Parigi, raid della polizia antisommossa in un bar per la mancanza di distanziamento sociale

 

 

 

 

 

 

 

In filmato fuori Parigi, in Francia, mostra la polizia antisommossa che fa irruzione in un bar e picchia le persone con i manganelli perché non stavano adeguatamente rispettando il «distanziamento sociale».

 

La polizia antisommossa che fa irruzione in un bar e picchia le persone con i manganelli perché non stavano adeguatamente rispettando il «distanziamento sociale»

L’incidente è avvenuto durante la finale di Champions League tra Paris Saint-Germain e Bayern Monaco, che i frequentatori del bar stavano guardando in televisione, riporta Summit News.

 

Circa una dozzina di poliziotti antisommossa completamente equipaggiati con caschi, scudi, manganelli ed  ed armature hanno fatto irruzione nel bar e hanno allontanato violentemente persone dai locali.

 

 

 

 

«Secondo i funzionari della polizia di Parigi, la folla si è dispersa perché alcune persone non indossavano mascherine o non rispettavano le regole di distanziamento sociale», riferisce Sky News.

Più di 200 persone ricevono un’ammonizione della polizia per non aver indossato le mascherine.

L’incidente è reso ancora più bizzarro dal fatto che le persone all’interno del bar si stavano comportando pacificamente, mentre nel resto della città si svolgevano veri e propri disordini.

 

L’incidente è reso ancora più bizzarro dal fatto che le persone all’interno del bar si stavano comportando pacificamente, mentre nel resto della città si svolgevano veri e propri disordini.

 

Secondo RT, le strade della capitale francese «sono cadute nel caos, con molteplici episodi di vandalismo e saccheggi».

 

Per quanto riguarda le reazioni della polizia alle leggi pandemiche, tra droni italiani in spiaggia , celerini nei bar francesi e poliziotti strangolatori australiani, scopriamo con grande amarezza che tutto il mondo è paese.

 

Pensavate davvero di vivere in una democrazia? Pensavate davvero che quello che vi hanno venduto come «democrazia» avesse a cuore i vostri diritti, la dignità della persona umana?

 

Ringraziamo il COVID per averci fornito la risposta: no.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube