Connettiti con Renovato 21

Salute

Vergogna all’Australia che rifiuta la scienza: il più grande tennista al mondo è già immune al COVID

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

Revocando il visto di Novak Djokovic per aver rifiutato il vaccino contro il COVID dopo essersi completamente ripreso dal virus solo il mese scorso, l’Australia ha abbandonato la scienza dell’immunologia.

 

 

 

L’Australia ha una storia rinomata e gloriosa nella scienza immunologica. In effetti, direi che se c’è una «città sulla collina» immunologica, quella è l’Australia.

 

Dal leggendario Walter and Eliza Hall Institute al Garvan Institute , a importanti premi Nobel australiani e padri fondatori della scienza immunologica (Sir Macfarlane Burnett, Jacques FP Miller e Peter Doherty) ai leader contemporanei della scienza immunologica ( Jonathan Sprent , Christopher Goodnow e Jason Cyster ), l’Australia è stata conosciuta come la mecca del pensiero immunologico e della scienza.

 

Quindi è semplicemente scioccante vedere il governo della nazione comportarsi in modo così immunologicamente disinformato e autoritario quando si tratta della gestione dell’immunità COVID.

 

La deportazione irrazionale e non etica di Djokovic dall’Australia è una macchia sulla reputazione di molti importanti immunologi australiani e leggendari istituti immunologici in quel Paese

La recente deportazione del tennista più importante del mondo, Novak Djokovic, dall’Australia per aver rifiutato un vaccino obbligatorio di cui non aveva bisogno e da cui poteva essere danneggiato, è stata scioccante per me come immunologo.

 

Come mai? Perché so con assoluta certezza che Djokovic, che si è ripreso da un’infezione da COVID nel dicembre 2021, ha acquisito un’immunità naturale al COVID abbastanza potente e robusta, equivalente, se non più potente di quella ottenuta dalla vaccinazione completa e dai richiami.

 

 


 

Quindi è semplicemente scioccante vedere il governo della nazione comportarsi in modo così immunologicamente disinformato e autoritario quando si tratta della gestione dell’immunità COVID

In altre parole, Djokovic, recentemente guarito dal COVID, rappresentava un rischio quasi zero per se stesso o per chiunque altro in Australia, eppure quel governo occidentale liberale democratico si è degnato di un terribile autoritarismo, escludendo irrazionalmente e non eticamente un campione internazionale da uno degli eventi più prestigiosi del tennis: l’Open d’Australia. Deplorevole!

 

Qualsiasi immunologo degno del suo sale sa che l’aspetto più insolito della campagna globale per il vaccino contro il COVID è che il vaccino viene distribuito su vasta scala nel mezzo di un’epidemia di pandemia, quando molti sono già infetti, di recente o al momento della la loro vaccinazione.

 

Questa campagna indiscriminata di salute pubblica è pericolosa. Non solo espone molti milioni di persone già immuni al rischio di cure mediche non necessarie, ma rappresenta anche un grave rischio di danni alle persone infettate di recente o convalescenti, in cui persistono ancora epitopi antigenici virali e in cui una vaccinazione non necessaria potrebbe indurre una risposta iperinfiammatoria.

 

Che eminenti immunologi – in particolare i pionieri australiani contemporanei dell’immunologia – non siano a conoscenza o tacciano su come la nostra disciplina scientifica dell’immunologia sia stata corrotta e abusata dai governi di tutto il mondo in modo che possano imporre obblighi di massa draconiani a milioni di persone con  l’immunità «acquisita» o «ibrida» è stato francamente deludente e scioccante per me.

 

Ma suppongo che tutti gli eroi abbiano i piedi d’argilla – e anche i pensatori attenti possono pensare con noncuranza a volte.

 

Tuttavia, è scioccante sentire il vuoto dei giganti del mondo dell’immunologia — in particolare quelli dell’Australia, che è davvero il luogo di nascita dell’immunologia moderna -– quando si tratta del tema della vaccinazione obbligatoria di persone già immuni e recentemente infette.

 

Che terribile segno del nostro tempo, quando né la scienza e la ragione né l’etica e la difesa occidentale dell’individualità contano più di fronte alla paura irrazionale e agli editti del governo

Che terribile segno del nostro tempo, quando né la scienza e la ragione né l’etica e la difesa occidentale dell’individualità contano più di fronte alla paura irrazionale e agli editti del governo.

 

La deportazione irrazionale e non etica di Djokovic dall’Australia è una macchia sulla reputazione di molti importanti immunologi australiani e leggendari istituti immunologici in quel Paese.

 

Il governo scavalca i principi della scienza immunologica e dell’etica medica, al fine di raggiungere la conformità a livello di popolazione, mentre gli eroi occidentali della scienza immunologica rimangono in silenzio, incantesimi disastri per l’integrità delle civiltà occidentali e delle democrazie autonome.

Vergogna per il governo australiano per aver deportato irrazionalmente Djokovic. E guai a quegli eminenti esperti australiani e alle istituzioni australiane, che in realtà be sanno di più ma hanno scelto di non parlare per motivi di opportunità politica o di conforto personale

 

Vergogna per il governo australiano per aver deportato irrazionalmente Djokovic. E guai a quegli eminenti esperti australiani e alle istituzioni australiane, che in realtà be sanno di più ma hanno scelto di non parlare per motivi di opportunità politica o di conforto personale.

 

In effetti, è più facile non agitare la barca e non parlare, piuttosto che ostacolare una condotta autoritaria non etica da parte di un potente governo democratico smarrito.

 

Ma quel pendio è scivoloso e ci stiamo scivolando tutti giù. Tutto ciò che serve perché un grande male prenda piede è che alcuni uomini buoni rimangano in silenzio e non dicano la loro verità.

 

 

Hooman Noorchashm

medico Ph.D.

 

 

 

 

© 19 gennaio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di Edwin Martinez via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

Continua a leggere

Cina

OMS, Pechino stoppa la presenza di Taiwan all’assemblea annuale

Pubblicato

il

Da

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha rifiutato la partecipazione di Taiwan all’assemblea annuale dell’ente.

 

«Dietro il rifiuto ufficializzato ieri vi sarebbe, come già avvenuto in passato, una forte pressione diplomatica della Cina che considera Taiwan parte dei proprio territorio» scrive AsiaNews.

 

Il ministero degli Esteri taiwanese ha parlato «profondo dispiacere e malcontento».

 

Il rifiuto dell’OMS arriva in un momento di tremende tensioni su Taiwan, che una certa narrativa sostiene possa diventare «una nuova Ucraina», nel senso dell’annunciata operazione di riunificazione (cioè, di invasione) da parte della Repubblica Popolare Cinese.

 

Taiwan in questi anni ha goduto di quello che chiamano lo «scudo del microchip»: la sua capacitò di produrre componenti elettronici è talmente avanzata che perfino Pechino non si poteva azzardare ad creare un conflitto militare.

 

Tuttavia, due degli ingredienti necessari all’industria dei microprocessori, palladio e neon, provengono dalla Russia e dall’Ucraina. Una carestia di chip, già sensibile nel mercato mondiale, potrebbe divenire collasso del settore (e le conseguenze su altri settori, come l’automotive, già si sentono), con conseguente semaforo verde per un’invasione pechinese, che qualcuno dice sia stata solo rinviata proprio grazie alla guerra ucraina.

 

Come riportato da Renovatio 21, anche la popolazione di Taiwan (e pure quella giapponese) si aspetta l’invasione in tempi stretti. Il Pacifico quindi si candida ad essere la zona più calda dello scontro tettonico tra le potenze nucleari.

 

Tornando all’OMS e a Taiwan, negli anni della pandemia abbiamo visto Taipei compiere scelte talvolta opposte rispetto a quelle del Partito Comunista Cinese. Soprattutto all’inizio della pandemia, Taiwan si è distinta per fare il contrario di quello che Pechino comunicava al mondo (per esempio, nella fase in cui cercava di tranquillizzare il mondo).

 

Abbiamo inoltre visto in questi anni lo spettacolo indecente dell’OMS che finge di non sentire nemmeno le domande poste da Taiwan, con scene che vanno ben oltre l’imbarazzante.

 


 

La dipendenza dell’OMS dalla Cina – per non dire il suo cover-up – è stato un tema a lungo dibattuto, e sottolineato dal presidente Trump quando tolse i fondi USA all’Organizzazione.

 

Ha sempre destato scalpore la particolare vicinanza del direttore OMS Tedros con Pechino, forse risalente ai tempi in cui in Etiopia egli era quadro di un gruppo marxista-leninista con probabilissimi agganci oltrecortina.

 

La debolezza delle azioni OMS nei riguardi della Cina durante la pandemia è stata evidente fino a divenire comica.

 

Prova ne è il famoso viaggio alla ricerca delle origini del coronavirus, quando, dopo lunghi tentennamenti del Dragone, spedirono a Wuhan una squadra che stette all’Istituto di Virologia solo tre ore, praticamente non vedendo nulla. Tuttavia è perfino peggio di così: la Cina accettò di far arrivare a Wuhano ispettori ONU solo quando trovò nomi di scienziati di suo gradimento.

 

Diedero quindi l’OK quando l’OMS si offrì di spedire Peter Daszak, l’uomo che con EcoHealthAlliance è sospettato di essere dietro al traffico cino-americano di fondi e scienziati che ha portato all’esperimento Gain of Function da cui potrebbe essere nato il COVID. Daszak aveva finanziato e lavorato con l’Istituto, che conosceva bene – e son memorabili le sue foto mentre brinda con la dottoressa Shi Zhengli detta «batwoman» o i video in cui parla di quanto sia facile manipolare i coronavirus.

 

I risultati di quell’inchiesta sono stati contestati da gruppi di scienziati che hanno conservato un briciolo di dignità e senso del ridicolo.

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Salute

Maratona di Brooklyn, un morto e 16 ricoverati

Pubblicato

il

Da

Un uomo di 30 anni che correva la mezza maratona di Brooklyn è morto dopo aver tagliato il traguardo sabato mattina, hanno detto i vigili del fuoco e i funzionari di gara.

 

Il corridore è stato portato d’urgenza al Coney Island Hospital dopo essere crollato per un arresto cardiaco al traguardo del lungomare intorno alle 9:00, ha detto la polizia.

 

La polizia ha citato un possibile arresto cardiaco, ma attualmente stanno indagando sulla situazione.

 

Un agente di polizia ha detto che altre quattro persone sono crollate verso la fine.

 

I giornali sembrano assegnare la responsabilità dell’insolita quantità di morti e feriti al clima.

 

La gara, che ha portato i 22.000 corridori dal Brooklyn Museum attraverso Prospect Park al lungomare di Coney Island, si è svolta in condizioni insolitamente calde. La temperatura alle 9 del mattino a Coney Island era già di 70 gradi con l’83% di umidità, riporta il New York Post.

 

Sedici persone sono state portate in ospedale, secondo il conteggio finale dei vigili del fuoco. Cinque persone sarebbero rimaste ferite gravi. Otto persone hanno riportato ferite che non erano in pericolo di vita e altre quattro hanno riportato ferite lievi, ha detto il dipartimento.

 

Non è chiaro quanti di questi abbiano pure loro avuto problemi al miocardio.

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

Neonata annega in 7 cm di bagnetto: mamma svenuta un giorno dopo il vaccino

Pubblicato

il

Da

Una bambina nel Regno Unito è annegata in una vasca da bagno dopo che sua madre, che aveva ricevuto il vaccino COVID AZ il giorno prima, è svenuta durante la il bagnetto di routine. Lo riporta il Daily Mail.

 

L’incidente è avvenuto lo scorso marzo quando la madre, L.A., di professione avvocato ha perso i sensi mentre faceva il bagno alla figlia di 9 mesi, nella loro casa nel Dorset.

 

«Il signor A. l’ha portata fuori dall’acqua e ha svegliato sua moglie afferrandola. Ha poi posato E. sul pavimento del bagno dove ha iniziato la rianimazione mentre chiamava il 999 in vivavoce», riporta il Daily Mail.

 

«Il signor A. , un dirigente d’azienda, ha continuato i tentativi di rianimazione fino a quando i servizi di emergenza non sono arrivati ​​​​sei minuti dopo nella loro casa da 500.000 sterline a Christchurch, nel Dorset».

 

Mentre la bambina è stata portata in elicottero al Southampton General Hospital nell’Hampshire, i tentativi di rianimarla non hanno avuto successo ed è stata dichiarata morta quattro ore dopo.

 

La famiglia ha discusso del tragico giorno durante un’inchiesta sulla morte, in cui la madre sconvolta ha affermato di essere stata stressata per aver organizzato l’imminente intervento chirurgico al cuore della piccola.

 

«La signora A. ha detto di aver deciso di fare il bagno a sua figlia poiché era stata malata durante la poppata mattutina».

 

«Ha spiegato che la bambina di nove mesi aveva bisogno di un “lavaggio chirurgico” prima di essere ricoverata in ospedale per la sua procedura».

 

«Un’emozionata  signora A. ha detto all’inchiesta: “Ho iniziato a prenderla in braccio ed è tutto ciò che riesco a ricordare. La cosa successiva che riesco a ricordare è che James mi urlava e mi tirava».

 

I medici legali credono che la piccola possa essere rimasta sommersa per più di 30 minuti.

 

Affrontando la possibilità che il vaccino abbia causato lo svenimento, la signora A., che ha detto di essere svenuta solo due volte nella sua vita durante la tarda adolescenza, ha descritto di sentirsi «strana e non me stessa» dopo l’iniezione.

 

L’inchiesta ha anche appreso che la signora A. è svenuta di nuovo mentre visitava la tomba di sua figlia nel giugno 2021, un giorno dopo aver ricevuto la seconda dose di vaccino.

 

«Il giorno dopo la mia seconda puntura nel giugno 2021 sono andata a trovare E. perché è sepolta abbastanza vicino a noi e ci andiamo ogni giorno», ha descritto la madre in lutto.

 

«Sono andato lì e mi sono accucciata al suo fianco e tutto ciò che posso ricordare dopo è un ragazzo che mi ha aiutava. Ha detto che mi aveva visto iniziare a cadere ed ero disorientata».

 

Un sergente della polizia del Dorset ha testimoniato che il vaccino era considerato un fattore che contribuisce allo svenimento di A..

 

«Abbiamo concluso che è stato un tragico incidente che E. sia morta per annegamento nella vasca da bagno e potenzialmente c’erano fattori che contribuiscono a questo», ha detto il sergente investigativo Phil Read, secondo il Daily Mail.

 

«Uno è il potenziale effetto negativo del vaccino COVID».

 

 

Continua a leggere

Più popolari