Il nuovo piano dei colossi petroliferi: inondare il mondo di plastica

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

 

Di fronte alla diminuzione della domanda di combustibili fossili, l’industria petrolifera e del gas sta investendo miliardi di dollari in nuovi impianti progettati per produrre milioni di tonnellate di plastica in più e milioni di tonnellate di inquinamento.

 

 

 

Poiché i profitti delle compagnie petrolifere affondano per la diminuzione della domanda dei loro prodotti, i colossi del petrolio e del gas stanno puntando gli occhi su un nuovo mercato – stanno investendo miliardi di dollari in nuovi impianti progettati per produrre plastica da sostanze chimiche derivate dai combustibili fossili.

 

Poiché i profitti delle compagnie petrolifere affondano per la diminuzione della domanda dei loro prodotti, i colossi del petrolio e del gas  stanno investendo miliardi di dollari in nuovi impianti progettati per produrre plastica da sostanze chimiche derivate dai combustibili fossili

L’industria petrolifera intende aumentare la produzione di plastica del 40% nel prossimo decennio. Il grande piano di Big Oil significa che milioni di tonnellate di plastica in più, e milioni di tonnellate di emissioni, si riverseranno nel mercato e nell’ambiente.

 

Secondo il Center for Environmental International Law [Centro per il diritto internazionale ambientale, ndr], oltre il 99% della plastica è costituito da sostanze chimiche provenienti da combustibili fossili.

 

Un recente studio pubblicato da Environmental Research Letters ha identificato 88 progetti petrolchimici in fase di pianificazione o sviluppo lungo la costa del Golfo del Messico. Una volta completati, le emissioni combinate potrebbero raggiungere 150,8 milioni di tonnellate, l’equivalente di 38 centrali a carbone.

 

Entro il 2030, le emissioni dalla produzione globale di plastica e l’incenerimento potrebbero raggiungere 1,34 gigatonnellate all’anno, la quantità equivalente all’anidride carbonica rilasciata da 295 centrali a carbone ogni anno.

 

«La plastica è un combustibile fossile in un’altra forma. Tutto ciò che accade prima di vedere che la plastica sullo scaffale produce emissioni intense», spiega Steven Feit, avvocato del Center for Environmental International Law. «Rilascia tutti i tipi di inquinanti e sostanze chimiche tossiche».

«La plastica è un combustibile fossile in un’altra forma. Rilascia tutti i tipi di inquinanti e sostanze chimiche tossiche»

 

Ci sono più di 30 fabbriche di plastica in cantiere, dalla Ohio River Valley alla costa del Golfo, poiché le compagnie petrolifere mirano a trasformare l’attuale surplus di gas etano proveniente dalla trivellazione in polietilene, un tipo di plastica.

 

Ad esempio, a 25 miglia a Nord-Ovest di Pittsburgh, vicino al confine con l’Ohio, Shell sta costruendo un enorme complesso petrolchimico da 6 miliardi di dollari. La proprietà di 386 acri è alimentata da un sistema di condutture di 98 miglia che fornirà fino a 100.000 barili di etano al giorno all’impianto di «cracking», che «spezzerà» le molecole di etano per produrre plastica per custodie di telefoni, ricambi per automobili, bottiglie, borse, giocattoli, imballaggi alimentari e altri prodotti in plastica.

 

Secondo Popular Science, lo stabilimento sarà dotato di un proprio sistema ferroviario con 3.300 vagoni merci e produrrà più di un milione di tonnellate di plastica ogni anno, insieme a milioni di tonnellate in più di inquinamento.

 

Composti organici volatili che possono causare danni al sistema nervoso

L’impianto Shell potrà produrre più di 2 milioni di tonnellate di anidride carbonica ogni anno, 152 tonnellate di ammoniaca e più di 522 tonnellate di composti organici volatili che possono causare danni al sistema nervoso, secondo un rapporto di Pittsburgh Action News.

 

Oltre all’inquinamento atmosferico, l’impianto produrrà plastica difficile da riciclare, la maggior parte della quale finirà come rifiuto nelle discariche.

 

La chimica e attivista ambientale Wilma Subra ha studiato impianti di cracking in Louisiana e nell’area industriale tra New Orleans e Baton Rouge nota come «Corridoio del cancro». La Subra prevede che l’impianto di plastica Shell porterà ad avere più impianti petrolchimici nell’area, a gravi emissioni nell’aria e allo sviluppo di un corridoio del cancro in Pennsylvania che avrà un impatto drammatico sulla salute pubblica.

 

Per vendere la plastica alle persone, le società di petrolio e gas hanno speso milioni di dollari per ingannare intenzionalmente l’opinione pubblica americana sulle cause dell’inquinamento da plastica

Bob Schmetzer, presidente di un gruppo locale della Pennsylvania contrario al fracking, ha detto Popular Science:

 

«L’inquinamento che abbiamo qui è stato causato da impianti precedenti, e ora Shell sta arrivando per aggiungerne ancora. Faranno i loro soldi e poi faranno le valigie quando i soldi smetteranno di arrivare, lasciandosi dietro l’inquinamento».

 

L’impianto Shell è solo uno dei tanti stabilimenti per la plastica che sono stati costruiti o sono in fase di sviluppo negli Stati Uniti. Nel 2017, DowDuPont è stato il primo gigante chimico ad avviare un importante complesso di etilene lungo la costa del Golfo del Texas.

 

Nel 2019, Chevron Phillips Chemical ha stretto un patto con Qatar Petroleum per sviluppare il suo secondo stabilimento per la plastica, un impianto da 8 miliardi di dollari sulla costa del Golfo in grado di trasformare 2 milioni di tonnellate di etilene all’anno e 1 milione di tonnellate di etilene in polietilene, la plastica più comune al mondo. L’impianto dovrebbe aprire nel 2024.

 

L’industria «ha venduto al pubblico un’idea che sapevano non avrebbe funzionato – che la maggior parte della plastica potrebbe essere e sarebbe stata riciclata – il tutto guadagnando miliardi di dollari vendendo al mondo nuova plastica»

ExxonMobil, la maggiore compagnia petrolifera e del gas internazionale quotata in borsa, ha iniziato la costruzione del suo impianto di plastica multimiliardario nel 2019 e ha annunciato un’espansione da 2 miliardi di dollari nel suo impianto chimico di Baytown, in Texas, a partire dalla metà del 2021.

 

Nel 2019, ExxonMobil ha collaborato con la Basic Industries Corp. Dell’Arabia Saudita per costruire un complesso chimico e plastico da 10 miliardi di dollari a Corpus Christi, Texas. La joint venture con la società di proprietà dell’Arabia Saudita creerà il più grande impianto di steam cracking, due unità di polietilene e un’unità per il monoetilene glicole da terminare nel 2022.

 

L’ubicazione dell’impianto di plastica di Baton Rouge di ExxonMobile produce da sola 1.080 milioni di libbre di polietilene e 200 milioni di libbre di etilene elastomero ogni anno, ha riportato la stessa azienda.

 

Lungo il corridoio del fiume Mississippi, «il corridoio del cancro», dal 2015 sono stati approvati sette nuovi impianti petrolchimici ed espansioni di impianti già esistenti, minacciando i quartieri impoveriti e inquinati.

 

 

Le compagnie petrolifere hanno ingannato il pubblico sul riciclaggio per vendere plastica

Per vendere la plastica alle persone, le società di petrolio e gas hanno speso milioni di dollari per ingannare intenzionalmente l’opinione pubblica americana sulle cause dell’inquinamento da plastica, secondo un’indagine di NPR e PBS Frontline .

 

I siti di notizie hanno esaminato i documenti interni e hanno intervistato i massimi ex funzionari dell’industria petrolifera. Hanno scoperto che l’industria «ha venduto al pubblico un’idea che sapevano non avrebbe funzionato – che la maggior parte della plastica potrebbe essere e sarebbe stata riciclata – il tutto guadagnando miliardi di dollari vendendo al mondo nuova plastica».

 

«Vendere il riciclo fa vendere la plastica, anche se non è vero», ha detto a NPR un ex pezzo grosso del settore.

«Vendere il riciclo fa vendere la plastica, anche se non è vero»

 

Anche Larry Thomas, ex presidente della Plastics Industry Association, ha condiviso la sua opinione sulla plastica con NPR. «Se il pubblico pensa che il riciclo stia funzionando, allora non sarà preoccupato per l’ambiente», ha detto.

 

Secondo un rapporto di Carbon Tracker, solo circa il 5% della plastica mondiale viene effettivamente riciclata. Negli Stati Uniti, meno del 10% di plastica viene riciclata. Un altro 15% viene bruciato per generare energia e il resto finisce nelle discariche dove occorrono centinaia di anni per essere completamente smaltita.

 

Uno studio fondamentale di Science Adventures ha scoperto che la produzione globale di plastica è aumentata dalle 2 milioni di tonnellate del 1950 a oltre 400 milioni di tonnellate nel 2015. Nello stesso periodo, gli esseri umani hanno creato 8,3 miliardi di tonnellate di rifiuti di plastica. Di questi rifiuti, solo il 9% è stato riciclato, il 12% è stato incenerito e il 79% accumulato nelle discariche o nell’ambiente naturale.

«Se il pubblico pensa che il riciclo stia funzionando, allora non sarà preoccupato per l’ambiente»

 

Se questa tendenza continua, gli scienziati prevedono che circa 12 miliardi di tonnellate di rifiuti di plastica saranno riversati nelle discariche o nell’ambiente entro il 2050, l’equivalente di 35.000 Empire State Building.

 

 

I pericoli della plastica per l’ambiente

Secondo un reportage di Rolling Stone, l’inquinamento da plastica è globale, impossibile da rimediare completamente e minaccia di distruggere tutto, dagli oceani al carbonio nell’atmosfera.

 

Secondo un rapporto di Carbon Tracker, solo circa il 5% della plastica mondiale viene effettivamente riciclata

Un rapporto di Oceana ha rivelato che quasi 1.800 mammiferi marini e tartarughe marine hanno ingoiato o sono rimasti impigliati nella plastica lungo le coste americane dal 2009. Di questi animali, l’88% era presente nella lista delle specie in via di estinzione o minacciata per l’Endangered Species Act.

 

Trasformare i combustibili fossili in plastica inquina anche l’acqua poiché piccoli pezzi di plastica prodotti negli impianti cracking inquinano i corsi d’acqua e vengono ingeriti da uccelli e pesci.

 

La plastica si accumula nella rete alimentare e riappare in frutti di mare, sale da cucina e persino nell’acqua in bottiglia. Viene miscelata con coloranti, ritardanti di fiamma e plastificanti. Poiché la plastica si decompone dopo un lungo periodo di tempo, assorbe le tossine dall’ambiente, inclusi i bifenili policlorurati o PCB .

 

Gli scienziati prevedono che circa 12 miliardi di tonnellate di rifiuti di plastica saranno riversati nelle discariche o nell’ambiente entro il 2050, l’equivalente di 35.000 Empire State Building

Joe Vaillancourt è CEO di una società che trasforma la plastica dalla raccolta porta a porta in carburante. In un piccolo lotto da 10 libbre, ha trovato un migliaio di sostanze chimiche diverse, molte delle quali sono state collegate al cancro e a gravi problemi di salute.

 

Ci sono più di 100 sostanze chimiche pericolose nell’inquinamento atmosferico causato dagli stabilimenti di cracking, inclusi agenti cancerogeni come benzene, toluene, etilbenzene e xylene che possono causare problemi di salute nelle comunità vicine, secondo il Centro per la diversità biologica.

 

Numerose cause legali sono state avviate dagli attivisti ambientali per affrontare le industrie di plastica e costringere l’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti e altre agenzie ad attuare le normative.

 

L’industria della plastica alla fine «dovrà affrontare lo shock dei danni di cui è ora responsabile e dovrà pagare per tenere la plastica fuori dall’ambiente», ha detto il deputato della CaliforniaAlan Lowenthal.

 

«La  plastica è qualcosa che ha reso le nostre vite più comode e facili. Ma a meno che non scopriamo come tenerla fuori dal flusso dei rifiuti, ci ucciderà»

«La  plastica è qualcosa che ha reso le nostre vite più comode e facili. Ma a meno che non scopriamo come tenerla fuori dal flusso dei rifiuti, ci ucciderà».

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

 

 

© 3 marzo 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.