Connettiti con Renovato 21

Spirito

Chi sta preparando il prossimo conclave?

Pubblicato

il

 

1.

Durante l’incontro avuto con i suoi confratelli gesuiti in Slovacchia il 12 settembre 2021, Papa Francesco ha denunciato il comportamento sospetto di alcuni prelati, durante e dopo l’intervento chirurgico del 4 luglio. «Si stavano preparando per il conclave», ha detto.

 

La rivelazione di una sorta di congiura per preparare la sua successione ha destato lo stupore di diversi commentatori, tra cui quello di Giovanni Butta, riportato sul sito di Aldo Maria Valli il 28 settembre. La sorpresa non è venuta tanto dal contenuto di questa rivelazione, quanto da chi l’ha fatta…

 

Ricordiamo, infatti, che lo stesso cardinale Jorge Mario Bergoglio ha beneficiato dell’appoggio efficiente e discreto di prelati progressisti per la sua elezione.

 

A questo proposito si può fare riferimento a Confession d’un cardinal  [Jean-Claude Lattès, 2007] dove, anonimamente, il cardinale Achille Silvestrini (1923-2019) ammette che si tennero incontri per preparare la successione di Benedetto XVI, dal l’inizio del suo pontificato.

 

Si può inoltre consultare la biografia del cardinale Godfried Danneels (1933-2019), [Karim Schelkens Jurgen Mettepenningen Godfried Danneels, Polis éd., Anversa, 2015] dove il prelato belga designa sotto il nome di «Mafia di San Gallo» il gruppo di presuli che si sono incontrati, su iniziativa del cardinale Silvestrini, in questa città svizzera.

 

Un mese dopo questa rivelazione del Papa su un ipotetico «complotto», il giornalista Francesco Boezi ammette prontamente, in un articolo de Il Giornale del 17 ottobre, che le fazioni all’interno del Collegio cardinalizio si stavano già organizzando «per non essere colti di sorpresa quando inizierà la sede vacante».

 

Il giornalista italiano descrive un’assemblea di elettori attualmente divisa in tre filoni principali: cardinali «bergogliani» – «progressisti» inclini a continuare a riformare la Chiesa; i «ratzingeriani» – «conservatori» e desiderosi di riorientare la Chiesa; e il «grande centro» che riunisce gli alti prelati oscillanti tra i due fronti.

 

Francesco Boezi nota che i «Ratzingeriani» si possono contare ormai «sulle dita di una mano». Il che gli fa dire che l’elezione di un nuovo papa tendenzialmente conservatore è «totalmente improbabile».

 

Ammettendo una larga preminenza del gruppo progressista, il giornalista afferma che ci sono «molti nomi per il papato», tra cui quello del cardinale filippino Antonio Tagle e del tedesco Reinhard Marx.

 

Ma i «Ratzingeriani», sentendosi incapaci di piazzare uno dei loro beniamini sul seggio di Pietro, potrebbero optare per un’altra soluzione, più vicina a un ripiego. Per evitare l’elezione di un pontefice troppo progressista, potrebbero allearsi con il «grande centro». Che potrebbe determinare la scelta di un papa «moderato».

 

Ma dobbiamo fare i conti con il prossimo concistoro – di cui non sappiamo ancora la data, ma che si terrà certamente – in cui nuovi cardinali verranno a rafforzare il collegio degli elettori. Quale sarà allora la quota del «grande centro»? «Forse meno di quanto sperano i ratzingeriani», conclude Francesco Boezi.

 

 

2.

La prima parte ha presentato le tre tendenze che si notano tra i cardinali. Questa seconda parte introduce uno dei gruppi di pressione più influenti.

 

Operazione Sant’Egidio

Sandro Magister, dal canto suo, sul suo blog Settimo Cielo del 12 ottobre, vede pesare gravemente sull’elezione del successore di Francesco l’influenza della Comunità di Sant’Egidio. Il candidato di questa comunità progressista – zelante organizzatore dell’incontro interreligioso di Assisi (27 ottobre 1986) e di quelli che seguirono – è il cardinale Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna.

 

Questo prelato sta, secondo Sandro Magister, «all’ombra di Riccardi, uno dei fondatori della comunità di Sant’Egidio, che è indiscutibilmente la più potente lobby cattolica degli ultimi decenni a livello mondiale, tanto più influente, in un futuro conclave, quanto più il collegio dei cardinali elettori – dopo i maltrattamenti subiti da papa Francesco sia nelle nomine che nelle mancate convocazioni dei concistori – s’è fatto disordinato, di incerto sentire e facile a essere instradato da pressioni interne ed esterne».

 

Secondo il vaticanista romano, già «nei conclavi del 1978, del 2005 e del 2013 gli uomini di Sant’Egidio hanno tentato di pilotarne l’esito. Ogni volta senza successo, ma sempre, poi, con l’abilità camaleontica di adattarsi perfettamente a ciascun nuovo papa, fino a toccare l’apogeo con il pontificato di Francesco».

 

Quest’ultimo «non solo ha promosso Zuppi ad arcivescovo di Bologna e a cardinale, ma ha collocato Vincenzo Paglia alla testa degli istituti vaticani per la vita e la famiglia, ha messo Matteo Bruni a capo della sala stampa e, da ultimo, ha nominato vicepresidi del rifondato pontificio istituto teologico Giovanni Paolo II per le scienze del matrimonio e della famiglia i coniugi Agostino Giovagnoli e Milena Santerini, il primo dei quali anche indefesso avvocato dell’attuale, disastrosa politica pontificia con la Cina».

 

La Comunità di Sant’Egidio non ha aspettato l’attuale pandemia per avanzare sotto mentite spoglie. Sandro Magister svela la tattica dei suoi dirigenti: «non schierarsi pubblicamente sui temi più realmente controversi nella Chiesa, specie se toccano i fondamenti della dottrina, ma di navigare in acque tranquille e di sicuro beneficio mediatico come i simposi per la pace e la madre terra, oltre che le attività caritative con i poveri».

 

«Quando invece, per i ruoli ricoperti, proprio non possono schivare di prendere posizione, la loro regola è di attestarsi sul terreno “pastorale”, quello tanto caro a papa Bergoglio, che consente di predicare e praticare le soluzioni più diverse, specie se conformi allo spirito del tempo, asserendo a parole che la dottrina resta sempre la stessa».

 

«Le confuse dichiarazioni di Paglia sull’eutanasia ne sono un esempio tra tanti, come lo è la sibillina prefazione del cardinale Zuppi all’edizione italiana del libro Building a bridge del gesuita James Martin, apprezzatissimo da Francesco, di sostegno a una nuova pastorale degli omosessuali».

 

Sandro Magister afferma che se il cardinale Zuppi «fosse eletto, non sarà lui, ma più di lui Andrea Riccardi, l’onnipotente fondatore e capo della comunità, dove da sempre non cade foglia che lui non voglia».

 

Intelligente, «Riccardi sa anche che per aggiudicarsi la successione a Francesco occorre prendere una certa distanza tattica dall’attuale papa, come richiesto dalla fisiologia di ogni cambio di pontificato».

 

«Ed è ciò che ha fatto in un suo recente libro di analisi sullo stato attuale della Chiesa, molto critico fin dal titolo, La Chiesa brucia, come per invocare un cambio di rotta, ma anche molto vago sul nuovo cammino da intraprendere, come per non voler scontentare nessuno».

 

E il vaticanista conclude prudente: «ma che l’operazione riesca è tutto da vedere. Anzi, non riuscirà affatto, una volta che le sia tolta la maschera»

 

 

3.

Il primo articolo presentava le tre tendenze che spiccano tra i cardinali. Il secondo descriveva il gruppo di pressione più influente. Questo terzo articolo passa in rassegna le manovre che hanno preparato i due precedenti conclavi.

 

La «mafia di San Gallo»

Per avere un’idea delle trattative in corso è utile fare riferimento al libro di Julia Meloni appena uscito negli Stati Uniti, The St. Gallen Mafia. [La Mafia di San Gallo, TAN Books, 2021]. Scrive lo storico Roberto de Mattei nella Corrispondenza Romana del 10 novembre, che chiunque «vuole comprendere che cosa c’è dietro il Sinodo sulla sinodalità aperto il 10 ottobre da papa Francesco non può fare a meno del libro appena pubblicato di Julia Meloni».

 

Lo studioso italiano ricorda: «San Gallo è una cittadina svizzera, di cui nel 1996 era vescovo mons. Ivo Fürer, che era stato, fino all’anno precedente, segretario generale della Conferenza dei vescovi europei».

 

«D’accordo con il cardinale Carlo Maria Martini (1927-2012), arcivescovo di Milano, mons. Fürer decise di invitare un gruppo di prelati, per stabilire un’agenda di lavoro per la Chiesa del futuro. Il gruppo si riunì per dieci anni, tra il 1996 e il 2006».

 

«Le personalità chiave, oltre al cardinale Martini, erano Walter Kasper, vescovo di Rottenburg-Stoccarda e Karl Lehmann (1936-2018), vescovo di Magonza, entrambi destinati a ricevere la porpora cardinalizia. Successivamente vennero cooptati altri due futuri cardinali: Godfried Danneels (1933-2019), arcivescovo di Malines-Bruxelles e Cormac Murphy-O’Connor (1932-2017), arcivescovo di Westminster».

 

«Ad essi si aggiunse nel 2003 il cardinale della Curia romana Achille Silvestrini (1923-2019), grazie al quale il gruppo di San Gallo divenne una potente lobby, capace di determinare l’elezione di un Pontefice. Pochi giorni dopo il funerale di Giovanni Paolo II, su invito di Silvestrini, la “mafia di San Gallo” si incontrò a Villa Nazareth, a Roma, per concordare un piano di azione in vista del prossimo conclave».

 

Su quanto stava accadendo durante il conclave che elesse Benedetto XVI, il 19 aprile 2005, apprendiamo i seguenti fatti: «il cardinale Murphy-O’Connor era a sua volta legato con il cardinale Jorge Maria Bergoglio, arcivescovo di Buenos Aires, e lo presentò al gruppo come possibile candidato anti-Ratzinger».

 

«Bergoglio raccolse il consenso della “mafia”, ma fu proprio il cardinale Martini a nutrire i maggiori dubbi sulla sua candidatura, anche alla luce delle informazioni che sul vescovo argentino gli giungevano dall’interno della Compagnia di Gesù».

 

«Quando nel conclave del 2005 la sconfitta di Bergoglio divenne certa, fu forse con sollievo che Martini annunciò al cardinale Ratzinger che avrebbe messo a sua disposizione i suoi voti. Il gruppo di San Gallo ha tenuto un ultimo incontro nel 2006, ma Martini e Silvestrini hanno continuato ad esercitare una forte influenza sul nuovo pontificato».

 

Interrogata da Corrispondenza romana, il 10 novembre, Julia Meloni porta interessanti elementi sugli incontri di San Gallo: «l’arcivescovo di Malines-Bruxelles recentemente scomparso, il cardinale Godfried Danneels, uno dei membri del gruppo di San Gallo, lo definiva come una “mafia”».

 

«Nel linguaggio comune, il termine “mafia” è associato ad un’organizzazione criminale». «L’auto-designazione del gruppo come “mafia” è certamente una scelta curiosa, rivelatrice. Stavano chiaramente tramando una rivoluzione nella Chiesa, un programma specifico che iniziò con la proposta di Kasper per la Comunione a divorziati e risposati civilmente».

 

«Abbiamo ampie prove che Martini e altri avevano codificato tale agenda nel corso di molti anni. Per quanto riguarda le modalità della sua attuazione, risulta chiaro come dovesse essere una persona specifica ad eseguire il programma della mafia: Bergoglio. Quindi è significativo che, ad esempio, pochi giorni dopo la sua elezione, papa Francesco abbia specificamente elogiato il cardinale Walter Kasper [1], mettendo in moto il vecchio piano della mafia per portare avanti la proposta di quest’ultimo».

 

In tema di concordanza tra il piano eversivo di San Gallo [soprattutto le idee ultraprogressiste del cardinale Martini] e gli atti di papa Francesco [in particolare in Amoris laetitia], Julia Meloni dice:

 

«Lo storico Roberto de Mattei ha sostenuto in modo convincente che l’essenza di Amoris Laetitia è contenuta nell’“ultimo testamento” di Martini, l’ultima intervista da lui rilasciata, pubblicata subito dopo la sua morte nel 2012» [31 agosto].

 

«In quel testamento Martini parlava specificamente di portare i sacramenti a divorziati risposati civilmente, prefigurando così la riproposizione della proposta di Kasper nei sinodi sulla famiglia e poi in Amoris Laetitia».

 

«In un’intervista, rilasciata nel 2009, Martini indicava che le priorità per la rivoluzione nella Chiesa sarebbero state, in quest’ordine, il divorzio, il celibato sacerdotale e il rapporto tra la gerarchia ecclesiastica e la politica. Due di questi aspetti sono risolti, o almeno in via di risoluzione – il divorzio e il rapporto tra Chiesa e politica – se non altro deviando dall’osservanza dell’immutabile Magistero della Chiesa».

 

«Il recente incontro tra Bergoglio e Biden ne è una chiara dimostrazione. Cosa mancherà perché questo triplice programma venga debitamente completato?»

 

Julia Meloni conclude: «sebbene la maggior parte dei membri della mafia siano deceduti, con la notevole eccezione del cardinale Kasper, le loro idee sopravvivono in vari loro compagni di viaggio e pupilli. Anche se al momento la mafia non si incontra segretamente dietro le quinte, il suo spirito rimarrà alla luce del sole, specialmente perché papa Francesco ha nominato molti dei cardinali che sceglieranno il suo successore».

 

 

 

NOTE

1) Papa Francesco, Angelus 17 marzo 2013: «In questi giorni, ho potuto leggere un libro di un Cardinale – il Cardinale Kasper, un teologo in gamba, un buon teologo – sulla misericordia. E mi ha fatto tanto bene, quel libro, ma non crediate che faccia pubblicità ai libri dei miei cardinali! Non è così! Ma mi ha fatto tanto bene, tanto bene … Il Cardinale Kasper diceva che sentire misericordia, questa parola cambia tutto. È il meglio che noi possiamo sentire: cambia il mondo. Un po’ di misericordia rende il mondo meno freddo e più giusto».

 

 

Articoli previamente apparsi su FSSPX.news

 

 

 

Immagine screenshot da Youtube

Continua a leggere

Spirito

La Chiesa cattolica perde milioni di fedeli in America Latina

Pubblicato

il

Da

 

L’ultimo «barometro-latino» ha confermato che la Chiesa cattolica continua a perdere milioni di fedeli battezzati, la maggior parte dei quali si sta orientando verso il protestantesimo evangelico, soprattutto nella sua ala pentecostale. Il cattolicesimo non supera il 50% della popolazione in Uruguay e in tutto il Centro America, ad eccezione del Costa Rica. Sarà lo stesso quest’anno in Brasile.

 

 

 

L’ultimo “barometro-latino” ha confermato che la Chiesa cattolica continua a perdere milioni di fedeli battezzati, la maggior parte dei quali si sta orientando verso il protestantesimo evangelico, soprattutto nella sua ala pentecostale. Il cattolicesimo non supera il 50% della popolazione in Uruguay e in tutto il Centro America, ad eccezione del Costa Rica. Sarà lo stesso quest’anno in Brasile.

 

Il continente americano di lingua spagnola e portoghese cessa di essere prevalentemente cattolico. Né i documenti, né i sinodi, né i piani pastorali con tutte le loro condizioni sembrano in grado di impedire a milioni di cattolici battezzati di unirsi alle comunità ecclesiali protestanti, specialmente quelle di confessione pentecostale.

 

«Il Vaticano sta perdendo il più grande Paese cattolico del mondo: è una perdita enorme e irreversibile» Al ritmo attuale i cattolici rappresenteranno meno del 50% di tutti i brasiliani entro l’inizio di lugli

Nel 1995, l’80% della popolazione latinoamericana si identificava come cattolica. Sono solo il 59% nel 2018. La percentuale di protestanti evangelici ora supera il 20% e il 65% di loro sono pentecostali.

 

 

Il caso emblematico del Brasile

«Il Vaticano sta perdendo il più grande Paese cattolico del mondo: è una perdita enorme e irreversibile», ha affermato José Eustáquio Diniz Alves, noto demografo brasiliano ed ex professore all’agenzia nazionale di statistica. Al ritmo attuale, stima che i cattolici rappresenteranno meno del 50% di tutti i brasiliani entro l’inizio di luglio.

 

Le ragioni di questo sviluppo sono complesse: i cambiamenti politici che hanno ridotto i vantaggi della Chiesa cattolica rispetto alle altre religioni e una maggiore secolarizzazione. Durante la pandemia, le chiese evangeliche sono state particolarmente efficaci nell’usare i social media per coinvolgere i loro seguaci.

 

I critici all’interno e all’esterno della Chiesa cattolica sottolineano anche la sua incapacità di soddisfare le esigenze religiose e sociali di molte persone, specialmente dei poveri. I latinoamericani descrivono la Chiesa cattolica come disconnessa dalla vita quotidiana dei suoi fedeli

I critici all’interno e all’esterno della Chiesa cattolica sottolineano anche la sua incapacità di soddisfare le esigenze religiose e sociali di molte persone, specialmente dei poveri. I latinoamericani descrivono la Chiesa cattolica come disconnessa dalla vita quotidiana dei suoi fedeli.

 

L’ascesa della teologia della liberazione, che ha visto i religiosi insistere sulla missione di giustizia sociale della Chiesa, spesso attingendo a idee marxiste, non è riuscita a contrastare il fascino delle religioni protestanti.

 

Questo declino dell’influenza del cattolicesimo ha notevoli conseguenze sociali e politiche. In paesi come il Brasile, le conversioni al pentecostalismo hanno rafforzato le opinioni socialmente conservatrici dalle favelas alle sale del Congresso, contribuendo a portare al potere il presidente di destra Jair Bolsonaro nel 2018.

 

Sebbene il presidente Bolsonaro si identifichi ancora come cattolico, si è fatto battezzare da un pastore pentecostale nel fiume Giordano nel 2016 in vista della preparazione per la sua campagna presidenziale. Pentecostali ed evangelici sono ben rappresentati nel suo gabinetto e costituiscono un terzo del congresso brasiliano. Sua moglie frequenta una chiesa evangelica

Sebbene il presidente Bolsonaro si identifichi ancora come cattolico, si è fatto battezzare da un pastore pentecostale nel fiume Giordano nel 2016 in vista della preparazione per la sua campagna presidenziale. Pentecostali ed evangelici sono ben rappresentati nel suo gabinetto e costituiscono un terzo del congresso brasiliano. Sua moglie frequenta una chiesa evangelica.

 

 

Una mancanza di spiritualità e di spirito missionario

Secondo il Wall Street Journal, i motivi principali per cui tanti cattolici lasciano la Chiesa per altre comunità ecclesiali sono, secondo studi sociologici, che vi trovano «un maggiore legame personale con Dio» (81%) e un maggiore aiuto per i loro membri (60%).

 

Inoltre, i fedeli evangelici sono molto più praticanti dei cattolici, con la maggioranza dei protestanti (65%) che assiste al culto più di una volta alla settimana, mentre solo il 16% dei cattolici fa lo stesso per la messa.

 

Padre Martín Lasarte, sacerdote uruguaiano presente al sinodo sull’Amazzonia, ritiene che il movimento di teologia della liberazione abbia spesso posto le questioni politiche e sociali al di sopra dell’esperienza religiosa. In questo caso, «manca il senso esistenziale della gioia di vivere il Vangelo, questo incontro personale che tante chiese pentecostali danno alla persona», ha detto.

 

Alcuni movimenti cattolici in America Latina hanno cercato di riconquistare la pecorella smarrita, imitando il pentecostalismo oppure attraverso un certo tradizionalismo.

 

Nel 2020, il 22,8% dei cattolici in America Latina era carismatico, secondo il World Christian Database

Dagli anni ’70, il cattolicesimo carismatico ha cercato di mantenere nei ranghi molti cattolici attratti dal pentecostalismo, con la guarigione per la fede e il parlare in lingue, combinati con pratiche cattoliche, inclusa la devozione alla Vergine Maria. Nel 2020, il 22,8% dei cattolici in America Latina era carismatico, secondo il World Christian Database.

 

Il cattolicesimo conservatore militante – più recente – enfatizza l’apologetica. Uno dei principali leader è padre Paulo Ricardo, che ha 1,5 milioni di follower su Facebook: ha condannato la teologia della liberazione come eresia e ha sostenuto con entusiasmo elementi dell’agenda di Bolsonaro, come l’allentamento nel possesso di armi.

 

Il potere finanziario degli evangelici

Decime e profitti di un impero economico gestito dalle Chiese evangeliche del Brasile – che include reti televisive e compagnie di crociera – hanno dato al movimento una forza finanziaria che gli consente di espandersi nelle periferie povere e di finanziare campagne politiche.

 

Molti pentecostali predicano la «teologia della prosperità» – meglio conosciuta negli Stati Uniti come il Prosperity Gospel – secondo la quale la grazia di Dio si riflette nella ricchezza materiale

Nel centrocittà di São Paulo, una replica da 300 milioni di dollari del Tempio di Salomone testimonia l’ascesa fulminea dell’evangelicalismo. Costruito nel 2014 da una delle chiese neo-pentecostali più grandi e ricche del Brasile, la Chiesa Universale del Regno di Dio, il tempio può ospitare fino a 10.000 fedeli.

 

Molti pentecostali predicano la «teologia della prosperità» – meglio conosciuta negli Stati Uniti come il Prosperity Gospel – secondo la quale la grazia di Dio si riflette nella ricchezza materiale. Al Tempio di Salomone a São Paulo, uomini in giacca e cravatta si mettono regolarmente in fila all’altare con borse e lettori di carte di credito per ricevere le offerte, mentre il pastore promette ai suoi fedeli che se faranno generose donazioni diventeranno ricchi.

 

Sfortunatamente, sebbene abbia fatto il suo primo viaggio internazionale in Brasile nel luglio 2013 e da allora abbia visitato altri nove paesi della regione, papa Francesco chiaramente non sta conducendo una crociata per rivendicare la regione al cattolicesimo.

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news

 

 

 

Immagine di José Marques de Oliveria via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

Continua a leggere

Spirito

L’orchestrina intorno a Bergoglio: le confidenze del cardinale

Pubblicato

il

Da

Uno dei cardinali che fa parte della stretta cerchia dell’attuale pontefice ha appena svolto una breve analisi delle tappe principali di un pontificato, che sembra sempre più organizzato come un’orchestrina.

 

 

Ad Arturo Toscanini piaceva dire che ci sono due tipi di direttori d’orchestra: quelli che hanno la partitura in testa e quelli che hanno la testa nella partitura.

 

Il cardinale Oscar R. Maradiaga – arcivescovo emerito di Tegucigalpa e coordinatore del C9, il consiglio cardinalizio incaricato di coadiuvare il Papa nella sua riforma della Curia romana – sembra rientrare nella prima categoria descritta dal celebre maestro italiano.

 

È quanto suggerisce, in ogni caso, l’intervista concessa dall’alto prelato, al canale Rome Reports, il 18 gennaio 2022.

 

Il porporato esordisce confermando che l’idea del C9 è germogliata durante gli «incontri pre-conclave», con un obiettivo chiaramente espresso: «che l’informazione non passi solo attraverso le nunziature apostoliche o la segreteria di Stato» e che il Papa «sia sostenuto da un gruppo di cardinali “di base”».

 

Ma quello che viene alla luce è che l’idea di scavalcare la Curia era nell’agenda dei preparativi per il conclave del 2013.Ancora più interessante è la descrizione di un pontificato che sembra programmato in anticipo, come si dispone un dischetto forato in un organetto: basta girare la manovella perché la partitura prenda vita. L’opera di papa Francesco consisterebbe in «una riforma a tre livelli», secondo monsignor Maradiaga.«Un primo livello spirituale, sostenuto da gesti ed eventi come il Giubileo della Misericordia; un secondo livello ecclesiologico, dove la Chiesa è chiamata a riflettere sulla nozione di sinodalità; e infine a livello istituzionale, con una riorganizzazione dei dicasteri al fine di promuovere la trasparenza economica e la lotta agli abusi».

 

Bisognerebbe ancora sapere cosa si intende, nel pensiero del porporato, con l’espressione «cardinali di base», che sembra escludere una parte del Sacro Collegio, e per quale motivo esisterebbero.

 

Per il coordinatore di C9, sarebbe illusorio ritenere che il regno del pontefice argentino sia giunto al termine: «si sbaglia chi pensa che per papa Francesco si stia voltando pagina», spiega il porporato honduregno. Rivela anche la fase finale prevista per l’attuale pontificato: “«obbiamo consolidare la riforma con nuove nomine».

 

In altre parole, assicurare le conquiste degli ultimi anni, per proteggerle da un possibile vento di restaurazione dovuto all’eventuale effetto pendolo di un futuro conclave, effetto disastroso per i riformatori, che vorrebbero prevenirlo

 

In altre parole, assicurare le conquiste degli ultimi anni, per proteggerle da un possibile vento di restaurazione dovuto all’eventuale effetto pendolo di un futuro conclave, effetto disastroso per i riformatori, che vorrebbero prevenirlo.

 

È forse anche in questo senso che bisogna interpretare le ultime disposizioni restrittive nei confronti della messa tradizionale assunte attraverso il motu proprio Traditionis Custodes, nonché gli ultimi concistori con cui il Pontefice mantiene al più alto livello il numero dei cardinali elettori, dando sempre maggior peso alla la linea riformista, ed escludendo – in teoria – l’elezione di un papa conservatore.

 

Una cosa, però, resta certa: i disegni della Provvidenza vanno ben al di là dei calcoli umani, anche i più sottili. Stat Crux dum volvitur orbis, e sarebbe temerario scommettere sul programma del futuro pontificato.

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news

 
 
 
Immagine di 總統府 (Ufficio della Presidenza di Taiwan) via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

Continua a leggere

Spirito

I vescovi italiani e i nuovi sacramenti pandemici

Pubblicato

il

Da

 

Mentre la Fraternità San Pio X ha mille difficoltà per tenere aperte le proprie chiese in Québec – e si vede in molti casi obbligata a chiuderle – per non conformarsi all’obbligo di esigere la vaccinazione per i fedeli che si recano alle sacre funzioni, i vescovi italiani vanno oltre le stesse esigenze del governo e creano nuovi poteri sacramentali riservati ai vaccinati.

 

 

 

Attualmente, nonostante in Italia sia in vigore un «super green pass» che prevede la vaccinazione per prendere parte a quasi tutte le attività della vita civile, l’accesso ai luoghi di culto e la partecipazione alle funzioni sacre rimane regolato da un protocollo del governo del 7 aprile 2020, controfirmato dalla Conferenza Episcopale Italiana. Non è ora il luogo di discutere il valore legale (anche partendo dagli iniqui princìpi della costituzione italiana e del pessimo Concordato del 1984) di un simile documento. Resta il fatto che l’accesso alle funzioni sacre è tuttora possibile senza vaccino o tampone, rispettando delle imposizioni su distanziamenti, mascherine, comunione in mano, e simili distorsioni del culto.

 

I vescovi italiani però, sull’onda dell’entusiasmo per l’estensione delle esigenze vaccinali da parte del governo, non vogliono restare indietro. Molte diocesi hanno da mesi imposto di propria iniziativa il vaccino o il tampone ogni due giorni a preti, diaconi, ministri dell’Eucaristia, operatori pastorali etc., con uno zelo certamente degno di miglior causa.

 

Ma non ci si ferma qui. Per il Vescovo Francesco Beschi di Bergamo il vaccino è letteralmente «un obbligo morale», non solo legale.

Molte diocesi hanno da mesi imposto di propria iniziativa il vaccino o il tampone ogni due giorni a preti, diaconi, ministri dell’Eucaristia, operatori pastorali etc., con uno zelo certamente degno di miglior causa

 

Occorre ricordare che tutti i vaccini attualmente disponibili in Italia sono prodotti in maniera moralmente discutibile, e che la stessa Congregazione per la Dottrina della Fede riteneva accettabili solo per ragioni gravi, e anzi fino a poco tempo fa permetteva l’uso di prodotti provenienti da linee cellulari abortive solo a queste ristrette condizioni.

 

Siamo anche oltre le raccomandazioni di Papa Francesco a vaccinarsi come «atto d’amore». Nella diocesi, tutte le attività, tranne quelle strettamente cultuali, sono proibite a chi non possiede il green pass rafforzato.

 

Per la presentazione del nuovo Vescovo di Reggio Emilia, Mons. Giacomo Morandi, proveniente proprio dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, è stato richiesto il super green pass anche per entrare in cattedrale.

 

Ma questo è ancora niente. L’Arcivescovo di Salerno, Andrea Bellandi, presenta il vaccino come obbligo di coscienza, e aggiunge una norma alle tante che il governo già impone:

 

«Esigo espressamente che l’Eucaristia, durante le celebrazioni, NON VENGA DISTRIBUITA dai sacerdoti, diaconi o ministri straordinari non vaccinati. In caso di assoluta necessità, autorizzo che, per la distribuzione, venga scelta ad actum una persona di fiducia (religiosa o catechista) dotata di avvenuta vaccinazione».

 

Il potere sacramentale è stato sostituito dal super pass vaccinale, che sovrasta tutti i ministeri ecclesiali antichi e moderni

Sapevamo da tempo che i modernisti tengono per inesistente il dogma del Concilio di Trento (sess. XXIII, cap. I, DS 1764), per cui il potere del Sacramento dell’Ordine esiste per consacrare e DISTRIBUIRE l’Eucaristia. Ora scopriamo che il potere sacramentale è stato sostituito dal super pass vaccinale, che sovrasta tutti i ministeri ecclesiali antichi e moderni.

 

Ma non finisce qui. Scopriamo che non solo è possibile annullare il Concilio di Trento, ma lo stesso spirito evangelico più profondo e indiscutibile, che nessun eretico si sarebbe sognato di mettere in causa.

 

Mons. Bellandi ha infatti stabilito che «per quanto riguarda la visita agli anziani e agli ammalati, si abbia molta cautela, valutando i singoli casi e chiedendo l’esplicito consenso dei familiari. In ogni caso è fatto assolutamente divieto di compiere tali visite a coloro che non sono in possesso del green pass rafforzato».

 

Identiche disposizioni sono state prese a ruota da altri Vescovi campani, Mons. Cirulli Vescovo di Teano-Calvi e Mons. Soricelli Vescovo di Amalfi, che chiede pure «in maniera vincolante in coscienza» ai sacerdoti, diaconi e religiosi della diocesi di vaccinarsi.

 

Nostro Signore ci fa esplicito comando, sotto pena di dannazione eterna, di visitarlo nella persona degli ammalati. Ogni sacerdote ha in questo un dovere in carità, specie per amministrare i sacramenti

Nostro Signore ci fa esplicito comando, sotto pena di dannazione eterna, di visitarlo nella persona degli ammalati. Ogni sacerdote ha in questo un dovere in carità, specie per amministrare i sacramenti.

 

A maggior ragione un parroco, che si è assunto il dovere in giustizia di visitare i suoi infermi, dovrà rinunciarvi perché non è in possesso di un documento governativo (che tra l’altro non è richiesto per visitare dimore di privati, ma solo per alcune strutture per anziani), anche se assolutamente sano?

 

Dovrà aver paura di contagiare perché non vaccinato, anche se sa di essere «negativo», quando è provato e palese ed ufficiale che i vaccinati contagiano e si contagiano?

 

Il governo italiano non proibisce ai non vaccinati di visitare chi vogliono, e chi li vuole ricevere. Sarà possibile che i Vescovi lo proibiscano ai loro parroci, per la visita ai malati ed anziani?

 

Dovremo rinunciare a compiere i comandi del Vangelo (e i doveri di stato per i parroci) per un’esigenza che non è né legale né morale né ragionevole?

 

Faremo portare i sacramenti a laici vaccinati piuttosto che dal parroco sano ma non vaccinato?

 

L’obbedienza prona dei presuli non solo alle inique leggi dello Stato, ma perfino allo «spirito» di queste leggi, fa pensare al modo in cui si applicò il Vaticano II, non fermandosi ai già gravissimi errori messi per iscritto negli atti dell’assemblea, ma giustificando ogni aberrazione con lo «spirito» del Concilio

E questi laici sentiranno anche le confessioni?

 

L’obbedienza prona dei presuli non solo alle inique leggi dello Stato, ma perfino allo «spirito» di queste leggi, fa pensare al modo in cui si applicò il Vaticano II, non fermandosi ai già gravissimi errori messi per iscritto negli atti dell’assemblea, ma giustificando ogni aberrazione con lo «spirito» del Concilio.

 

Oggi lo «spirito» del governo Draghi non solo ispira ai Vescovi la negazione dei Concili dogmatici (ci eravamo abituati), ma fa perfino proibire l’esercizio della carità evangelica più basilare, quella su cui Papa Francesco dice tante belle parole quando si tratta di accogliere i migranti.

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news

 

 

Immagine di Zitumassin via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

Continua a leggere

Più popolari