Connettiti con Renovato 21

Essere genitori

Morte in culla, una ricerca USA mostra che il 58% delle segnalazioni alla farmacovigilanza si verificano entro 3 giorni dal vaccino

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

In un nuovo documento di ricerca pubblicato sulla rivista Toxicology Reports, l’autore Neil Z. Miller ha scoperto che su un totale di 2.605 decessi infantili segnalati al VAERS tra il 1990 e il 2019, il 58% si è verificato entro tre giorni dalla vaccinazione e il 78% si è verificato entro sette giorni di vaccinazione.

 

In una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Toxicology Reports, l’autore Neil Z. Miller riporta la relazione tra la morte per sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS) e i tempi della vaccinazione, sulla base dei dati del Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) del Center for Disease Control and Prevention (CDC)

 

La SIDS è definita come morte improvvisa e inaspettata di un bambino che rimane inspiegabile anche dopo un’indagine approfondita. Sebbene non vi siano sintomi specifici associati alla SIDS, un’autopsia rivela spesso congestione ed edema dei polmoni e alterazioni infiammatorie del sistema respiratorio, secondo il National Center for Health Statistics Vital Statistics of the United States 1988, Volume II, Mortality,parte A, Public Health Service, 1991.

 

Prima dei programmi di vaccinazione moderni, la SIDS – a volte indicata come «morte in culla» – era così rara da non essere menzionata nelle statistiche sulla mortalità infantile.

 

Prima dei programmi di vaccinazione moderni, la SIDS – a volte indicata come «morte in culla» – era così rara da non essere menzionata nelle statistiche sulla mortalità infantile

Dopo che le campagne di immunizzazione nazionali sono state avviate negli Stati Uniti negli anni ’60, per la prima volta nella storia, alla maggior parte dei bambini statunitensi è stato richiesto di sottoporsi a diverse dosi di vaccini contro DPTpolio, morbilloparotite e rosolia.

 

Poco dopo, nel 1969, i certificatori medici presentarono un nuovo termine medico: sindrome della morte improvvisa del lattante.

 

Nel 1973, il Centro nazionale per le statistiche sanitarie del CDC ha aggiunto una nuova categoria di causa di morte – SIDS – alla Classificazione internazionale delle malattie (ICD) dell’Organizzazione mondiale della sanità.

 

Nel 1980, la SIDS era diventata la principale causa di mortalità postneonatale (decessi di neonati da 28 giorni a un anno) negli Stati Uniti.

 

Come sottolinea Miller nel suo articolo, la categoria ICD per la morte correlata al vaccino, o causa di morte come «inoculazione e vaccinazione profilattica», è stata eliminata quando l’ICD è stato rivisto nel 1979, nonostante il fatto che questa informazione sarebbe utile per provare a comprendere la relazione tra vaccinazione e morte.

 

Ma Miller, giornalista di ricerca medica e direttore del  Thinktwice Global Vaccine Institute, fornisce un percorso alternativo per stabilire tale correlazione, osservando la relazione temporale tra i vaccini e le morti infantili segnalate, comprese le morti per SIDS, nel database VAERS del CDC.

 

Nel 1980, la SIDS era diventata la principale causa di mortalità postneonatale (decessi di neonati da 28 giorni a un anno) negli Stati Uniti

Miller ha scoperto che su un totale di 2.605 decessi infantili segnalati al VAERS dal 1990 al 2019, la maggior parte era “concentrata” in stretta vicinanza temporale alla vaccinazione: il 58% si era verificato entro tre giorni dalla vaccinazione e il 78% entro sette giorni.

 

Miller ha scoperto che le morti in più all’interno di questi intervalli erano statisticamente significative (p <0,00001), il che significa che la possibilità che questo risultato fosse casuale è inferiore allo 0,001%.

 

Lo stesso tipo di concentrazione era presente nelle 1.048 segnalazioni di decessi infantili (su un totale di 2.605) segnalate al VAERS specificamente come SIDS.

