Connettiti con Renovato 21

Reazioni avverse

«Preferirei avere il COVID»: adolescente ha un infarto dopo il vaccino Pfizer

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

In un’intervista a The Defender, il diciottenne Isaiah Harris e suo padre hanno raccontato come Isaiah è stato ricoverato in ospedale nelle prime 48 ore dalla seconda dose del vaccino Pfizer e successivamente ha avuto un infarto.

 

 

Un diciottenne di Springdale, Arkansas, che ha fatto un infarto dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino COVID di Pfizer, ha detto che preferirebbe prendere il COVID piuttosto che avere un infarto.

Entro 48 ore dalla seconda dose, il cuore di Isaiah ha iniziato a fare «molto molto male» e le cose hanno iniziato a precipitare velocemente

 

In un’intervista a The Defender, Isaiah Harris ha dichiarato di aver ricevuto la prima dose di Pfizer l’8 aprile e la seconda dose il 30 aprile. Entro 12 ore dalla seconda dose, l’adolescente ha sviluppato febbre e brividi. Il padre, Justin Harris, inizialmente non ci ha pensato molto perché lui stesso si è ammalato dopo entrambe le dosi del vaccino Moderna , anche se i suoi sintomi non erano gravi.

 

Non è stato il caso di Isaiah. Entro 48 ore dalla seconda dose, il cuore di Isaiah ha iniziato a fare «molto molto male» e le cose hanno iniziato a precipitare velocemente. Harris ha detto che si sono davvero preoccupati quando il figlio ha iniziato ad avere problemi di respirazione.

 

L’ECG di Isaia era anormale e i valori continuavano a peggiorare. A un certo punto, l’80% del cuore di Isaia era infiammato e solo il 40% funzionava

«Lo abbiamo portato in ospedale, ma non lo hanno preso sul serio», ha detto Harris. «Abbiamo aspettato in sala d’attesa per oltre due ore e poi lo hanno lasciato in un corridoio per sei ore. Le cose sono peggiorate durante l’attesa in ospedale. È stato allora che ha avuto l’infarto e uno dei suoi polmoni si è riempito di liquido».

 

Harris ha detto che è stato solo quando sua moglie – l’unica autorizzata a rimanere con Isaiah nel corridoio a causa delle restrizioni COVID – ha ripetuto più volte allo staff che suo figlio stava avendo un attacco di cuore che lo hanno portato in una stanza e hanno eseguito l’ECG.

 

L’ECG di Isaia era anormale e i valori continuavano a peggiorare. A un certo punto, l’80% del cuore di Isaia era infiammato e solo il 40% funzionava. I livelli di troponina di Isaiah erano così alti che i medici hanno detto che aveva avuto un attacco di cuore.

«I medici continuavano a negare che fosse stato il vaccino»

 

«I medici continuavano a negare che fosse stato il vaccino», ha detto Harris. «Non volevano dire che era quello. Poi un’infermiera ha portato uno studio che mostrava che il vaccino potrebbe causare la miocardite».

 

La miocardite è un’infiammazione del muscolo cardiaco che può portare ad aritmia cardiaca e morte. Secondo i ricercatori della National Organization for Rare Disorders, la miocardite può derivare da infezioni, ma «più comunemente è il risultato della reazione immunitaria del corpo al danno cardiaco iniziale».

 

Isaiah è stato ricoverato in ospedale per quattro giorni per «miocardite acuta», ha continuato Harris. «I medici hanno prescritto sei mesi di totale riposo a letto con farmaci per alleviare il suo cuore. È stato allora che ho contattato il chirurgo generale dell’Arkansas e ci ha fornito il collegamento al VAERS perché l’ospedale non ha fatto nulla.

 

«Non volevano dire che era quello. Poi un’infermiera ha portato uno studio che mostrava che il vaccino potrebbe causare la miocardite»

Il VAERS è il sistema di segnalazione delle reazioni avverse ai vaccini dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

 

Harris ha affermato di essere infastidito dal fatto che il CDC lo stia «trascurando» e «non stia facendo ricerche approfondite su questo».

 

 

Di fronte a un lungo recupero, Isaiah si rammarica di aver ricevuto il vaccino

Isaiah aveva un amico con contatti alla Cleveland Clinic che gli ha procurato un appuntamento con il dottor Allan Klein, uno specialista del cuore e direttore del centro pericardico della Cleveland Clinic.

 

«Il dottore di Cleveland sta facendo ricerche sulla miocardite. Ha visto personalmente 100 pazienti con miocardite da vaccino e ha fatto le prime ricerche su questo quando c’erano solo 77 casi», ha detto Harris.

«Ero abbastanza sano. Sollevo pesi. Sono attivo. Giocavo a calcio. Nessun precedente di virus o miocardite»

 

Isaiah, che si è diplomato al college statale, ha detto che le sue condizioni in questo momento sono migliori di prima, ma avverte ancora un po’ di dolore.

 

«Il gonfiore è diminuito», disse Isaiah. «Mi allenavo tutti i giorni, ma per tre o sei mesi non posso fare alcuna attività fisica. Il massimo che posso fare è portare a spasso il mio cane. Se aumento la frequenza cardiaca, può ripresentarsi e potrei avere un altro infarto».

 

Isaiah ha detto che non aveva condizioni preesistenti prima di subire un attacco di cuore. «Ero abbastanza sano. Sollevo pesi. Sono attivo. Giocavo a calcio. Nessun precedente di virus o miocardite».

 

Quando gli è stato chiesto se avrebbe raccomandato il vaccino ad altri adolescenti, Isaiah ha detto: «Non sono contro i vaccini, ma non credo che nessuno dovrebbe fare questo vaccino. Anche in Canada, parlando con qualcuno, è stato ridotto a una dose per gli adolescenti ma hanno ancora problemi».

«Non sono contro i vaccini, ma non credo che nessuno dovrebbe fare questo vaccino»

 

Il padre di Isaiah ha detto:

 

«Voglio essere sincero. Pensavo che i no-vax fossero diversi e mia moglie aveva già deciso che non avrebbe fatto il vaccino. Per gli altri miei due ragazzi, era un’opzione, ma si sono ritirati. Isaiah ha deciso di farsi vaccinare perché è più socievole e ora sono totalmente contrario. I medici hanno detto che Isaiah non può fare il richiamo e che i vaccini sono fuori discussione per lui».

 

Harris ha detto che è totalmente contrario al vaccino, anche se ha fatto il vaccino Moderna, perché i vaccini stanno causando la miocardite anche nelle persone anziane. È semplicemente troppo pericoloso e non ci sono abbastanza studi, ha detto.

 

«Isaiah sarebbe stato meglio avesse avuto il COVID e fosse stato in buona salute piuttosto che avere un possibile problema al cuore per tutta la vita, e ora è possibile un altro attacco di cuore se si sforza troppo nei prossimi tre-sei mesi», ha detto Harris.

«Isaiah sarebbe stato meglio avesse avuto il COVID e fosse stato in buona salute piuttosto che avere un possibile problema al cuore per tutta la vita, e ora è possibile un altro attacco di cuore se si sforza troppo nei prossimi tre-sei mesi»

 

«A guardare Isaiah dall’esterno, sembra normale, ma una volta che guardi i suoi valori e le TAC del cuore, si nota l’infiammazione – mostra un vero caso di miocardite», ha detto Harris.

 

Harris ha detto che pensava di fare la cosa giusta e prova un senso di colpa devastante.

 

«Penso che tu possa immaginare, mi sento come un genitore – ci sono i due lati della medaglia. Mia moglie non voleva che si vaccinasse e come papà, lo volevo perché Isaiah è molto estroverso e si sta preparando per entrare nella scuola farmaceutica dell’UAMS e volevo che fosse al sicuro».

 

«Sentire il governo spingerlo – non importa se un presidente repubblicano o democratico – questo è quello che devi fare. Ho avuto esitazioni, ma ho fatto il vaccino Moderna. Ma ho un senso di colpa schiacciante per aver fissato l’appuntamento per Isaiah e averlo incoraggiato, anche se ha fatto la sua scelta. L’ho aiutato a fare il vaccino. Penso che come genitori, forse dobbiamo fare un passo indietro e aiutare a educare noi stessi e gli altri. Ecco perché abbiamo finalmente condiviso la sua storia: per educare le persone».

«Credo che il presidente Biden abbia affermato in una recente dichiarazione che se non sei vaccinato, finirai per pagare il prezzo o dovrai indossare una mascherina, ma preferirei avere il COVID piuttosto che un infarto»

 

Isaiah ha detto: «Credo che il presidente Biden abbia affermato in una recente dichiarazione che se non sei vaccinato, finirai per pagare il prezzo o dovrai indossare una mascherina, ma preferirei avere il COVID piuttosto che un infarto».

 

Secondo gli ultimi dati del VAERS, ci sono stati 1.117 casi di miocardite e pericardite (infiammazione del cuore) in tutti i gruppi di età segnalati negli Stati Uniti a seguito della vaccinazione COVID tra il 14 dicembre 2020 e l’11 giugno 2021. Dei 1.117 casi segnalati, 686 casi sono stati attribuiti a Pfizer, 391 casi a Moderna e 36 casi al vaccino COVID di Johnson & Johnson.

 

Children’s Health Defense chiede a chiunque abbia subito una reazione avversa, a qualsiasi vaccino, di presentare una segnalazione seguendo questi tre passaggi.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 22 giugno 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Vaccino mRNA, bimbo di 6 mesi muore a 10 giorni dall’iniezione

Pubblicato

il

Da

Il VAERS, il database per le reazioni avverse ai vaccini USA, registra un caso inquietante: la morte improvvisa di un bambino di sei mesi a pochi giorni dall’essere stato inoculato con vari vaccini, tra cui il siero genico sperimentale mRNA contro il COVID.

 

Secondo VAERS ID # 2479506, la morte inaspettata del bambino maschio dell’Iowa è avvenuta il 26 agosto 2022, esattamente 10 giorni dopo aver ricevuto l’iniezione mRNA COVID, oltre ai vaccini per la malattia da pneumococco, rotavirus, influenza e il cosiddetto DTaP, cioè il vaccino per la difterite, il tetano e la pertosse.

 

Nel documento è segnata una descrizione dell’evento: «Morte inaspettata facendo un pisolino nel pomeriggio; trovato senza polso nella culla», afferma la scheda VAERS, che elenca la sua età come «0,50». Aveva, cioè sei mesi.

 

 

Il rapporto VAERS segna anche «condizioni circolatorie o cardiache associate allo shock», il che potrebbe suggerire che il piccolo potrebbe aver subito un grave attacco di cuore che lo ha portato alla morte.

 

«Antigeni multipli somministrati contemporaneamente a un neonato rischiano una reattogenicità fatale schiacciante. Nessuno di questi è necessario dal punto di vista medico o clinicamente indicato a questa età. Il passaparola tra le madri su casi come questo alimenta un’enorme esitazione nei confronti del vaccino» ha scritto su Twitter il dottor Peter McCullough.

 

 

Come riportato da Renovatio 21, un altro rapporto VAERS segnalava il caso di un bambino morto dopo il parto con sangue al naso e alla bocca; la madre era stata vaccinata durante la gravidanza.

 

Secondo i dati CDC, il 55% dei bambini piccoli iniettati avrebbe avuto una «reazione sistemica».

 

Varie realtà ospedaliere starebbero testimoniando un’esplosione di bambini nati morti. La Scozia, in particolare, sembra aver subito un’ondata di morti pediatriche, ma dalla ricerca è stato bizzarramente escluso lo stato di vaccinazione della madre.

 

Vengono inoltre fatte domande su una possibile correlazione tra il calo delle nascite in 18 Paesi europei e il programma di vaccinazione universale COVID. Studi del governo tedesco parlano di «forti associazioni» tra la campagna vaccinale e il calo della fertilità.

 

Un mese fa gli USA avevano visto il caso di un neonato morto per un coagulo dopo che l’ospedale aveva rifiutato la proposta dei genitori di fargli trasfusioni solo con sangue non vaccinato.

 

 

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Vaccinati prendono in giro signora con danno da vaccino

Pubblicato

il

Da

Un video di una signora che dice di soffrire di convulsioni dopo l’iniezione mRNA è riemerso dalla rete, per diventare virale presso gli utenti Twitter vaccinati, che canzonano la povera donna.

 

Video di persone in preda a convulsioni, in questi anni, si sono moltiplicati con le storie di danni neurologici attribuiti dai pazienti alle iniezioni COVID.

 

Il video del maggio 2022, intitolato «Grazie Pfizer», mostra le gambe della 45enne Angelia Desselle che tremano violentemente mentre è seduta su una poltrona reclinabile.

 

Il suo account Twitter sembra mostrare il suo attivismo riguardo a reazioni avverse di tipo neurologico al siero sperimentale e articoli che avvertono dei rischi del vaccino.

 

 

La signora Desselle è stata intervistata sulla sua condizione qualche tempo dopo aver preso il vaccino Pfizer nel gennaio 2021, e due anni dopo non si è ancora ripresa.

 

Le immagini dei suoi tremori sono disarmanti.

 

 

Gli utenti progressisti, anti-no-vax, presumibilmente pluridosati con il siero genico sperimentale, non hanno perso tempo a prendere in giro la condizione della Deselle. Prendiamo la sequenza da Infowars.

 

 

 

 

 

 

 

Tutto questo è schifoso e disumano. Una società che prende in giro i deboli e i malati, e magari ne propone sempre meno discretamente la loro eliminazione (come i nazisti, come in Canada) è destinata a crollare, presumibilmente in un bagno di dolore immane.

 

Vien da pensare che oramai veramente la popolazione sia divisa in due blocchi che non solo non possono comunicare, ma sono di fatto morfologicamente, geneticamente, moralmente diversi.

