Gli anziani e il “suicidio razionale”

 

 

 

 

 

Riprendiamo un articolo di Kaiser Health News.

 

 

Sempre più anziani stanno valutando la possibilità del suicidio, secondo gli esperti, poiché la generazione del baby boom – nota per dare importanza all’autonomia e all’autodeterminazione – raggiunge l’età più avanzata in un momento in cui la medicina moderna può mantenere in vita le persone più a lungo che mai.

 

Sempre più anziani stanno valutando la possibilità del suicidio, secondo gli esperti, poiché la generazione del baby boom – nota per dare importanza all’autonomia e all’autodeterminazione – raggiunge l’età più avanzata in un momento in cui la medicina moderna può mantenere in vita le persone più a lungo che mai

 

Il concetto di suicidio razionale è altamente controverso; è in contrasto con molte norme sociali, convinzioni religiose e morali e con gli sforzi di chi si batte per la prevenzione del suicidio, che affermano che ogni vita sia degna di essere salvata.

 

Un’inchiesta del Kaiser Health News di aprile ha scoperto che gli americani più anziani – almeno qualche centinaio all’anno – si suicidano o accedono programmi di cure a lungo termine. Molti casi esaminati da KHN riguardavano depressione o malattie mentali. Ciò che non è chiaro è il numero dei suicidi che coinvolgono persone ancora mentalmente lucide, che esercitano quella che Davis chiamerebbe una scelta razionale.

 

Gli esperti di prevenzione del suicidio sostengono che, mentre è normale pensare alla morte con l’avanzare dell’età, l’idea del suicidio è segno che le persone hanno bisogno di aiuto. Sostengono anche che il suicidio dovrebbero essere evitati tutelando la salute mentale e aiutando gli anziani a vivere una vita piena e appagante.

 

 

Promuovere il suicidio razionale «comporta il rischio che le persone anziane sviluppino un senso di obbligo a usare questo metodo piuttosto che richiedere una migliore assistenza che li aiuti ad affrontare le preoccupazioni in altri modi»

Recentemente il Maine è diventato il nono stato a consentire la morte medicalmente assistita, il che permette ad alcuni pazienti di ottenere una prescrizione medica per i farmaci letali. Tale metodo è tuttavia limitato alle persone che si trovano in uno stato terminale, nel pieno delle facoltà mentali e che dovrebbero morire entro sei mesi.

 

I pazienti che non sono idonei secondo la legge dovrebbero ricorrere a «pratiche segrete» per ottenere i farmaci letali, ha affermato il dott. Timothy Quill, medico esperto di cure palliative presso la School of Medicine dell’Università di Rochester. Quill è diventato famoso negli anni ’90 per aver ammesso pubblicamente di aver somministrato sonniferi a un paziente di 45 anni affetto da leucemia in modo che potesse porre fine alla sua vita. Ha ammesso di averlo fatto solo con un altro paziente.

 

Quill considera il suicidio un’opzione che, invecchiando, potrebbe scegliere. «Probabilmente sarei un classico [caso] – sono abituato ad essere responsabile della mia vita.» Ha detto che potrebbe adattarsi a una situazione in cui diventa completamente dipendente dalla cura degli altri, «ma mi piacerebbe che questa fosse una scelta anziché una necessità».

 

Il suicidio potrebbe essere una scelta razionale quanto la decisione di un paziente di porre fine alla dialisi, consapevole di morire in genere entro due settimane, ha affermato. Ma quando i pazienti optano per il suicidio, dice, dovrebbe avviarsi una conversazione seria su ciò che renderebbe la loro vita significativa e le loro preferenze per le cure mediche alla fine della vita.

 

I medici sono poco formati sulla gestione delle conversazioni riguardanti il suicidio razionale, ha affermato la dott.ssa Meera Balasubramaniam, psichiatra geriatrica della School of Medicine della New York University, che ha scritto sull’argomento. Sostiene che le sue opinioni si stiano «evolvendo» sul fatto che il suicidio da parte di anziani che non sono malati terminali possa essere una scelta razionale.

I medici sono poco formati sulla gestione delle conversazioni riguardanti il suicidio razionale

 

«Un filone di pensiero sostiene che menzionare l’idea che il suicidio potrebbe essere razionale è un concetto dovuto all’età». «È un punto importante da considerare. Ma ignorarlo e non parlarne non fa un favore ai nostri pazienti, che già ne parlano e ne discutono tra di loro.»

 

Nelle discussioni con i pazienti, ha raccontato, esplora le loro paure riguardo all’invecchiamento e alla morte e cerca di offrire speranza e di affermare il valore della vita.

 

L’autoeutanasia per vecchiaia – non per malattia – sta facendosi largo nella psiche americana come opzione naturale

Queste conversazioni sono importanti perché «l’equilibrio tra il desiderio di morire e il desiderio di vivere è dinamico e si sposta frequentemente, momento per momento, settimana per settimana», ha affermato Conwell, esperto di prevenzione del suicidio.

 

Carolyn, che ha tre figli e quattro nipoti, ha detto che le conversazioni sul suicidio sono spesso mantenute private per paura che coinvolgere un membro della famiglia lo renderebbe complice di un crimine. Inoltre, gli anziani non vogliono mettere nei guai la comunità.

 

In alcuni casi esaminati da KHN, le case di cura hanno ricevuto multe federali fino a decine di migliaia di dollari per non essere riuscite a prevenire i suicidi in loco.

 

Le persone che tentano il suicidio e sopravvivono possono finire in un ospedale psichiatrico «circondato da persone che ti guardano continuamente – l’esatto contrario di ciò che stiamo cercando di ottenere», fa notare Quill.

 

La ricerca tra l’opinione pubblica ha mostrato opinioni diverse tra i medici e il pubblico in merito all’accelerazione della morte. A livello nazionale, il 72% degli americani ritiene che i medici dovrebbero essere autorizzati dalla legge a porre fine alla vita di un paziente malato terminale se il paziente e la sua famiglia lo richiedono, secondo un sondaggio Gallup del 2018.

 

Cultura della Morte galoppa sugli ospizi e nei centri anziani…

In pratica: l’autoeutanasia per vecchiaia – non per malattia – sta facendosi largo nella psiche americana come opzione naturale.

 

La Cultura della Morte galoppa sugli ospizi e nei centri anziani…

 

 

Fonte: Kaiser Health News