Un terzo dei soldati americani rifiuta il vaccino

 

 

Finora circa un terzo delle truppe USA ha rifiutato di prendere il vaccino contro il coronavirus, hanno detto mercoledì i funzionari del Pentagono al Comitato per i servizi armati della Camera. Lo riporta il sito Politico.

 

Il Generale Jeff Taliaferro, il vice direttore delle operazioni per lo Stato maggiore, ha detto che i militari hanno un tasso di accettazione di due terzi per il vaccino, il che significa che un terzo non lo fa. Il vaccino non è ancora obbligatorio per i membri dell’apparato militare.

I militari hanno un tasso di accettazione di due terzi per il vaccino, il che significa che un terzo non lo fa

 

Il  generale Steven Nordhaus, il direttore delle operazioni per l’Ufficio della Guardia Nazionale, ha aggiunto in seguito che la Guardia ha un tasso di accettazione simile compreso tra «due terzi e il 70%».

 

Il Pentagono non ha precedentemente specificato quante truppe stanno rifiutando il vaccino. Il portavoce John Kirby ha detto ai giornalisti più tardi mercoledì che il dipartimento non ha un sistema in atto per rintracciare tali informazioni e ha respinto l’idea che i funzionari stiano nascondendo le informazioni.

 

«È fondamentale per la nostra sicurezza nazionale che ogni membro del servizio, così come il personale civile e gli appaltatori del Dipartimento della Difesa, facciano i vaccini il prima possibile», ha detto il deputato Mike Rogers dell’Alabama

I funzionari dell’audizione della Camera si riferivano a dati generali che mostrano che i tassi di accettazione dei militari “rispecchiano” quelli della società americana nel suo complesso, ha detto Kirby, osservando che hanno continuato dicendo che il dipartimento non sta monitorando specificamente quei dati in questo momento.

 

All’udienza alla Camera USA, i rappresentanti di entrambe le parti hanno espresso preoccupazione per il ritmo delle vaccinazioni, il numero di truppe che potrebbero rifiutare il vaccino e l’impatto dei rifiuti sulla prontezza militare.

 

«È fondamentale per la nostra sicurezza nazionale che ogni membro del servizio, così come il personale civile e gli appaltatori del Dipartimento della Difesa, facciano i vaccini il prima possibile», ha detto il deputato Mike Rogers dell’Alabama nella sua dichiarazione di apertura.

 

Riguardo a vaccini e militari, agli americani sarebbe utile leggere gli atti della Commissione parlamentare italiana sull’uranio impoverito, in particolare le audizioni della dottoressa Antonietta Gatti al Senato

«Sono interessato a sentire dai nostri testimoni quale percentuale dei membri del nostro servizio è stata vaccinata, qual è stata la percentuale di rifiuti e quali misure stanno prendendo per ottenere più iniezioni».

 

Riguardo a vaccini e militari, agli americani sarebbe utile leggere gli atti della Commissione parlamentare italiana sull’uranio impoverito, in particolare le audizioni della dottoressa Antonietta Gatti al Senato.