 

Quanto ai poveri idioti che prendono in giro la signora, vogliamo ricordare loro che, a causa dell’algoritmo dei social media, non possono vedere il trend che domina oramai da mesi e mesi nei giri dei non-vaccinati, e che funziona più o meno così: un bello screenshot di un tizio che accusava i no-vax, o li derideva, o faceva sparate sulla loro esclusione, sulla bontà dell’iniezione etc., e di seguito un altro screenshot del necrologio. Morti d’improvviso. Magari belli giovani. Malori. Chiaramente si tratta solo di coincidenze. Sono un po’ tante, ma non possiamo credere altrimenti.

 

Ride bene chi ride ultimo. Se muori d’improvviso, certo non riderai per ultimo. Non ride nessuno, perché non c’è niente da ridere.

 

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Arresti cardiaci fatali, i media australiani riportano un’ondata di casi. Ma respinge subito la correlazione con il vaccino

Pubblicato

il

Da

Diversi media australiani sembrano aver preso atto dell’improvviso aumento delle morti cardiache mortali negli ultimi mesi, tuttavia minimizzano, al solito, la correlazione con il vaccino COVID, accusato da più parti con sempre più insistenza di creare squilibri al cuore.

 

Il canale 9News Queensland ha documentato il pattern di crescente morte per infarto, sostenendo che «la pandemia ha contribuito ad alimentare un aumento» nel conteggio degli arresti cardiaci fatali.

 

La scorsa settimana il quotidiano Sydney Morning Herald aveva pure pubblicato un articolo sulla recente ondata di attacchi di cuore: «più di 10.200 australiani sono morti di cardiopatia ischemica nei primi otto mesi del 2022, ovvero circa il 17% in più rispetto a quanto ci si aspetterebbe in un anno normale» aveva scritto la testata degli antipodi.

 

 

Il pezzo dell’Herald proseguiva citando i medici che attribuiscono i decessi a un aumento dei fattori di rischio causato dalla pandemia, e citava un recente studio in Australia secondo cui i ricercatori «hanno scoperto che i ricoveri per miocardite (infiammazione del muscolo cardiaco) e pericardite (gonfiore della membrana che circonda il cuore), embolia polmonare, infarto e ictus erano significativamente più frequenti dopo il COVID-19».

 

L’articolo citava come nota a margine in «rari casi» i vaccini COVID «sono stati collegati» a miocardite e pericardite, ma poi respinge immediatamente ogni possibile causa, sostenendo che «l’amministrazione [australiana] dei beni terapeutici afferma che la maggior parte delle persone guarisce entro pochi giorni».

 

Nel frattempo, i ricercatori hanno considerato l’Australia – che secondo lo Spectator ha visto anche un recente aumento della mortalità in eccesso – un banco di prova per il resto del mondo, considerando che oltre il 95% della popolazione è vaccinato e il 70% è stato boosterato.

 

Un importante cardiologo australiano ha anche esortato il governo a interrompere le iniezioni di mRNA a causa della loro connessione con il forte aumento delle condizioni cardiache. «Ho visto 60-70 pazienti nel mio studio negli ultimi 12 mesi che hanno avuto reazioni simili», ha detto il cardiologo di Sydney Dr. Ross Walker al Daily Mail lo scorso novembre. «Ho visto altre persone con dolore toracico, mancanza di respiro, palpitazioni cardiache».

 

«Questi vaccini a mRNA sono molto pro-infiammatori», ha avvertito. «È molto raro avere una miocardite conclamata in cui i cuori come una grande borsa floscia non pompano bene. Ma ho visto molte persone avere dolore al petto, mancanza di respiro, palpitazioni e il loro cuore sembra a posto».

 

Per le istituzioni e i loro media, tuttavia, si tratta di coincidenze. Per fortuna ora è stato lanciato un Istituto per la cura delle coincidenze mediche, che è pronto ad affrontare questi casi randomatici senza fare fastidiose domande.

 

 

«Al Kaufman Institute per le coincidenze, non esamineremo la causa del tuo cuore o altri problemi. Lo aggiusteremo. Proprio così. Promettiamo di esaminare solo i tuoi sintomi (…) Al Kaufman, comprendiamo che la coincidenza è ora la principale causa di morte. Se vogliamo operare alla velocità della scienza, non c’è tempo per cercare le cause (…) Nessuna domanda fastidiosa su farmaci o vaccini che potrebbero averti fatto prendere. Al Kaufman, siamo specializzati negli effetti e lasciamo le cause ai complottisti. E siamo onesti, conosciamo comunque la causa. È stata una coincidenza, vero? Per ogni nuovo paziente, il talentuoso team di medici di Kaufman si allaccia i paraocchi e guarda direttamente l’area problematica».

 

Purtroppo è satira.

 

Continua a leggere

Più popolari