Connettiti con Renovato 21

Big Pharma

USA, un trapianto di cuore su sei proviene da overdose di oppiodi

Pubblicato

il

 

 

Negli Stati Uniti i cuori dei «donatori» in overdose rappresentano una percentuale crescente di trapianti, è stato trovato uno studio retrospettivo recentemente pubblicato e discusso su Medpagetoday.

 

I donatori in overdose hanno rappresentato una percentuale in rapida crescita di allotrapianti cardiaci, con un aumento di 14 volte da circa l’1% nel 2000 ad oggi del 16,9%, «in linea con l’aumento dell’epidemia di oppioidi», sostiene il dottor Nader Moazami, di  University Langone Health a New York City con altri colleghi in un paper apparso sugli Annals of Thoracic Surgery.

 

La crisi degli oppioidi (Opioid Epidemic) è oggi per la società americana un problema catastrofico. Ingeneratasi dalla facilità con la quale certi medici – talvolta aiutati dalle politiche di incentivazione di Big Pharma come Purdue, attualmente sotto processo – hanno prescritto ai loro pazienti antidolorifici (come OxyContin, Percoce, Vicodin, Norco, fentanyl) essa è degenerata in una diffusione massiva della dipendenza da queste droghe che ha portato grossa parte della popolazione al mercato nero dell’eroina (e dei nuovi derivati come il fentanyl, molto più potente ed economico grazie all’iperproduzione cinese) e quindi al dissesto biologico e sociale.

In molti stati, i «donatori» in overdose  hanno rappresentato oltre il 25% dei donatori di allotrapianto cardiaco nel 2018, con un picco del 50% in Delaware, scrive il paper.

 

Molti cittadini – non più solo della categoria dei giovani drogati – cadono quindi di overdose, offrendo all’industria del trapianto tanta materia prima.

 

In molti stati, i «donatori» in overdose  hanno rappresentato oltre il 25% dei donatori di allotrapianto cardiaco nel 2018, con un picco del 50% in Delaware, scrive il paper.

 

In particolare, lo studio afferma che i donatori in overdose da oppiodi

  1. hanno meno probabilità di essere scartati a causa di una condizione di organo malato rispetto ai donatori morti per altre cause (28,2% vs 36,1%; P <0,001)
  2. Sono più probabilmente ritenuti a più alto rischio da parte dei servizi di sanità pubblica (63,3% vs 13,2%; P <0,001)
  3. È più probabile che risultino positivi all’epatite C  (30,8% vs 5,3%; P <0,001)

 

È più probabile che i «donatori» risultino positivi all’epatite C

Il problema degli organi infetti non sembra creare un deterrente. Una delle studiose afferma che anzi «la letteratura precedente mostra che il risultato con gli organi di questi donatori ad alto rischio è altrettanto buono come nel nostro pool di donatori a basso rischio, mettendo in evidenza molto semplicemente il numero di potenziali donatori che potremmo utilizzare».

 

Il tema dei donatori positivi all’epatite C non spaventa: «Abbiamo usato con successo quegli organi perché ora abbiamo un trattamento per l’epatite C. Anche se sappiamo che il ricevente svilupperà una viremia dell’epatite C, sappiamo che possiamo trattarli in modo efficace e usare ancora il cuore» sottolinea il dottor Moazami.

«Abbiamo usato con successo quegli organi perché ora abbiamo un trattamento per l’epatite C. Anche se sappiamo che il ricevente svilupperà una viremia dell’epatite C, sappiamo che possiamo trattarli in modo efficace e usare ancora il cuore»

 

Il che significa che con il trapianto e facile che, oltre ad un nuovo organo, il paziente riceva anche un’infezione.

 

Spazio è dedicato anche a raccontare la «qualità» degli organi delle persone in overdose, che sono spesso più giovani della media dei donatori.

 

«Questi sono donatori più giovani, i loro cuori sono probabilmente di qualità migliore rispetto ad alcuni dei donatori con morte non correlata agli oppioidi. Quindi penso che noi  abbiamo solo bisogno di considerare fortemente l’uso di questi organi per aiutare i nostri pazienti, perché c’è davvero a questo punto c’è solo un piccolo svantaggio».

 

Non solo problemi infettivologici, ma anche i problemi di natura etica sembrano trattati con una certa plasticità.

 

«Questi sono donatori più giovani, i loro cuori sono probabilmente di qualità migliore rispetto ad alcuni dei donatori con morte non correlata agli oppioidi»

Nella ricerca fa tuttavia capolino il paradigma utilitarista.

