Connettiti con Renovato 21

Guerra cibernetica

Davos ha avvertito: attacco informatico e collasso sistemico del complesso finanziario globale

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica la traduzione di questo articolo apparso suUnlimited Hangout

 

 

 

 

Un rapporto pubblicato l’anno scorso dalla WEF-Carnegie Cyber ​​Policy Initiative chiede la fusione delle banche di Wall Street, dei loro regolatori e delle agenzie di Intelligence, se necessario, per affrontare un presunto attacco informatico imminente che farà crollare il sistema finanziario esistente.

 

 

Nel novembre 2020, il World Economic Forum e Carnegie Endowment for International Peace hanno coprodotto un rapporto che avvertiva che il sistema finanziario globale era sempre più vulnerabile agli attacchi informatici.

 

I consulenti del gruppo che ha prodotto il rapporto includevano rappresentanti della Federal Reserve, della Banca d’Inghilterra, del Fondo monetario internazionale, giganti di Wall Street come JPMorgan Chase e colossi della Silicon Valley come Amazon.

 

L’inquietante documento è stato pubblicato pochi mesi dopo che il World Economic Forum aveva condotto una simulazione di un evento del genere, un attacco informatico che mette in ginocchio il sistema finanziario globale

L’inquietante documento è stato pubblicato pochi mesi dopo che il World Economic Forum aveva condotto una simulazione di un evento del genere, un attacco informatico che mette in ginocchio il sistema finanziario globale, in collaborazione con la più grande banca russa, che dovrebbe dare il via alla trasformazione economica di quel paese, lanciando la propria valuta digitale sostenuta dalla banca centrale.

 

Di recente, la più grande organizzazione di condivisione di informazioni del settore finanziario, il Financial Services Information Sharing and Analysis Center (FS-ISAC), i cui membri noti includono la Bank of America, Wells Fargo e Citigroup, ha avvertito che hacker e criminali informatici sono pronti ad attaccare congiuntamente il sistema finanziario globale.

 

Il CEO di questa organizzazione aveva precedentemente dato lo stesso avvertimento, che è stato pubblicato nel rapporto del World Economic Forum-Carnegie Endowment (WEF-Carnegie).

 

Tali simulazioni coordinate e avvertimenti da parte di coloro che dominano l’attuale sistema finanziario in difficoltà sono ovviamente motivo di preoccupazione, soprattutto considerando che il World Economic Forum è ben noto per la sua simulazione Event 201 su una pandemia globale di coronavirus che ha avuto luogo pochi mesi prima della Crisi COVID-19.

 

Il World Economic Forum è ben noto per la sua simulazione Event 201 su una pandemia globale di coronavirus che ha avuto luogo pochi mesi prima della Crisi COVID-19

Da allora, la crisi COVID-19 è stata citata come la principale giustificazione per accelerare quella che viene definita la trasformazione digitale del settore finanziario e di altri settori, che il World Economic Forum e i suoi partner promuovono da anni. 

 

La loro ultima previsione di un evento apocalittico, un attacco informatico che ferma l’attuale sistema finanziario e avvia il suo collasso sistemico, se si verificasse, sarebbe il passo finale e necessario per ottenere l’esito desiderato del Forum di un cambiamento diffuso alla valuta digitale e una maggiore governance globale dell’economia internazionale.

 

Dato che gli esperti hanno avvertito dall’ultima crisi finanziaria globale che il collasso dell’intero sistema era inevitabile, a causa della cattiva gestione della banca centrale e della dilagante corruzione di Wall Street, un attacco informatico fornirebbe anche lo scenario perfetto per smantellare l’attuale sistema in difficoltà, poiché assolverebbe le banche centrali e le istituzioni finanziarie corrotte da ogni responsabilità. 

 

La crisi COVID-19 è stata citata come la principale giustificazione per accelerare quella che viene definita la trasformazione digitale del settore finanziario e di altri settori, che il World Economic Forum e i suoi partner promuovono da anni

Fornirebbe anche una giustificazione per le politiche incredibilmente preoccupanti promosse nel rapporto WEF-Carnegie, come una maggiore fusione di agenzie di intelligence e banche al fine di «proteggere» meglio le infrastrutture finanziarie critiche.

 

Considerando il precedente delle simulazioni e dei rapporti passati del WEF con la crisi COVID-19, vale la pena esaminare tutte le loro simulazioni, avvertimenti e politiche desiderate. 

 

 

L’iniziativa di politica informatica WEF-Carnegie

Il Carnegie Endowment for International Peace è uno dei think tank di politica estera più influenti negli Stati Uniti, con legami stretti e persistenti con il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, ex presidenti degli Stati Uniti, corporazioni americane e clan di oligarchi americani come i Pritzkers of Hyatt Hotels. 

 

Gli attuali amministratori del Carnegie Endowment includono dirigenti di Bank of America e Citigroup, nonché altre influenti istituzioni finanziarie.

 

Nel 2019, lo stesso anno dell’Evento 201, il Carnegie Endowment ha lanciato la sua Cyber ​​Policy Initiative con l’obiettivo di produrre una«”strategia internazionale per la sicurezza informatica e il sistema finanziario globale 2021-2024».

