Tutti e tre i vaccini autorizzati hanno segnalazioni per la coagulazione del sangue: dati della farmacovigilanza USA

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

I dati VAERS pubblicati oggi hanno mostrato 795 segnalazioni relative a disturbi della coagulazione del sangue con 400 attribuiti a Pfizer, 337 a Moderna e 56 a Johnson & Johnson tra il 14 dicembre 2020 e l’8 aprile 2021.

 

 

 

I dati diffusi oggi dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) sul numero di danneggiati e deceduti segnalati al Sistema di segnalazione degli eventi avversi da vaccino (VAERS) in seguito ai vaccini anti-COVID mostrano segnalazioni di coaguli di sangue e altri disturbi ematici correlati a tutti e tre i vaccini approvati per l’uso di emergenza negli Stati Uniti – Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson (J&J).

 

Finora solo il vaccino J&J è stato sospeso a causa di problemi legati alla coagulazione del sangue.

 

Il VAERS è il principale meccanismo per la segnalazione delle reazioni avverse al vaccino negli Stati Uniti

Il VAERS è il principale meccanismo per la segnalazione delle reazioni avverse al vaccino negli Stati Uniti. I rapporti presentati al VAERS richiedono ulteriori indagini prima di poter confermare una relazione causale.

 

Ogni venerdì, il VAERS rende pubbliche tutte le segnalazioni di lesioni da vaccino ricevute entro una data specifica, di solito circa una settimana prima della data di rilascio. I dati di oggi mostrano che tra il 14 dicembre 2020 e l’8 aprile, un totale di 68.347 eventi avversi totali sono stati segnalati a VAERS, inclusi 2.602 morti – un aumento di 260 rispetto alla settimana precedente – e 8.285 feriti gravi, in aumento di 314 dalla scorsa settimana.

 

Dei 2.602 decessi segnalati all’8 aprile, il 27% si è verificato entro 48 ore dalla vaccinazione, il 19% entro 24 ore e il 41% si è verificato nelle persone che si sono ammalate entro 48 ore dal vaccino.

 

Negli Stati Uniti, sono state somministrate 174,9 milioni dosi del vaccino COVID all’8 aprile. Questo include 79,6 milioni di dosi del vaccino Moderna, 90,3 milioni di dosi di Pfizer e 4,9 milioni di dosi del vaccino J&J.

I dati VAERS pubblicati oggi hanno mostrato 795 segnalazioni relative a disturbi della coagulazione del sangue con 400 attribuiti a Pfizer, 337 a Moderna e 56 a Johnson & Johnson tra il 14 dicembre 2020 e l’8 aprile 2021.

 

I dati VAERS di questa settimana mostrano che:

 

  • Il 19% dei decessi era correlato a disturbi cardiaci.

 

  • Il 55% di coloro che sono morti erano maschi, il 43% erano donne e le restanti denunce di morte non specificavano il sesso del defunto.

 

  • L’età media era di 77,9 anni e il più giovane era un 18enne. Sono stati segnalati alcuni decessi di bambini sotto i 18 anni, ma questi rapporti contenevano errori.

 

Finora solo il vaccino J&J è stato sospeso a causa di problemi legati alla coagulazione del sangue.

 

 

 

All’11 marzo, 289 donne in gravidanza avevano segnalato eventi avversi correlati ai vaccini COVID, tra cui 90 segnalazioni di aborto spontaneo o parto prematuro.

 

 

Segnalazioni di disturbi della coagulazione del sangue nel VAERS

Children’s Health Defense ha interrogato i dati VAERS per una serie di eventi avversi associati alla formazione di coaguli e altre condizioni correlate. Il VAERS ha prodotto un totale di 795 rapporti per tutti e tre i vaccini dal 14 dicembre 2020 all’8 aprile.

 

Dei 795 casi segnalati, ci sono stati 400 rapporti attribuiti a Pfizer, 337 segnalazioni a Moderna e 56 rapporti a J&J – molto più degli otto casi J&J sotto inchiesta, compresi i due casi aggiunti mercoledì.

 

Come The Defender ha riferito oggi, sebbene i vaccini COVID J&J e AstraZeneca siano stati sotto esame per il loro potenziale di causare coaguli di sangue, prove crescenti suggeriscono che i vaccini Pfizer e Moderna causano anche coaguli e malattie del sangue correlate.

 

Sebbene i vaccini COVID J&J e AstraZeneca siano stati sotto esame per il loro potenziale di causare coaguli di sangue, prove crescenti suggeriscono che i vaccini Pfizer e Moderna causano anche coaguli e malattie del sangue correlate

Funzionari di regolamentazione degli Stati Uniti erano stati allertati del problema già nel dicembre 2020.

 

 

Il CDC ignora The Defender, nessuna risposta dopo 39 giorni 

Secondo il sito web del CDC, «il CDC segue qualsiasi segnalazione di morte per richiedere ulteriori accertamenti e approfondire ciò che è accaduto per determinare se la morte è stata il risultato del vaccino o non è correlata».

 

L’8 marzo The Defender ha contattato il CDC con un elenco scritto di domande sui decessi riportati e sui feriti relativi ai vaccini COVID. Abbiamo richiesto informazioni su come il CDC conduce le indagini sui decessi segnalati, lo stato delle indagini in corso riportate dai media, se vengono eseguite le autopsie, lo standard per determinare se una lesione è causalmente collegata a un vaccino e le iniziative educative per incoraggiare e facilitare la correttezza e accuratezza delle segnalazioni.

 

Dopo molti tentativi di ottenere una risposta dal CDC, 22 giorni dopo il nostro contatto iniziale, un rappresentante della Vaccine Task Force del CDC ha risposto, dicendo che l’agenzia non aveva mai ricevuto le nostre domande, anche se i dipendenti con cui abbiamo parlato più volte hanno detto che i loro addetti stampa stavano lavorando sulle domande che avevamo inviato.

 

Un uomo sano di 43 anni nel Mississippi ha subito un ictus poche ore dopo essere stato vaccinato con il vaccino anti-COVID J & J. Brad Malagarie, padre di sette figli, aveva ricevuto il vaccino poco dopo mezzogiorno ed è stato trovato esanime dai colleghi alla sua scrivania

Abbiamo posto nuovamente le domande e fissato una nuova scadenza per il 7 aprile. Da allora abbiamo contattato più volte, ma il rappresentante non ha risposto alle nostre e-mail o né alle nostre chiamate.

 

Il 15 aprile abbiamo chiamato di nuovo il CDC e ci è stato detto che avevano la nostra lista di domande e non erano sicuri del motivo per cui il rappresentante ci aveva detto di non averle mai ricevute. Ci è stato detto che il team di risposta per il COVID sarebbe stato informato e che avremmo dovuto richiamare entro pochi giorni.

 

Sono passati 39 giorni da quando abbiamo contattato per la prima volta e non abbiamo ancora ricevuto risposte alle nostre domande.

 

 

Johnson & Johnson ha interrotto le segnalazioni di coaguli di sangue

Il 15 aprile The Defender ha riferito che un uomo sano di 43 anni nel Mississippi ha subito un ictus poche ore dopo essere stato vaccinato con il vaccino anti-COVID J & J. Brad Malagarie, padre di sette figli, aveva ricevuto il vaccino poco dopo mezzogiorno ed è stato trovato esanime dai colleghi alla sua scrivania.

 

Sempre il 15 aprile, il Cincinnati Enquirer ha riferito che il Dipartimento della Salute dell’Ohio sta monitorando le indagini su ciò che potrebbe aver causato la morte improvvisa di uno studente 21enne dell’Università di Cincinnati domenica scorsa, un giorno dopo aver ricevuto il vaccino J&J.

Il Dipartimento della Salute dell’Ohio sta monitorando le indagini su ciò che potrebbe aver causato la morte improvvisa di uno studente 21enne dell’Università di Cincinnati domenica scorsa, un giorno dopo aver ricevuto il vaccino J&J

 

Alicia Shoults, portavoce del Dipartimento della Salute dello Stato, ha detto che l’agenzia è in attesa del completamento di un rapporto del medico legale della contea di Hamilton e «se necessario» ulteriori indicazioni del CDC.

 

Le due notizie sono arrivate pochi giorni dopo che i funzionari sanitari federali hanno sospeso il vaccino J&J.

 

Come The Defender ha riportato il 13 aprile, il CDC e la Food and Drug Administration (FDA) statunitense hanno chiesto una sospensione temporanea ma immediata dell’uso del vaccino COVID di J&J mentre le agenzie indagavano sul possibile collegamento del vaccino ai coaguli di sangue potenzialmente pericolosi.

 

In un dichiarazione congiunta, le agenzie hanno affermato che il Comitato Consultivo per le Pratiche di Immunizzazione (ACIP) starebbe esaminando i dati clinici raccolti su sei donne, di cui una deceduta, di età compresa tra 18 e 48 anni che hanno sviluppato coaguli di sangue dopo aver ricevuto il vaccino monodose J&J.

 

Il 14 aprile, l’ACIP ha tenuto una riunione di emergenza per votare se interrompere la pausa sul vaccino di J&J o modificare le raccomandazioni per il suo utilizzo. Come The Defender ha riferito, l’ACIP ha rinviato il voto, estendendo la sospensione in attesa di ulteriori analisi dei dati relativi ai coaguli di sangue. L’ACIP ha detto che si riunirà di nuovo per una votazione tra una settimana o 10 giorni.

Il Comitato Consultivo per le Pratiche di Immunizzazione (ACIP) starebbe esaminando i dati clinici raccolti su sei donne, di cui una deceduta, di età compresa tra 18 e 48 anni che hanno sviluppato coaguli di sangue dopo aver ricevuto il vaccino monodose J&J

 

Quello stesso giorno J&J ha rivelato altri due casi di coaguli di sangue, uno accaduto a uomo di 25 anni che ha subito un’emorragia cerebrale durante una sperimentazione clinica e un altro caso di trombosi venosa profonda in una donna di 59 anni.

 

Nella richiesta presentata da J & J per l’autorizzazione all’uso di emergenza a febbraio, la FDA inizialmente ha sollecitato un’ulteriore sorveglianza di un leggero «squilibrio numerico» negli eventi di coagulazione del sangue dopo aver ricevuto l’iniezione. A quel tempo, si è concluso che c’erano dati «insufficienti» per determinare «una relazione causale» con il vaccino e il produttore del farmaco ha ripreso il processo .

 

Come The Defender ha riferito il 12 aprile, il lancio del vaccino COVID di J&J non è stato regolare. All’inizio del mese il produttore ha dovuto buttare via 15 milioni di dosi dopo la contaminazione con gli ingredienti del vaccino AstraZeneca in uno stabilimento di produzione non autorizzato a Baltimora.

 

Anche al produttore del vaccino è stata imposta la chiusura dei suoi siti di vaccinazione prima che il vaccino fosse sospeso, più segnalazioni di casi COVID in seguito al vaccino e critiche sugli oltre 30 milioni di dollari percepiti del CEO, mentre la società è costretta a sborsare miliardi per il suo ruolo nell’epidemia di oppioidi.

 

 

Il lancio del vaccino COVID di J&J non è stato regolare. All’inizio del mese il produttore ha dovuto buttare via 15 milioni di dosi dopo la contaminazione con gli ingredienti del vaccino AstraZeneca in uno stabilimento di produzione non autorizzato a Baltimora

CDC, molti stati segnalano casi di positività al COVID tra i vaccinati

I casi di persone completamente vaccinate che contraggono il COVID continuano a fare notizia.

 

Definendolo uno «scenario davvero buono», il CDC ieri ha riportato 5.800 casi di COVID in persone completamente vaccinate. Dei 5.800 casi, 396 hanno richiesto il ricovero in ospedale e 74 persone sono morte, ha detto il CDC.

 

Il CDC ha affermato che sta «tenendo d’occhio» i casi, ma che ci si può aspettare casi di positività dopo il vaccino. Tara Smith, professoressa di epidemiologia presso il Kent State University College of Public Health in Ohio, ha detto a NBC News :

 

«Questo è uno scenario davvero buono, anche con quasi 6.000 infezioni improvvise. La maggior parte di questi sono stati lievemente sintomatici o asintomatici. Questo è esattamente quello che speravamo».

 

Il 12 aprile, il Dipartimento della Salute di Houston ha segnalato 142 casi di positività dopo il vaccino che verificatisi in persone completamente vaccinate da gennaio, secondo ABC 13 News. I destinatari del vaccino hanno ricevuto due dosi di Moderna o Pfizer o una dose di J&J. Il rapporto escludeva coloro che si diceva avessero contratto il virus 45 giorni prima della data della seconda iniezione.

 

Definendolo uno «scenario davvero buono», il CDC ieri ha riportato 5.800 casi di COVID in persone completamente vaccinate. Dei 5.800 casi, 396 hanno richiesto il ricovero in ospedale e 74 persone sono morte, ha detto il CDC

Il Dipartimento della Salute di Houston ha affermato che ci sono stati 2,46 casi positivi su 10.000 persone completamente vaccinate e non è chiaro se coloro che sono risultati positivi abbiano contratto il filamento originale di COVID o una variante più recente.

 

Lo scorso mese, The Defender ha scritto a proposito dei casi di positività dopo il vaccino a Washington, Florida, Carolina del Sud, Texas, New York, California e Minnesota. Il 6 aprile The Defender ha riportato dei 246 casi nel Michigan, che includevano tre persone decedute.

 

Children’s Health Defense chiede a chiunque abbia subito una reazione avversa, a qualsiasi vaccino, di presentare una segnalazione seguendo questi tre passaggi.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 16 aprile 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.