«Un’ulteriore ricerca probabilmente rafforzerà l’argomentazione che gli attuali criteri di rigetto per gli organi dei donatori di morte per overdose sono troppo stringenti, e un maggiore uso di questi organi può aiutare a mitigare la tragedia dell’epidemia di overdose di oppioidi».

 

Come a dire: avremmo pure le persone in overdose (lì portate, cosa oramai assodata, dalle politiche di Big Pharma) ma alziamo almeno il numero dei trapiantati, così da massimizzare l’utilità dei loro corpi.

 

Si tratta della messa in opera della filosofia utilitarista, che è il vero quadro entro il quale si muove la società moderna. Sviluppata nella Londra che si lanciava alla conquista del suo impero coloniale, essa è basata sulla ricerca dell’utile individuale o sociale. Il capofila dell’Utilitarismo Jeremy Bentham (1748-1832), proponeva per il governo della società un principio quantitativo riassumibile nella formula secondo cui «il bene è la maggior felicità del maggior numero». Qualsiasi cosa, insomma, può essere sacrificata all’altare della supposta felicità della maggioranza. Se ci fate caso, tale argomento è posto anche da coloro che vogliono imporre i vaccini nonostante l’esistenza delle reazioni avverse («qualche bambino andrà pure sacrificato per il benessere della maggioranza!»).

L’espianto di organi può avvenire solo a cuor battente – e in genere sotto curaro – quando cioè il corpo è ancora vivo, dietro al concetto artificiale della «Morte cerebrale»

 

Tornando ai trapianti e alle overdosi, Renovatio 21 ricorda che l’espianto di organi può avvenire solo a cuor battente – e in genere sotto curaro – quando cioè il corpo è ancora vivo, dietro al concetto artificiale della «Morte cerebrale», un costrutto elaborato cinquanta anni fa ad Harvard.

 

Più che donazione si dovrebbe parlare di predazione degli organi; la droga e la sua epidemia – scatenata da Big Pharma, come ora riconoscono tutti in questo caso – altro non fanno che aumentare il numero di squartamenti di «donatori» morti solo per  una convenzione medica contestata in scienza e coscienza da molti medici.

La filiera della morte, anche qui, rivela il suo essere composita: dalla pillola all’espianto, una catena di montaggio, anzi di smontaggio, anzi di squartamento.

 

La filiera della morte, anche qui, rivela il suo essere composita: dalla pillola all’espianto, una catena di montaggio, anzi di smontaggio, anzi di squartamento.

 

I cuori di quei ragazzi in overdose, ribadiamo, sono cuori vivi.

 

Gli aztechi espiantavano il cuore a ragazzini in celebrazione ai loro crudeli dei pagani; oggi, nella società in cui il sacrificio umano torna a bussare alle nostre porte, lo si fa in onore delle loro incarnazioni moderne: il dio della Medicina, il dio dell’Utilitarismo…

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

«Come un iPhone»: il capo di Moderna prevede che le persone faranno il vaccino COVID ogni anno

Pubblicato

il

Da

Moderna prevede di introdurre nuovi vaccini sperimentali che combineranno i vaccini contro l’influenza, il COVID e il virus respiratorio sinciziale umano (RSV) in unico vaccino annuale, ha detto il CEO dell’azienda durante un’intervista con il canale TV americano CNN International.

 

Stéphane Bancel, amministratore delegato della farmaceutica americana, ha paragonato il vaccino annuale che stanno preparando alla necessità di cambiare iPhone ogni anno.

 

«Pensiamo di poter inserire in un unico prodotto molti mRNA, prendendoci cura di tutti quei virus. E questo una volta all’anno», ha dichiarato il Bancel.

 

 


 

«Dovreste essere in grado di fare un richiamo annuale, dose singola, che contenga, nella fiala, tutti quegli mRNA per tutti quei [virus] che sono, ovviamente, adattati al ceppo di una stagione, come l’influenza, come il ceppo del COVID, e così via».

 

Poi è partita la similitudine con l’iPhone, che – ha spiegato il dirigente francese – migliora leggermente con ogni nuovo modello. Così, anche i produttori di vaccini adatterebbero i loro sieri sperimentali mRNA con «la migliore scienza del momento» (quest’ultima, ci si conceda, è un’espressione di marketing basale che nemmeno l’antica promessa del mobilificio Aiazzone «al Sabato grande festa con gli architetti»…)

 

«E l’idea è un po’ come l’iPhone, mentre, sai, molti di noi acquistano un nuovo iPhone ogni settembre. E ottieni nuove app e ottieni app aggiornate», ha affermato Bancel, il quale con evidenza, a differenza di noi, cambia lo smartphone ogni anno.

