Ecco la genitorialità «light»: fare figli senza sesso, sentimento, coabitazione o matrimonio

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

 

Tra le miriadi di nuove forme familiari che nascono quando il matrimonio tradizionale perde popolarità c’è la co-genitorialità platonica.

 

Questa non è co-genitorialità dopo il divorzio, con tutta la sua acrimonia e competizione per l’affetto di un bambino. Invece questo coinvolge due estranei che progettano di concepire i bambini (naturalmente o artificialmente) e si assumono la responsabilità congiunta di crescerli, ma senza sposarsi o vivere insieme.

 

Tra le miriadi di nuove forme familiari che nascono quando il matrimonio tradizionale perde popolarità c’è la co-genitorialità platonica

Secondo Susan Golombok, direttrice del Center for Family Research dell’Università di Cambridge e autrice di We Are Family, un libro che esamina nuove strutture familiari, questo è un «nuovo fenomeno che prende velocità».

 

Di cui un esempio è un nuovo reality sulla TV britannica Channel 4, «Strangers Making Babies». Nell’episodio 1, proiettato all’inizio di questa settimana, «Un gruppo di aspiranti genitori single cerca un partner platonico con cui avere un bambino, senza la complicazione di trovare prima l’amore».

 

Il Daily Mail ammette che questo suona «folle» ma riflette una tendenza in crescita:

 

«Negli ultimi anni, c’è stato un enorme aumento del numero di siti Internet e forum che affermano di mettere in collegamento potenziali co-genitori. Si stima che circa 70.000 persone nel Regno Unito siano iscritte a tali siti, alla ricerca di partner genitoriali platonici»

«Negli ultimi anni, c’è stato un enorme aumento del numero di siti Internet e forum che affermano di mettere in collegamento potenziali co-genitori. Si stima che circa 70.000 persone nel Regno Unito siano iscritte a tali siti, alla ricerca di partner genitoriali platonici».

 

«Questi siti non sono regolamentati, tuttavia, e averci a che fare significa andare in punta di piedi attraverso un campo minato legale, morale ed etico. Uno degli uomini che è già stato su Facebook come co-genitorialità di gruppi di corrispondenza riassume così: un c***o di inferno. Ci sono i pazzi lì dentro».

 

I matchmaker professionisti di Channel 4 hanno accoppiato tre uomini con tre donne assordate dal ticchettio del loro orologio biologico. Per prima cosa, c’è una possibilità di conoscerti bevendo, poi un fine settimana insieme, poi un contratto, poi un tentativo di concepimento.

 

Channel 4 ha anche reclutato un esperto di fecondazione in vitro, la dottoressa Marie Wren, della Lister Fertility Clinic , per fungere da consulente. «La società è cambiata così tanto», ha detto al Daily Mail.

 

Un esempio è un nuovo reality sulla TV britannica Channel 4, «Strangers Making Babies». Nell’episodio 1 «un gruppo di aspiranti genitori single cerca un partner platonico con cui avere un bambino, senza la complicazione di trovare prima l’amore»

«Le persone sembrano lottare per incontrare qualcuno con cui avere un figlio. La donazione anonima di sperma non è l’ideale per tutte le donne single e la maternità surrogata con la donazione di ovociti potrebbe essere un’opzione appropriata per alcuni uomini che cercano di essere genitori, ma la co-genitorialità è per alcuni un’opzione di gran lunga migliore».

 

Uno dei tre uomini ha 50 anni e ha già figli da un matrimonio fallito, ma ne vorrebbe altri. Spiega i vantaggi della co-genitorialità. «Il romanticismo è adorabile ma riesce a far perdere la testa alle persone. In questo processo, stanno pensando in modo abbastanza chiaro».

 

Tuttavia, Harry Benson, direttore della ricerca della Fondazione per il matrimonio, è stato molto meno positivo. Ha commentato:

 

«Studi statunitensi dimostrano che accordi di co-genitorialità cooperativa come questo hanno molti meno benefici per i bambini di quanto la maggior parte delle persone supponga. Questo programma sembra trattare i bambini come beni di consumo secondari piuttosto che come il prodotto di una relazione d’amore. Le prove nel Regno Unito e negli Stati Uniti mostrano che i bambini tendono a stare meglio con entrambi i genitori sotto lo stesso tetto. È molto probabile che accada se i genitori sono sposati».

«Questo programma sembra trattare i bambini come beni di consumo secondari piuttosto che come il prodotto di una relazione d’amore. Le prove nel Regno Unito e negli Stati Uniti mostrano che i bambini tendono a stare meglio con entrambi i genitori sotto lo stesso tetto. È molto probabile che accada se i genitori sono sposati»

 

Esistono numerosi siti web che si rivolgono a persone – gay, lesbiche ed eterosessuali – interessate ad accordi di co-genitorialità. I loro clienti vogliono diventare genitori e avere una famiglia, ma non sono ostacolati dal romanticismo e dall’impegno.

 

Come afferma il sito web di Modamily , i loro clienti sono perfettamente consapevoli che l’orologio biologico sta ticchettando: «C’è tutto il tempo per trovare il signor o la signora giusta, ma solo un tempo limitato per trovare la mamma o il papà giusto. Forse la persona cpm cui cresci i bambini con non è la stessa persona con cui invecchi?».

 

Il dottor Golombok afferma che gli scienziati sociali hanno ancora pochi dati sulla co-genitorialità platonica.

 

«Non sappiamo ancora come si sentiranno i bambini riguardo alla loro situazione familiare e come andrà a finire nel tempo”, scrive nel suo libro. Ma, come ha detto al Guardian lo scorso anno, «è possibile, però, che portare via il bagaglio romantico possa anche creare un ambiente più stabile».

«C’è tutto il tempo per trovare il signor o la signora giusta, ma solo un tempo limitato per trovare la mamma o il papà giusto. Forse la persona cpm cui cresci i bambini con non è la stessa persona con cui invecchi?»

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

* Questo articolo è stato corretto in risposta ai commenti della dott.ssa Susan Golombok. 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.