 

La loro ultima previsione di un evento apocalittico, un attacco informatico che ferma l’attuale sistema finanziario e avvia il suo collasso sistemico, se si verificasse, sarebbe il passo finale e necessario per ottenere l’esito desiderato del Forum di un cambiamento diffuso alla valuta digitale e una maggiore governance globale dell’economia internazionale

Questa strategia è stata pubblicata pochi mesi fa, nel novembre 2020, e, secondo il Carnegie Endowment, è stata creata da «esperti leader di governi, banche centrali, industria e comunità tecnica» al fine di fornire una «sicurezza informatica internazionale a più lungo termine e una strategia» specifica per il sistema finanziario.

 

L’iniziativa è una conseguenza degli sforzi passati del Carnegie Endowment per promuovere la fusione di autorità finanziarie, industria finanziaria, forze dell’ordine e agenzie di sicurezza nazionale, che è sia una delle principali raccomandazioni del rapporto di novembre 2020 che una conclusione di una «tavola rotonda di alto livello del 2019» tra la Carnegie Endowment, il FMI e i governatori delle banche centrali. 

 

La Carnegie Endowment aveva anche collaborato con l’FMI, SWIFT, Standard Chartered e FS-ISAC per creare una «cassetta degli strumenti per lo sviluppo di capacità di resilienza informatica» per le istituzioni finanziarie nel 2019.

 

Nello stesso anno, la Carnegie Endowment ha anche iniziato a tracciare «l’evoluzione del il panorama delle minacce informatiche e gli incidenti che coinvolgono le istituzioni finanziarie» in collaborazione con BAE Systems, il più grande produttore di armi del Regno Unito. Secondo il Carnegie Endowment, questa collaborazione continua nel presente.

 

Nel gennaio 2020, i rappresentanti del Carnegie Endowment hanno presentato la loro Cyber ​​Policy Initiative all’incontro annuale del World Economic Forum, dopo il quale il Forum ha ufficialmente collaborato con la Carnegie Endowment all’iniziativa.

 

I consulenti del progetto ora congiunto WEF-Carnegie includono rappresentanti di banche centrali, tra cui la Federal Reserve statunitense e la Banca centrale europea; alcune delle banche più note di Wall Street come Bank of America e JPMorgan Chase; organizzazioni delle forze dell’ordine come Interpol e il Secret Service degli Stati Uniti; colossi aziendali come Amazon e Accenture; e istituzioni finanziarie globali tra cui il Fondo monetario internazionale e SWIFT (la società per le telecomunicazioni finanziarie interbancarie mondiali). 

 

Altri importanti consulenti includono l’amministratore delegato e capo del Centro per la sicurezza informatica del WEF, Jeremy Jurgens, che è stato anche un attore chiave nella simulazione Cyber ​​Polygon, e Steve Silberstein, CEO del Financial Services Information Sharing and Analysis Center.

 

 

Non una questione di se ma di quando

Il rapporto di novembre 2020 della Cyber ​​Policy Initiative è ufficialmente intitolato Strategia internazionale per proteggere meglio il sistema finanziario. Inizia osservando che il sistema finanziario globale, come molti altri sistemi, sta «attraverso una trasformazione digitale senza precedenti, accelerata dalla pandemia di coronavirus».

 

Quindi avverte:

 

«Gli attori malintenzionati stanno approfittando di questa trasformazione digitale e rappresentano una minaccia crescente per il sistema finanziario globale, la stabilità finanziaria e la fiducia nell’integrità del sistema finanziario. Gli attori maligni utilizzano le capacità informatiche per rubare, interrompere o minacciare in altro modo le istituzioni finanziarie, gli investitori e il pubblico. Questi attori includono non solo criminali sempre più audaci, ma anche stati e aggressori sponsorizzati dallo stato».

 

A seguito di questo avvertimento di «attori maligni», il rapporto aggiunge che «voci chiave sempre più preoccupate stanno suonando l’allarme». Rileva che Christine Lagarde della Banca centrale europea ed ex del FMI ha avvertito nel febbraio 2020 che «un attacco informatico potrebbe innescare una grave crisi finanziaria». Un anno prima, alla riunione annuale del WEF, il capo della banca centrale giapponese aveva previsto che «la sicurezza informatica potrebbe diventare il rischio più grave per il sistema finanziario nel prossimo futuro».

 

Jamie Dimon, presidente e CEO di JPMorgan Chase, ha etichettato gli attacchi informatici come forse «la più grande minaccia per il sistema finanziario degli Stati Uniti»

Rileva inoltre che nel 2019, Jamie Dimon, presidente e CEO di JPMorgan Chase, ha etichettato gli attacchi informatici come forse «la più grande minaccia per il sistema finanziario degli Stati Uniti».

 

Non molto tempo dopo l’avvertimento di Lagarde nell’aprile 2020, il Financial Stability Board della Bank for International Settlements ha affermato che «gli incidenti informatici rappresentano una minaccia per la stabilità del sistema finanziario globale» e che «un grave incidente informatico, se non adeguatamente contenuto, potrebbe seriamente sconvolgere i sistemi finanziari, comprese le infrastrutture finanziarie critiche, portando a più ampie implicazioni sulla stabilità finanziaria».

 

Il rapporto quindi conclude minacciosamente che «una cosa è chiara: non è una questione di se accadrà un incidente grave, ma di quando»

Gli autori del rapporto WEF-Carnegie aggiungono a queste preoccupazioni che «lo sfruttamento delle vulnerabilità informatiche potrebbe causare perdite agli investitori e al pubblico in generale» e portare a danni significativi alla fiducia del pubblico e alla fiducia nell’attuale sistema finanziario. 

 

Rileva inoltre, oltre a colpire in modo significativo il pubblico in generale, questa minaccia avrebbe un impatto sia sui Paesi ad alto reddito che sui paesi a reddito medio-basso, il che significa che l’impatto sulle masse sarebbe di portata globale.

 

Il rapporto quindi conclude minacciosamente che «una cosa è chiara: non è una questione di se accadrà un incidente grave, ma di quando».

 

 

Garantire il controllo della narrativa

Un’altra sezione del rapporto descrive in dettaglio le raccomandazioni per controllare la narrativa nel caso in cui si verifichi un attacco informatico così paralizzante.

 

Il rapporto raccomanda specificamente che «le autorità finanziarie e l’industria dovrebbero assicurarsi di essere adeguatamente preparate per operazioni di influenza e attacchi ibridi che combinano operazioni di influenza con attività di hacking dannoso» e che «applicano le lezioni apprese dalle operazioni di influenza mirate ai processi elettorali a potenziali attacchi alle istituzioni finanziarie».

 

Il rapporto raccomanda specificamente che «le autorità finanziarie e l’industria dovrebbero assicurarsi di essere adeguatamente preparate per operazioni di influenza e attacchi ibridi che combinano operazioni di influenza con attività di hacking dannoso»

Prosegue raccomandando che «le principali società di servizi finanziari, banche centrali e altre autorità di vigilanza finanziaria», i cui rappresentanti hanno fornito consulenza per il rapporto WEF-Carnegie, «identifichino un unico punto di contatto all’interno di ciascuna organizzazione per coinvolgere le piattaforme di social media in caso di crisi».

 

Gli autori del rapporto sostengono che, «in caso di crisi», come un devastante attacco informatico al sistema bancario globale, «le società di social media dovrebbero amplificare rapidamente le comunicazioni delle banche centrali» in modo che le banche centrali possano «smascherare le informazioni false» e «calmare i mercati».

 

Dichiara inoltre che «le autorità finanziarie, le società di servizi finanziari e le società tecnologiche [presumibilmente comprese le società di social media] dovrebbero sviluppare un chiaro piano di comunicazione e risposta incentrato sulla capacità di reagire rapidamente».

 

In particolare, sia Facebook che Twitter sono elencati nell’appendice del rapporto come «stakeholder del settore» che sono «coinvolti» con l’iniziativa WEF-Carnegie.

 

Gli autori del rapporto sostengono che, «in caso di crisi», come un devastante attacco informatico al sistema bancario globale, «le società di social media dovrebbero amplificare rapidamente le comunicazioni delle banche centrali» in modo che le banche centrali possano «smascherare le informazioni false» e «calmare i mercati»

Il rapporto afferma inoltre che è necessario un coordinamento premeditato per una tale crisi tra banche e società di social media in modo che entrambe le parti interessate possano «determinare quale gravità della crisi richiederebbe una comunicazione amplificata».

 

Il rapporto chiede inoltre alle società di social media di collaborare con le banche centrali per «sviluppare percorsi di escalation simili a quelli sviluppati sulla scia delle passate interferenze elettorali, come si è visto negli Stati Uniti e in Europa».

 

Naturalmente, quei «percorsi di escalation» hanno comportato un’ampia censura sui social media. Il rapporto sembra riconoscerlo quando aggiunge che «è necessario un rapido coordinamento con le piattaforme di social media per organizzare la rimozione dei contenuti».

 

Pertanto, il rapporto chiede alle banche centrali di colludere con le piattaforme di social media per pianificare gli sforzi di censura che verrebbero attuati se si verificasse una crisi sufficientemente grave nei mercati finanziari.

 

Per quanto riguarda le «operazioni di influenza», il rapporto le divide in due categorie: quelle che si rivolgono alle singole imprese e quelle che si rivolgono ai mercati in generale. 

 

Il rapporto chiede alle banche centrali di colludere con le piattaforme di social media per pianificare gli sforzi di censura che verrebbero attuati se si verificasse una crisi sufficientemente grave nei mercati finanziari

Per quanto riguarda la prima categoria, il rapporto afferma che «gli attori organizzati diffonderanno voci fraudolente per manipolare i prezzi delle azioni e generare profitti in base a quanto il prezzo delle azioni è stato spostato artificialmente».

 

Aggiunge che, in queste operazioni di influenza, «aziende e lobbisti utilizzano campagne di astroturfing, che creano una falsa apparenza di supporto di base, per offuscare il valore di un marchio concorrente o tentare di influenzare le decisioni politiche abusando delle richieste di commenti pubblici online». Le somiglianze tra quest’ultima affermazione e il fenomeno WallStreetBets di gennaio 2021 sono evidenti.

 

Per quanto riguarda la seconda categoria di «operazioni di influenza», il rapporto definisce queste operazioni come «probabilmente eseguite da un attore politicamente motivato come un gruppo terroristico o persino uno stato-nazione».

 

Aggiunge che «questo tipo di operazione di influenza può mirare direttamente al sistema finanziario per manipolare i mercati, ad esempio diffondendo voci su decisioni di mercato da parte delle banche centrali» e diffondendo «false informazioni che non fanno riferimento direttamente ai mercati finanziari ma che fa reagire i mercati finanziari».

 

Dato che il rapporto afferma che la prima categoria di operazioni di influenza pone un rischio sistemico scarso mentre la seconda «può comportare un rischio sistemico», sembra probabile che l’evento previsto dal rapporto WEF-Carnegie comporterebbe affermazioni di quest’ultimo da parte di un «gruppo terrorista» o «Stato-nazione».

 

In particolare, il rapporto in diverse occasioni cita la Corea del Nord come probabile colpevole. Si sofferma anche sulla probabilità che media artificiali o deepfake facciano parte di questo evento devastante del sistema nelle economie emergenti e/o nei paesi ad alto reddito che stanno attraversando una crisi finanziaria.

 

Considerando che il rapporto WEF-Carnegie fa riferimento a uno scenario analogo alla situazione di WallStreetBets nel gennaio 2021, uno sforzo guidato dai banchieri per etichettare falsamente un futuro contraccolpo della base come artificiale e colpa di un «gruppo terroristico» o Stato-nazione non dovrebbe essere escluso

Un rapporto separato di giugno 2020 dell’iniziativa WEF-Carnegie è stato pubblicato specificamente sul tema dei deepfake e del sistema finanziario, osservando che tali attacchi sarebbero probabilmente trapelati durante una crisi finanziaria più ampia per «amplificare» le narrazioni dannose o «simulare il contraccolpo dei consumatori di base contro un marchio mirato».

 

Aggiunge che «le aziende, le istituzioni finanziarie e i regolatori governativi che affrontano le crisi delle pubbliche relazioni sono particolarmente vulnerabili ai deepfake e ai media artificiali».

 

Alla luce di queste affermazioni, vale la pena sottolineare che i cattivi attori all’interno del sistema attuale potrebbero sfruttare questi scenari e teorie per dipingere un vero e proprio contraccolpo di base contro una banca o una società come una artificiale «operazione di influenza» perpetrata da «criminali informatici» o da uno Stato. 

 

Considerando che il rapporto WEF-Carnegie fa riferimento a uno scenario analogo alla situazione di WallStreetBets nel gennaio 2021, uno sforzo guidato dai banchieri per etichettare falsamente un futuro contraccolpo della base come artificiale e colpa di un «gruppo terroristico» o Stato-nazione non dovrebbe essere escluso.

 

 

«Riduzione della frammentazione»”: fusione delle banche con i loro regolatori e agenzie di Intelligence

Data l’inevitabilità di questo evento distruttivo, come previsto dagli autori del rapporto WEF-Carnegie, è importante concentrarsi sulle soluzioni proposte nel rapporto, poiché diventeranno immediatamente rilevanti quando questo evento si verificherà.

 

Alcune delle soluzioni proposte sono attese da un documento politico collegato al WEF, come un aumento dei partenariati pubblico-privato e un maggiore coordinamento tra le organizzazioni regionali e internazionali, nonché un maggiore coordinamento tra i governi nazionali.

 

Tuttavia, la principale «soluzione» al centro di questo rapporto, e anche al centro degli altri sforzi dell’iniziativa WEF-Carnegie, è la fusione delle banche aziendali, delle autorità finanziarie che le controllano, delle società tecnologiche e della sicurezza nazionale.

 

Gli autori del rapporto sostengono che la principale vulnerabilità del sistema finanziario globale al momento è «l’attuale frammentazione tra le parti interessate e le iniziative» e che mitigare questa minaccia al sistema globale sta nel ridurre quella «frammentazione». 

 

Gli autori sostengono che il modo per risolvere il problema richiede la massiccia riorganizzazione di tutti gli «stakeholder» attraverso un maggiore coordinamento globale.

 

Il rapporto rileva che «il distacco tra la finanza, la sicurezza nazionale e le comunità diplomatiche è particolarmente pronunciato» e richiede un’interazione molto più stretta tra i tre elementi.

 

Si afferma quindi:

 

«Ciò richiede ai Paesi non solo di organizzarsi meglio a livello nazionale, ma anche di rafforzare la cooperazione internazionale per difendersi, indagare, perseguire e idealmente prevenire attacchi futuri. Ciò implica che il settore finanziario e le autorità finanziarie devono interagire regolarmente con le forze dell’ordine e altre agenzie di sicurezza nazionale in modi senza precedenti, sia a livello nazionale che internazionale».