 

Secondo Miller, se non ci fosse alcuna correlazione tra la vaccinazione e le morti infantili, ci si aspetterebbe di vedere una distribuzione uniforme delle morti entro l’intervallo di tempo riportato prima della vaccinazione, non un raggruppamento di decessi come ha scoperto Miller.

 

Miller ha incluso una revisione completa della letteratura nel suo articolo che confuta l’affermazione «ufficiale» secondo cui l’epidemia di SIDS è stata ridotta facendo dormire i bambini sulla schiena – come raccomandato dalla campagna «Back to Sleep», avviata nel 1992 dall’American Academy of Pediatrics.

 

Il tasso di SIDS è diminuito in media dell’8,6% annuo tra il 1992 e il 2001. Tuttavia, il tasso di mortalità neonatale per «soffocamento in culla» è aumentato nello stesso periodo ad un tasso medio annuo dell’11,2%.

 

Secondo Miller, se non ci fosse alcuna correlazione tra la vaccinazione e le morti infantili, ci si aspetterebbe di vedere una distribuzione uniforme delle morti entro l’intervallo di tempo riportato prima della vaccinazione, non un raggruppamento di decessi come ha scoperto Miller

Anche altre cause simili di morte infantile sono aumentate significativamente durante questo periodo, come riportato da Miller.

 

Inoltre, dal 1999 al 2015, il tasso di SIDS negli Stati Uniti è diminuito del 35,8%, mentre le morti infantili per soffocamento accidentale sono aumentate del 183,8%.

 

Miller ribadisce anche i principali risultati del documento (vale a dire, il raggruppamento temporale dei decessi per SIDS con la vaccinazione) attraverso la discussione di sette ulteriori studi a revisione paritaria e due rapporti riservati.

 

In media, questi autori hanno scoperto che percentuali considerevoli di decessi infantili si sono verificate entro un giorno (media = 25%), tre giorni (media = 49%) e sette giorni (media = 71%) dalla vaccinazione, confermando i risultati dello studio.

 

Meccanicisticamente, il danno da vaccino è stato collegato alla SIDS più volte. Matturi et al. (2014) hanno esaminato 13 decessi per SIDS verificatisi entro sette giorni dal vaccino esavalente. L’analisi del tronco cerebrale e del cervelletto dei neonati deceduti ha mostrato edema cerebrale e congestione in tutte le vittime.

 

Gli autori hanno ipotizzato che «diversi composti e adiuvanti di immunopotenziamento del vaccino esavalente potrebbero facilmente superare la barriera emato-encefalica, che nel primo anno di vita è ancora immatura e abbastanza permeabile, inducendo alterazioni molecolari neuronali nel DNA, RNA e proteine dei neuroni del tronco cerebrale che regolano le funzioni vitali, con conseguente fatale disorganizzazione del controllo respiratorio in neonati particolarmente predisposti».

 

In particolare, questi autori hanno indicato gli adiuvanti a base di alluminio come responsabili della deregolazione del controllo respiratorio.

 

Scheibner e Karlsson (1991) hanno monitorato la respirazione infantile durante il sonno prima e dopo la vaccinazione DTP, rivelando un aumento degli episodi in cui la respirazione è quasi cessata o si è interrotta completamente. Questi episodi, che sono continuati per diverse settimane dopo la vaccinazione, non sono stati osservati prima della somministrazione del vaccino.

 

In media, questi autori hanno scoperto che percentuali considerevoli di decessi infantili si sono verificate entro un giorno (media = 25%), tre giorni (media = 49%) e sette giorni (media = 71%) dalla vaccinazione, confermando i risultati dello studio.

Nonostante l’insistenza ufficiale sul fatto che i decessi per SIDS non sono causati dalla vaccinazione, come sottolinea Miller, il National Vaccine Injury Compensation (NVICP) è istituito per risarcire le famiglie delle persone che vengono danneggiate e/o muoiono a causa della somministrazione del vaccino.

 

La morte causata dalla vaccinazione viene risarcita con 250.000 dollari per «dolore e sofferenza» per i familiari della vittima deceduta. Le condizioni che tipicamente portano alla morte che sono considerate «lesioni comuni» da compensare ai sensi del NVICP includono anafilassi ed encefalopatia o encefalite.

 

 

«I bambini sani non muoiono senza una ragione apparente»

Kari Bundy, che ha perso suo figlio dopo le vaccinazioni dei quattro mesi, ha affermato di essere sempre stata «sbalordita» dalla negazione della comunità medica del legame tra SIDS e vaccini. «Per me, era troppo ovvio anche solo tentare di ignorare», ha detto Bundy.

 

Bundy ha perso il suo terzogenito, Mason, nel 2011.

 

«Pochi giorni dopo le vaccinazioni di routine dei quattro mesi, io e mio marito abbiamo scoperto il suo cadavere nel cuore della notte, sdraiato su un fianco, il suo corpo ancora caldo», ha raccontato Bundy.

 

L’autopsia di Mason era «irrilevante», a parte alcune petecchie timiche, che sono il reperto più comune nei casi di SIDS all’autopsia.

 

«Mi è stato ripetuto più e più volte che non era soffocato», ha detto Bundy.

 

«Pochi giorni dopo le vaccinazioni di routine dei quattro mesi, io e mio marito abbiamo scoperto il suo cadavere nel cuore della notte, sdraiato su un fianco, il suo corpo ancora caldo»

Quando Mason è morto, Bundy ha imparato che se non puoi pagare un funerale, non puoi averne uno. Così, pochi mesi dopo la morte di Mason, ha fondato un’organizzazione no-profit chiamata Mason’s Cause, per fornire sovvenzioni per coprire le spese funerarie per le famiglie che avevano subito la perdita di un bambino di età inferiore a 1 anno.

 

«Non ho mai voluto che nessun genitore sperimentasse questa perdita devastante e non fosse in grado di seppellire il proprio figlio», ha detto Bundy. Ha continuato a gestire l’organizzazione benefica per poco meno di 2 anni, durante i quali ha lavorato con 94 diverse famiglie che hanno affrontato la morte di un bambino di età inferiore a 1 anno.

 

Di quei 94 decessi infantili, 87 sono morti per SIDS o per cause «sconosciute». Dei casi di SIDS, 81, ovvero il 93%, sono deceduti entro sette giorni dalle vaccinazioni di routine.

 

«Quando ho capito che la SIDS sembrava essere innegabilmente correlata ai vaccini, mi sono resa conto che non potevo più dedicare la mia vita alla gestione di un ente di beneficenza che avrebbe aiutato a seppellire i bambini», ha detto Bundy. «È stato allora che ho capito che volevo salvare i bambini parlando dei rischi reali della vaccinazione».

 

Bundy, che lavora per Children’s Health Defense come coordinatrice delle traduzioni, ha affermato di essere grata per ricerche come quella di Miller perché mostra ciò che lei e tutti i genitori SIDS già sapevano: i bambini sani non muoiono senza una ragione apparente.

 

 

Brian Hooker

Ph.D., PE

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

 

© 3 agosto 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

I bambini sono effettivamente immuni al COVID-19: ecco le prove

Pubblicato

il

Da

 

 

Esistono prove biologiche e molecolari che i bambini sono effettivamente immuni al COVID e possono essere considerati già vaccinati. Lo sostiene il dottor Paul Elias Alexander in un articolo pubblicato su Lifesitenews.

 

«Le iniezioni di [vaccino] COVID non offrono ai bambini alcuna opportunità di beneficio e solo potenziali opportunità di danno.» 

 

«I bambini non devono essere vaccinati con questi vaccini COVID; la questione chiave è che i vaccini non sono necessari. Nessun funzionario della sanità pubblica ha ancora argomentato spiegando perché i bambini devono ricevere questi vaccini. Inoltre, gli sviluppatori non hanno seguito i vaccini per un periodo di tempo adeguato, e questo è molto preoccupante perché quindi non sappiamo cosa riserverà il futuro ai destinatari».

