Connettiti con Renovato 21

Economia

La FED farà crollare i mercati finanziari globali per il Grande Reset?

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

Sembra sempre più probabile che la Federal Reserve statunitense e le potenze mondialiste in carica utilizzeranno il drammatico aumento dell’inflazione come scusa per far crollare i mercati finanziari statunitensi e, con essa, far crollare la più grande bolla finanziaria della storia. L’enorme aumento dell’inflazione dopo i lockdown politici dannosi e i trilioni di dollari di spesa di emergenza da parte di Trump e Biden, insieme alla continuazione delle politiche dei tassi di interesse quasi zero della FED e all’acquisto di miliardi di obbligazioni per mantenere la bolla gonfiata a un po’ più a lungo – hanno posto le basi per un imminente crollo del mercato. A differenza di quanto ci viene detto, è deliberato e gestito.

 

 

 

Le interruzioni della catena di approvvigionamento dall’Asia al normale trasporto su camion in tutto il Nord America stanno alimentando la peggiore inflazione degli ultimi quattro decenni negli Stati Uniti.

 

Il palcoscenico è pronto perché le banche centrali abbattano il sistema gonfiato dal debito e preparare il loro Grande Reset del sistema finanziario mondiale.

 

Tuttavia, questo non è un problema di inflazione come un processo misterioso o «temporaneo».

 

Il palcoscenico è pronto perché le banche centrali abbattano il sistema gonfiato dal debito e preparare il loro Grande Reset del sistema finanziario mondiale

Il contesto è fondamentale. La decisione di far crollare il sistema finanziario è in preparazione tra le misure di pandemia globale di vasta portata che hanno devastato l’economia mondiale dall’inizio del 2020.

 

Sta arrivando mentre le potenze della NATO, guidate dall’amministrazione Biden, stanno portando il mondo per errore di calcolo in una potenziale Guerra Mondiale. Stanno riversando armi e consiglieri in Ucraina provocando una risposta da parte della Russia. Stanno aumentando le pressioni sulla Cina su Taiwan e stanno conducendo guerre per procura contro la Cina in Etiopia, nel Corno d’Africa e in innumerevoli altre località.

 

Il crollo incombente del sistema del dollaro, che farà crollare con sé la maggior parte del mondo a causa dei legami con il debito, arriverà quando le principali nazioni industrializzate entreranno completamente nell’autodistruzione economica attraverso il loro cosiddetto Green New Deal nell’UE, e Stati Uniti e oltre.

 

Le ridicole politiche Zero Carbon per eliminare gradualmente carbone, petrolio, gas e persino il nucleare hanno già portato la rete elettrica dell’UE sull’orlo dei principali blackout elettrici quest’inverno, poiché la dipendenza dall’energia eolica e solare inaffidabili costituisce una parte importante della rete

 

Alzare i tassi di interesse in questa congiuntura devasterà il mondo intero, il che sembra essere proprio il piano

Il 31 dicembre, il nuovo governo tedesco «verde» sovrintende alla chiusura forzata di tre centrali nucleari che generano l’equivalente elettrico dell’intero paese della Danimarca. Eolico e solare non possono in alcun modo colmare le lacune. Negli Stati Uniti le politiche erroneamente denominate Build Back Better di Biden hanno portato i costi del carburante a livelli record.

 

Alzare i tassi di interesse in questa congiuntura devasterà il mondo intero, il che sembra essere proprio il piano.

 

 

I falsi dati sull’inflazione degli Stati Uniti

Fin dai primi anni ’70, quando il presidente Nixon chiese al suo amico, Arthur Burns, allora capo della Federal Reserve, di trovare un modo per sbarazzarsi dei dati mensili sull’inflazione al consumo politicamente dannosi che riflettevano l’impennata dei prezzi del petrolio insieme al grano, la FED ha usato quello che hanno chiamato «inflazione di base» che significa che i prezzi al consumo aumentano MENO energia e cibo.

 

All’epoca l’energia rappresentava un significativo 11% dei dati sull’inflazione. Il cibo aveva un peso del 25%. Presto nel 1975 un aumento del 400% dell’OPEC dei prezzi del petrolio e un aumento del 300% del prezzo globale del grano a causa dei fallimenti del raccolto nella regione sovietica, l'”inflazione di base” è scesa in modo significativo.