 

“E questa è esattamente la stessa idea, ovvero che avrete COVID, influenza e RSV nella tua dose singola. E avrete ciò che è la migliore scienza del momento per proteggervi dal ceppo che circola ora e in autunno, inverno. Quindi possiamo combinare tutte queste cose e fornire alle persone di tutto il mondo il booster annuale. Quindi solo un’iniezione. E non vi preoccupate più dell’inverno. E avrete un bel autunno e un bell’inverno.

 

Alla domanda sui tempi per il rilascio di questo siero sperimentale all-in-one, il Bancel ha affermato che alcuni Paesi potrebbero iniziare a introdurre la tecnologia già dal prossimo anno.

 

«Quindi ci vorranno alcuni anni. Sapete, come ho detto, l’influenza e l’RSV sono nella fase tre [studi clinici]. Quindi posso vedere alcuni Paesi nel 2023 che iniziano ad avere influenza e COVID in un’unica dose, entrambi in dose singola. Per alcuni Paesi sarà il 2024. Quindi penso che ci vorranno alcuni anni».

 

«Penso che entro una finestra di tre-cinque anni in cui ogni anno avrete un prodotto migliore da Moderna che vi proteggerà da tutte le cose che circolano e con una copertura sempre maggiore di diversi virus».

 

A marzo, Bancel si era lamentato con il World Economic Forum che la sua azienda doveva «buttare via» 30 milioni di dosi del loro vaccino COVID-19 perché le persone rifiutavano il vaccino e quindi «nessuno lo vuole».

 

Prima di Moderna, Stéphane Bancel fu CEO della società francese BioMérieux, posseduta da Alain Merieux, considerato amico personale di Xi Jinping, che visità il laboratorio BSLM4 di BioMerieux a Lione nel 2014.

 

Secondo quanto appreso, i cinesi avrebbero contattato i francesi per la costruzione del laboratorio di Wuhan, il primo BSL4 del Paese, nel 2004.

 

Il suo progetto, iniziato nel 2003, è stato realizzato in collaborazione con la Francia. Parte del personale dei biolab di Wuhano ha ricevuto una formazione presso il laboratorio P4 Jean Mérieux a Lione. Nel febbraio 2017, il primo ministro francese Bernard Cazeneuve, accompagnato dal ministro francese degli Affari sociali e della salute Marisol Touraine, e Yves Lévy, presidente dell’INSERM, hanno preso parte alla cerimonia di accreditamento del laboratorio a Wuhan.

 

Su un documento datato 2014 della Fondazione Mérieux ancora visibile in rete della Fondazione Merieux è possibile leggere che la crisi dell’Ebola, insieme «alla visita presidenziale cinese a Lione ha reso possibile di accelerare il completamento del laboratorio BSL4 in Cina come parte di una cooperazione sino-francese senza precedenti».

 

Nel 2011, dopo aver lavorato in BioMerieux, il Bancel divenne CEO di Moderna, di cui possiede il 9% delle azioni, che oggi valgono almeno un miliardo.

 

La carriera di Bancel è insomma segnata dal coronavirus: prima nella società che aiuterà i cinesi a costruire il laboratorio di Wuhano, poi nel Massachusetts nella società che per il virus di Wuhano, in teoria, dovrebbe aver trovato il vaccino.

 

Le recenti dichiarazioni del Bancello ci confermano che la tecnologia mRNA si prepara ad essere utilizzata per tutti i vaccini, e non solo per quelli.

 

Come da titolo di un fortunato articolo di Renovatio 21, «Ogni vaccino diverrà un vaccino mRNA».

 

 

 

Immagine screenshot da Twitter

 

Continua a leggere

Big Pharma

Il quadridosato capo di Pfizer positivo al COVID-19

Pubblicato

il

Da

Il CEO di Pfizer Albert Bourla è risultato positivo al test per il COVID-19. Lo ha annunciato lui stesso in un tweet del 15 agosto.

 

«Vorrei informarvi che sono risultato positivo al test per il COVID-19» scrive l’amministratore delegato del colosso farmaceutico.

 

«Sono grato di aver ricevuto quattro dosi del vaccino Pfizer-BioNTech e mi sento bene mentre avverto sintomi molto lievi. Mi sto isolando e ho iniziato un corso di Paxlovid».

 

Il Bourla sostiene  di avere sintomi lievi e dice di sentirsi bene.

 

 


 

«Siamo arrivati ​​così lontano nei nostri sforzi per combattere questa malattia che sono fiducioso che avrò una pronta guarigione. Sono incredibilmente grato per gli instancabili sforzi dei miei colleghi Pfizer che hanno lavorato per rendere disponibili vaccini e trattamenti per me e per le persone in tutto il mondo”, ha affermato Bourla».

 

Il Bourla quindi si è messo in quarantena e ha iniziato a prendere il Paxlovid, la sempre più controversa pillola COVID-19 sviluppata proprio da Pfizer, presa anche da altri due quadridosati finiti positivi al COVID: il presidente americano Joe Biden e il suo «plenipotenziario pandemico» Anthony Fauci.

 

Sia Biden che Fauci hanno sperimentato quello che chiamano «Paxlovid rebound», un «rimbalzo» (recrudescenza) da Paxlovid: dopo essere risultati negativi, i consumatori di Paxlovid tornano positivi e sintomatici.

 

Malgrado questi casi siano evidenti, nessuno sembra preoccuparsi della cosa: non ci è notizia di un ritiro del costoso farmaco, né di studi sulla questione del Paxlovid Rebound.

 

Vogliamo qui ricordare che il Bourla è tra coloro che in precedenza avevano promosso i vaccini COVID-19 come efficaci al 100% contro le infezioni.

 

In un vecchio tweet dell’1 aprile 2021 – possibilmente non un pesce d’aprile – il veterinario americano di origine greco-ebraica gioiva per i risultati di uno studio che avrebbe dimostrato che il vaccino di Pfizer era efficace al 100% nella prevenzione dei casi di COVID-19 in Sud Africa.

 


 

Come riportato da Renovatio 21, il Bourla ha spesso accusato i critici del vaccino con insulti minacciosi («criminali»), mentre si lasciava scappare il fatto che riceve – per motivi che non comprendiamo bene – briefing da CIA e FBI riguardo alla «diffusione della disinformazione».

 

Habitué del World Economic Forum, anni fa aveva dichiarato sul palco di Davos la prospettiva di piazzare «microchip biologici dentro i farmaci».

 

Bizzarramente, cinque mesi fa il Bourla ha dichiarato che scegliere la strada dell’mRNA per i vaccini COVID fu «controintuitiva».

 

«L’mRNA era una tecnologia, ma avevamo meno esperienza, solo due anni di lavoro su questo, e in realtà, l’mRNA era una tecnologia che non ha mai fornito un singolo prodotto fino a quel giorno, né un vaccino, né nessun altro medicinale», ha ammesso il Bourla durante un’intervista del Washington Post.

 

«Quindi è stato molto controintuitivo e sono rimasto sorpreso quando mi hanno suggerito che questa è la strada da percorrere, e l’ho messo in dubbio», ha continuato il vertice Pfizer. «E ho chiesto loro di giustificare come si può dire una cosa del genere, ma erano molto, molto convinti che questa fosse la strada giusta da percorrere».

 

È emerso negli scorsi mesi che il Bourla ha incontrato privatamente Bergoglio almeno due volte, rafforzando l’idea di un legame solido tra il Vaticano e la Pfizer, fornitore del vaccino in uso nel Sacro Palazzo.

 

 

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Legame «sbalorditivo» tra il vaccino e la miocardite negli adolescenti: studio

Pubblicato

il

Da

Uno studio preliminare condotto durante la campagna di vaccinazione nazionale thailandese contro il COVID-19 ha mostrato quella che un medico ha descritto come un’associazione «sbalorditiva» tra la miocardite e il vaccino Pfizer-BioNTech.

 

Lo studio ha analizzato 301 partecipanti di età compresa tra 13 e 18 anni che erano sani e senza sintomi anormali dopo aver ricevuto la prima dose di vaccino. I partecipanti con una storia di cardiomiopatia, pericardite tubercolare o pericardite costrittiva e grave reazione allergica al vaccino COVID-19 sono stati esclusi dallo studio.

 

I ricercatori hanno scoperto che il 18% dei 301 adolescenti analizzati presentava un elettrocardiogramma anomalo, o ECG dopo aver ricevuto la seconda dose di Pfizer, il 3,5% dei maschi ha sviluppato miopericardite o miocardite subclinica , due sono stati ricoverati in ospedale e uno è stato ricoverato in terapia intensiva per problemi cardiaci.

 

Gli eventi avversi cardiovascolari osservati durante lo studio includevano tachicardia (7,64%), mancanza di respiro (6,64%), palpitazioni (4,32%), dolore toracico (4,32%) e ipertensione (3,99%).

 

Cinquantaquattro adolescenti presentavano elettrocardiogrammi anormali dopo la vaccinazione, tre pazienti presentavano versamento pericardico minimo con reperti compatibili con miopericardite subacuta e sei pazienti presentavano prolasso della valvola mitrale .

 

Tutti i pazienti erano maschi e presentavano elettrocardiogrammi anormali, in particolare tachicardia sinusale.

 

I ricercatori hanno affermato che il decorso clinico è stato lieve in tutti i casi.

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 12 agosto 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari