Connettiti con Renovato 21

Gravidanza

La nuova brutale arma cinese: sciami di droni suicidi esplosivi suicidi

Pubblicato

il

 

 

 

 

La China Academy of Electronics and Information Technology (CAEIT) ha pubblicato un video di un test che coinvolge una serie di 48 droni armati lanciati dal retro di un camion, riporta il South China Morning Post .

 

I droni possono essere visti lanciarsi da tubi, con una serie di ali a scomparsa che si schiudono da ciascuno subito dopo. Le truppe a terra identificano quindi gli obiettivi dei droni su un dispositivo tablet.

 

Ognuno è pieno di esplosivi, secondo il Times .

 

 

I droni possono essere visti lanciarsi da tubi, con una serie di ali a scomparsa che si schiudono da ciascuno subito dopo. Ognuno è pieno di esplosivi

Finora sono emersi pochi dettagli sul test, ma i droni mostrati nel filmato ricordano un “drone suicida” mostrato in precedenza costruito da China Poly Defense, come sottolinea The Drive , chiamato CH-901. Ogni unità è lunga appena quattro piedi e pesa circa 20 libbre. Può trascorrere due ore in volo e avvicinarsi a bersagli fino a 240 km/h.

 

Il design ricorda anche modelli simili costruiti dai produttori statunitensi AeroVironment e Raytheon . Anche l’ufficio di ricerca navale della Marina ha sviluppato un drone simile chiamato Low-Cost UAV Swarming Technology (LOCUST) .

 

Una diversa dimostrazione del CAEIT mostra i droni lanciati da un elicottero, scrive Futurism.

 

Gli esperti temono che gli sciami di droni possano essere utilizzati per confondere e sopraffare i sistemi di difesa aerea potendo avvicinarli rapidamente da più angolazioni.

«Sono ancora nella fase iniziale di sviluppo e i problemi tecnici devono ancora essere risolti», ha detto a SCMP un insider dell’Esercito popolare di liberazione . «Una delle preoccupazioni principali è il sistema di comunicazioni e come evitare che si inceppi».

 

Gli esperti temono che gli sciami di droni possano essere utilizzati per confondere e sopraffare i sistemi di difesa aerea potendo avvicinarli rapidamente da più angolazioni.

 

 

 

Immagine screenshot da video YouTube.

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Farmaci

Comune farmaco antidiabetico collegato a difetti alla nascita

Pubblicato

il

Da

 

Uno studio che esamina gli effetti di un farmaco per il diabete ampiamente diffuso, ha collegato lo stesso a un aumento del rischio di difetti alla nascita. Lo riporta Futurism.

 

Lo studio danese pubblicato negli Annals of Internal Medicine ha rilevato che gli uomini che assumevano metformina – un farmaco comune usato per trattare il diabete di tipo 2 – entro tre mesi prima di concepire un bambino avevano il 40% in più di probabilità di avere figli con difetti alla nascita.

 

Lo studio, che ha analizzato più di un milione di nascite tramite i registri nazionali in Danimarca negli anni 1997/2016, bizzarramente non entra nello specifico sul tipo di difetti che si verificano, ma solo sul fatto che sono  a livello «genitale» e che questi difetti sono stati trovati più spesso nei neonati maschi.

 

Mentre la frequenza di queste malformazioni alla nascita, che erano l’unico tipo identificato come statisticamente significativo, nei bambini nati da padri con diabete di tipo 2 era complessivamente del 3,1%, la frequenza è aumentata al 4,6% per i bambini i cui padri avevano assunto metformina durante i tre mesi precedenti al concepimento.

 

Lo studio, che si è concentrato su oltre un milione di bambini nati da donne di età inferiore ai 35 anni che non avevano il diabete e uomini di età inferiore ai 40 anni, è stato intrapreso perché, come hanno scritto i ricercatori, «il diabete riduce la qualità dello sperma e si verifica sempre più durante anni riproduttivi».

 

Oltre a guardare gli uomini che assumono metformina per il diabete, i ricercatori si sono concentrati anche sui maschi che assumevano insulina e hanno scoperto che non era correlato a questa tipologia di difetti di nascita allo stesso modo della metformina.

 

I ricercatori hanno inoltre scoperto che le persone che assumevano metformina prima del periodo di tre mesi prima del concepimento non avevano maggiori probabilità di ritrovarsi con bambini con difetti alla nascita.

 

Studi come questo hanno lo scopo di stabilire una correlazione con l’intenzione di studi futuri e gli autori hanno riconosciuto che «le informazioni sullo stato della malattia sottostante erano limitate» e che «ulteriori ricerche dovrebbero replicare questi risultati e chiarire la causa».

 

Per il momento, è rilevante notare come questo studio è una prima prova che i farmaci comuni possano avere effetto teratogeno non solo se ad assumerli sia la donna, ma anche l’uomo.

 

I rischi indotti da sostanze farmaceutiche per i nascituri spaziano in ogni ambito: come riportato da Renovatio 21, nel 2020 è stato notato che un farmaco giapponese considerato per la cura al COVID, l’Avigan, poteva causare difetti alla nascita. Lo ammise lo stesso premier giapponese di allora, Shinzo Abe.

 

La talidomide è sempre dietro l’angolo.

 

Continua a leggere

Fertilità

Il fumo prima o dopo il concepimento correlato a uno sviluppo embrionale ritardato: studio

Pubblicato

il

Da

Lo sviluppo embrionale ritardato all’ecografia di 20 settimane è stato riscontrato in uno studio olandese tra le donne che fumano nelle 14 settimane prima e nelle dieci settimane dopo il concepimento. Lo riporta Bionews.

 

Per la prima volta, un team di ricercatori ha scoperto che lo sviluppo dell’embrione è stato ritardato di 0,9 giorni quando misurato a dieci settimane nelle donne in gravidanza che fumavano dieci o più sigarette al giorno rispetto alle non fumatrici.

 

Inoltre, è stato osservato un ritardo di 1,6 giorni nei fumatori che avevano concepito attraverso la fecondazione in vitro e l’iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (ICSI) .

 

Il dottor Melek Rousian , ginecologo presso l’University Medical Center di Rotterdam nei Paesi Bassi, che ha condotto lo studio, ha affermato: «Uno dei messaggi chiave di questo studio è che il ritardo nello sviluppo embrionale dovuto al fumo delle madri nel periodo periconcezionale è anche associato con misurazioni fetali più piccole all’ecografia a 20 settimane e peso alla nascita inferiore. Parte degli esiti fetali e neonatali possono essere spiegati dal fumo durante il periodo periconcezionale e dal ritardo nello sviluppo embrionale».

 

Precedenti studi che hanno indagato sugli effetti dannosi del fumo sulla crescita prenatale e sul fumo sono numerosi, e per lo più si presumeva che dietro questo ci fosse la vasocostrizione della placenta. Tuttavia, non è chiaro in quale stadio della gestazione la morfologia embrionale e lo sviluppo fetale siano stati influenzati dal fumo.

 

Questo studio ha confrontato le misurazioni effettuate da sette a dieci settimane di scansioni, scansioni di 20 settimane e peso alla nascita in un gruppo di 689 donne, 96 delle quali fumatrici, tra il 2010 e il 2018.

 

L’analisi ha mostrato un ritardo di 0,9 giorni nello sviluppo fetale a dieci settimane e una minore lunghezza del femore alla scansione di 20 settimane tra le donne che hanno fumato più di dieci sigarette al giorno rispetto alle non fumatori

 

Fumare durante il concepimento sarebbe anche associato a un peso alla nascita inferiore in media di 228 g nei bambini maschi e di 2018 g inferiore nelle femmine rispetto ai non fumatori.

 

Il maggiore effetto del fumo durante il concepimento sulle persone che hanno utilizzato la fecondazione in vitro o l’ICSI per concepire sullo sviluppo ritardato dei loro embrioni era potenzialmente dovuto a una datazione più precisa del concepimento o potrebbe essere dovuto a un effetto reale maggiore, concludono gli autori.

 

 

Continua a leggere

Gravidanza

Boom dei bambini nati morti da madri vaccinate: parlamentare canadese chiede spiegazioni

Pubblicato

il

Da

 

 

Rick Nicholls, un membro canadese del Parlamento provinciale dell’Ontario (Canada), la scorsa settimana ha avuto un confronto il ministro della Salute dell’Ontario  Christine Elliott sul presunto forte aumento dei nati morti registrati nelle donne completamente vaccinate.

 

Nicholls ha iniziato la sua dichiarazione rivelando che sua figlia aveva un bambino sano quando i medici stavano ancora avvertendo le madri incinte di evitare di sottoporsi i nuovi vaccini mRNA.

 

 

Pochi mesi dopo, i medici cominciarono a dire che le madri potevano fare i vaccini sperimentali – nella città di Waterloo si è detto quindi che ci sarebbe stato un aumento di 21 volte dei nati morti rispetto a una media di sei all’anno.

 

Nella città di Waterloo si è detto quindi che ci sarebbe stato un aumento di 21 volte dei nati morti rispetto a una media di sei all’anno

«Nella zona di Waterloo, da gennaio a luglio si sono verificati 86 nati morti», ha detto Nicholls. «E, normalmente è circa un parto morto ogni due mesi. Ma ecco il punto: le madri dei bambini nati morti erano completamente vaccinate e in numerose occasioni avete detto chiaramente che i vaccini sono sicuri».

 

Altri membri del parlamento dell’Ontario e persone tra la folla hanno emesso gemiti e obiezioni mentre parlava il deputato Nicholls.

 

Nicholls ha continuato: «Allora ministro, cosa dice ai medici che hanno detto alle donne in attesa che andava bene vaccinarsi completamente e cosa dovrebbero dire alle madri che partoriscono un bambino nato morto?»

 

Il ministro della Salute Elliot ha risposto a Nicholls congratulandosi con lui per essere diventato nonno,  poi ha affermato genericamente che i vaccini COVID sono sicuri e raccomandati per le donne che aspettano un bambino.

 

Il ministro della salute non ha offerto dati o statistiche a sostegno delle sue affermazioni

Il ministro della salute non ha offerto dati o statistiche a sostegno delle sue affermazioni.

 

Infowars ha ricordato un video pubblicato da un certo dottor Daniel Nagase alla fine di novembre. Il filmato descriveva in dettaglio quello che ha definito un aumento sorprendente dei nati morti nell’area di Waterloo.

 

Il medico ha ottenuto i dati di Waterloo tramite un procuratore provinciale che ha ottenuto le informazioni da un’infermiera che lavorava all’ospedale.

 

 

Ostetriche che lavorano in un centro di parto a Vancouver, in Canada, hanno affermato di aver assistito a 13 nati morti in un periodo di 24 ore

Ostetriche che lavorano in un centro di parto a Vancouver, in Canada, hanno affermato di aver assistito a 13 nati morti in un periodo di 24 ore, riporta Infowars.

 

 

Di contro, il capo di ostetricia e ginecologia del Cambridge Memorial Hospital si è fatto avanti dopo le accuse e ha dichiarato : «Quest’anno abbiamo avuto 982 parti a Cambridge e quattro nati morti. Questo è un tasso di natalità mortale dello 0,41 percento, che è la nostra media».

 

Secondo quanto riportato, tuttavia, le statistiche non sono pubblicamente disponibili e tecnicamente non ci sarebbe alcuna sanzione se l’ospedale dovesse mentire sui numeri.

Al momento, non pare esserci una indagine approfondita sulla possibile correlazione tra vaccinazione in gravidanza e bambini nati morti

 

«Abbiamo diritto a tutte le informazioni e tutti i dettagli», ha affermato il dottor Nagase.

 

Al momento, non pare esserci una indagine approfondita sulla possibile correlazione tra vaccinazione in gravidanza e bambini nati morti.

 

In Italia, vi sono stati esempi di politiche – per esempio la ex-sindaco grillina di Torino Chiara Appendino – che hanno pubblicizzato la loro vaccinazione in gravidanza.

 

 

 

Renovatio 21 è censurata sui social media. Iscrivetevi alla nostra Newslettera e al nostro canale Telegram.

 

Continua a leggere

Più popolari