 

«Le agenzie di sicurezza nazionali consultino i fornitori di servizi cloud critici [come Amazon Web Services, partner della WEF-Carnegie Cyber ​​Policy Initiative] per determinare come la raccolta di informazioni potrebbe essere utilizzata per aiutare a identificare e monitorare potenziali attori di minacce significative e sviluppare un meccanismo per condividere informazioni sulle minacce imminenti» con le aziende tecnologiche

Alcuni esempi di queste necessarie interazioni «senza precedenti» tra banche e sicurezza nazionale sono inclusi nelle raccomandazioni del rapporto.

 

Ad esempio, il rapporto afferma che «i governi dovrebbero utilizzare le capacità uniche delle loro comunità di sicurezza nazionale per aiutare a proteggere le FMI [infrastrutture del mercato finanziario] e i sistemi commerciali critici». 

 

Chiede inoltre che «le agenzie di sicurezza nazionali consultino i fornitori di servizi cloud critici [come Amazon Web Services, partner della WEF-Carnegie Cyber ​​Policy Initiative] per determinare come la raccolta di informazioni potrebbe essere utilizzata per aiutare a identificare e monitorare potenziali attori di minacce significative e sviluppare un meccanismo per condividere informazioni sulle minacce imminenti» con le aziende tecnologiche.

 

Il rapporto afferma inoltre che «l’industria finanziaria dovrebbe dare il proprio peso agli sforzi per affrontare la criminalità informatica in modo più efficace, ad esempio aumentando la sua partecipazione agli sforzi delle forze dell’ordine”.

 

Bank of America ha condiviso informazioni private con il governo federale senza la conoscenza o il consenso dei suoi clienti, portando i critici ad accusare la banca di «agire efficacemente come un’agenzia di intelligence»

Su quest’ultimo punto, vi sono indicazioni che ciò sia già iniziato. Ad esempio, Bank of America, la seconda banca più grande degli Stati Uniti e parte della WEF-Carnegie Cyber ​​Policy Initiative e FS-ISAC, è stata segnalata come «attivamente ma segretamente impegnata con le forze dell’ordine statunitensi nella caccia a estremisti» in seguito agli eventi del 6 gennaio a Capitol Hill. 

 

In tal modo, Bank of America ha condiviso informazioni private con il governo federale senza la conoscenza o il consenso dei suoi clienti, portando i critici ad accusare la banca di «agire efficacemente come un’agenzia di intelligence».

 

Probabilmente la parte più preoccupante del rapporto, tuttavia, è il suo invito a unire l’apparato di sicurezza nazionale e l’industria finanziaria e quindi utilizzarlo come modello per fare lo stesso con altri settori dell’economia. 

 

Afferma che «proteggere il sistema finanziario internazionale può essere un modello per altri settori», aggiungendo che «concentrarsi sul settore finanziario fornisce un punto di partenza e potrebbe aprire la strada a una migliore protezione di altri settori in futuro».

 

Se tutti i settori dell’economia si fondessero con la sicurezza nazionale, creerebbe una realtà in cui nessuna parte della vita umana quotidiana non è controllata da queste due entità già molto potenti

Se tutti i settori dell’economia si fondessero con la sicurezza nazionale, creerebbe una realtà in cui nessuna parte della vita umana quotidiana non è controllata da queste due entità già molto potenti.

 

Questo è un piano chiaro per creare il tecnofascismo su scala globale.

 

Come chiarisce questo rapporto WEF-Carnegie, la ricetta per inventare un simile incubo è già stata tracciata in coordinamento con le stesse istituzioni, banche e governi che attualmente controllano il sistema finanziario globale.

 

Non solo il controllo aziendale globale è un obiettivo, ma, come sottolineato nell’articolo di Unlimited Hangout su Cyber ​​Polygon, il World Economic Forum e molti dei suoi partner hanno effettivamente un interesse nel collasso sistemico dell’attuale sistema finanziario. 

 

Inoltre, molte banche centrali hanno recentemente proposto sistemi di valuta digitale che possono raggiungere una rapida adozione di massa solo se il sistema esistente crolla.

 

Dato che questi sistemi sono destinati ad essere integrati con gli ID biometrici e i cosiddetti passaporti vaccinali attraverso il WEF e la Vaccine Credential Initiative sostenuta da Big Tech, vale la pena considerare i tempi del previsto lancio di tali sistemi per determinare quando ciò prevede ed è probabile che si verifichi un evento presumibilmente inevitabile.

 

Con questo nuovo sistema finanziario così profondamente interconnesso con i cosiddetti sforzi per le credenziali, il previsto attacco informatico al settore finanziario si verificherebbe probabilmente nel momento in cui faciliterebbe al meglio l’adozione del nuovo sistema economico e la sua integrazione nei sistemi di credenziali attualmente promossi come via d’uscita dalle restrizioni legate al COVID-19.

 

 

Whitney Webb

 

 

 

 

 

Immagine di batjorge via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0)

Guerra cibernetica

La ciberguerra russa in Ucraina: gli USA se la immaginano così

Pubblicato

il

Da

Poche idee restano fissate nella mente americana – e per estensione, dei «democratici» filoamericani di tutto l’Occidente – di quella degli hacker russi.

 

Che pure, certamente, esistono e possono essere in grado di portare attacchi notevoli.

 

Ora, con l’escalation ucraina in corso, la questione degli attacchi cibernetici russi sta riprendendo velocemente quota.

 

«La scorsa settimana, gli hacker hanno deturpato dozzine di siti web governativi in ​​Ucraina, un atto tecnicamente semplice ma che attira l’attenzione che ha generato l’attenzione della stampa globale» scrive la Technolgy Review, organi di divulgazione del Massachusetts Institute of Technology (MIT).  «Più silenziosamente, hanno anche inserito malware distruttivo all’interno delle agenzie governative ucraine, un’operazione scoperta per la prima volta dai ricercatori di Microsoft. Non è ancora chiaro chi sia il responsabile, ma la Russia è il principale sospettato».

 

La Russia ha negato il coinvolgimento e nessun collegamento definitivo punta a Mosca. La guerra cibernetica funziona così: non puoi mai essere sicuro di chi ti abbia attaccato, e non avrai mai prove a sufficienza per dimostrarlo.

 

La rivista del politecnico bostoniano scrive che «gli esperti di sicurezza informatica temono che queste offensive di hacking possano diffondersi a livello globale, minacciando l’Europa, gli Stati Uniti e oltre». L’articolo non menziona il primo grande caso in cui una ciberarma scappò di mano e fece danni immani su tutto il pianeta: si tratta dei virus Stuxnet, creato in origine da USA e Israele per bloccare (con un certo successo) le centrifughe del programma atomico iraniano all’interno della cosiddetta Operazione «Olympic Games».

 

Dimentichi di Stuxnet, gli specialisti americani citano «due attacchi informatici del 2017, NotPetya e WannaCry, che sono entrambi sfuggiti al controllo dei loro obiettivi iniziali, si sono diffusi rapidamente su Internet e hanno avuto un impatto sul mondo intero per un costo di miliardi di dollari».

 

«I parallelismi sono chiari: NotPetya è stato un attacco informatico russo contro l’Ucraina durante un periodo di alta tensione» assicura TR. La testata è sicura che NotPetya (2017) sia stato «ordinato da Mosca» e che esso sia stato «inizialmente diretto contro società private ucraine prima di riversarsi e distruggere sistemi in tutto il mondo».  «NotPetya si mascherava da ransomware, ma in realtà era un pezzo di codice puramente distruttivo e altamente virale (…) notPetya ha reso inabili i porti marittimi e ha lasciato diverse grandi multinazionali e agenzie governative incapaci di funzionare. Quasi tutti coloro che hanno fatto affari con l’Ucraina sono stati colpiti perché i russi hanno segretamente avvelenato il software utilizzato da tutti coloro che pagano le tasse o fanno affari nel Paese (…) La Casa Bianca ha affermato che l’attacco ha causato danni globali per oltre 10 miliardi di dollari e lo ha ritenuto “l’attacco informatico più distruttivo e costoso della storia”».

 

La situazione in realtà questa volta sta degenerando perfino in modo perfino peggiore: il presidente Joe Biden ha dichiarato durante una conferenza stampa del 19 gennaio che gli Stati Uniti potrebbero rispondere ai futuri attacchi informatici russi contro l’Ucraina con le proprie capacità informatiche, aumentando ulteriormente lo spettro della diffusione del conflitto. Non è più un danno economico: è una salto di paradigma di geopolitica militare.

 

Biden sta dicendo in pratica che qualora Kiev fosse attaccata informaticamente, le armi cibernetiche che risponderebbero sarebbero quelle a disposizione degli USA: in pratica, è come se l’Ucraina fosse già membro della NATO, a dispetto dei ridicoli proclami americani di non essere loro a volercela

Biden sta dicendo in pratica che qualora Kiev fosse attaccata informaticamente, le armi cibernetiche che risponderebbero sarebbero quelle a disposizione degli USA: in pratica, è come se l’Ucraina fosse già membro della NATO, a dispetto dei ridicoli proclami americani di non essere loro a volercela.

 

Nel documentario HBO dedicato alle guerre cibernetiche The Perfect Weapon lo specialista del New York Times David Sanger racconta che l’Ucraina è la «piastra di Petri» di Mosca: è lo spazio dove testare ogni nuova arma informatica e pure di ingegneria sociale, racconta nel film.

 

La scorsa settimana gli ucraini sarebbero quindi stati colpiti da un malware distruttivo ora noto come WhisperGate, che pure avrebbe finto di essere un ransomware come NotPetya, mentre in realtà mirava a distruggere i dati chiave che rendevano le macchine inutilizzabili. A differenza di NotPetya, dicono gli esperti, WhisperGate è meno sofisticato e non è progettato per diffondersi rapidamente allo stesso modo.

 

«Nessuno comprende appieno cosa c’è nella matematica di Mosca in questa situazione in rapida evoluzione. La leadership americana ora prevede che la Russia invaderà l’Ucraina. Ma la Russia ha dimostrato più volte che, quando si tratta di cyber, ha una cassetta degli attrezzi ampia e variegata» ammette sconsolato l’house organ del MIT. «Sono anche in grado di sviluppare e implementare alcune delle operazioni informatiche più complesse e aggressive al mondo».

 

E ricordiamo tutti certi spettacolari punti messi a segno dai cosiddetti «hacker russi»: la telefonata del 2014, in piena «rivoluzione Maidan» a Kiev, tra la diplomatica USA Victoria Nuland e il suo ambasciatore in Ucraina Geoofrey Pyatt. «Fuck the EU» disse la Nuland, mentre soppesavano il sostegno internazionale nella scelta di un nuovo premier per il Paese: «vaffanculo all’Unione Europea». La telefonata trapelata ebbe impatti devastanti, ma l’agenda USA contro la Russia proseguì nella tracotanza – o per usare il termine yiddish tanto usato in America, «chuzpah» –più sfrenata.

 

Joe Biden, va ricordato, con l’Ucraina ha interessi specifici, che passano per gli affari d’oro del figlio drogato, perverso e corrotto Hunter Biden messo nel CdA di un colosso del gas locale. Biden stesso, in un incontro pubblico, si vantò di aver fatto pressioni forti sull’allora presidente ucraino Poroshenko per far chiudere l’inchiesta di un magistrato che toccava suo figlio Hunter. L’attuale presidente ammise la grave storia quando andò al Council for Foreign Relations – Casa Rockefeller – e raccontò l’episodio come fosse una barzelletta, un aneddotto simpatico di un viaggio all’estero quando era vicepresidente sotto Obama.

 

In pratica, Biden senior confessò spudoratamente di aver forzato il potere ucraino a salvare la sua famiglia. L’allora presidente ucraino Petro Poroshenko  e il premier Arsenij Yatseniuk (che pure erano riconosciuti, entrambi, come asset americani) non volevano licenziare il giudice che indagava sugli affari di Biden jr. Papà Biden gli disse che avevano dato delle garanzie in merito, che sul piatto c’erano i billions, i miliardi.

 

«Non sei il presidente, non ha l’autorità» per chiedere una cosa del genere, dissero all’unisono premier e presidente ucraini a Biden.

 

«Chiamate pure il Presidente», rispose il vecchio del Delaware. Il pubblico in sala all’evento CFR ride, i moderatori annuiscono. «Chiamatelo, io non vi darò i miliardi di dollari. Tra sei ore parto. Se il magistrato non è licenziato, non avrete i soldi. Quel figlio di puttana è stato licenziato». Risate della sala.

 

Il video Wall Street Journal ce lo ha ancora sul sito – per il momento.


 

L’élite ucraina filo-occidentale ama Biden al punto da averli dato origini ucraine che sanno di favola.

 

Ora, la guerra alla Russia, il sogno mostruosamente proibito dei neocon (che sono in larga parte figli o nipoti di profughi dei territori russi che si trasmettono geneticamente l’odio per lo zar), si può realizzare. E nell’hybris più oscena, sono proprio i politici americani a parlare apertamente dell’uso di armi atomiche.

 

In effetti crediamo che Putin, uno stratega che di conflitti più o meno dichiarati ne ha vinti parecchi (Cecenia, Ossezia, Crimea, Siria…), con probabilità, prima di ricorrere all’atomo (magari trasportato da un missile ipersonico Tsirkon, ora pronto), cercherà di sistemare le cose con un attacco al mondo virtuale.

 

Come andrà a finire questa guerra invisibile, nessuno lo sa – neanche Putin.

 

Soprattutto non lo sa Biden.

 

 

 

Continua a leggere

Guerra cibernetica

Giovane hacker dichiara di aver preso il controllo di auto Tesla in tutto il mondo

Pubblicato

il

Da

 

 

Un giovane hacker di nome David Colombo sostiene di aver scoperto un punto debole nel software di Tesla che gli ha permesso di prendere il controllo di numerosi veicoli in tutto il mondo. Lo riporta Futurism.

 

Colombo lo scorso 10 gennaio ha twittato di aver ottenuto «il pieno controllo remoto di oltre 20 Tesla in dieci paesi e sembra che non ci sia modo di trovare i proprietari e segnalarglielo».

 


Tesla non ha né confermato né smentito il possibile attacco hacker alla testata economica americana Bloomberg, ma il Colombo ha detto di essere in contatto con la casa automobilistica in merito alla falla di sicurezza.

 

Colombo lo scorso 10 gennaio ha twittato di aver ottenuto «il pieno controllo remoto di oltre 20 Tesla in dieci paesi e sembra che non ci sia modo di trovare i proprietari e segnalarglielo»

Il ragazzo si è affrettato a chiarire in un tweet di follow-up che «questa non è una vulnerabilità nell’infrastruttura di Tesla. È colpa dei proprietari».

 


Colombo dice di aver capito come disabilitare il «Sentry Mode», una funzione di sicurezza che utilizza le numerose telecamere del veicolo per tenere d’occhio gli intrusi, oltre ad aprire portiere e finestrini.

 

L’hacker ha anche affermato di essere stato in grado di avviare il «Keyless Driving». «Sì, potenzialmente potrei sbloccare le porte e iniziare a guidare le Tesla», ha scritto in un tweet.

 


 

«No, non posso intervenire con qualcuno che guida (a parte avviare la musica al massimo volume o luci lampeggianti) e non posso nemmeno guidare queste Tesla da remoto», ha scritto.

 

Tesla si sta interessando della vicenda, secondo Colombo, e pubblicherà un aggiornamento. Speriamo di saperne di più quanto prima.

 

«Questo sarà descritto più in dettaglio in un mio articolo», ha detto a Bloomberg. «Ma sono felice di vedere Tesla agire ora».

 

Le problematiche legate alla sicurezza e all’affidabilità dei software, sono evidenti e a volte possono essere pericolose per gli stessi guidatori o per gli altri automobilisti, tanto che, recentemente, il sistema di guida autonomo di una vettura ha scambiato la luna piena per un semaforo giallo.

 

L’errore in questione può apparire come una bizzarria simpatica, ma è sintomatico della non totale affidabilità dei programmi in questione allo stato attuale.

 

La mente va Joshua Brown, un veterano delle forze armate che era un entusiasta assoluto della sua Tesla, pubblicando video e post sulle sue funzioni. Brown rimase ucciso quando l’autopilota scambiò un autoarticolato bianco che attraversava la strada come parte del cielo, andando quindi a collidere con violenza.

 

 

 

 

Continua a leggere

Guerra cibernetica

Gli iPhone possono essere hackerati con un semplice SMS

Pubblicato

il

Da

 

Un giornalista del New York Times afferma che un hacker è riuscito ad accedere al suo iPhone dopo avergli inviato un SMS, anche se non ha mai cliccato sul messaggio in questione.

 

Ben Hubbard, giornalista del NYT che si occupa del Medio Oriente, ha dichiarato in un suo articolo sul quotidiano newyorkese, che gli hacker hanno usato un cosiddetto «exploit zero-click» per entrare nel suo telefono nel 2020 e nel 2021.

 

Gli esperti affermano che la semplice ricezione di un iMessage inviato da un hacker che utilizza questo exploit può essere sufficiente per lasciare scoperti i dati personali degli utenti. 

 

«È come essere derubati da un fantasma», ha scritto sconsolato lo Hubbard. 

 

Dopo essersi consultato con Citizen Lab – un istituto di ricerca sullo spyware – Hubbard è stato in grado di risalire all’origine del testo di uno spyware chiamato Pegasus. Il software è stato creato dal gruppo NSO, sviluppatore di software con sede in Israele, ed è già stato collegato a hack di telefoni cellulari, anche se la società nega regolarmente le accuse. 

 

Sembra che il software sia stato utilizzato in passato dal governo dell’Arabia Saudita nel tentativo di hackerare Hubbard, probabilmente a causa del fatto che spesso riferisse sul Paese mediorientale e inoltre ha scritto un romanzo sul principe ereditario Mohammed bin Salman, il sovrano de facto del Paese che avrebbe ordinato l’assassinio del giornalista Jamal Khashoggi per i suoi reportage critici sul governo saudita. In base a ciò Hubbard crede che l’Arabia Saudita sia con molta probabilità dietro i due exploit zero-click.

 

I fatti raccontati dal corrispondente del giornale di Nuova York sono particolarmente preoccupanti per una serie di motivi.

 

In primis, mostra quanto siano diventati sofisticati gli strumenti utilizzati dagli hacker negli ultimi anni. Ora non basta più evitare collegamenti sospetti; i tuoi dati personali sono a rischio se ricevi semplicemente un messaggio di testo. Apple ha tentato di aggiornare la sicurezza dei propri telefoni per proteggersi da queste nuove minacce, ma i risultati non si vedono.

 

Niente e nessuno è al sicuro con la tecnologia informatica. Del resto, è per questo che ce la hanno imposta.

In secundis, «l’idea che gli enti governativi possano hackerare i telefoni di privati cittadini e giornalisti per spiarli è di per sé incredibilmente sconcertante» scrive Futurism, pieno di sdegno costituzionale. 

 

Tuttavia, ricordiamoci bene che i pericoli, nel mondo cibernetico in cui obtorto collo ci hanno immersi,  non vengono sono da fuori, ma possono essere contenuti fin dentro il sistema operativo che aggiorniamo. Come riportato da Renovatio 21, con la giustificazione universale del COVID, in uno degli ultimi aggiornamenti iOS vi era un software per monitorare lo stato dell’infezione COVID-19.

 

Niente e nessuno è al sicuro con la tecnologia informatica.

 

Del resto, è per questo che ce la hanno imposta.

 

Continua a leggere

Più popolari