 

Questo, nonostante i consumatori americani dovessero pagare molto di più per benzina e pane. Pochissime persone reali possono vivere senza energia o cibo. L’inflazione di fondo è una truffa.

 

Nel 1975 la FED di Burns aveva eliminato i principali costi delle abitazioni e altri fattori, lasciando un indice dei prezzi al consumo che era solo il 35% del paniere originale di materie prime misurato. A quel punto la vera inflazione quotidiana era fuori controllo.

 

Nel mondo reale, la benzina USA oggi è del 58% più costosa rispetto al 2020 e negli ultimi 12 mesi i prezzi del cibo sono aumentati in media di oltre il 6%

Nel mondo reale, la benzina USA oggi è del 58% più costosa rispetto al 2020 e negli ultimi 12 mesi i prezzi del cibo sono aumentati in media di oltre il 6%.

 

Oggi l’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti non include i costi di acquisto e finanziamento delle case, e nemmeno le tasse sulla proprietà o la manutenzione e il miglioramento della casa. Questi fattori sono aumentati vertiginosamente in tutta l’America nell’ultimo anno.

 

Ora tutto ciò che manca è una dichiarazione della FED che l’inflazione è più allarmante di quanto pensassero e ha richiesto aumenti aggressivi dei tassi per «spingere l’inflazione fuori dal sistema», un mito comune della banca centrale fatto dogma sotto Paul Volcker negli anni ’70.

 

 

Il gonfio mercato azionario statunitense

I mercati di Wall Street, oggi con azioni ai massimi storici, aiutati dai tassi FED  vicini allo zero e anche da 120 miliardi di dollari di acquisti mensili di obbligazioni da parte della FED, sono a un punto in cui un’inversione di politica da parte della FED, prevista ora all’inizio del 2022, potrebbe dare inizio a una panic exit dalle azioni per «uscire finché l’acquisizione è buona». Ciò a sua volta probabilmente innescherà la vendita di panico e un crollo del mercato a valanga che farà sembrare il recente crollo immobiliare e delle azioni di China Evergrande come un nonnulla.

 

Dalla crisi finanziaria globale del settembre 2008, la Federal Reserve e altre importanti banche centrali come la BCE nell’UE e la Banca del Giappone hanno perseguito tassi di interesse zero senza precedenti e acquisti di obbligazioni spesso di «Quantitative easing»  per salvare le principali istituzioni finanziarie e Wall Street e le banche dell’UE.

 

Aveva poco a che fare con la salute dell’economia reale. Si trattava del più grande salvataggio nella storia delle banche e dei fondi finanziari cerebralmente morti.

 

Il prevedibile risultato delle politiche senza precedenti della FED e di altre banche centrali è stata l’inflazione artificiale della più grande bolla speculativa azionaria della storia.

 

Come presidente, Donald Trump ha costantemente indicato nuovi aumenti record nelle azioni S&P 500 come prova del boom dell’economia, anche se come uomo d’affari esperto sapeva che era una bugia. Stava aumentando a causa della politica del tasso di interesse zero della FED.

 

Le aziende stavano prendendo in prestito a tassi bassi non per espandere gli investimenti in impianti e attrezzature, ma per riacquistare le proprie azioni dal mercato (…) Era una manipolazione che i dirigenti aziendali, che possedevano milioni di azioni della propria società come opzioni, amavano. In alcuni casi hanno guadagnato miliardi, senza creare alcun valore reale nell’economia o nell’economia

Le aziende stavano prendendo in prestito a tassi bassi non per espandere gli investimenti in impianti e attrezzature, ma per riacquistare le proprie azioni dal mercato.

 

Ciò ha avuto l’effetto di aumentare le azioni di società da Microsoft a Dell ad Amazon, Pfizer, Tesla e centinaia di altre.

 

Era una manipolazione che i dirigenti aziendali, che possedevano milioni di azioni della propria società come opzioni, amavano. In alcuni casi hanno guadagnato miliardi, senza creare alcun valore reale nell’economia o nell’economia.

 

Quanto è grande la bolla del mercato azionario statunitense di oggi?

 

Nell’ottobre 2008, subito dopo la crisi di Lehman, le azioni statunitensi erano quotate a una capitalizzazione totale di 13 trilioni di dollari. Oggi è di oltre 50 trilioni di dollari, un aumento di quasi il 400% e più del doppio del PIL totale degli Stati Uniti. La sola Apple vale 3 trilioni di dollari.

 

La FED sta preparando un crollo delle azioni nel 2022, solo che questa volta sarà utilizzato per inaugurare una vera Grande Depressione peggiore degli anni ’30, poiché decine di milioni o normali americani vedranno spazzati via i loro risparmi di una vita

Tuttavia, con la massiccia carenza di manodopera, i lockdown in tutta l’America e le enormi interruzioni delle catene di approvvigionamento commerciali, in particolare dalla Cina, l’economia sta affondando e il falso disegno di legge sulle «infrastrutture» di Biden farà ben poco per ricostruire l’infrastruttura economica vitale di autostrade, piogge, impianti di trattamento delle acque e impianti elettrici.

 

Per milioni di americani dopo il crollo immobiliare del 2008, l’acquisto di azioni è stata la loro migliore speranza di reddito da pensione.

 

La FED sta preparando un crollo delle azioni nel 2022, solo che questa volta sarà utilizzato per inaugurare una vera Grande Depressione peggiore degli anni ’30, poiché decine di milioni o normali americani vedranno spazzati via i loro risparmi di una vita.

 

 

Gioco di riacquisto di azioni

Negli ultimi quattro trimestri, le società S&P 500 hanno riacquistato $ 742 miliardi di azioni proprie.

 

Il quarto trimestre del 2021 vedrà probabilmente un aumento record di quel numero mentre le aziende si affrettano a pompare le loro azioni in vista di una tassa Biden segnalata sui riacquisti di azioni societarie.

 

Dall’inizio del 2012, le società S&P 500 hanno riacquistato quasi $ 5,68 trilioni di azioni proprie. Questa non è una birra piccola. La dinamica è così folle che, a causa della decisione di Microsoft il mese scorso di riacquistare sempre più azioni, il CEO di Microsoft Satya Nadella ha scaricato oltre il 50% delle sue azioni Microsoft in un giorno. Ma il titolo si è mosso a malapena perché la stessa Microsoft era impegnata a riacquistare azioni.

 

Ciò indica il livello di irrealtà nel mercato statunitense di oggi. Gli addetti ai lavori sanno che sta per crollare. Elon Musk di Tesla ha appena venduto 10 miliardi di dollari delle sue azioni, presumibilmente per pagare le tasse.

 

Questo è enorme e il sangue scorrerà da Wall Street a partire dal 2022, quando il tapering della FED prenderà slancio all’inizio del 2022 in combinazione con l’aumento dei tassi

Rendendo il mercato azionario ancora più vulnerabile a un selloff di panico una volta che è chiaro che la FED aumenterà i tassi di interesse, c’è quasi 1 trilione di dollaridi debiti a margine a partire dai dati di ottobre, debito per coloro che acquistano azioni con denaro preso in prestito dai loro broker.

 

Una volta iniziata una grande svendita del mercato, probabilmente all’inizio del 2022, i broker chiederanno il rimborso del loro debito di margine, le cosiddette margin call. Ciò a sua volta accelererà la vendita forzata per aumentare le richieste di cassa.

 

 

Taper?

Si discute molto su quando la FED ridurrà l’acquisto di titoli del Tesoro USA e di obbligazioni ipotecarie legate al governo. Quell’acquisto è stato enorme.

 

Dall’inizio dell’isteria della pandemia di COVIDnel febbraio 2020, le partecipazioni totali della Federal Reserve di tali titoli sono più che raddoppiate da 3,8 trilioni a 8 trilioni di dollarialla fine di ottobre 2021.

 

Ciò ha mantenuto i tassi dei mutui immobiliari artificialmente bassi e alimentato il panico nell’acquisto di case come i cittadini si rendono conto che le tariffe basse stanno per finire.

 

La FED lo chiama «taper»: si opera riducendo a zero l’acquisto mensile di obbligazioni e allo stesso tempo alzando i tassi di interesse chiave, un doppio smacco.

 

L’economista privato John Williams di Shadow Government Statistics, stima che la disoccupazione effettiva negli Stati Uniti, lontana dal 4,2% riportato per novembre, sia in realtà superiore al 24,8%

Questo è enorme e il sangue scorrerà da Wall Street a partire dal 2022, quando il tapering della FED prenderà slancio all’inizio del 2022 in combinazione con l’aumento dei tassi.

 

Già a novembre la FED ha iniziato a ridurre il proprio mercato mensile a supporto degli acquisti.

