VSED, lasciarsi morire di fame e di sete è sempre più normale

 

 

 

 

L’eutanasia e il suicidio assistito dal medico sono ora legali in dozzine di giurisdizioni in tutto il mondo. Tuttavia, molte persone che vogliono porre fine alla propria vita non soddisfano i rigidi criteri di ammissibilità indicati nell’eutanasia e nella legislazione sul suicidio assistito.

 

Alla luce di ciò, gli etici medici sono diventati sempre più interessati a ciò che è noto come lo smettere volontario di mangiare e bere, in acronimo inglese VSED (voluntary stopping of eating and drinking).

 

VSED: «un’azione di una persona competente e capace, che sceglie volontariamente e deliberatamente di smettere di mangiare e bere con l’intenzione primaria di accelerare la morte perché persiste una sofferenza inaccettabile»

VSED si riferisce a «un’azione di una persona competente e capace, che sceglie volontariamente e deliberatamente di smettere di mangiare e bere con l’intenzione primaria di accelerare la morte perché persiste una sofferenza inaccettabile».

 

I pazienti che optano per VSED spesso ricevono cure palliative da un medico quando muoiono.

 

Alcuni commentatori hanno descritto VSED come un’alternativa legale all’eutanasia per i pazienti che soffrono in modo insopportabile ma che non sono malati terminali o che per qualche altra ragione non soddisfano i criteri di ammissibilità per l’assistenza nella morte, scrive Xavier Symons di Bioedge.

 

Alcuni commentatori hanno descritto VSED come un’alternativa legale all’eutanasia per i pazienti che soffrono in modo insopportabile ma che non sono malati terminali o che per qualche altra ragione non soddisfano i criteri di ammissibilità per l’assistenza nella morte.

La VSED sta diventando sempre più comune e accettato in alcune giurisdizioni.

 

In effetti, due articoli sono stati recentemente pubblicati su riviste mediche che offrono una guida clinica ed etica ai clinici che hanno un paziente in cerca di VSED.

 

In un articolo di revisione negli Annals of Palliative Medicine, tre ricercatori dell’Università di Lancaster affermano che la VSED potrebbe in effetti «essere più comune delle forme di morte assistita dal medico semplicemente perché cade al di sotto del livello di controllo legale».

 

Gli autori suggeriscono chela  VSED è legalmente consentito in paesi come gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’Australia.

 

La VSED potrebbe in effetti «essere più comune delle forme di morte assistita dal medico semplicemente perché cade al di sotto del livello di controllo legale»

Negli Stati Uniti, osservano che «è stato stabilito un precedente legale poco rilevante, sia relativo ai pazienti che lo intraprendono, sia ai clinici che aiutano i pazienti nel loro sforzo di VSED».

 

Alcuni stati consentono esplicitamente la VSED almeno in alcune circostanze. Una legge approvata in Nevada nel maggio 2019, ad esempio, consente alle persone di creare una direttiva anticipata per la demenza, inclusa la possibilità di specificare che gli operatori sanitari dovrebbero interrompere la somministrazione di cibo e liquidi per via orale.

 

La gestione delle richieste per VSED, tuttavia, può essere complicata.

Alcuni autori hanno tentato di distinguere il VSED dal suicidio assistito dal medico

 

In un recente articolo del Medical Journal of Australia , tre medici vittoriani in cure palliative discutono del caso di un uomo di 71 anni che ha subito un ictus enorme che ha provocato paralisi e grave compromissione cognitiva.

 

L’uomo aveva bisogno di alimentazione e idratazione da parte del personale medico, anche se c’era speranza che potesse recuperare la sua mobilità. L’uomo aveva una Direttiva sulle cure anticipate, tuttavia, che stabiliva che tutte le cure sarebbero state interrotte se si fosse trovato in uno stato di dipendenza.

Alcuni sostengono che la VSED non è una forma di suicidio assistito in quanto non comporta la somministrazione o la dispensazione di un farmaco letale da parte di un operatore sanitario. Piuttosto, «la biologia del paziente … causa la morte»

 

Alla luce di ciò, il suo team medico ha cessato le cure e non ha più fornito cibo e idratazione, nonostante il fatto che l’uomo sembrasse accettare cibo e liquidi e fosse in grado di recuperare parzialmente. Morì quattro giorni dopo la sospensione delle cure mediche.

 

Alcuni autori hanno tentato di distinguere il VSED dal suicidio assistito dal medico.

 

Gli studiosi legali Thaddeus Pope e Lindsey Anderson, ad esempio, hanno sostenuto che la VSED non è una forma di suicidio assistito in quanto non comporta la somministrazione o la dispensazione di un farmaco letale da parte di un operatore sanitario. Piuttosto, «la biologia del paziente … causa la morte».

Alcuni sostengono che molti casi di VSED equivalgano al suicidio, in particolare quando un paziente non è malato terminale

 

Lynn Jansen e Daniel Sulmasy , tuttavia, adottano un approccio più cauto. Dichiarano che è consentito per un medico supportare la scelta di un paziente di rifiutare il trattamento, compresa l’alimentazione e l’idratazione, laddove tale assistenza sia futile. Ma credono che molti casi di VSED equivalgano al suicidio, in particolare quando un paziente non è malato terminale. Pertanto, i medici non dovrebbero raccomandare VSED come opzione per i pazienti.

 

La giovane ragazza neerlandese Noa, al centro di un caso mediatico internazionale qualche anno fa per la sua richiesta di morire, avrebbe scelto la VSED come strumento di morte, smettendo di mangiare e bere sino a spegnersi.

La giovane ragazza neerlandese Noa, al centro di un caso mediatico internazionale qualche anno fa per la sua richiesta di morire, avrebbe scelto la VSED come strumento di morte, smettendo di mangiare e bere sino a spegnersi

 

La distinzione tra la VSED ed il suicidio per inedia ci pare davvero esigua. Il pensiero va al suicidio rituale diffuso presso i Catari, eretici medievali stabilitisi in varie zone d’Europa.

 

La filosofia catara prevedeva l’endura, una pratica basata su un digiuno totale: astinenza assoluta dal cibo e dall’acqua, sovente sino al sopraggiungere della morte. Tale digiuno rappresentava una forma estrema di negazione di sé e di separazione dal mondo materiale, che per la concezione catara era dominato dal Male.

 

Scrive l’enciclopedia Treccani: «Per liberare più rapidamente l’anima dal corpo(…)  i catari non raramente ricorrevano al suicidio, o meglio alla morte volontaria e liberatrice provocata dall’astinenza completa da ogni nutrimento. Questa morte per fame era nota specialmente nella Francia meridionale sotto il nome di endura (…) Qualche volta gli stessi ministri catari condannavano alla morte per digiuno coloro che erano stati purificati in virtù dell’iniziazione».

La Cultura della Morte non muore mai. Si trasforma, si reincarna. Dall’endura alla VSED, dalle comunità catare agli ospedali moderni possono passare secoli e millenni, ma la realtà sottostante è la stessa: il dominio della Necrocultura.

 

La Cultura della Morte non muore mai. Si trasforma, si reincarna. Dall’endura alla VSED, dalle comunità catare agli ospedali moderni possono passare secoli e millenni, ma la realtà sottostante è la stessa: il dominio della Necrocultura.

 

En passant, ricordiamo al lettore che un grande fan dei catari, citati e celebrati nel suo libro Il Grillo canta sempre al tramonto, era il cofondatore del Movimento 5 Stelle Gianroberto Casaleggio.