 

«I bambini non hanno bisogno del vaccino COVID; può potenzialmente ucciderli»

«Non abbiamo idea di come questi vaccini si comporteranno a lungo termine nei bambini e potrebbero danneggiare gravemente i nostri bambini o addirittura ucciderli. I bambini hanno una protezione naturale in quanto non hanno le basi molecolari e biologiche che hanno gli adulti per essere infettati da questo virus e ammalarsi gravemente».

 

Il medico canadese sostiene di dover avvertire l’ente regolatore americano FDA «che se approvano questo vaccino per i bambini, corriamo il rischio di uccidere migliaia di bambini americani (e bambini del mondo), danneggiandoli con miocardite e altre gravi condizioni di cui sono stati risparmiati finora dal loro naturale protezione».

 

«Il vaccino e la proteina spike entrano in circolo e possono avere conseguenze devastanti sul sistema vascolare dei nostri bambini. Possono causare coaguli, sanguinamento/emorragia, etc».

 

«Non c’è alcun motivo medico, e supplico la FDA di fermarsi».

 

In particolare, il dottore formula a chiare lettere l’orrore utilitarista per cui la minoranza dei bambini andrebbe sacrificata per proteggere gli adulti, per i quali, peraltro, esistono effocaco cure precoci (che, ricordiamo, se riconosciute, toglierebbero ogni alibi all’emergenza e all’obbligo vaccinale).

 

«Le iniezioni di [vaccino] COVID non offrono ai bambini alcuna opportunità di beneficio e solo potenziali opportunità di danno.» 

«I bambini non sono fatti per proteggere gli adulti e non abbiamo bisogno dell’immunità dei bambini per porre fine alla pandemia. Abbiamo un trattamento precoce» dice il medico.

 

Sì, dobbiamo raddoppiare e triplicare adeguatamente la protezione dei nostri anziani e ad alto rischio e offrire un trattamento precoce, ma non dobbiamo ignorare l’immunità naturale già costruita nella società e l’immunità che i bambini già possiedono.

 

Tornano alla mente alcune catastrofi vaccinali, di cui Renovatio 21 ha dato puntualemente conto. Ad esempio, la strage nelle Filippine scatenata dal vaccino contro la dengue ..

 

«Il disastro più recente ai bambini del vaccino dengvaxia  per la febbre dengue fornisce cautela. I bambini ne sono stati gravemente danneggiati» .

 

Il dottor Alexander ricorda che tasso di mortalità per infezione stimato (IFR) è vicino allo  zero per bambini e ragazzi.

 

«I dati più aggiornati  dall’American Academy of Pediatrics ha mostrato che “I bambini sono stati lo 0,00% -0,19% di tutti i decessi per COVID-19 e 10 stati [USA] hanno riportato zero decessi infantili. Nelle segnalazioni degli stati, lo 0,00%-0,03% di tutti i casi di COVID-19 infantili ha provocato la morte».

«I bambini non sono fatti per proteggere gli adulti e non abbiamo bisogno dell’immunità dei bambini per porre fine alla pandemia. Abbiamo un trattamento precoce»

 

I bambini, ripete il dottore, vanno considerati come già immunizzati.

 

«In effetti, la loro immunità è migliore di quella degli adulti vaccinati con queste iniezioni sub-ottimali (…) Abbiamo una forte ricerca di Patel  e Bunyavanich (ricerca sul recettore ACE 2), Loske (che mostra che l’immunità innata antivirale preattivata [compartimento mucoso] nelle vie aeree superiori dei bambini), Yang (i bambini  hanno cellule memoria B che possono legarsi alla SARS- CoV-2, che indica il potente ruolo dell’esposizione nella prima [precedente] infanzia ai comuni coronavirus del raffreddore),  Weisberg e Farber et al. le cellule T dei bambini … hanno una migliore capacità di rispondere ai nuovi virus) e  Galow  (che mostra che i bambini non diffondono il COVID-19 ad altri bambini, mentre sono gli adulti che diffondono il COVID-19 ai bambini).» 

 

Per quanto riguarda la dinamica epidemiologica, il medico cita uno studio sulle Alpi francesi.

 

«Hanno seguito un bambino infetto che ha visitato tre diverse scuole e ha interagito con altri bambini, insegnanti e vari altri adulti. Gli autori non hanno riportato alcun caso di trasmissione secondaria nonostante le strette interazioni. Questi dati sono disponibili per il CDC e altri esperti di salute da oltre un anno».

 

Su «quasi 2 milioni di scolari che sono stati seguiti in Svezia, senza obbligo di mascherina, è stato riferito che ci sono stati zero decessi per COVID e solo pochi casi di trasmissione e ospedalizzazione minima» 

 

«Anche in questo caso, i bambini hanno una protezione ACE 2 naturale e non dobbiamo aggirarla entrando nei loro deltoidi e quindi nei loro flussi sanguigni. Finora sono stati risparmiati dalle morti che si sono verificate negli adulti a causa dei vaccini, ed è a causa di questa protezione naturale e delle ragioni molecolari che ho delineato sopra. Lasciali in pace».

 

In conclusione: «i bambini non hanno bisogno del vaccino COVID; può potenzialmente ucciderli».

 

«Il CDC e il NIH e gli sviluppatori di vaccini stanno ingannando la Nazione e non hanno svolto la ricerca adeguata. Questo è altamente avventato e pericoloso. Il dottor Anthony Fauci deve fermare questa follia, questa follia, questa spinta implacabile che deve iniettare a tutti i bambini. Fino ad oggi non può spiegare perché. È sempre stato illogico, irrazionale, insensato e senza alcun merito scientifico (…) I genitori devono alzarsi in piedi e respingere questa follia di Fauci, Collins, Walensky e degli esperti medici televisivi spericolati e capziosi».

 

Vengono rammentati altri disastri vaccinali di cui è puntellata la storia, ma che sono convenientemente dimenticati:

 

« È doveroso ricordare l’aumento  dell’incidenza della narcolessia  nei bambini nei paesi scandinavi a seguito del  vaccino influenzale H1N1 adiuvato ASO3  utilizzato per la pandemia del 2009 (programma di vaccinazione influenzale Pandemrix ) (….) vengono in mente anche i danni causati dal vaccino contro la  dengue nei bambini nelle Filippine. Sanofi Pasteur ha  sospeso i vaccini nel 2017 a causa del rischio molto pericoloso di sindrome da perdita di plasma simile all’Ebola».

«I bambini sono effettivamente immuni da COVID e possono essere considerati già completamente vaccinati secondo la spiegazione biologica e molecolare di cui sopra»

 

Eventi come «il  vaccino antipolio contaminato con bambini malati e paralizzati a morte nel 1955 negli Stati Uniti sono degni di essere esaminati in questo contesto».

 

«Il danno che può derivare da un rapido dispiegamento della vaccinazione di massa per i bambini non si è dimostrato sicuro in tutti i casi. Forse vale la pena notare questo commento del Dr. Efrat Schurr: “Nel 1977, ad esempio, una tripla vaccinazione (contro la difterite, la  pertosse  e il tetano) da un lotto difettoso ha lasciato diversi bambini ciechi, sordi e disabili per sempre».

 

Quindi, per riassumere:

 

«I bambini sono effettivamente immuni da COVID e possono essere considerati già completamente vaccinati secondo la spiegazione biologica e molecolare di cui sopra».

 

Qualcuno che lo può spiegare al governo italiano, e a tutto il seguito di boiardi virologici, poliziotti pandemici, volonterosi carnefici del COVID, c’è?

Continua a leggere

Essere genitori

Video: il pianto del bambino costretto alla mascherina

Pubblicato

il

Da

 

 

Un video da un asilo di Nuova York sta avendo una certa diffusione in rete.

 

Un bambino piccolo, Mason, piange e rifiuta la mascherina, e se la leva varie volte mentre le maestre di asilo insistono.

 

Si tratta di un concentrato di pura crudeltà verso gli innocenti. Cioè, della cifra dell’ora presente.

 

Come siamo arrivati a tutto questo?

 

Alcuni utenti hanno sottolineato il fatto che le maestre dell’asilo hanno continuato a toccare il viso e la maschera del bambino durante la lotta, annullando completamente il motivo per cui gli si mette la mascherina.

 

In seguito su Facebook la madre del bambino Mason, Walker, ha chiarito di non essere arrabbiata con l’asilo nido di suo figlio, ma piuttosto con il governatore di New York Kathy Hochul, che la scorsa settimana ha emesso un ordine che impone ai bambini di due anni di indossare maschereine per poter frequentare strutture per l’infanzia regolamentate dallo Stato.

 

«Non sono arrabbiata con il suo asilo nido che stanno cercando di rispettare il mandato. Amo dov’è. Sono incazzata con il nostro governatore e l’OCFS che pensano che sia assolutamente necessario obbligare un bambino di due anni a indossare una maschera 7-10 ore al giorno. #unmaskourbabies», ha scritto la Walker.

 

La domanda di fondo rimane.

 

Come siamo arrivati a tutto questo?

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

Mascherine a scuola: le poche idee funzionali vengono scartate

Pubblicato

il

Da

 

 

I nostri bambini sono costretti a portare una mascherina a scuola con la scusa di controllare la circolazione del COVID.

 

Eppure un’idea per monitorare intere classi scolastiche era venuta ad Agostino Miozzo, ex membro del CTS.

 

La proposta prevedeva l’esecuzione di periodica di tamponi salivari (molecolari) collettivi. Ma non solo per i bambini.

 

La proposta prevedeva l’esecuzione di periodica di tamponi salivari (molecolari) collettivi. Ma non solo per i bambini

Era il 26 Marzo 2021 e ne parlò su Il Messaggero:

 

«Lo screening di massa, tra gli studenti, diventa ancora più praticabile se si ricorre ai salivari, soprattutto con la tecnica dell’esame di gruppo: si esamina la saliva di tutti gli alunni di una classe e solo se risulta la presenza del virus, allora si passa all’esame dei singoli, per capire chi è il positivo; altrimenti si prosegue con altre classi, risparmiando molto tempo».

 

«Per questa operazione di test di massa – antigenici o salivari – c’è chi vorrebbe coinvolgere squadre dell’esercito o, più semplicemente, medici delle ASL e volontari della Protezione civile; servirebbero almeno 10mila team, seguendo l’esempio dell’esperienza del Regno Unito».

 

Qualora si adottasse la prospettiva del governo riguardo mascherine, bambini e coronavirus, si dovrebbe ammettere che quello di Miozzo rappresenterebbe un metodo facile, scalabile, veloce ed e economico.

Essa permetterebbe ai bambini di eliminare le mascherine, salvando l’ossessione del controllo del contagio portata avanti dall’autorità

 

Esso permetterebbe ai bambini di eliminare le mascherine, salvando l’ossessione del controllo del contagio portata avanti dall’autorità.

 

L’opzione tuttavia no mai ha mai avuto un seguito.

 

Il pensiero che può assalire il cittadino è quindi che lo scopo non sia controllare la circolazione del contagio, bensì far tenere la mascherina ai nostri figli e magari farli vaccinare

Il pensiero che può assalire il cittadino è quindi che lo scopo non sia controllare la circolazione del contagio, bensì far tenere la mascherina ai nostri figli e magari farli vaccinare.

 

Del resto, il nuovo ordine biotico richiede un segno visibile di riconoscimento alla sottomissione pandemica – stampato sulla faccia di ciascuno – e, più intimo, un marchio impresso direttamente nelle carni delle genti, un marchio che arriva a toccare perfino la loro genetica cellulare.

 

 

Gian Battista Airaghi

 

 

Continua a leggere

Più popolari