 

«Alla luce dei sostanziali ulteriori progressi che l’economia ha compiuto verso gli obiettivi del Comitato di massima occupazione e stabilità dei prezzi», ha dichiarato il FOMC nei suoi ultimi verbali. Ha annunciato che sta diminuendo l’importo degli acquisti di titoli garantiti dal Tesoro e da ipoteca a novembre e dicembre.

 

Dall’era della guerra del Vietnam sotto il presidente Lyndon Johnson, il governo degli Stati Uniti ha manipolato i dati sull’occupazione e i numeri sull’inflazione per fornire un quadro molto migliore di quello che esiste.

 

L’aumento dei tassi in questa congiuntura precaria farà crollare il fragile sistema finanziario statunitense e globale, aprendo la strada a una crisi in cui i cittadini potrebbero chiedere soccorsi di emergenza sotto forma di denaro digitale e un Grande Reset

L’economista privato John Williams di Shadow Government Statistics, stima che la disoccupazione effettiva negli Stati Uniti, lontana dal 4,2% riportato per novembre, sia in realtà superiore al 24,8%.

 

Come osserva inoltre Williams, «l’impennata dell’inflazione riflette la creazione estrema dell’offerta di moneta, la spesa in disavanzo federale estremo e l’espansione del debito federale, le interruzioni pandemiche e la carenza di offerta; non riflette un’economia che si scalda». I disavanzi di bilancio federali stanno facendo registrare un record di 3 trilioni all’anno senza fine in vista.

 

L’aumento dei tassi in questa congiuntura precaria farà crollare il fragile sistema finanziario statunitense e globale, aprendo la strada a una crisi in cui i cittadini potrebbero chiedere soccorsi di emergenza sotto forma di denaro digitale e un Grande Reset.

 

Vale la pena notare che ogni grande crollo del mercato azionario statunitense dall’ottobre 1929, compreso il 2007-8, è stato il risultato di azioni deliberate della FED , mascherate sotto le pretese di «contenere l’inflazione»

Vale la pena notare che ogni grande crollo del mercato azionario statunitense dall’ottobre 1929, compreso il 2007-8, è stato il risultato di azioni deliberate della FED , mascherate sotto le pretese di «contenere l’inflazione».

 

Questa volta il danno potrebbe essere epocale. A settembre l’Istituto di finanza internazionale con sede a Washington ha stimato che i livelli di debito globale, che includono il debito pubblico, delle famiglie, delle imprese e delle banche, sono aumentati di 4,8 trilioni a 296 trilioni di dollari alla fine di giugno, 36 trilioni al di sopra dei livelli pre-pandemia. Di questi, ben 92 trilioni di dollari sono dovuti a mercati emergenti come Turchia, Cina, India e Pakistan.

 

L’aumento dei tassi di interesse attiverà crisi di default in tutto il mondo poiché i mutuatari non sono in grado di rimborsare.

 

Questo è stato deliberatamente creato dalle banche centrali, guidate dalla FED, dalla loro crisi del 2008 spingendo i tassi di interesse a zero o addirittura negativi.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl


 

Continua a leggere

Economia

Più del 5% della popolazione greca è emigrato dalla crisi del debito del 2010

Pubblicato

il

Da

Un rapporto sul calo demografico della Grecia della Fondazione ellenica per la ricerca e l’innovazione (HFRI) ha rivelato che 450.000 cittadini greci in età lavorativa hanno lasciato il paese da quando l’Unione Europea ha imposto il debito e la crisi economica alla Grecia nel 2010.

 

Il numero lascia la Grecia con una popolazione di 10,3 milioni di persone, un calo rispetto ai 10,7 milioni del 2020.

 

Secondo il rapporto pubblicato sul quotidiano greco Kathimerini, la popolazione dovrebbe diminuire ulteriormente nei prossimi 20 anni.

 

Il rapporto, che è stato consegnato all’Istituto francese ad Atene all’inizio di questa settimana, ha invitato il governo greco ad adottare misure per espandere la base produttiva dell’economia e sostenere e migliorare la salute della popolazione sempre più anziana della Grecia.

 

Viene quindi notato che la migrazione potrebbe invertire la situazione. «Coloro che sono favorevoli alla crescita della popolazione non possono essere contrari alla migrazione», ha affermato Christos Bagavos, professore all’Università Panteion.

 

«La crisi demografica non è una questione di bassa fertilità, ma del numero di persone in età riproduttiva, ha detto riferendosi al calo delle donne tra i 15 ei 49 anni.ù

 

In pratica: fuori gli europei, impoveriti all’inverosimile, dentro gli immigrati afroislamici, asiatici, etc.

 

Si tratta di un’implicita ammissione della Grande Sostituzione in corso, come programmato dal conte Richard Nikolaus di Coudenhove-Kalergi: la trasformazione della popolazione europea in una nuova razza meticcia, più «emotiva» e quindi più facilmente controllabile per i piani dei padroni del mondo.

 

Non dimentichiamo, tuttavia, chi sedeva sull’Eurotorre di Francoforte quando iniziò la devastazione economica di Atene: vi era un uomo che, osservando talune fotografie, alcuni dicono, più o meno scherzosamente, essere sosia del Kalergi: Mario Draghi.

 


 

In uno strano commento sull’immigrazione di qualche mese fa, il Draghi aveva detto oscuramente che gli autoctone dovrebbero abituarsi agli immigrati ed averne paura.

 

«L’immigrazione è come la digitalizzazione, bisogna tutelare e sostenere sicuramente durante la transizione, ma sono fatti inevitabili» disse il Draghi in una replica a Montecitorio il 20 ottobre 2021.

 

Il banchiere-premier poi aggiunse parole inquietanti:

 

«Per trasformare i migranti in fratelli occorre saperli accogliere, bene e con il senso dell’importanza di essere italiani. Sennò non riusciremo ad accoglierli e ne faremo dei nemici. E ne abbiamo già fatti di nemici».

 

Gli immigrati, che stiamo importando a bizzeffe possono diventare nostri nemici?

 

Quindi perché, se vi è questa consapevolezza, perché lo Stato italiano li sta aiutando a venire, a frotte?

 

E poi, siamo sicuri che i nemici della popolazione siano innanzitutto gli immigrati e non coloro che provocano sconquassi economici in grado di alterare integralmente il futuro delle Nazioni?

 

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Blackout, a breve un miliardo di persone a rischio

Pubblicato

il

Da

 

Carenza di combustibili fossili, siccità e ondate di caldo, interruzioni delle materie prime, aumento dei prezzi dovuto alla guerra in Ucraina, fallita transizione all’energia verde: tutti questi sono i motivi che spingono a pensare che la rete elettrica mondiale quest’estate non reggerà la domanda dei condizionatori, costringendo a blackout continui forse 1 miliardo di persone.

 

La cifra è stata calcolata dalla testata economica americana Bloomberg., che parla di Asia, Europa e Nordamerica come zone più interessate, in quanto più dotate degli energivori impianti di condizionamento domestico.

 

«L’ondata di caldo in Asia ha causato blackout giornalieri di ore, mettendo a rischio più di 1 miliardo di persone in Pakistan, Myanmar, Sri Lanka e India, con pochi soccorsi in vista» scrive Bloomberg.

 

«Sei centrali elettriche del Texas si sono guastate all’inizio di questo mese quando il caldo estivo ha appena iniziato ad arrivare, offrendo un’anteprima di ciò che verrà. Almeno una dozzina di stati degli Stati Uniti, dalla California ai Grandi Laghi, sono a rischio di interruzioni di corrente quest’estate».

 

«Le forniture di energia saranno limitate in Cina e Giappone. Il Sudafrica è pronto per un anno record di interruzioni di corrente. E l’Europa si trova in una posizione precaria trattenuta dalla Russia: se Mosca interrompe il gas naturale nella regione, ciò potrebbe innescare interruzioni continue in alcuni Paesi».

 

L’analista di Bloomberg Shantanu Jaiswal afferma che la combinazione di «guerra e sanzioni» che sconvolgono i mercati delle materie prime, il «meteo estremo» e «un rimbalzo economico dal COVID che aumenta la domanda di energia» è una situazione «unica» e «non riesce a ricordare» l’ultima volta una «confluenza di tanti fattori» è avvenuta insieme.

 

In pratica, una tempesta perfetta.

 

Henning Gloystein, analista di Eurasia Group, avverte che se quest’estate si diffondessero importanti blackout in tutto il mondo, «questo potrebbe innescare una qualche forma di crisi umanitaria in termini di carenza di cibo ed energia su una scala che non si vedeva da decenni».

 

Come costantemente riportato da Renovatio 21, tra l’inverno 2021 e il 2022 blackout sono divenuti minaccia imminente o realtà in vari Paesi del mondo: CinaTurchiaGiapponeKazakistanUzbekistanTaiwanKirghizistanSri LankaPakistan. Già due settimane fa si cominciavano a prevedere blackout in USA.

 

Per timore dei blackout, l’Indonesia ha proibito l’esportazione di carbone.

 

Paesi UE come l’Austria e la Romania hanno cominciato a parlare a livello politico e in TV di blackout già lo scorso autunno. La Germania ha mandato in onda spot apocalittici per preparare i tedeschi (e gli immigrati in Germania, a giudicare dal video) ad un inverno in cui poteva venire a mancare il riscaldamento.

 

In Germania, Paese che a causa della privatizzazione ha rischiato a inizio anno un blackout del gas, la scorsa settimana le ferrovie hanno fermato tutti i treni merci a causa della mancanza di corrente elettrica.

 

Il tema dei blackout era stato trattato da un documento del Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica (COPASIR), l’organo che controlla i servizi segreti italiani. Il ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti 4 mesi fa davanti ad una platea di imprenditori ha parlato apertis verbis di rischio blackout.

 

Se ci pensiamo, il Blackout è una forma più avanzata di lockdown: blocca la Civiltà in modo piuttosto definitivo.

 

Un’interruzione dei servizi basilari porterebbe portare velocemente al collasso delle leggi degli Stati, con il conseguente stabilimento di un nuovo ordine che potrebbe essere proposto da chiunque si dicesse pronto a dare la soluzione.

 

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Stanno spingendo la Russia verso il «default artificiale»

Pubblicato

il

Da

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha annunciato ieri che l’esenzione dalle sanzioni, in base alla quale la Russia potrebbe effettuare pagamenti sul proprio debito sovrano agli investitori americani, non sarà stata estesa, ed è scaduta stamattina.

 

L’agenzia russa TASS ha intervistato Kyle Shostak, direttore e CEO di Navigator Principal Investors, per svelare questa storia “l’uomo morde il cane”:

 

La mossa «porterà effettivamente le passività della Russia nella categoria di default come è comunemente intesa e interpretata dalle agenzie di rating internazionali. Questa situazione può essere definita nient’altro che l’imposizione di un default artificiale, poiché la Russia ora ha fondi sufficienti per onorare il proprio debito estero» ha detto Kyle Shostak, direttore e CEO di Navigator Principal Investors, sentita dall’agenzia russa TASS.

 

Come ha affermato Shostak, la Russia potrebbe ancora tentare di onorare il debito in varie valute diverse dal dollaro (ad es. euro, sterline, franchi svizzeri), tuttavia il regime sanzionatorio si applica alle banche che potrebbero effettuare tali operazioni altrimenti del tutto normali.

 

Quindi, se «i tentativi di fornire pagamenti in valuta estera non hanno successo, il Ministero delle Finanze russo offrirà ai creditori [l’opportunità] di aprire conti in rubli».

 

Quindi, le banche e i loro paesi possono scegliere da che parte stare in un caos finanziario mondiale deliberatamente progettato.

 

Vyacheslav Volodin, il presidente a volte schietto della Duma di Stato russa, ha detto a TASS che Mosca in realtà aveva le risorse monetarie e che quei creditori che volevano effettivamente essere pagati potevano essere pagati in rubli.

 

Sul suo canale Telegram, ha scritto che «gli Stati Uniti e i satelliti che supportano le decisioni di Washington dovrebbero abituarsi al rublo».

 

Per essere chiari, la Russia è in grado e disposta ad adempiere ai propri obblighi legali; tuttavia, si preferisce un gioco pericoloso in base al quale i pagamenti non vengono accettati e la comunità finanziaria mondiale deve accettare questo nuovo dispositivo, un «default artificiale» – una categoria mai vista prima – sapendo che non è in nulla un default come quelli in cui si è mai imbattuto prima.

 

Come sa il lettore di Renovatio 21, si tratta, in realtà, di un nuovo capitolo della guerra economica, la prima della storia, dichiarata dagli euroamericani contro la Russia, nella programmazione della quale il premier italiano Mario Draghi, secondo il Financial Times, ha avuto un grande ruolo.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari