Biden parla di guerra civile. Trump lo canzona

 

 

 

Parlando martedì dal National Constitutional Center di Filadelfia, il presidente Biden ha condannato con forza l’ondata di leggi sull’integrità elettorale recentemente approvate negli stati repubblicani, definendo le leggi un «assalto» al diritto di voto e la «minaccia più significativa» per gli Stati Uniti da quando la guerra civile.

 

L’espressione «civil war» è stata  utilizzata con grande parsimonia dai presidenti dopo Lincoln, al punto che ci chiediamo quanti abbiamo pubblicamente dipinti in un discorso questa prospettiva.

C’è «un assalto in corso in America oggi, un tentativo di sopprimere e sovvertire il diritto di voto», ha detto Biden. «Stiamo affrontando la prova più significativa della nostra democrazia dalla Guerra Civile. Non è un’iperbole, dai tempi della Guerra Civile»

 

C’è «un assalto in corso in America oggi, un tentativo di sopprimere e sovvertire il diritto di voto», ha detto Biden. «Stiamo affrontando la prova più significativa della nostra democrazia dalla Guerra Civile. Non è un’iperbole, dai tempi della Guerra Civile».

 

Come noto, i Repubblicani vogliono istituire controlli per il voto come l’obbligo di esibire un documento di identità – cosa che in alcuni Stati gli elettori non sono tenuti a fare, con evidenti rischi di brogli. I democratici si oppongono in maniera strenua a questa proposta di buon senso, tacciando i repubblicani di razzismo, con la scusa che molti cittadini appartenenti alle minoranze (neri, ispanici) non hanno documenti. Il Partito Democratico USA è in una fase di autismo ideologico tale da non capire che è proprio questa argomentazione ad essere in re ipsa razzista assai.

 

Dall’altro lato, i Repubblicani intendono evitare un’altra inspiegabile débacle elettorale basata su brogli massivi: nessuno lo vuole dire, per paura di essere censurato sui social network, indagato, o ancora una volta tacciato di razzismo, ma il vero oggetto del contendere è la consapevolezza che le elezione presidenziale 2020 potrebbero essere state truccate.

 

«I confederati, all’epoca, non hanno mai violato il Campidoglio come hanno fatto gli insorti il ​​6 gennaio», ha detto Biden, estendendo l’analogia con la Guerra Civile. «Non sto dicendo questo per allarmarvi; Lo dico perché dovreste essere allarmati»

Durante il discorso a Filadelfia, il Biden ha cercato di legare le leggi sull’integrità elettorale recentemente approvate negli Stati a guida repubblicana come la Georgia alla rivolta del Campidoglio del 6 gennaio 2021, suggerendo che sono sintomi della stessa sfiducia nel sistema americano.

 

«I confederati, all’epoca, non hanno mai violato il Campidoglio come hanno fatto gli insorti il ​​6 gennaio», ha detto Biden, estendendo l’analogia con la Guerra Civile. «Non sto dicendo questo per allarmarvi; Lo dico perché dovreste essere allarmati».

 

I Repubblicani che hanno avanzato tali leggi hanno sostenuto che sono necessarie per ripristinare la fiducia nel processo di voto dopo che sono state adottate una serie di misure di emergenza per rendere più facile il voto durante la pandemia.

 

Il discorso di Biden arriva settimane dopo che i Democratici del Senato non sono riusciti a far avanzare il For the People Act, una legge che federalizzerebbe molti aspetti del processo di voto. Tutti i repubblicani del Senato hanno votato contro il disegno di legge.

 

«Biden ha appena detto che 150 persone hanno votato alle elezioni presidenziali del 2020 (truffa!). Partendo dal presupposto che intendesse 150 milioni di persone, e in base al fatto che io ho ottenuto 75 milioni, ciò significherebbe che Biden ha ottenuto 75 milioni di voti, ovvero 6 milioni di voti in meno di quanto hanno affermato di aver ottenuto. Quindi di cosa si tratta? Stanno già concedendo 6 milioni di voti?», ha detto Trump in una dichiarazione martedì sera, alludendo a possibili riconteggi di voti che aleggiano sottotraccia nelle vicende politiche USA.

«Il popolo americano può essere sollevato dal fatto che il governo federale – almeno in quest’area – non si espanderà e soppianterà gli stati, che sono stati coinvolti nella conduzione delle elezioni nel corso della storia del nostro paese”, il senatore repubblicano leader della minoranza Mitch McConnell  aveva detto all’epoca. Si è visto…

 

Al preoccupante discorso di Biden ha risposto il presidente Trump, che ha criticato l’inquilino della Casa Bianca prendendolo in giro per aver detto nel suo speech che hanno votato 150 milioni di persone. Secondo le stime elettorali, quasi 158,4 milioni di americani hanno votato nel 2020 con 81 milioni per Biden, 74 milioni per Trump e il resto per contendenti di terze parti.

 

«Biden ha appena detto che 150 persone hanno votato alle elezioni presidenziali del 2020 (truffa!). Partendo dal presupposto che intendesse 150 milioni di persone, e in base al fatto che io ho ottenuto 75 milioni, ciò significherebbe che Biden ha ottenuto 75 milioni di voti, ovvero 6 milioni di voti in meno di quanto hanno affermato di aver ottenuto. Quindi di cosa si tratta? Stanno già concedendo 6 milioni di voti?», ha detto Trump in una dichiarazione martedì sera, alludendo a possibili riconteggi di voti che aleggiano sottotraccia nelle vicende politiche USA.