se la radiazione viene proiettata nella ionosfera, enormi quantità di energia possono essere generate e utilizzate per annientare una data regione.

 

Inizialmente il suo sito web, ora cancellato, affermava che HAARP era «uno sforzo scientifico volto a studiare le proprietà e il comportamento della ionosfera… sia per scopi civili che di difesa».

 

HAARP a Gakona è stato ufficialmente chiuso dalle forze armate statunitensi nel 2013. Nel 2015 hanno trasferito ufficialmente le operazioni di HAARP al loro partner civile, l’Università dell’Alaska a Fairbanks. La chiusura ha fornito la scusa per interrompere la trasmissione in diretta dei segnali di HAARP su un sito web pubblico, che aveva fornito una forte evidenza di collegamenti tra le attività di HAARP e le principali catastrofi meteorologiche come l’uragano Katrina o il terremoto di Chengdu in Cina del 2008. Il funzionamento della struttura è stato trasferito all’Università dell’Alaska nel 2015.

 

Alcuni ricercatori hanno ipotizzato che Gakona HAARP sia un furbo diversivo, un sito innocente aperto al controllo accademico, mentre una seria manipolazione della ionosfera militare avviene in altri siti top secret.

 

Entro il 2015 le agenzie militari e governative statunitensi come il NOAA si erano spostate ben oltre le capacità di HAARP. Hanno supervisionato la costruzione di antenne phased array di calore radar ionosferico molto più potenti in tutto il mondo. Ciò includeva un HIPAS più potente, una struttura da 70 megawatt a est di Fairbanks. Comprendeva anche l’Osservatorio di Arecibo, precedentemente noto come Osservatorio della ionosfera di Arecibo–- impianto da 2 megawatt a Porto Rico; Mu Radar – Impianto da 1 megawatt in Giappone. E la madre di tutti gli array radar per il riscaldamento atmosferico, EISCAT, una struttura da 1 gigawatt a Tromsø, nel nord della Norvegia.

 

HAARP è solo una semplice struttura da 3,6 megawatt. Molti altri siti di riscaldatori ionosferici phased array sono classificati segreti o forniscono poche informazioni.

 

Si ritiene che uno di questi si trovi alla base dell’aeronautica militare di Vandenberg nel sud della California. Un altro a Millstone Hill, Massachusetts, un altro a Taiwan e nelle Isole Marshall. Poiché il Pentagono e altre pertinenti agenzie governative degli Stati Uniti scelgono di dire poco o nulla sulla loro interconnessione e utilizzo nell’alterazione climatica, siamo lasciati a fare ipotesi.

Secondo quanto riferito, l’appaltatore militare Raytheon, che ha ottenuto i brevetti Eastlund da ARCO, è coinvolto in molti di questi siti a livello globale.

 

 

Anche la Cina?

Poiché il lavoro del governo degli Stati Uniti sulla geoingegneria è stato classificato e tenuto lontano da una discussione pubblica aperta, non è possibile dimostrare in un tribunale che eventi come i tornado di bombe della costa orientale o l’uragano Ian della Florida del settembre 2022, uno dei più potenti le tempeste che hanno mai colpito gli Stati Uniti, o le inondazioni record del gennaio 2023 dovute a ripetute ondate di tempeste del fiume atmosferico che sferzavano la California dopo una straordinaria siccità, sono semplicemente mostri naturali.

 

Non ci sono prove scientifiche che sia dovuto ad un surplus di CO2 nell’atmosfera. Ma come suggerisce quanto sopra, esiste un’enorme mole di prove che indicano attori malintenzionati con poteri dello Stato, che utilizzano la geoingegneria per non trarne vantaggio, anche se la geoingegneria artificiale potrebbe trarne vantaggio.

 

Nel 2018 i media cinesi hanno riferito che la Shanghai Academy of Spaceflight Technology dello stato stava lanciando un vasto progetto di geoingegneria, Tianhe che si traduce come «Fiume del cielo» Il progetto, che secondo quanto riferito sarà basato sull’altopiano tibetano, fonte di alcuni dei più grandi fiumi del mondo, ha lo scopo di spostare enormi volumi d’acqua dal sud, ricco di piogge, all’arido nord. Doveva entrare in funzione nel 2020, ma da allora non sono stati pubblicati dettagli.

 

Discussione recente del progetto di Bill Gates con il fisico di Harvard David Keith per rilasciare particelle di carbonato di calcio in alto sopra la terra per imitare gli effetti della cenere vulcanica che blocca il sole, o i recenti esperimenti di Make Sunsets per lanciare palloni meteorologici da Baja Mexico di biossido di zolfo per bloccare il sole, sono chiaramente intesi come diversivi per nascondere quanto sia avanzata la vera geoingegneria del nostro tempo.

 

 

William F. Engdahl

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

Davos, Al gore dice che la CO2 è come «600 mila bombe di Hiroshima buttate sulla Terra ogni giorno»

Pubblicato

il

Da

L’ex vicepresidente democratico americano Al Gore ha fatto una lunga tirata dai toni allucinanti quanto risibili durante l’incontro annuale del World Economic Forum di mercoledì a Davos.

 

Il candidato presidente trombato da Bush jr.  nel 2000 ha dichiarato che il cambiamento climatico produrrà un miliardo di «rifugiati climatici» in questo secolo.

 

«Guardate la xenofobia e le tendenze politiche autoritarie che provengono da pochi milioni di rifugiati [climatici]. E con un miliardo?! Perderemmo la nostra capacità di autogoverno in questo mondo», ha gridato addolorato il cugino di Gore Vidal.

 

Gore ha continuato affermando che l’anidride carbonica nell’atmosfera starebbe intrappolando tanto calore «quanto verrebbe rilasciato da 600 mila bombe di Hiroshima buttate sulla Terra ogni giorno».

 

Il video della sua sparata è stato prontamente pubblicato sul canale YouTube del World Economic Forum.

 

 

 

Le affermazioni di Gore sono state immediatamente ridicolizzate sui social media e non solo.

 

Il giornalista TV americano Tucker Carlson ha preso in giro lo sproloquio di Gore durante il suo programma del mercoledì, ridendo dell’elitista Gore per aver detto alla gente che le masse in fuga dalle dittature comuniste in Venezuela e Cuba stanno rischiando la vita venendo in America a causa del clima.

 

«A 74 anni, Al Gore è goffo, sintetico e strano come non lo è mai stato… hai mai notato come le persone più ricche diventano, più sembrano Bill Gates? Non è la tua immaginazione. Al Gore… conferma questa teoria» ha detto Tucker, mentre sono udibili risate non contenute dei suoi collaboratori in studio.

 

Come noto, il tema di «migrante climatico» è caro soprattutto a Bergoglio e al suo pontificato, nonostante sia un concetto ridicolo fino ad essere grottesco.

 

Quanti dei migranti che arrivano in Europa lasciano – in Africa, ad esempio – terre fertili e Paesi che magari hanno PIL che crescono quasi a doppia cifra?

 

Quanto dovranno ancora mentirci i potenti della terra sull’operazione di grande sostituzione demografica in corso tramite l’immigrazione?

 

Quanto dovranno ancora mentirci i potenti della terra sull’operazione di inganno e riprogrammazione politica e biologica chiamata «cambiamento climatico?»

 

Quanto ancora dovremmo sopportare le balle di questi zombie dell’Oligarcato senza più pudore né idee?

 

 

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari