Connettiti con Renovato 21

Bioetica

La vera storia del Comitato Nazionale di Bioetica – prima parte

Pubblicato

il

Renovatio 21 avvia con questo articolo l’ambizioso progetto di tracciare l’evoluzione della bioetica italiana e della sua principale istituzione governativa – il Comitato Nazionale di Bioetica (CNB) – in una serie di interviste condotte con il professor Luca Marini, docente di diritto internazionale alla Sapienza di Roma, che fu vice presidente del CNB.

 

 

Prof. Marini, quando è entrato a far parte del Comitato Nazionale di Bioetica (CNB)? E quando ne è uscito?

Mi sono avvicinato al mondo della bioetica all’inizio degli anni Novanta, poco dopo la laurea in diritto internazionale, perché la mia relatrice era una componente del CNB. Poi, nel 1996, il Presidente del CNR, che allora era componente ope legis del CNB, mi delegò a sostituirlo. Nel 2002 diventai componente effettivo e nel 2006, infine, vice presidente. Ne sono uscito nel 2014, se non ricordo male.

 

Una presenza ultra-ventennale, quindi. Che ricordo ha del CNB?

Il ricordo di un salotto geriatrico, vanitoso e autoreferenziale come tutti i salotti accademici, denso di intrecci scientifico-accademico-professionali, ma soprattutto compiaciuto di vedersi definire «comitato dei saggi» dai giornalisti più allineati e servili, quelli che in genere sono sul libro paga delle multinazionali che a loro volta controllano gli editori da cui formalmente dipendono.

 

Una definizione un po’ severa, non trova?

Solo per chi non ha frequentato quel salotto, e quei giornalisti.

 

Come vengono nominati i membri del CNB?

Se la normativa di riferimento non è cambiata, sono nominati collettivamente con un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DCPM), che attribuisce anche le cariche di presidente e vice presidente.

 

Che tipo di preparazione hanno?

Le competenze scientifiche tradizionalmente rappresentate nel CNB provengono dal mondo della medicina, della filosofia e del diritto. Ma, poiché in Italia non esiste la professione del bioeticista, né tantomeno un albo di esperti, chiunque, in teoria, può essere nominato componente del CNB: e quindi, automaticamente, chiunque può essere investito della qualifica di super-esperto di bioetica.

 

Ma come, i componenti del CNB non sono almeno docenti universitari di bioetica?

Guardi, secondo le tabelle ministeriali, la bioetica compare nella descrizione di tre settori scientifico-disciplinari: medicina legale, storia della medicina e filosofia del diritto. Quindi, in teoria, solo i medici legali, gli storici della medicina e i filosofi del diritto possono insegnare bioetica negli atenei italiani. Naturalmente, e per fortuna, la realtà dei fatti è ben diversa.

 

E scusi, allora i famosi esperti di biodiritto chi sono?

Continuando a fare riferimento alle tabelle ministeriali, per il biodiritto si deve attingere al bacino costituito dai docenti di diritto civile. Questo limite, aggiungo per inciso, col tempo ha fatto saltare la mosca al naso ad altre categorie di giuristi, che per rivalsa hanno coniato il termine «biogiuridica» da cui ricavare, ufficiosamente, patenti di expertise diverse da quella riservata ai civilisti.

 

Sembra una faida di altri tempi.

Certamente lo è, come in fondo è tipico del mondo accademico, dove sul merito scientifico prevalgono sempre logiche accademiche in cui la principale preoccupazione dei cosiddetti «maestri di scienza» è spartire i posti e le risorse disponibili tra allievi ossequiosi e obbedienti. Scopo ultimo di tali logiche è ovviamente presidiare, a seconda del proprio peso accademico, uno o più atenei, una o più facoltà, uno o più dipartimenti, uno o più corsi di laurea, procreando così, sul modello dell’Alien cinematografico, generazioni e generazioni di docenti allineati e funzionali al sistema, perché a esso organici. Va da sé che i docenti con la carriera così pianificata diranno le cose giuste al momento giusto, vestendo i panni degli scienziati imparziali e obiettivi, come la vicenda COVID ha ampiamente dimostrato.

 

Quindi può capitare il caso di componenti del CNB che non conoscano bene la materia?

Se non ricordo male, questo fu detto apertamente, e sui giornali, per un ex presidente.

 

E in questo mondo evidentemente allineato e funzionale al potere, lei, che è noto per le sue posizioni di rottura, come ci è finito?

Ogni tanto me lo chiedo anch’io. Sicuramente per caso o, se preferisce, per un insieme di circostanze: avevo competenze abbastanza peculiari, non potevo essere ricondotto, per ragioni oggettive, a nessuno dei due schieramenti della bioetica italiana [cosiddetti laici e sedicenti cattolici, ndr] ed ero molto giovane. Sembravo, quindi, utile, inoffensivo e manipolabile. Cominciarono a ricredersi quando iniziai a invocare il principio di precauzione in materie al calor bianco, dagli OGM alle nanotecnologie, cosa che in seguito mi portò dritto filato alla destituzione dalla carica di vice presidente. Ma questa è un’altra storia.

 

No, se permette, è una storia che ci interessa. Quando e perché lei fu destituito?

Nel 2007, per ragioni mai formulate ufficialmente, nemmeno nel provvedimento di destituzione. Ovviamente il vero motivo può essere individuato nelle posizioni critiche da me espresse a più riprese nei confronti della progressiva mercificazione del corpo umano promossa da quella macchina divoratrice della dignità e dei diritti fondamentali dell’uomo che si chiama Unione europea. A ciò si deve sicuramente aggiungere la mia condizione di cane sciolto: se avessi avuto le spalle coperte, infatti, il mio dissenso sarebbe stato opportunamente incanalato e sfruttato a scopi politici e, forse, mi sarei ritrovato in Parlamento, come è accaduto per molti altri membri del CNB. E invece nessuno tra i colleghi – tutti universitari, tutti depositari del pensiero critico – mi espresse un briciolo di solidarietà per la destituzione e ancora meno per il successivo reintegro, conseguente alla mia vittoria giudiziaria. Del resto, non poteva andare diversamente, visto che negli ambienti accademici, quale è di fatto il CNB, la prima regola è muoversi in modo felpato, aspettando in silenzio ossequioso il proprio turno e la propria ricompensa.

 

 

(Fine della prima parte)

 

 

 

 

Immagine di ZEISS Microscopy via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Generic (CC BY-NC-ND 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Aborto dei down, il 95% delle irlandesi interrompe la gravidanza se il bambino ha la sindrome

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

L’aborto è stato legalizzato in Irlanda solo nel 2018. Una delle conseguenze è che il Rotunda Hospital di Dublino, un importante ospedale per la maternità, riferisce che il 95% delle donne che credono che il loro bambino avrà la sindrome di Down abortisce. La cifra equivalente nel 2018 era del 50%.

 

Tecnicamente, questo è illegale secondo la legislazione attuale, quindi le madri devono andare all’estero. L’Irish Times riferisce che

 

«La Rotunda effettua attualmente circa 30-40 interruzioni all’anno che comportano un’anomalia fatale del feto. In altri 20-30 casi l’anomalia fetale non soddisfa i criteri previsti dalla legislazione e le donne coinvolte si recano all’estero per abortire».

 

Il medico responsabile, il professor Fergal Malone, cerca di essere «non direttivo».

 

«Il 95% che sceglie di viaggiare prende quella decisione da solo. Non sosteniamo assolutamente la risoluzione. La realtà è che la stragrande maggioranza sceglie di terminare. Non ho idea se sia la cosa giusta. Non lo sosteniamo, questa è solo l’esperienza vissuta».

 

Niall O’Dowd, il fratello del fondatore del media Irish Central, ha un figlio con sindrome di Down, Conor. È costernato dalla statistica.

 

«Ciò che è davvero scioccante, tuttavia, è che non vi è stata alcuna dichiarazione al riguardo da parte del governo irlandese, delle organizzazioni per i disabili in generale o del gruppo di sostegno Down Syndrome Ireland in particolare. Una nuova politica sociale, l’eliminazione dei bambini Down, sembra essere stata creata sotto i nostri occhi, tramite interviste, senza commenti, domande o interventi».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Bioetica

I laureati in medicina e i loro giuramenti

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Un’indagine sui giuramenti prestati da studenti di medicina negli Stati Uniti e in Canada nel 2014 e nel 2015 suggerisce che i medici stanno iniziando la loro carriera con nozioni vaghe, confuse e incoerenti di etica medica.

 

In un articolo su The New Bioethics, tre medici hanno analizzato i giuramenti di 150 di tutte le 153 scuole mediche statunitensi e canadesi e li hanno confrontati con i giuramenti prestati nel 2000.

 

La maggior parte (54,7%) di essi sono varianti dell’antico giuramento di Ippocrate, anche se un numero crescente (14,9%) chiede solo giuramenti scritti dagli stessi studenti.

 

Nel 1989 nessuna scuola di medicina chiedeva un giuramento scritto dagli studenti.

 

Ci sono stati alcuni cambiamenti interessanti negli ultimi 15 anni:

 

  • I giuramenti a una divinità sono diminuiti dal 17,7% al 7,7%, ma i giuramenti a se stessi sono aumentati a oltre il 40%.

 

  • Resta invariato l’impegno al rispetto del diritto positivo (34,0% delle scuole) ma calano vertiginosamente le promesse di aderire alle «leggi dell’umanità», dal 39,7% al 16,7% delle scuole.

 

  • Gli impegni ad astenersi da comportamenti sessuali scorretti con i pazienti e le loro famiglie erano bassi nel 2000 e in realtà sono scesi al 2%.

 

  • I divieti di omicidio intenzionale sono diminuiti drasticamente e sono recitati solo nel 2% delle scuole, anche se la percentuale in cui gli studenti promettono di rispettare il valore della vita umana rimane invariata al 30,7%.

 

  • I divieti di aborto sono quasi inesistenti all’1,3%.

 

  • L’impegno a sottoporre la propria coscienza alle regole dei governi e delle istituzioni o la preferenza del paziente sono stati inclusi dal 24,7% delle scuole. Ma una percentuale altrettanto ampia si è impegnata a obbedire sempre alla propria coscienza (28,7%) ea praticare secondo giudizio il 35,3%.

 

Le incoerenze e le differenze nei giuramenti indicano maggiori divisioni e incertezze nella cultura occidentale, affermano gli autori.

 

«Forse non dovrebbe sorprendere che il discorso bioetico sia dominato da dibattiti controversi che ruotano essenzialmente attorno alla domanda: “Che cosa il medico pretende di fare e non fare per il suo paziente?” È abbastanza chiaro dal nostro studio che i giuramenti moderni non rispondono in modo coerente o coerente a questa domanda. Un quadro morale comune per la medicina rischia di scomparire».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine di Wellcome images via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Stati Uniti: le farmacie possono distribuire pillole abortive

Pubblicato

il

Da

 

 

Ciò avviene dopo una modifica apportata dalla Food and Drug Administration (FDA), responsabile della commercializzazione dei farmaci. Le pillole abortive sono ora soggette a nuove regole che estenderanno la loro distribuzione ai farmacisti.

 

 

Il prodotto in questione è il mifepristone, o RU-486, che il defunto professor Jérôme Lejeune descrisse giustamente come un «pesticida antiumano». Questa pillola abortiva provoca la morte del feto; è combinato con misoprostolo che espelle il bambino morto 24-48 ore dopo.

 

Ricordiamo che l’uso omicida della RU-486 si deve al professor Etienne-Emile Baulieu che, nel 1982, la presentò come alternativa all’aborto per aspirazione. Il professor Baulieu è stato appena elevato alla dignità di Gran Croce nell’ordine della Legion d’Onore, il 1° gennaio.

 

 

Un cambiamento nelle regole della FDA

Un articolo pubblicato sul sito del National Catholic Register il 6 gennaio riporta che «la Food and Drug Administration degli Stati Uniti il ​​3 gennaio ha annunciato che consentirà a qualsiasi paziente con una prescrizione di ottenere il mifepristone dalla sua farmacia al dettaglio locale se è adeguatamente certificato per dispensare il farmaco. La precedente politica della FDA consentiva solo a medici certificati, cliniche e alcune farmacie per corrispondenza di dispensare il mifepristone».

 

Le pillole abortive saranno quindi molto più ampiamente disponibili. In effetti, CVS e Walgreens, le due principali catene di drugstore della Nazione, hanno annunciato l’intenzione di riempire le prescrizioni per il mifepristone.

 

Steven H. Aden, consigliere generale di Americans United for Life, ha affermato che la decisione è «l’ennesima di una lunga serie di azioni intraprese dall’amministrazione Biden che mettono le donne a grave rischio, nella sua corsa precipitosa a spingere i farmaci abortivi sul pubblico americano».

 

Spiega il suo punto:

 

«Nonostante la lunga approvazione da parte della FDA dell’aborto chimico come farmaco limitato, con solenni avvertimenti sul suo uso e restrizioni sulla sua distribuzione a causa del ruolo che svolge nel causare pericolose emorragie, infezioni e gravidanze ectopiche mancate, questa amministrazione sembra non fermarsi davanti a nulla per abbattere le regole che avevano contribuito a proteggere le donne da questo farmaco».

 

«A partire dal 2020, le pillole abortive ora rappresentano più della metà degli aborti negli Stati Uniti… Sebbene la FDA autorizzi l’uso del farmaco solo fino alle 10 settimane di gravidanza, molte cliniche e fornitori offrono il farmaco fino a 12 o 13 settimane, secondo il New York Times». CVS Pharmacy e Walgreens hanno ciascuno 9.000 punti vendita negli Stati Uniti.

 

«Abbiamo in programma di richiedere la certificazione per dispensare il mifepristone ove legalmente consentito», ha dichiarato a CNA Amy Thibault, direttore principale per le comunicazioni esterne presso CVS Pharmacy. C’è da chiedersi se i dipendenti della farmacia con obiezioni religiose o morali all’aborto potranno evitare di prendere parte alla prescrizione del farmaco abortivo.

 

«Abbiamo politiche in atto per garantire che a nessun paziente venga mai negato l’accesso ai farmaci prescritti da un medico sulla base delle convinzioni religiose o morali individuali di un farmacista», ha affermato la signora Thibault. Tuttavia, il gruppo ha annunciato che in caso di obiezione di coscienza, se notificata in anticipo, prenderà altre disposizioni.

 

Un portavoce di Walgreens ha affermato che la società intendeva far certificare le proprie farmacie per la distribuzione del farmaco, ma non ha affrontato specificamente la questione dei dipendenti con obiezioni all’aborto.

 

 

Reazioni dei gruppi per la vita

Marjorie Dannenfelser, presidente di SBA Pro-Life America, un gruppo anti-aborto, ha chiesto un’azione politica per contrastare i cambiamenti normativi.

 

«I legislatori statali e il Congresso devono ergersi a baluardo contro l’estremismo pro-aborto dell’amministrazione Biden», ha detto Dannenfelser al Wall Street Journal. «Speriamo di vedere la FDA fare il suo lavoro per proteggere la vita delle donne e porre fine agli aborti chimici».

 

Una modifica del dicembre 2021 ha revocato definitivamente l’obbligo per i pazienti di ottenere il mifepristone durante gli appuntamenti di persona con un medico. Questa modifica ha consentito di prescrivere pillole abortive tramite telemedicina e di compilare prescrizioni per posta.

 

La Catholic Medical Association ha criticato le modifiche alle regole in una dichiarazione del 3 gennaio.

 

«Come operatori sanitari, esperti di etica medica e difensori dei pazienti, desideriamo denunciare con forza queste violazioni dei diritti delle donne al consenso informato e alla qualità delle cure», ha affermato il gruppo. «La politica non ha posto nella cura delle donne».

 

Il gruppo ha osservato che le disposizioni non richiedono che il medico prescrittore si trovi nello stesso stato del paziente. Ha obiettato che non è richiesta alcuna valutazione fisica di persona per documentare le settimane di gestazione o la posizione del feto. La mancanza di un esame di persona aiuta potenzialmente coloro che userebbero la droga per nascondere lo stupro di un minore.

 

«La FDA ammette che esiste un potenziale di sanguinamento eccessivo e che ci sono stati 28 decessi associati all’uso di questo farmaco», ha continuato la dichiarazione della Catholic Medical Association.

 

Infine, «non è necessario alcun esame fisico di follow-up per valutare un aborto incompleto e i conseguenti rischi di sanguinamento continuato, prodotti del concepimento trattenuti che richiedono la rimozione chirurgica o infezioni, che possono portare alla sterilità e, in casi estremi, anche alla morte».

 

 

 

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari