«Ho donato i miei ovuli e ho avuto in cambio il cancro al quarto stadio»

 

 

Maggie era una giovane studentessa universitaria dagli occhi brillanti quando è stata reclutata per la prima volta come donatrice di ovociti. Si è iscritta con entusiasmo per donare i suoi ovuli con il desiderio di aiutare le famiglie mentre metteva via qualche soldo per il suo futuro. Invece, ha avuto in cambio un carcinoma duttale invasivo al quarto stadio, una diagnosi che è certa di aver acquisito come risultato di più cicli di donazione di ovociti.

 

La sua dolorosa esperienza è stata documentata nel nostro documentario del 2015 Maggie’s Story.

Si è iscritta con entusiasmo per donare i suoi ovuli con il desiderio di aiutare le famiglie mentre metteva via qualche soldo per il suo futuro. Invece, ha avuto in cambio un carcinoma duttale invasivo al quarto stadio

 

Dopo aver combattuto contro il cancro e il completamento della chemioterapia, Maggie è tornata a scuola per prendere un master in consulenza relazionale e il suo obiettivo è lavorare con i clienti con diagnosi di cancro e altre malattie. A giugno festeggerà cinque anni di remissione dal tumore.

 

Maggie  non è mai stata informata dei rischi che la donazione di ovociti rappresentava per la sua salute e il suo benessere. È stata usata ripetutamente per il guadagno degli altri, ma quando le cose sono andate male, è stata lasciata da sola a navigare tra test, trattamenti, interventi chirurgici e una prognosi sconosciuta.

 

Maggie’s story è un cortometraggio documentario prodotto dal californiano Center for Bioethics and Culture (CBC); si tratta di una sorta di sequel del loro film, sempre del CBC, Eggsploitation.  Racconta la storia di una donna di 33 anni che vive nello stato di Washington a cui piace il suo lavoro come operatore di emergenza perché le piace aiutare gli altri nei loro momenti difficili.

Maggie durante i suoi 20 anni ha donato ovuli per un totale di dieci volte.

 

Maggie durante i suoi 20 anni ha donato ovuli per un totale di dieci volte.

 

Quando ha scoperto di avere un cancro al seno al quarto stadio che si è diffuso al fegato e alle ossa il suo oncologo si è sorpreso, data la sua età e la mancanza di altri fattori di rischio: si tratta  una forma di cancro così aggressiva.

 

Il medico aveva evitato la domanda, ma in seguito avrebbe detto che «ci sono informazioni per dire che l’esposizione a queste cose può provocare alcuni tipi di cancro, o almeno aumentare le tue possibilità»

Quando Maggie ha chiesto al dottore se la donazione degli ovuli potesse essere la causa del suo cancro, il medico aveva evitato la domanda, ma in seguito avrebbe detto che «ci sono informazioni per dire che l’esposizione a queste cose può provocare alcuni tipi di cancro, o almeno aumentare le tue possibilità».

 

Maggie racconta come è diventata una donatrice di ovociti dopo aver parlato con una donna che aveva subito una fecondazione in vitro fallita, che le ha detto che la clinica che usava era sempre alla ricerca di donatori. Dopo lunghi colloqui e test medici, Maggie è diventata una donatrice di ovociti. Si è sentita fortunata a poter donare i suoi ovuli , come se si fosse qualificata come concorrente di X Factor. Per essi è stata pagata $ 1600.

 

Maggie ricorda che l’infermiera aveva detto di essere riuscita a recuperare «molti ovuli» con una sorta di processo di «superovulazione» che arriva a produrre 25 ovociti. Si era sentita felice di produrre così tanti ovuli perché pensava che ciò significasse che il ricevente poteva congelarne alcuni per un altro ciclo di fecondazione in vitro, e non era consapevole che il destinatario poteva vendere gli ovuli inutilizzati che aveva donato.

 

Secondo Maggie, c’era solo un modulo di divulgazione del rischio di una pagina che le veniva chiesto di firmare ogni volta che faceva una donazione. L’unico accenno al cancro era un paragrafo di due righe in cui si affermava che negli anni ’70 si pensava che l’esposizione a questi farmaci potesse portare al cancro ovarico, ma che da allora si è dimostrato falso.

l’infermiera aveva detto di essere riuscita a recuperare «molti ovuli» con una sorta di processo di «superovulazione» che arriva a produrre 25 ovociti. Non era consapevole che il destinatario poteva vendere gli ovuli inutilizzati che aveva donato

 

Mentre stava donando in una seconda clinica, hanno trovato cellule precancerose, che la clinica ha poi rimosso e Maggie ha continuato a donare. In una successiva donazione ha scoperto un nodulo al seno ed è stata indirizzata a un altro medico per una mammografia, che le è stato detto che tutto andava bene.

 

Circa tre mesi dopo, ha consultato il suo medico di base, che le ha confermato di avere il cancro al seno. Maggie sente di essere stata sfruttata e che il prezzo che ha pagato era troppo alto. Racconta che un’infermiera le disse che avrebbe potuto chiedere più soldi alla clinica ma che non lo aveva fatto perché voleva donare per aiutare gli altri, non per guadagno finanziario.

 

«Chiunque sia stato nutrito con la menzogna che la donazione di ovociti è sicura ed etica guardi questo film – ha detto Julie Bindel, giornalista, autrice e attivista femminista – Il danno va oltre le conseguenze sulla salute fisica e mentale. La commercializzazione di qualsiasi parte del corpo di una donna è sempre dannosa».

 

«La storia di Maggie è uno sguardo devastante sul lato oscuro nascosto dell’industria della fertilità e sui pericoli che i donatori di ovociti non si rendono conto di affrontare. È un promemoria che la commercializzazione del corpo umano può avere conseguenze permanenti » ha detto Scott Carney, autore della ricerca sul traffico di organi e di bambini The Red Market: On the Trail of the World’s Organ Brokers, Bone Thieves, Blood Farmers, and Child Traffickers.

Il suo caso illustra la manipolazione mercenaria di una giovane donna generosa e di buon cuore che ha ricevuto una miseria in compenso per una merce molto preziosa: i suoi ovuli. Maggie si è presa i rischi. La clinica, i soldi

 

La storia di Maggie è un’altra storia ammonitrice della zona grigia scientifica ed etica della riproduzione assistita. Il suo caso illustra la manipolazione mercenaria di una giovane donna generosa e di buon cuore che ha ricevuto una miseria in compenso per una merce molto preziosa: i suoi ovuli. Maggie si è presa i rischi. La clinica, i soldi.