Connettiti con Renovato 21

Sanità

La Gran Bretagna sospende temporaneamente il test PCR per i casi COVID asintomatici

Pubblicato

il

Dall’11 gennaio, coloro che risultano positivi al COVID-19 in Inghilterra con un test rapido «lateral flow» (LFD) non dovranno convalidare il risultato con un test PCR a meno che non sviluppino sintomi, ha affermato mercoledì l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) in un comunicato stampa.

 

«Anche se i livelli di COVID-19 sono alti, la stragrande maggioranza delle persone con risultati positivi al test rapido LFD può essere sicura di avere COVID-19», ha affermato UKHSA nel comunicato stampa.

 

Si prevede che la decisione allevierà la pressione sulla capacità di test PCR del Regno Unito e ridurrà il periodo di autoisolamento per alcuni.

 

Il primo ministro Boris Johnson ha affermato che la decisione è stata presa per garantire che la capacità di test PCR del Regno Unito «raggiunga coloro che ne hanno più bisogno».

 

Alle persone che risultano positive al coronavirus con un test rapido LFD ma non sviluppano una tosse continua, una temperatura elevata, o una perdita o un cambiamento del loro normale senso del gusto o dell’olfatto, viene detto di autoisolarsi immediatamente, riferire il risultato al sito web del governo e non prenotare un test PCR.

 

Il professor John Edmunds, membro del comitato consultivo scientifico del governo, ha affermato che il test PCR di conferma non è necessario perché «non solo fa perdere tempo, ma costa un sacco di soldi e consuma risorse di laboratorio che potrebbero essere utilizzate meglio altrove» scrive Epoch Times.

 

Edmunds ha tuttavia anche dichiarato  che ci sono anche degli aspetti negativi perché i test PCR  darebbero ai ricercatori «leggermente meno informazioni» sulle diverse varianti in circolazione perché i tamponi possono essere sottoposti a sequenziamento per determinare quale ceppo di coronavirus è presente.

 

La legge attuale britannica richiede alle persone di autoisolarsi fino a 10 giorni dopo aver ricevuto un test PCR positivo, ma molte persone asintomatiche avrebbero iniziato l’autoisolamento a seguito di un test LFD positivo come consigliato dal governo, allungando di fatto il periodo.

 

L’impressione generale è che ogni Paese, nonostante l’emergenza, si stia muovendo verso un allentamento del regime di test e di isolamento, probabilmente schiacciato dall’immane numero di casi che, ricordiamolo, riguarda anche e soprattutto i vaccinati

L’impressione generale è che ogni Paese, nonostante l’emergenza, si stia muovendo verso un allentamento del regime di test e di isolamento, probabilmente schiacciato dall’immane numero di casi che, ricordiamolo, riguarda anche e soprattutto i vaccinati.

 

Negli USA, l’ente per le epidemie CDC ha accorciato il periodo di isolamento raccomandato a soli 5 giorni.

 

In Italia, si è avuto il caso delle dichiarazioni del presidente della Regione Toscana che ha dichiarato in conferenza stampa che avrebbe chiesto al ministro della Salute di «evitare di eliminare dal green pass le persone già vaccinate perché risultano positive», per lo meno nel presente momento di crisi.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Gli ospedali USA chiedono ai sanitari col COVID di tornare al lavoro: la narrazione è saltata completamente

Pubblicato

il

Da

Gli ospedali chiedono sempre più spesso al personale positivo al coronavirus di lavorare mentre è potenzialmente contagioso. Lo riporta il Washington Post.

 

Il giornale del gruppo Amazon sostiene che il sistema ospedaliero americano sarebbe sopraffatto dalla cosiddetta variante Omicron che ne ha decimato le risorse umana.

 

Il quotidiano di Bezos ammette che si tratta di un capovolgimento di «quasi due anni di protocolli rigorosi».

 

Gli ospedali chiedono sempre più spesso al personale positivo al coronavirus di lavorare mentre è potenzialmente contagioso. Lo riporta il Washington Post.

«Sebbene i requisiti vaccinali siano comuni negli ospedali, molti operatori sanitari stanno soffrendo del virus, esacerbando i problemi di personale» scrive il WaPo. Come noto, la Corte Suprema USA ha rigettato pochi giorni fa gli obblighi federali firmati da Biden per i lavoratori, ma due giudici supremi di estrazione conservatrice (Roberts e Kavanaugh)  si sono sfilati per quanto riguarda l’obbligo per i sanitari, lasciando intatta quindi la coercizione vaccinale per il personale che lavora negli ospedali.

 

I periodi di isolamento di dieci giorni per i lavoratori della Sanità hanno lasciato il posto a quelli di cinque giorni, secondo le linee guida dell’ente di controllo delle epidemie CDC, che le ha aggiornate alla fine del mese scorso. In molti si sono chiesti se questo dimezzamento non fosse già una mezza ammissione che il numero dei giorni fosse buttato lì senza veri basi scientifiche o anche solo logiche.

 

Secondo le nuove linee guida dei lavoratori sanitari, essi a volte possono essere autorizzati a tornare fintanto che i sintomi sono ritenuti lievi e in miglioramento. I funzionari hanno riconosciuto che anche dimezzare l’isolamento potrebbe non essere sufficiente per mantenere il personale degli ospedali: il CDC afferma che gli operatori sanitari che risultano positivi possono continuare a lavorare ininterrottamente in una «crisi».

 

Il più popoloso Stato degli USA, ha recentemente dichiarato che gli ospedali potrebbero fare quel passo per i dipendenti asintomatici. Avete capito bene: infermieri e medici asintomatici, quindi contagiosi, devono tornare a lavoro, magari a fare tamponi a persone a cui loro stesse possono dare il virus.

 

Il più popoloso Stato degli USA, ha recentemente dichiarato che gli ospedali potrebbero fare quel passo per i dipendenti asintomatici. Avete capito bene: infermieri e medici asintomatici, quindi contagiosi, devono tornare a lavoro, magari a fare tamponi a persone a cui loro stesse possono dare il virus

Si tratta di qualcosa di incredibile, un dietrofront che contraddice tutte i racconti e le restrizioni fatte finora, quelle per cui la popolazione mondiale è andata in paranoia totale. Come già riportato da Renovatio 21, il cardiologo ed esperto di COVID dottor Peter McCullough, ritiene che questa mossa della California rappresenti il crollo totale della narrazione pandemica propalata dall’establishment politico e sanitario.

 

Agli operatori sanitari che sono risultati positivi al COVID-19 e avevano sintomi è stato detto di tornare al lavoro: «con questo, penso che sia tutto. Penso che sia la fine. La narrativa è crollata» aveva detto McCullough in un’intervista a WND.

 

Ma non si tratta solo della California o della Florida: il trend pare interessare tutti gli Stati americani. Nel piccolo Rhode Island, due strutture sanitarie hanno recentemente utilizzato gli standard di «crisi» del CDC per eliminare i requisiti di isolamento. La struttura psichiatrica statale Eleanor Slater Hospital ha utilizzato due personale asintomatico il 1 gennaio, tre il 3 gennaio. Il nuovo protocollo di mettere al lavoro persone che possono infettare pazienti magari già malati – con il rischio serio, quindi, di avere un nuovo contagiato COVID con comorbilità – sta insomma accadendo davvero.

 

Secondo il Washington Post, quella di riammettere al lavoro sanitari potenzialmente contagiosi è una scelta obbligata: «la carenza di personale si scontra con i ricoveri record di coronavirus a livello nazionale. Circa 160.000 persone sono state ricoverate in ospedale con il virus giovedì, superando il record pre-Omicron stabilito lo scorso gennaio». In pratica, il sistema ospedaliero USA si troverebbe ad un passo dal collasso.

 

In pratica, il sistema ospedaliero USA si troverebbe ad un passo dal collasso

In Italia si era poche settimane fa il discorso del presidente della Regione Toscana, che chiedeva di «evitare di eliminare dal green pass le persone già vaccinate perché risultano positive».

 

«Io al ministro Speranza dirò che almeno per questi giorni di emergenza, pochi giorni, quelli in cui abbiamo un carico così pesante, di evitare di eliminare dal green pass le persone già vaccinate perché risultano positive. Sono persone che hanno dimostrato un’autodisciplina, sono persone che hanno avuto la sfortuna di trovarsi positive, ma sono persone che comunque si sono vaccinate, quindi se per qualche giorno si sospendesse il principio di escludere dal green pass…» aveva detto il presidente toscano in una conferenza stampa. Non abbiamo video, o prove scritte, che alcun giornalista abbia chiesto se questo significasse  riammettere alla vita sociale (nei luoghi dove è obbligatorio il certificato verde) persone potenzialmente contagiose.

 

L’impressione generale è quella che il potere pandemico, in tutti i Paesi, stia cercando di sbaraccare tutto – perché la situazione è divenuta ingestibile. L’apocalisse dei tamponi, con i vari Paesi (dall’Italia al Regno Unito) che stanno mollando in blocco gli obblighi di PCR sono la prova di quanto stiamo dicendo: è come se ci stessero dicendo che, a differenza di prima, non vogliono più trovare casi… dei quali non interessa più nemmeno la definizione del ceppo virologico, visto che senza PCR non si può avere dato genetico sulla presenza di Omicron, Delta, Deltacron etc.

 

La difficoltà, per il potere, è uscire dal sistema da incubo che esso stesso ha prodotto (hanno creato un problema a cui non c’è soluzione, ha detto qualcuno) mantenendo in vita il sistema di accesso elettronico del green pass – sul quale, come ripetuto da Renovatio 21, correrà l’euro digitale che abolirà il contante.

 

Ogni cosa può cambiare, nella narrativa pandemica. Il palazzo intero del virus può crollare: ma la piattaforma del green pass, che altera per sempre il rapporto tra il cittadino e lo Stato, deve rimanere integra

Ogni cosa può cambiare, nella narrativa pandemica. Il palazzo intero del virus può crollare: ma la piattaforma, che altera per sempre il rapporto tra il cittadino e lo Stato, deve rimanere integra.

 

Il sistema verrà certamente usato per pagare le tasse, con la previsione che il sospetto evasore perderà gli stessi privilegi tolti ora ai non vaccinati. Chi crede che questo sia complottismo aspetti qualche anno, o qualche mese.

 

Nel frattempo, malati o no, contagiosi o no, tutti a lavorare. Perché bisogna pagare le tasse.

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Eutanasia

Abusi sugli anziani e suicidio assistito

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Secondo una ricerca dell’Australian Institute of Family Studies (AIFS), quasi un anziano australiano su sei (14,8%) riferisce di aver subito abusi negli ultimi 12 mesi e solo circa un terzo di loro ha cercato aiuto.

 

Il National Elder Abuse Prevalence Study ha rilevato che la forma più comune di abuso sugli anziani era l’abuso psicologico (11,7%), seguito da negligenza (2,9%), abuso finanziario (2,1%), abuso fisico (1,8%) e abuso sessuale (1% ).

 

Alcune persone anziane (3,5%) hanno subito più di un tipo di abuso, con la combinazione più comune di abuso psicologico e abbandono.

 

«Il fatto che solo un terzo delle vittime stia cercando aiuto da una terza parte è una vera preoccupazione. Quando l’abuso rimane nascosto, questo crea le condizioni affinché l’abuso continui», ha affermato Rae Kaspiew, dell’AIFS.

 

Lo studio ha rilevato che i perpetratori erano per lo più membri della famiglia, con i figli adulti che hanno maggiori probabilità di commettere abusi, costituendo quasi un quinto degli autori. Anche amici (12%), vicini (7%) e conoscenti (9%) sono stati citati come comunemente responsabili.

 

I livelli sorprendentemente alti di abuso dovrebbero essere presi in considerazione nella regolamentazione della «morte volontaria assistita»

«Il fatto che spesso siano le persone a loro più vicine a commettere l’abuso è particolarmente preoccupante, in quanto ciò può creare il desiderio della vittima di mantenere segreto l’abuso per evitare vergogna, imbarazzo e ripercussioni negative per l’autore, soprattutto quando arriva ai membri della famiglia», ha affermato il dottor Kaspiew.

 

La ricerca riporta che l’azione più frequente intrapresa per fermare l’abuso prevede che la vittima parli direttamente con l’autore del reato. Un’altra misura comune è rompere il contatto con l’autore del reato o evitarlo, anche se il dottor Kaspiew avverte che ciò potrebbe peggiorare l’impatto dell’abuso, aumentando l’isolamento della persona anziana.

 

«Interrompere il contatto con l’autore del reato o evitarlo può servire ad esacerbare ulteriormente gli effetti dell’abuso sulla persona anziana a causa del suo ritiro sociale».

 

«Le dinamiche familiari possono rendere difficile affrontare gli abusi. Ad esempio, quando l’abuso è perpetrato da un figlio adulto, la persona anziana potrebbe essere riluttante a denunciare l’abuso per evitare di perdere il contatto con altri membri della famiglia come i nipoti», ha affermato il dottor Kaspiew».

«Come ha affermato il dottor Henry Marsh, neurochirurgo britannico e sostenitore della legalizzazione del suicidio assistito e dell’eutanasia:  “Anche se alcune nonne vengono bullizzate [fino al suicidio], non è forse il prezzo che vale la pena pagare per tutte le persone che potrebbero morire con dignità»

 

Quando le vittime cercano aiuto o consiglio da terzi, la famiglia (41%), gli amici (41%) e i medici generici o infermieri (29%) sono le fonti di sostegno più comuni.

 

Il dottor Kaspiew ha affermato che mentre chiunque può subire abusi, ci sono alcune caratteristiche che mettono maggiormente a rischio le persone anziane.

 

Il rapporto ha rilevato che uno status socioeconomico inferiore, essere single, separato o divorziato, vivere in alloggi in affitto, possedere una casa con un debito a fronte e una cattiva salute fisica o psicologica sono tutte caratteristiche associate a un rischio maggiore di abusi.

 

«Gli abusi sugli anziani sono qualcosa che può capitare a chiunque, indipendentemente dalle circostanze. È importante fare tutto il possibile per ridurre l’abuso e il suo impatto, ha affermato il dottor Kaspiew.

 

Come osserva Richard Egan, un osservatore australiano delle tendenze dell’eutanasia, i livelli sorprendentemente alti di abuso dovrebbero essere presi in considerazione nella regolamentazione della «morte volontaria assistita».

 

Cita un famoso neurochirurgo britannico che è un sostenitore della morte assistita:

 

Le persone anziane a cui è stato fornito un farmaco letale per il loro suicidio assistito potrebbero essere indotte a farlo dai figli o dal partner. Esiste anche una correlazione tra solitudine e richieste di «morte assistita»

«Come ha affermato il dottor Henry Marsh, neurochirurgo britannico e sostenitore della legalizzazione del suicidio assistito e dell’eutanasia:  “Anche se alcune nonne vengono bullizzate [fino al suicidio], non è forse il prezzo che vale la pena pagare per tutte le persone che potrebbero morire con dignità».

 

Egan sottolinea che le persone anziane a cui è stato fornito un farmaco letale per il loro suicidio assistito potrebbero essere indotte a farlo dai figli o dal partner. Esiste anche una correlazione tra solitudine e richieste di «morte assistita».

 

Conclude che è una seria considerazione nell’inquadrare la legislazione:

 

«Dato ciò che quest’ultimo rapporto sull’abuso agli anziani conferma sulla sua prevalenza e sull’incapacità dei professionisti, inclusi medici di famiglia e altri operatori sanitari di identificarlo e rispondere adeguatamente, non vi sono motivi per presumere che le disposizioni di qualsiasi legge che consenta l’eutanasia o l’assistenza al suicidio siano adeguate per prevenire morti illecite per abuso di anziani con pressioni per richiedere o ingerire un veleno letale. Il semplice canto della “scelta” come mantra non affronta questo rischio reale e sostanziale di abusi letali sugli anziani».

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Farmaci

4 ragioni per cui prescrivono l’azitromicina

Pubblicato

il

Da

 

Giornali e telegiornali hanno gridato al pericolo pubblico: starebbero esaurendosi, dicono, le scorte di azitromicina, un comune antibiotico, la cui versione più conosciuta è peraltro prodotta da Pfizer.

 

La carenza di azitromicina sarebbe dovuta, stringi stringi, ai no vax: ossia, a tutti coloro che, non fidandosi del sofisticato protocollo Speranza (tachipirina e vigile attesa), ai primi sintomi si rivolgono a medici che operano in «scienza e coscienza», prescrivendo quindi qualche farmaco.

 

In breve, chi prescrive l’azitromicina, e chi la assume, è possibilmente un dissidente pandemico, cioè un no-vax, in quanto è chiaro che non segue la narrativa ufficiale e il suo ricettario.

 

«Non possiamo essere certi, nemmeno a fronte di un tampone positivo, che il nostro paziente abbia un virus e non un batterio, o non li abbia entrambi»

I media mainstream in questi giorni hanno detto di tutto contro questa pericolosa «mania» dell’azitromicina: che la si toglie a chi ne ha davvero bisogno (dove l’avevamo già sentita questa?), che è inutile e non segue la scienza, che creerà un superbatterio antibiotico-resistente che ci ucciderà tutti.

 

C’era da aspettarselo: come sostiene qualcuno, nel 2020 fu attaccata dall’establishment l’idrossiclorochina, nel 2021 l’ivermectina, il 2022 sarà l’anno della guerra contro l’azitromicina?

 

Chi ha avuto il COVID lo ha potuto toccare con mano: la stragrande maggioranza dei medici non prescrive antibiotici nemmeno durante le polmoniti da COVID. Messo alle strette, qualcuno si trincera dietro un «ma il COVID è un virus, non un batterio», oppure dicendo che «non esiste una linea guida sull’uso degli antibiotici per il COVID».

 

La dottoressa Silvana De Mari sul quotidiano La Verità ha elencato quattro ragioni per cui, a suo dire, un medico dovrebbe, se lo ritiene, prescrivere l’azitromicina.

 

«Il primo ad ipotizzare la terapia a base di vitamine D, K, , zinco, antiinfiammatorio non steroideo (aspirina o ibuprofene), idrossiclorochina, azitromicina, cortisone e eparina, è stato il virologo Didier Raoult dell’Istituto ospedaliero universitario Mediterranée Infection di Marsiglia, che ha spiegato come il trattamento precoce dei pazienti affetti da COVID-19 con almeno 3 giorni di idrossiclorochina e l’azitromicina determinano un miglioramento molto più netto di tutti gli altri trattamenti» ricorda la dottoressa De Mari.

 

«Se una persona, soprattutto una persona non giovane, si presenta con febbre e sintomi respiratori, nel 70% dei casi si tratta di una patologia batterica»

«Queste affermazioni sono state confermate dal professor Cavanna nel marzo 2020 e ulteriormente confermate dalle migliaia di medici che hanno applicato questo protocollo».

 

«Per quale motivo diamo un antibiotico in una malattia virale? Per quattro motivi, ognuno dei quali da solo giustificherebbe l’uso del farmaco».

 

1) «Non possiamo essere certi, nemmeno a fronte di un tampone positivo, che il nostro paziente abbia un virus e non un batterio, o non li abbia entrambi. Se una persona, soprattutto una persona non giovane, si presenta con febbre e sintomi respiratori, nel 70% dei casi si tratta di una patologia batterica (…) quel numero, 70%, è troppo alto perché un medico abbia il comportamento assolutamente non responsabile di non prescrivere un antibiotico. Sono un medico. Mi assumo la responsabilità fino all’ultima sillaba di quello che affermo».

 

«Non prescrivere immediatamente un antibiotico in una persona anziana che presenta febbre e sintomi respiratori importanti è irresponsabile, ed è una delle cause del disastro sanitario COVID».

 

«Molte polmoniti interstiziali durante la cosiddetta pandemia sono risultate causate da micoplasmi o da altri patogeni. Non dare antibiotico in una polmonite interstiziale, perché si è convinti che si tratti di una patologia virale e puramente virale, è un errore di una gravità imperdonabile, un errore che molti pazienti possono pagare molto caro» sostiene la dottoressa.

 

«Le infezioni virali nell’80% dei casi si complicano con infezioni batteriche. La SARS 2 COVID 19 si complica con facilità con una infezione di micoplasmi, microrganismi per i quali l’azitromicina è un farmaco ottimale»

2) «Le infezioni virali nell’80% dei casi si complicano con infezioni batteriche. La SARS 2 COVID 19 si complica con facilità con una infezione di micoplasmi, microrganismi per i quali l’azitromicina è un farmaco ottimale».

 

3) «La SARS COVID 19 è una malattia che causa danno attraverso una tempesta infiammatoria, una cascata di citochine. Per combatterla occorrono antiinfiammatori e l’antiinfiammatorio più efficace è il cortisone. Il cortisone però può deprimere il sistema immunitario, favorendo la sovrainfezione batterica, dove il paziente non sia protetto da antibiotico».

 

4) «I macrolidi hanno una certa azione antivirale, e già era stata sfruttata nella cura dei virus Ebola e Zika. L’azitromicina migliore la produzione dell’interferone I, che ha azione antivirale. In una prima fase della malattia i macrolidi intralciano l’ingresso del virus interferendo con il ganglioside GM. Il virus entra nelle cellule o attraverso i recettori per l’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE2) oppure attraverso il ganglioside GM1» spiega la De Mari.

 

«Il cortisone però può deprimere il sistema immunitario, favorendo la sovrainfezione batterica, dove il paziente non sia protetto da antibiotico»

Gli argomenti per l’uso degli antibiotici, anche in questa pandemia virale, parrebbero quindi esserci. Gli studiosi che lo sostengono – compreso il professor Raoult, riconosciuto come uno dei maggiori virologi viventi – pure.

 

Vorremmo quindi sapere quando ministri, CTS, magistrati, virologi catodici parlano di «evidenze scientifiche» contro l’uso degli antibiotici a quali studi si riferiscano, sperando che si vada al di là della storia che il COVID è dato da un virus e quindi gli antibiotici non servono.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari